ElbaBook Festival

Radici_ElbaBook
Radici_ElbaBook

Giovedì 19 luglio alle ore 18.00 sulla Terrazza del Barcocaio di Rio Nell’Elba, Annarita Briganti partecipa alla tavola rotonda Piccoli e grandi festival dell’ambito di ElbaBook Festival.

Intervengono con l’autrice Giulia Alonzo (Trovafestival.com), Riccardo Cavallero (SEM Libri), Maurizio Cristella (Fiera del Libro di Iglesias), Oliviero Ponte di Pino (Book City) e Giorgio Vasta (Book Pride), modera Virginia Tonfoni (Il Manifesto).

Annarita Briganti è invitata a prendere parte alla manifestazione in una duplice veste. Innanzitutto come giornalista esperta di festival e di politiche culturali a sostegno dell’editoria libraria. La tavola rotonda è infatti un’opportunità eccezionale di confronto su rapporti reciproci, direzioni convergenti e unicità delle proposte offerte dai festival del libro in Italia, istituzionali e indipendenti.

In secondo luogo è presente come scrittrice al suo terzo romanzo, Quello che non sappiamo (Cairo, 2018), uscito da poco e oggetto di un tour di presentazioni in Italia e all’estero.

Dopo la tavola rotonda ci sarà un momento con l’autrice per il firmacopie.

“The Lehman Trilogy” : debutto al National Theatre

lehman-trilogy-national-theatre
lehman-trilogy-national-theatre

Accolto da una lunga standing ovation durata più di dieci minuti, The Lehman Trilogy dello scrittore e drammaturgo Stefano Massini ha debuttato ieri sera al National Theatre di Londra, dove le repliche previste sono tutte già sold out fino al 20 ottobre.

Il testo, già pluripremiato non solo in Italia e diretto nella sua trasposizione londinese dal premio Oscar Sam Mendes con l’adattamento di Ben Power per un cast stellare, racconta l’avvincente saga dei Lehman, una delle più importanti dinastie dell’alta finanza americana, dal loro sbarco dalla Baviera a New York a metà Ottocento fino al crollo della Lehman Brothers nel 2008.

Entusiasta la recensione del Times che scrive “Questa storia di ascesa e caduta dei banchieri firmata da Massini e Mendes è teatro al suo massimo livello!”

Già fenomeno letterario, a dieci anni dal crollo dell’impero dei Lehman, Lehman Trilogy di Massini rivive in uno dei più importanti teatri internazionali dopo aver debuttato a Parigi nel 2013, dove si è aggiudicato il premio della critica francese, e il successo al Piccolo Teatro di Milano diretto da Luca Ronconi, nell’ultimo suo progetto alla regia.

Un ulteriore straordinario tassello per Stefano Massini che, negli ultimi anni, sì è imposto nel panorama internazionale come il drammaturgo italiano più rappresentato all’estero.

Lehman Trilogy in questa nuova versione che si avvale della regia di Sam Mendes, dopo essersi aggiudicata la copertina del Financial Times la scorsa settimana sta diventando un vero e proprio fenomeno a Londra e si sta già programmando una sua trasposizione a Broadway nel cuore di quella New York dove la parabola dei Lehman si è consumata in 160 di storia così strettamente legata a quella americana.

Estate a Napoli: “Lectura Dantis”

Locandina Lectura Dantis
Locandina Lectura Dantis

Tra i protagonisti della corrente edizione di ESTATE A NAPOLI lo spettacolo “Lectura Dantis” diretto e interpretato da Antonio S. Nobili “poesia ed eleganza senza pari.” (R. Torre)

Dopo il successo delle edizioni precedenti Nobili torna a calcare la scena con la sua celebre lettura di un Inferno affollato ed umanissimo, in cui la narrazione si fa immagine viva e specchio universale dell’anima e delle sue contraddizioni.

La produzione approda a Napoli con un allestimento inedito in cui Alessio Chiodini affiancherà Nobili traghettando il pubblico verso l’esplorazione del canto prima di ascoltarne la lettura. Innovativa e personale, la sperimentazione sulla lettura dei versi danteschi, che vedrete e ascolterete, è stata scelta già per le incisioni radiofoniche Rai della Divina Commedia.

La voce di Nobili entra nella carne fino a smuovere le coscienze. Ciascuno ha i propri demoni, confrontarsi è brutale ma è anche l’unica via per uscire poi fuori a rimirar le stelle.

Grazie ad uno studio attento e supportato da una tecnica vocale affinata nel tempo Antonio Nobili restituisce al pubblico in un vortice di voci diverse il dolore, le vicende, la dannazione di quelle che furono e ancora sono anime ribelli ricche di umano sentimento e dignità in “Uno spettacolo unico, difficile da dimenticare.” (Teatro.org)
28.29 Luglio 2018
Ore 21
dalle Torri del “Maschio Angioino”
“LECTURA DANTIS”
L’Inferno della Commedia

Estate a Napoli 2018: ‘Dio arriverà all’Alba’

Locandina Alda Merini
Locandina Alda Merini

Tra i protagonisti di questa edizione di “Estate a Napoli”, lo spettacolo “Dio arriverà all’Alba” scritto e diretto da Antonio S. Nobili in memoria della celebre poetessa milanese a dieci anni dalla sua scomparsa.

In scena Giovedì 26 e Venerdì 27 luglio alle ore 21.00 presso il Chiostro di San Domenico Maggiore, dopo il successo del debutto di Gennaio 2018, la produzione approda a Napoli con un testo poetico e vivace in cui Alda Merini, interpretata da una straordinaria Antonella Petrone, accoglierà il pubblico nel suo quotidiano più intimo e controverso.

La finestra sui navigli è aperta sull’interno, e da lì si affaccia alla poesia, alla sua radice umanissima e vivace.

In fondo fare poesia, scriverla, dettarla, indossarla, altro non è che uno slancio vitale controverso e appassionato nei confronti del mondo intorno, una celebrazione di infinite possibilità. Alda Merini non si è lasciata fermata neanche dagli orrori della detenzione manicomiale, continuando a scrivere e a vivere e a offrirsi generosa.

Antonio Nobili coglie appieno il senso e la restituzione di TeatroSenzaTempo è, a detta della critica, il “perfetto omaggio alla figura immensa di Alda Merini” (Fabrizio Corgnati) perché “chi meglio di un poeta può raccontare una poetessa?” (Flaminio Boni).

26.27 Luglio 2018
Ore 21
“Chiostro delle Statue”
Basilica di San Domenico Maggiore
“DIO ARRIVERA’ ALL’ALBA”
Spettacolo omaggio ad ALDA MERINI

La riscossa del Belìce parte dalla cultura

margherita-la-rocca-ruvolo-sindaco-montevago-
margherita-la-rocca-ruvolo-sindaco-montevago-

Dal 9 al 15 luglio 2018 il muro esterno del campo sportivo Queen Elizabeth II di Montevago sarà il luogo dell’intervento di Street Art curato dall’Associazione CaravanSerai per il progetto “Riscossa” promosso dalle associazioni Assae e La Smania Addosso e dall’Ordine dei Cavalieri di Montevago con il sostegno e il finanziamento del comune di Montevago.

L’intervento di Street Art sarà realizzato dagli artisti Collettivo Fx, I mangiatori di Patate, Luogo Comune e Zeno, i quali lavoreranno in sinergia per realizzare un’unica opera artistica che sia al contempo narrazione della memoria collettiva del sisma del ‘68 dell’area del Belìce e momento di confronto e riappropriazione di un luogo fortemente identitario della comunità.

“Riscossa” si inserisce tra la serie di interventi ed azioni puntuali di risemantizzazione dei luoghi del centro storico di Montevago, avviate da qualche anno volte ad innescare, nel più ampio processo in atto di valorizzazione e rigenerazione del territorio, una ri-costruzione dell’identità culturale locale, l’attivazione di percorsi di cittadinanza attiva ed interculturale, la promozione di nuove economie per una fruizione dei luoghi sana e sostenibile e una riappropriazione degli spazi urbani collettivi.

L’iniziativa artistico-culturale trasformerà quello che oggi è un “muro di confine-contenimento”, superficie afona, in uno spazio osmotico eloquente.
Si va quindi ad aggiungere un ulteriore tassello in quello che è il mosaico di risemantizzazione del centro storico di Montevago, ancor oggi luogo devastato dal terremoto e lasciato all’oblio, per il quale è in atto un processo virtuoso di rigenerazione per un spazio urbano che possa diventare luogo di promozione e valorizzazione di una cultura non solo locale ma anche sovralocale mediterranea tra arte, terra e cultura.

“E’ un progetto artistico e culturale di grande importanza – ha detto il sindaco Margherita La Rocca Ruvolo – per la rigenerazione urbana di Montevago e nello stesso tempo per mantenere viva la memoria e l’identità di una comunità ancora fortemente segnata da terremoto del 1968. Ringrazio i promotori e gli artisti coinvolti nel progetto che l’amministrazione comunale continuerà a sostenere con convinzione, certa che dal recupero dei luoghi attraverso l’arte e la cultura passino anche nuove opportunità per il rilancio turistico nel nostro territorio”.