Bollate in zona rossa

Bollate
Bollate

Bollate in zona rossa con regole da rispettare. Per questo la Prefettura di Milano ha chiesto all’Amministrazione comunale, dalla giornata di oggi e per tutta la prossima settimana (fino al 24 compreso), di aumentare i controlli in città.

Non solo la Polizia locale e i carabinieri saranno più presenti con presidi in diversi momenti della giornata ma ci sarà anche la collaborazione di altre forze dell’ordine regionali e, in particolare, della Polizia locale di Milano e dell’Esercito che daranno il loro supporto alla sicurezza locale.

Un potenziamento dei controlli, come chiesto dal Prefetto, non in modalità repressiva – spiega il Vice Sindaco Alberto Grassi – ma per far percepire la delicatezza di questo momento e l’importanza di rispettare le regole per uscire il prima possibile da questa situazione di difficoltà”.

Si ricorda che per gli spostamenti a Bollate è obbligatorio dotarsi di autocertificazione (sul sito).

Bollate non è zona rossa

Comune di Bollate
Comune di Bollate

In merito alle notizie apparse su alcuni quotidiani nazionali online, il sindaco Francesco Vassallo e l’assessore Ida deFlaviis, in accordo con il dirigente scolastico Salvatore Biondo, comunicano quanto segue:

Ieri pomeriggio ATS Milano ha comunicato che, dall’analisi genotipica di alcuni dei 59 tamponi positivi rilevati nella scuola materna Munari e nella scuola elementare Marco Polo di Ospiate, è emersa la presenza della variante “inglese” del Covid 19.

Immediatamente è stato suggerito di sospendere le lezioni in presenza dei due plessi scolastici mediante attivazione della Didattica a distanza (DAD). Con comunicazione inoltrata in data odierna, ATS (a scopo precauzionale) ha chiesto la sospensione delle lezioni e l’attivazione della DAD anche per la scuola elementare di via Diaz a far data da domani, venerdì 12 febbraio e fino a tutta la prossima settimana.

Contemporaneamente sono in corso di attivazione le procedure per la somministrazione di test rapidi alla popolazione scolastica dei 3 plessi al fine di valutare l’estensione del contagio e assumere, eventualmente, ulteriori azioni che le autorità sanitarie, il Comune di Bollate e la Prefettura di Milano concorderanno in caso di necessità.

Al momento la situazione pandemica in città è limitata e non è considerata critica ed eventuali evoluzioni in merito saranno comunicate tramite i canali ufficiali.

Suggeriamo di non prestare attenzione a messaggi allarmistici che non provengono da fonti istituzionali.

Bollate. Giornata della Memoria 2021

bollate-giornata-memoria-350x250
bollate-giornata-memoria

Bollate. Giornata della Memoria 2021: il Prefetto di Milano consegna (virtualmente) la Medaglia d’Onore a due cittadini bollatesi

Sono due i bollatesi che quest’anno riceveranno la Medaglia d’Onore (alla memoria) concessa, con decreto del Presidente della Repubblica, ai cittadini italiani deportati ed internati nei lager nazisti e ai familiari dei deceduti. L’ha comunicato il Prefetto di Milano al Sindaco Francesco Vassallo, in occasione del “Giorno della Memoria”, informando che il prestigioso riconoscimento è stato riconosciuto ai bollatesi Valentino Savi e Mario Sossi, entrambi deportati e oggi deceduti. Destinatari del riconoscimento sono i figli Gabriele Savi e Claudio Sossi.

L’iniziativa ha avuto tutto il plauso del Sindaco, incaricato della consegna ufficiale visto che la pandemia in corso non consente l’organizzazione della cerimonia.

Ecco il suo commento: “Le città e i comuni sono custodi della memoria, della storia e dei principi fondamentali della Costituzione, testimoni di un passato che dev’essere insegnamento per tutti e per le nuove generazioni. Ricordare l’Olocausto e le persecuzioni razziali significa contrastare ed estirpare ogni forma di discriminazione e violenza. L’esercizio della memoria è il vero antidoto contro l’odio e per costruire comunità più giuste. Solo tenendo accesa la luce della memoria è possibile illuminare il cammino verso il futuro.

PER SAPERNE DI PIU’

Il “Giorno della memoria” è celebrato il 27 gennaio di ogni anno. È stato istituito per ricordare la Shoah, le leggi razziali, la persecuzione dei cittadini ebrei, nonché tutti coloro che hanno subito la deportazione, la prigionia, la morte, insieme a chi si è opposto al progetto di sterminio e, a rischio della propria vita, ha salvato altre vite e protetto i perseguitati.

Encomio per due agenti della Polizia locale di Bollate

encomio polizia locale
encomio polizia locale

Bollate: Encomio solenne per due agenti della Polizia locale

Encomio solenne per due agenti della Polizia locale di Bollate per le loro attività di polizia stradale. La consegna degli attestati è avvenuta nel corso della messa per la Festa del ringraziamento di san Sebastiano patrono dei vigili urbani che si è svolta sabato 23 gennaio nella parrocchia di San Martino. Il Sindaco Francesco Vassallo e l’Assessore alla Polizia locale Alberto Grassi hanno ringraziato i due agenti premiati, Fabrizio Gambardella e Luisa Intermoia, e tutto il corpo per l’impegno costante nel garantire la sicurezza cittadina.

Ecco le motivazioni:

Fabrizio Gambardella – Agente di Polizia Locale

Operatore del Corpo di Polizia locale della Città di Bollate, impegnato nell’ambito di un’attività di polizia stradale, il pomeriggio del 4 Settembre 2020 ha fermato un veicolo e durante gli accertamenti previsti ai sensi dei Codice della Strada sulla patente e sul veicolo, è riuscito a cogliere atteggiamenti anomali e sospetti nel comportamento del conducente. Con brillante capacità di lettura della situazione, ha deciso di approfondire le verifiche sul soggetto. Da tali verifiche è emerso che a carico del soggetto, un pregiudicato per molteplici reati, vi era un mandato di cattura emesso dall’ufficio esecuzioni penali della Procura della Repubblica presso il Tribunale di Milano. L’agente ha reso inoffensivo il soggetto, l’ha arrestato e consegnarlo all’Arma dei Carabinieri della Tenenza di Bollate.

Luisa Intermoia – Agente di Polizia Locale

Operatore del Corpo di Polizia locale della Città di Bollate, impegnata nell’ambito di un’attività di polizia stradale, il pomeriggio del 4 Settembre 2020 ha fermato un veicolo e durante gli accertamenti previsti ai sensi dei Codice della Strada sulla patente e sul veicolo, è riuscita a cogliere atteggiamenti anomali e sospetti nel comportamento del conducente. Con brillante capacità di lettura della situazione, ha deciso di approfondire le verifiche sul soggetto. Da tali verifiche è emerso che a carico del soggetto, un pregiudicato per molteplici reati, vi era un mandato di cattura emesso dall’ufficio esecuzioni penali della Procura della Repubblica presso il Tribunale di Milano. L’agente ha reso inoffensivo il soggetto, l’ha arrestato e consegnato all’Arma dei Carabinieri della Tenenza di Bollate.

Progetto “Raccolta olio alimentare esausto”

olio-esausto-bioil-1200x800-1
olio-esausto-bioil

Bollate: A tre anni dall’avvio, ecco i risultati del progetto “Raccolta Olio Alimentare Esausto: Da Rifiuto a Risorsa”

Puntuali anche per il terzo anno i dati finali relativi alla quantità di olio alimentare esausto raccolto dall’1 gennaio al 31 dicembre 2020 grazie al progetto “Raccolta Olio Alimentare Esausto: Da Rifiuto a Risorsa” attivato dal Comune di Bollate, Settore sostenibilità ambientale, nel 2018. Il progetto si è svolto in collaborazione con la partecipata Gaia Servizi, che ora ha elaborato i numeri finali, i supermercati Coop e Tigros, la Cooperativa edificatrice bollatese e la ditta Meani srl.

Dai dati raccolti risulta evidente l’adesione dei cittadini di Bollate al progetto e la loro attenzione concreta alla tematica della raccolta finalizzata al ricicli. I numeri sono in aumento e la quantità di olio alimentare esausto raccolto è stata di 12.460 chilogrammi contro gli 11.900 del  2019 e i 13.580 del 2018.

Ecco le quantità per ogni punto di raccolta:

  • Supermecato Coop di via Vespucci 1 – Kg 180
  • Supermercato Tigros di via Verdi 20 – Kg 2.080
  • 13 Isole ecologiche della Cooperativa edificatrice bollatese “Quartiere Centro” e “Quartiere Caloggio” – Kg 1.200
  • Piattaforma ecologica – 8.000 kg

 

In tutto il 2020 sono stati raccolti 12.460 kg di olio, così suddivisi: 5.820 Kg nel primo semestre e 6.640 nel secondo. In tre anni di progetto sono stati raccolti quasi 38.000 Kg (38 tonnellate) di olio alimentare esausto.

“L’obiettivo dell’Amministrazione – dice l’Assessore all’Ambiente Ida DeFlaviis – è proseguire con questo progetto virtuoso nella speranza che, anche nel 2021, si confermino gli ottimi risultati degli anni passati. Per questo chiediamo ancora l’indispensabile collaborazione dei cittadini per il raggiungimento di questo nuovo traguardo che consente anche di dare una mano all’ecosistema. Una volta raccolto, infatti, l’olio viene rigenerato e riutilizzato, con conseguenti benefiche ricadute sull’ambiente”.

Ripassiamo le regole…

COME RACCOGLIERE L’OLIO ESAUSTO

L’olio alimentare esausto dovrà essere raccolto in bottiglie di plastica (no in vetro) opportunamente chiuse e lasciato negli appositi contenitori seguendo le seguenti modalità:

  1. Lasciare raffreddare l’olio utilizzato per la cottura/frittura di alimenti
  2. Versarlo, facendo attenzione, in una bottiglia di plastica vuota
  3. Chiudere bene la bottiglia

Inserire la bottiglia di plastica piena e chiusa direttamente nel contenitore.

QUALE TIPO DI OLIO CONFERIRE

Nei contenitori sarà possibile conferire esclusivamente olio alimentare usato, quale:

  • olio vegetale e grassi animali usati per fritture e per la preparazione degli alimenti
  • olio di conservazione dei cibi in scatola e sott’oli vari (es. tonno, funghi, carciofini, condimento per riso, etc.)
  • olio e grassi alimentari deteriorati e scaduti (burro, lardo, strutto, margarina)

 

DOVE PORTARE L’OLIO RACCOLTO

Ecco i punti di raccolta individuati sul territorio comunale:

  • SUPERMERCATO COOP – Via Vespucci n° 1
  • SUPERMERCATO TIGROS – Via Verdi n° 20
  • PIATTAFORMA ECOLOGICA – Via Pace n° 50

I residenti degli immobili della COOPERATIVA EDIFICATRICE BOLLATESE “QUARTIERE CENTRO” e “QUARTIERE CALOGGIO” potranno conferire l’olio raccolto in bottiglie di plastica negli appositi contenitori collocati nelle rispettive isole ecologiche (13 in tutto).

PER IL FUTURO… Numeri alla mano, intenzione dell’Amministrazione per il 2021 è di estendere il progetto coinvolgendo altre realtà commerciali e grandi utenze residenziali (supercondomini, cooperative, etc).