Atletica, Campionati Lombardi

antonio-rossi
antonio-rossi-

“Con il lavoro e l’impegno quotidiano nello sport i sogni possono trasformarsi in realta’ e i sacrifici quotidiani diventare divertimento. Per un atleta anche un campionato di livello regionale e’ un evento importante da onorare. Le gare di oggi hanno dimostrato quanto lo sport sia vivo e sentito in Lombardia, a tutti i livelli, dalle categorie giovanili sino alle Olimpiadi, che auspichiamo di ospitare nell’appuntamento invernale del 2026″,

lo ha detto oggi il sottosegretario regionale con delega ai Grandi eventi sportivi Antonio Rossi, in occasione della prima giornata dei campionati regionali assoluti di atletica, disputatisi nel rinnovato centro sportivo ‘Emilio Colombo-Gaetano Gianetti’.

Alla cerimonia di inaugurazione dell’impianto ha presenziato anche l’assessore di Regione Lombardia con delega allo Sport Martina Cambiaghi. Con lei erano presenti, tra gli altri, la giunta comunale al completo e il presidente di Fidal Lombardia Gianni Mauri.

E’ grazie anche al contributo di 250mila euro erogato con un bando dell’amministrazione lombarda che l’impianto saronnese e’
stato completamente ristrutturato. “Una struttura che arricchisce il patrimonio regionale – ha sottolineato il sottosegretario – e che per parecchi anni permettera’ a migliaia di ragazzi di avvicinarsi al mondo dell’atletica”.

Mondiale UIM Offshore X-CAT 2018

mondiale-uim-xcat-
mondiale-uim-xcat-

A Stresa, sul Lago Maggiore, fine settimana dedicato al Mondiale Offshore UIM X-CAT, con il 2° appuntamento stagionale 2018.
La manifestazione, organizzata dall’ASD Cantiere Nautico Taroni in collaborazione con Città di Stresa, prevede inoltre la svolgimento della 3^ tappa del Campionato Italiano Circuito giovanile di Formula Junior (la cui classifica provvisoria vede al comando sui 15 piloti partecipanti, a pari punti, Samuele Basile, Leonardo Pascali e Ottavio Petroni, seguiti nell’ordine da Anja Regonelli e Oleg Bocca).

Prossima tappa di Campionato sarà quella piacentina di San Nazzaro il 13-15 luglio.

In azione sul Lago piemontese anche le splendide imbarcazioni Storiche da corsa.
Nel Mondiale XCAT, a rappresentare i colori italiani ci sono tre equipaggi in grado di competere ad alti livelli: quello del veneto Giovanni Carpitella, in coppia con l’australiano Darren Nicholson su “222 Offshore”, n.10, al momento 3°classificati nella classifica provvisoria guidata dagli arabi Arif Al Zaffain e Nadir Bin Hendi (su “Dubai Police”, n.3).

Gli altri equipaggi azzurri sono quelli di Serafino Barlesi ed Alessandro Barone (su “Yacht Club Como”, n.20) e di Alfredo Amato e Daniele Martignoni (su “Ribot”, n.22); in gara anche il napoletano Rosario Schiano di Cola, copilota del francese Francois Pinelli (su “HPI Racing Team”, n.96) e il veneto Andrea Comello copilota di Domenico Caldarola, l’esordiente campione romano di rally che gareggia per la Spagna (su “Venus Bali”, n.46).
Prossima tappa del Mondiale X-CAT in Cina, il 31 agosto -2 settembre.

Adriatic Cup

Campi_Gara_Brindisi
Campi_Gara_Brindisi

Dal 29 giugno al 1 luglio, di scena i Campionati Italiani Moto d’Acqua, Hydrofly e Circuito Formula Junior.

Fino a domenica 1 luglio, torna nella città di Brindisi l’Adriatic Cup, un grande appuntamento di motonautica agonistica.

La manifestazione pugliese è organizzata dal Circolo Nautico Porta d’Oriente ed è valida quale 3^ prova del Campionato Italiano Moto d’Acqua categorie del circuito classico (Ski, Runabout e Freestyle) e dell’Endurance (categoria Unica).

Nello specchio d’acqua antistante il Lungomare Viale Regina Giovanna di Bulgaria, tra i tanti i piloti in acqua ci saranno tutti i vincitori delle prime due prime prove stagionali (disputatesi entrambe il mese scorso a Bacoli e a Caorle).
La successiva tappa del Campionato italiano Moto d’Acqua Circuito ed Endurance sarà quella milanese dell’Idroscalo di Segrate, il 20 e 22 luglio.

In azione a Brindisi anche i piloti dell’Hydrofly, la nuova disciplina che attraverso una tavoletta (Flyboard) su cui sono fissati un paio di scarponcini e grazie a scarichi collegati direttamente a una moto d’acqua, permette di volare sull’acqua, compiendo spettacolari evoluzioni.

I piloti hydrofly si sfideranno per la conquista del titolo tricolore 2018, in questa 2^ tappa di Campionato. Dopo la tappa di apertura disputata l’11-13 maggio nella cittadina barese di Polignano a Mare, la classifica provvisoria vede al comando sui 16 piloti partecipanti il sardo Simone Careddu (Driver Jet Team).

Alle spalle di Careddu stazionano in prima fila il lombardo Beniamino Passuello e il laziale Mattia Lancia.

Infine la città pugliese sarà teatro della 2^ tappa del Campionato Italiano Circuito Formula Junior, la cui classifica provvisoria, dopo la gara di apertura svoltasi a Barcis lo scorso 17 giugno, vede al comando Oleg Bocca, seguito nell’ordine da Ottavio Petroni e da Anja Regonelli. Prossima tappa di Campionato sarà quella piemontese di Stresa il 6-8 luglio.

Giuditta Nicolodi nel Geas

Nicolodi
Nicolodi

L’azzurra Giuditta Nicolodi è dunque uno dei nuovi tasselli del mosaico che il Geas sta componendo per correre al meglio la prossima stagione in A1. L’ala mancina di 1.85 nata nel 1995, trentina di Rovereto, ha giocato l’ultimo anno alla Gesam Le Mura Lucca, producendo 4 punti e 3,9 rimbalzi in 19,9 minuti (season high 15 punti nella trasferta di Napoli).

Ad attenderla al ritiro di Parma  Cinzia Zanotti, nelle vesti di assistente del ct Marco Crespi. L’allenatrice conosce molto bene la roveretana, fin dagli scontri giovanili fra la sua Reyer e il Geas, e commenta così il suo arrivo:

“Ci siamo spesso incrociate, ma sempre da avversarie: io da allenatrice delle giovanili Geas, lei da ‘nemica’ cui prestare estrema attenzione. Mi sono sempre premurata di dire alle mie ragazze di non allentare mai la concentrazione su di lei: l’ho sempre molto apprezzata e temuta: è una di quelle giocatrici che a prima vista sembra non brillare, ma che lavora con continuità e sa essere davvero determinante. È un’ala molto duttile e mobile: all’occorrenza può tirare dall’arco, è una buona presenza sotto canestro e molto intensa in difesa. Sono felice di poter finalmente lavorare con lei: quest’anno, a Lucca, ha vissuto un importante momento di affermazione in A1 e nella prossima stagione ci potrà dare una grossa mano”.

Giuditta ricambia: “Ho sempre ammirato lo stile di gioco delle squadre di Cinzia Zanotti, come anche il suo personale modo di allenare e di puntare sulle giovani. Dopo tutti i miei trascorsi da avversaria del Geas, posso dire che Sesto è sempre stata una Squadra con la “S” maiuscola, contraddistinta da un gioco rapido e da una coesione incredibile. Mi ha sempre colpito la capacità di essere così tanto affiatate, sia in campo sia fuori. Spero di riuscire ad inserirmi al meglio nel gruppo, con un nucleo consolidato da molti anni, e nei meccanismi di squadra. Cinzia Zanotti è stato uno dei motivi che mi ha spinto ad accettare la proposta del Geas tra altre offerte: è un privilegio poter essere finalmente allenata da lei”.

Oltre all’impegno sportivo, Giuditta frequenta il terzo anno di Scienze Motorie dell’Università San Raffaele di Roma e, basket permettendo, ama viaggiare. Quest’estate però il suo pensiero fisso sembra essere un altro: “Non vedo l’ora di iniziare la stagione col Geas. Strano a dirsi, ma comincerei anche immediatamente se fosse possibile”.

FIBA 3×3 Europe Cup

azzurre 3x3
azzurre 3×3

Prime nel girone, prime nell’intero concentramento di Andorra, con tre vittorie e una sconfitta contro l’Azerbaijan, maturata all’ultimo tiro a due secondi dalla fine, le Azzurre 3×3, già Campioni del Mondo lo scorso 12 giugno a Manila, si qualificano alla FIBA 3×3 Europe Cup, il campionato europeo, che si terrà a Bucarest, in Romania, dal 14 al 16 settembre. “Dopo la vittoria del Mondiale -afferma l’allenatore Angela Adamoli- il sogno e le emozioni continuano”

Dopo le vittorie di ieri con Grecia ed Andorra, quella di stamattina contro la Spagna ha segnato il cammino delle Azzurre. Una vittoria netta (20-13) che ha permesso all’Italia di mettere una serie ipoteca sulla qualificazione, maturata man mano che si venivano a conoscere gli altri risultati del girone che hanno reso ininfluente il risultato della quarta partita contro le Azere.

“Le ragazze sono state fantastiche: dopo aver speso tutte quelle energie nella vittoria del Campionato del Mondo, non era facile venire qua ad Andorra e ripetersi nell’essere prime e nell’essere concentrate. La partita contro la Spagna di questa mattina ha dimostrato lo spessore tecnico, fisico e psicologico di queste ragazze e la sconfitta con l’Azerbaijan, a qualificazione ottenuta, mi permetto di dire che ne conferma l’umanità. Sappiamo che a settembre dovremo essere pronti e che tutti ci aspettano anche perché siamo Campioni del Mondo. Dobbiamo quindi impegnarci -conclude Adamoli- e ancora migliorare, anche se per adesso ci godiamo questa Qualificazione”

“Era il secondo obiettivo della stagione dopo la medaglia d’Oro mondiale, ovviamente -racconta la capitana Marcella Filippi- L’abbiamo centrato, siamo super contente e davvero orgogliose di quello che siamo riuscite a dimostrare. Ci siamo qualificate subito anche senza giocare gli spareggi. Adesso una pausa, credo meritata, ma saremo pronte a settembre per l’Europeo.”

“Abbiamo vissuto 14 giorni di grandi tensioni emotive -ricorda Raelin D’Alie- Sono orgogliosa di questo gruppo, che dopo la vittoria del titolo mondiale poteva essere appagato e avrebbe potuto venire a giocare queste Qualificazioni europee con minori motivazioni.

Invece non è accaduto, siamo rimaste concentrate sul nostro obiettivo e abbiamo avuto successo. A settembre saremo pronti per le Finali di Bucarest. Invito i tifosi italiani a seguirci in Romania e a tifare per noi.”

Italia-Azerbaijan 17-19
Italia: Ciaverella 1, D’Alie 8, Rulli 3, Filippi 5

Italia-Spagna 20-13
Italia: Rulli 9, D’Alie 3, Filippi 6, Ciavarella 2

Italia-Andorra 21-10
Italia: Ciavarella 3, D’Alie 5, Filippi 10, Rulli 3

Italia-Grecia 22-7
Italia: Ciavarella 7, D’Alie 4, Filippi 9, Rulli 2