Kirill Petrenko alla Scala

teatro_alla_scala
teatro_alla_scala

Il calendario sinfonico del Teatro alla Scala riprende dopo la pausa estiva il 5 settembre con il concerto d’avvio della tournée europea del Bayerisches Staatsorchester diretta da Kirill Petrenko. La tournée proseguirà in altre 9 città tra cui Lucerna, Berlino, Parigi e Vienna.

Il programma include i Vier letzte Lieder e la Sinfonia Domestica di Richard Strauss, e di Wagner l’Ouverture del Tannhäuser: una serata di straordinario interesse musicale se si considera che la Domestica ha avuto alla Scala solo due esecuzioni, con l’Orchestra della Scala diretta da Mitropoulos nel 1954 e con la Filarmonica diretta da Wolfgang Sawallisch nel 1993.

Un’occasione importante per riconsiderare una pagina spesso sottovalutata come innocuo quadro di vita familiare (a dispetto delle dimensioni dell’organico che include otto corni e quattro sassofoni) testimone tutt’al più dell’incredibile virtuosismo descrittivo del compositore, e che (poche settimane fa Zubin Mehta raccontava di averla tra le pagine straussiane predilette).

Decisamente più ascoltati i meravigliosi Vier letzte Lieder, ma qui l’interesse si incentra sul fatto che Diana Damrau, interprete straussiana di rango, li canti qui per la prima volta. Diana Damrau tornerà alla Scala come Contessa nella nuova produzione de Le nozze di Figaro diretta da Franz Welser-Möst.

Il concerto costituisce anche una rara occasione di ascoltare in Italia Kirill Petrenko, Direttore Musicale del Bayerisches Staatsorchester dal 2013, che dal 2018 succederà a Sir Simon Rattle alla guida dei Berliner Philharmoniker.