I Dogi vs Toulon

Locandina dogi vs tolone
Locandina dogi vs tolone

”In questo momento storico le nostre bollicine stanno vivendo una stagione di successi senza precedenti che ritengo doveroso condividere con il territorio nel quale il Prosecco trae origine – spiega il presidente del Consorzio Prosecco Doc Stefano Zanette –.

“Ovviamente non si può fare tutto, ma cerchiamo di essere il più possibile solidali con i nostri concittadini, soprattutto i meno fortunati. In questo senso riteniamo la collaborazione con I Dogi, così come quella con Alex Zanardi, particolarmente meritevoli di attenzione perché promuovono ottimismo e ridanno speranza a persone che nello sport paralimpico spesso trovano una nuova ragione di vita. E, non ultimo, costituiscono un esempio cui tutti noi, normodotati giovani e non, possiamo fare riferimento per migliorare la nostra forza di volontà, la nostra autostima, la tolleranza e il rispetto del prossimo”.

Prosegue infatti la collaborazione del Consorzio Prosecco Doc con I Dogi, selezione che – insieme ad ASD Padova Rugby Onlus e ASD Tiki 4 Sport – sta organizzando un evento di alto livello nell’ambito del Rugby Paralimpico: un test match che verrà disputato tra la rappresentativa de I Dogi e una Selezione francese proveniente da Tolone, Montpellier e Tolosa.

L’evento sportivo vero e proprio, costituito dalla partita, sarà preceduto da altre iniziative di sensibilizzazione e formazione rivolte ai più giovani: un intervento formativo dedicato agli studenti dell’Istituto Superiore “Liceo Scientifico Paleocapa” di Rovigo, finalizzato a valorizzare il rugby quale valido mezzo di inclusione sociale nel mondo delle disabilità; la proiezione del cortometraggio “Sulle ruote” cui seguirà una spiegazione della disciplina Rugby Paralimpico con la presenza di atleti, tecnici e dirigenti de I Dogi e di Padova Rugby; l’allestimento di una mostra fotografica raccontata attraverso le immagini più suggestive della storia sportiva de I Dogi, icona di eccellenza, passione e identità sportiva.

La partita “I DOGI vs TOULON – Credit Agricol Friuladria test match rugby paralimpico” si svolgerà nel Palazzetto dello Sport di Rovigo, in Largo Atleti Azzurri d’Italia, sabato 26 maggio. Ingresso libero.

40° Torneo Mini Rugby “Città’ di Treviso”

camminata italiana
camminata italiana

Una splendida cornice di pubblico ha accolto il 40° Torneo Mini Rugby “Città di Treviso” in occasione delle finali disputatesi questo pomeriggio allo Stadio Monigo.

Divertimento e voglia di giocare, le parole d’ordine dell’ennesimo successo di organizzatori, volontari e partecipanti che rendono questa kermesse tra le più rinomate nel palcoscenico internazionale.
Club provenienti da tutta Italia, ma con significative presenze anche dall’estero ben 11 le nazioni coinvolti.

A presenziare alle fasi finali anche tutti i giocatori della Prima Squadra del Benetton Rugby.
Questi i vincitori dell’Edizione 2018
UNDER 6: Cittadella Rugby
UNDER 8: Milano Rugby ASD “B”
UNDER 10: Benetton Rugby “A”
UNDER 12: Cus Milano Rugby “A”
UNDER 14F: Valsugana Rugby Junior
UNDER 14M: Verona Rugby Junior “B”

I risultati degli incontri finali:
COPPA PUFFI
UNDER 6
Rugby Paese Junior “A” vs Cittadella Rugby 3 – 6
UNDER 8
Milano Rugby ASD vs Benetton Rugby 3 – 1
UNDER 10
Livorno Rugby vs Benetton Rugby “A” 1 – 8
UNDER 12
San Donà Rugby vs Cus Milano Rugby “A” 3 – 4
UNDER 14 FEMMINILE
Valsugana Rugby Junior vs Colorno Rugby 7 – 3
UNDER 14 MASCHILE
Modena Rugby 1965 “A” vs Verona Rugby Junior “B” 7 – 10

PREMIO GRILLOTALPA – MIGLIOR GIOCATORE – MEDAGLIA ASSICURAZIONI GENERALI ITALIA
UNDER 6: Mattia Cusinato (Cittadella Rugby)
UNDER 8: Giuseppe Romano (Milano Rugby ASD)
UNDER 10: Giacomo Falchetto (Benetton Rugby A)
UNDER 12: Edoardo Todaro (Cus Milano Rugby “A”)
UNDER 14 FEMMINILE: Anna Di Napoli (Valsugana Rugby Junior)
UNDER 14 MASCHILE: Alessandro Pavanello (Verona Rugby Junior)

PREMIO RACCAMARI – SQUADRA PIU’ GIOVANE: Parco Sempione Rugby

PREMIO “MOTTA” – SOCIETA’ PROVENIENTE DA PIU’ LONTANO: Moscow Rugby

PREMIO SOCIETA’ MIGLIOR PIAZZAMENTO: Benetton Rugby

PREMIO GIOCATRICE PIU’ GIOVANE VECIO RUGBY: Rebecca Giusti (Formigine Modena)

PREMIO GIOCATORE PIU’ GIOVANE VECIO RUGBY: Lorenzo Pescante (Valdobbiadene)

Grazie a tutte le società che hanno partecipato e a tutti coloro i quali hanno reso possibile questo splendido e speciale evento. Arrivederci al prossimo anno.

A breve verranno pubblicate le classifiche finali.

27^ Partita del Cuore

formazione
formazione

Mercoledì 30 maggio 2018, allo stadio Luigi Ferraris di Genova, andrà in scena la 27esima edizione della Partita del Cuore con la Nazionale Cantanti che scenderà in campo assieme ai Campioni del Sorriso.

Confermate le due madrine della serata: la campionessa paralimpica Bebe Vio e l’attrice Penelope Cruz, il presidente della Fifa Gianni Infantino e il vice segretario Zvonimir Boban.

Tante le stelle della musica, del cinema, dello sport e della televisione, presenti la sera di mercoledì 30 Maggio allo Stadio Luigi Ferraris di Genova. Hannoconfermato la presenza l’ex Genoa Marco Rossi, Mattia Perin e Fabio Quagliarella, naturalmente Gianni Morandi, il presidente Paolo Belli, Moreno, Benji e Fede, Briga, Lodo e Albi dello Stato Sociale, Ermal Meta, Ficarra, Luca e Paolo, Clementino, Rocco Hunt, Boosta dei Subsonica, Jack Savoretti,

Il Volo, Enrico Ruggeri, Neri Marcorè, Pio e Amedeo, Paolo Conticini, Gian Piero Gasperini, Emiliano Viviano, Angelo Palombo, Roberto Pruzzo e moltissime altre star che saranno comunicate al più presto.

La Nazionale Cantanti e i Campioni del Sorriso giocheranno la Partita del Cuore 2018, organizzata grazie alla collaborazione di Regione Liguria, Comune di Genova e di Costa Crociere, per raccogliere fondi a favore dell’Istituto Giannina Gaslini di Genova, policlinico pediatrico, eccellenza in Italia e di AIRC Associazione italiana per la ricerca sul Cancro, principale finanziatore indipendente della ricerca oncologica italiana.

E’ già attivo il numero solidale 45527 da telefono fisso per le donazioni da 5 e 10 euro ed è già possibile inviare un sms del valore di 2 euro allo stesso numero.
I biglietti si possono acquistare presso il Liguria Informa Point di Regione Liguria in piazza De Ferrari, 14 R (piano terra) dal lunedì al venerdì dalle 10 alle 13 e dalle 14 alle 16, nelle ricevitorie della rete Listicket, sul sito internet www.listicket.com e tramite call center al numero 892101. Il prezzo del biglietto varia da 10 a 20 euro in base ai settori e non sono previsti ulteriori costi di prevendita.

Guardini abbandona il Giro d’Italia

Andrea-Guardini-photo-credits-©-Bettini
Andrea-Guardini-photo-credits-©-Bettini

Quarta tappa agrodolce per la Bardiani-CSF al Giro d’Italia (Catania-Caltagirone di 198 km). Per il terzo giorno il #GreenTeam sale sul podio della corsa rosa grazie a Enrico Barbin, sempre leader della classifica scalatori e ancora protagonista in fuga.

Il bergamasco ha fatto il pieno di punti, vincendo entrambi i GPM di giornata, e ora veste la maglia azzurra con 4 punti di vantaggio su Frapporti (11 vs 7).

Notizia amara invece per Andrea Guardini, costretto a fermarsi durante la tappa per un attacco febbrile, probabilmente di natura virale, accentuasi durante la notte.
Il veronese aveva accusato qualche sintomo di malessere già all’arrivo in Israele, anche a causa di una tracheite patita nei giorni appena precedenti la partenza.

Il rendimento nelle prime tappe era stato condizionato anche da questo. Durante il giorno di riposo di ieri i sintomi si sono acuiti e oggi è stato costretto a ritirarsi.

“Ho passato una notte difficile ma non volevo mollare. Partita la tappa ho capito però che sarebbe stata durissima. Quando il ritardo dal gruppo ha superato i 15 minuti, con oltre metà tappa ancora da fare, ho dovuto alzare bandiera bianca. Sono molto dispiaciuto. Tenevo tantissimo a fare questo Giro e a dare il mio contributo alla squadra” ha spiegato il corridore.

Guardini rientrerà al piú presto a casa dove effettuerà accertamenti medici.

Ironfly Salewa 2018

grindelwald-martina-scurbatt
grindelwald-martina-scurbatt

Manca poco alla partenza della Ironfly Salewa 2018. Avverrà il 12 maggio da Lecco e terminerà il 19 a Suello nell’atterraggio del Parapendio Club Scurbatt organizzatore della manifestazione.

Sarà un’avventura di speed hiking, escursionismo veloce collegato al volo in parapendio, sulle orme della celebre X-Alps, maratona biennale che lo scorso anno sì è dipanata lungo l’arco alpino per oltre 1000 km. A Lecco ci si è accontentati di 458 in linea d’aria, molti di più nella sostanza.

Il percorso è contrassegnato da cinque turn point, detti anche boe, disseminati tra Lombardia e Piemonte che i piloti-atleti dovranno obbligatoriamente toccare prima di raggiungere il traguardo. Possibili sconfinamenti nei cieli e lungo sentieri elvetici.

Il live tracking sorveglierà tramite GPS e permetterà di seguire la corsa in diretta.
Prima boa sul Monte Cornizzolo a 1040 metri d’altezza a sette chilometri dallo start di Lecco. D’obbligo la salita a piedi perché per decollare con un parapendio serve un leggero declivio montano e quello del Cornizzolo è ultra famoso tra gli appassionati.

Da lì, meteo permettendo, i piloti tenteranno di volare per 124 km fino a Macugnaga sotto il Monte Rosa (4634 m) secondo punto di aggiramento. Chi non riuscirà dovrà vedersela con sentieri, strade e stradine oltre che con le proprie scarpe, cercando possibilmente un nuovo punto di decollo perché volare è più veloce che camminare.

D’altra parte le regole dell’hike & fly sono poche e chiare. La principale recita che non sono ammessi altri mezzi di trasporto al di fuori del parapendio o delle gambe. Nel secondo caso in spalla la sacca contenente vela, selletta e tutta l’attrezzatura per il volo che non può essere portata altrimenti.

Dal Monte Rosa nuovo volo di 202 km verso Bormio (1217 m), poi altri 64 verso il Passo della Presolana (1289 m) e infine l’arrivo a Suello. Direzione di gara assicurata dal casertano Leone Antonio Pascale, un esperto di volo e escursionismo. Previsioni meteo a cura di Costantino Molteni di Airuno (Lecco).

Da sei nazioni i 27 iscritti: sedici italiani, quattro svizzeri, un belga e due a testa per Germania, Austria e Polonia, nazione che presenta anche l’unica quota rosa, Dominika Casieczko. Il più noto lo svizzero Christian Maurer che ha vinto la X-Alps cinque volte consecutive.

Tra gli azzurri i trentini Aaron Durogati, due volte vincitore della coppa del mondo di parapendio, e Nicola Donini, classe 1996. Non sono ammessi piloti senza elevata esperienza di volo in parapendio e di montagna.

Tutti avranno al seguito almeno un assistente, preziosissimo, con il compito di seguire l’atleta, suggerire il miglior percorso, provvedere alle sue esigenze. Il pilota può volare o camminare dalle 7 alle 20, salvo un solo giorno quando potrà continuare fino a mezzanotte, ma solo a piedi perché il volo libero è proibito senza la luce del sole.