La musica d’oggi torna alla Scala

Carlo Boccadoro
Carlo Boccadoro

La musica d’oggi torna alla Scala con Carlo Boccadoro

Il 15 gennaio il compositore, direttore d’orchestra e organizzatore milanese debutta sul podio
della Stagione Sinfonica del Teatro in streaming con un programma che rispecchia il suo
percorso artistico e il suo impegno per la pluralità dei linguaggi musicali.

Carlo Boccadoro è una delle figure di spicco del mondo musicale italiano di oggi: compositore, direttore d’orchestra, autore di libri di argomento musicale, instancabile organizzatore, ha saputo promuovere un’idea aperta e plurale della musica d’oggi facendo conoscere le innumerevoli voci di cui si compone il panorama di ricerche, esperienze, saperi sonori che ci circonda. A lui il Teatro alla Scala ha affidato il concerto sinfonico che segna il ritorno al Piermarini della musica contemporanea, uno dei settori più penalizzati dall’emergenza Covid. Venerdì 15 gennaio alle ore 20 per la Stagione Sinfonica del Teatro Boccadoro dirigerà l’Orchestra della Scala in un programma che accosta pagine di classici del Novecento italiano con una forte presenza milanese come Niccolò Castiglioni e Bruno Maderna ad autori universalmente riconosciuti come pietre miliari della musica d’oggi ma ancora poco frequentati in Italia come i “minimalisti” americani Philip Glass e Steve Reich, le cui musiche sono state eseguite alla Scala da diversi gruppi cameristici ma mai dall’Orchestra del Teatro, e l’estone Arvo Pärt. Completano il programma pagine dello stesso Boccadoro e di Mauro Montalbetti.

Il programma si apre con il giovanile Concertino per la notte di Natale, un brano neoclassico composto da Niccolò Castiglioni ventisettenne nel 1952; Company, del 1982, è la versione per orchestra d’archi del Quartetto n. 2 composto da Philip Glass come musica di scena per un adattamento teatrale dell’omonima novella-monologo di Samuel Beckett. Si torna agli anni ‘50 con la Serenata n° 2 di Bruno Maderna, in cui il linguaggio di Darmstadt è piegato a esiti di intensa, lirica espressività. La poesia è fonte di ispirazione per i due brani contemporanei italiani: Corpo in controcanto è un lavoro per orchestra d’archi composto da Bruno Montalbetti nel 2011 introno ai versi di Flaviano Pisanelli; Come polvere o vento, in tre movimenti, è l’omaggio di Boccadoro ad Alda Merini. Da pacem Domine è stato commissionato da Jordi Savall ad Arvo Pärt ed è dedicato alle vittime degli attentati sui treni di Madrid che l’11 marzo 2004 causarono 193 vittime. Conclude il concerto Runner, un pezzo per ensemble commissionato a Steve Reich dal Covent Garden e dall’Ensemble Signal ed eseguito con il Royal Ballett e una coreografia di Wayne McGregor nel 2016.

Il concerto sarà visibile in streaming sul sito www.teatroallascala.org e sulle pagine Facebook e YouTube del Teatro.

Il rapporto di Carlo Boccadoro con la Scala e in particolare con i musicisti dell’Orchestra è solido e ha radici lontane: in veste di percussionista partecipa a diverse produzioni di musica contemporanea negli anni ‘80, tra cui il Prometeo di Luigi Nono diretto da Claudio Abbado; nel 1997 la Scala gli commissiona le musiche del Balletto Games, coreografia di Maurizio Monteverde, con gli allievi della Scuola di ballo; nel 2001 è in recital come Duo Obliquo: lui alle percussioni, Fabrizio Meloni al clarinetto, e nel 2001 e 2004 dirige il suo ensemble Sentieri Selvaggi. Nel 2006 i violoncellisti scaligeri gli commissionano ed eseguono il brano Dr Jeckyll e nel 2011 dirige un gruppo cameristico in un concerto che comprende il suo divertimento I cavoli a merenda. Nel 2017 la Filarmonica della Scala gli commissiona il Concerto per pianoforte che viene eseguito in prima assoluta con la direzione di Riccardo Chailly, solista Beatrice Rana. Infine nel 2019 i Percussionisti scaligeri presentano in prima assoluta il suo pezzo Blu Oltremare.
Nel 2004 Luciano Berio gli commissiona per Santa Cecilia l’opera per ragazzi La nave a tre piani; Boccadoro compone in seguito altre quattro opere da camera.
Carlo Boccadoro è nel 1997 tra i fondatori dell’ensemble Sentieri Selvaggi, di cui oggi è direttore artistico e musicale, che ha fatto conoscere a Milano e in Italia autori e repertori spesso considerati ormai classici all’estero ma poco eseguiti nel nostro Paese. È inoltre direttore artistico dei concerti della Normale di Pisa.
Ha scritto diversi volumi di argomento musicale, tutti pubblicati da Einaudi.

Programma

Venerdì 15 gennaio 2021 – ore 20
In streaming

Orchestra del Teatro alla Scala

Direttore
Carlo Boccadoro

Niccolò Castiglioni
Concertino per la notte di Natale

Philip Glass
Company

Bruno Maderna
Serenata 2

Mauro Montalbetti
Corpo in controcanto

Carlo Boccadoro
Come polvere o vento

Arvo Pärt
Da pacem Domine

Steve Reich
Runner

IL CALENDARIO STREAMING DI GENNAIO

Venerdì 1 gennaio ore 11, sito web e pagine Facebook e YouTube del Teatro alla Scala
Concerti per i bambini: Eun Sun Kim, direttrice | Gioele Dix | Orchestra del Teatro alla Scala | Saint-Saëns, Mozart

Lunedì 4 gennaio ore 20, sito web e pagine Facebook e YouTube del Teatro alla Scala
Recital di canto | Markus Werba, baritono | Michele Gamba, pianoforte | Schumann

Mercoledì 6 gennaio ore 11, sito web e pagine Facebook e YouTube del Teatro alla Scala
Concerti per i bambini: Eun Sun Kim, direttrice | La Pina | Orchestra del Teatro alla Scala | Poulenc, Mozart

Sabato 9 gennaio ore 20, sito web e pagine Facebook e YouTube del Teatro alla Scala
Stagione Sinfonica: Lorenzo Viotti, direttore | Orchestra del Teatro alla Scala |
Brahms, Dvořák

Venerdì 15 gennaio ore 20, sito web e pagine Facebook e YouTube del Teatro alla Scala
Stagione Sinfonica: Carlo Boccadoro, direttore | Orchestra del Teatro alla Scala |
Castiglioni, Glass, Maderna, Montalbetti, Boccadoro, Pärt, Reich.

Concerto di Fine Anno

Maestro Donato Renzetti
Maestro Donato Renzetti

Concerto di Fine Anno
Il Maestro Donato Renzetti sul podio dell’Orchestra del Regio

Giovedì 31 dicembre alle ore 15, Donato Renzetti sale sul podio dell’Orchestra del Teatro Regio per il Concerto di Fine Anno in live streaming gratuito sul nostro sito.
Grande musica gratuita per tutti, perché pensiamo che sia importante dare la possibilità al maggior numero di persone di godere di una performance di ottimo livello. Un modo per ricucire l’anima e far del bene al cuore grazie a note immortali.
Donato Renzetti, ospite del palcoscenico del Regio per il Concerto di Fine Anno, è uno dei più importanti artisti della sua generazione, punto di riferimento indiscusso per molti giovani direttori nonché amico appassionato del nostro Teatro, che con l’Orchestra del Regio, presenta un programma ampio e variegato che abbraccia il periodo barocco con Charpentier e Händel, quello settecentesco con Mozart, l’Ottocento con Rossini, von Suppé, Strauss jr., Bizet, Čaikovskij e Borodin arrivando alle atmosfere novecentesche con De Falla, Warlock e la riorchestrazione di Respighi della rossiniana La boutique Fantasque.
Una festa in musica per celebrare la fine di un anno molto difficile e guardare al prossimo con rinnovato entusiasmo. Una gioiosa cavalcata tra fuochi d’artificio e danze d’ogni tempo e luogo.
Per questo concerto possiamo contare sulla partnership di Intesa Sanpaolo, Socio Fondatore del Teatro, che continua il proprio impegno con il Regio nel segno di una lunga collaborazione che vede la Banca al fianco del Teatro nella realizzazione delle sue produzioni.
Un arrivederci, dunque, a gennaio: il mese che segnerà il ritorno dell’opera lirica al Regio con La bohème di Puccini, la nostra opera simbolo che potremo finalmente vedere nel nuovo allestimento che unisce la regia, firmata da Paolo Gavazzeni e Piero Maranghi, a scene e costumi ripresi dai bozzetti e dai figurini originali di Adolf Hohenstein, disegnati per la prima assoluta torinese del 1896. Il maestro Daniel Oren dirigerà l’Orchestra e il Coro del Teatro Regio. La bohème sarà interpretata da Maria Teresa Leva, Iván Ayón Rivas, Paola Antonucci, Massimo Cavalletti, Alessio Cacciamani, Tommaso Barea e Matteo Peirone.
L’opera sarà trasmessa da Classica HD Canale 136 di Sky sabato 23 gennaio alle ore 21 e lunedì 1 febbraio, giorno del 125° anniversario della prima rappresentazione assoluta, sarà invece disponibile in streaming su www.teatroregio.torino.it alle ore 20 al costo di € 5. I biglietti per assistere alla Bohème on line sono in vendita su www.teatroregio.torino.it; chi è in possesso di un voucher, può utilizzarlo per questo acquisto, scegliendolo come forma di pagamento e inserendo il codice.
Questa nuova produzione viene realizzata con il sostegno di Italgas.
È questo solitamente tempo di auguri e, mai come quest’anno, tutti sentiamo di averne bisogno. Vogliate quindi ricevere da parte del Commissario straordinario del Teatro Regio Rosanna Purchia, del Direttore artistico Sebastian F. Schwarz e di tutte le Lavoratrici e i Lavoratori del Teatro Regio i migliori auguri per un sereno 2021.
Per tutte le informazioni: www.teatroregio.torino.it.

 

Natale: gli auguri cantati di Alda Merini e Giovanni Nuti

Giovanni Nuti
Giovanni Nuti

Giovanni Nuti ha musicato un testo di Alda Merini scritto in occasione di uno dei suoi ultimi Natali. In questa festività – che per la prima volta tutti passeremo in lockdown – Nuti e Merini fanno così i loro auguri in musica e invitano ad aprire il cuore. Continua il lungo sodalizio artistico del musicista con la grande poetessa, durato sedici anni in vita, ma che ha visto Nuti portare avanti il loro repertorio di poesia e musica anche dopo la sua scomparsa, grazie anche a importanti collaborazioni nel suo nome (tra tutte con Milva, Valentina Cortese, Monica Guerritore, Lucia Bosè, Carla Fracci).

Il brano Natale è stato composto al pianoforte da Giovanni Nuti nella sua abitazione ed è stato arrangiato per archi e suonato “a distanza” da Simone Rossetti Bazzaro, storico violinista al suo fianco in tanti concerti. Natale è dedicato a tutti coloro che hanno sofferto in questa pandemia e a tutti gli artisti che da quasi un anno non possono più calcare i palcoscenici, ma non hanno smesso di scrivere, comporre, suonare, “distanti” fisicamente ma vicini nel desiderio di fare musica e tornare ad emozionare ed emozionarsi.

Natale, testo di Alda Merini, musica di Giovanni Nuti, arrangiato per archi e suonato da Simone Rossetti Bazzaro presso Studio Bazzaro. Video © Sagapò snc. Foto: Giuliano Grittini, Larry Gelmini, Gianni Nalin, Leonardo Vecchiarelli, Francesco Prandoni, Giovanni Nuti.

Pierino e il lupo di Prokof’ev

Pierino e il lupo
Pierino e il lupo

Eun Sun Kim e Fabrizio Meloni
protagonisti del Natale per i più piccoli

Pierino e il lupo di Prokof’ev con Giovanni Storti e Giacomo Poretti e il Concerto
per clarinetto di Mozart sono il programma del primo concerto del trittico
“Wolfgang Amadeus & le grandi fiabe musicali”
in streaming dal 25 dicembre sul sito e sulle pagine FB e YouTube del Teatro

Il Natale della Scala quest’anno è doppio: mentre il “Concerto di Natale” diretto da Michele Mariotti va in onda su Rai 1 il 24 dicembre alle 10.25 e su Rai 5 il 25 alle 18, dalle 11 del 25 dicembre sul sito www.teatroallascala.org e sulle pagine Facebook e YouTube del Teatro sarà disponibile il primo dei tre Concerti per i bambini “Wolfgang Amadeus & le grandi fiabe musicali” pensati e realizzati per il periodo festivo nell’ambito del progetto “Grandi spettacoli per piccoli” e ripresi dalle telecamere dello IULM. Gli altri due appuntamenti sono previsti per il 1 e il 6 gennaio e tutti gli spettacoli resteranno online per una settimana. Le fiabe saranno realizzate con la collaborazione di voci recitanti, un’introduzione di Nicola Savino, il coordinamento scenico di Lorenza Cantini, le luci di Marco Filibeck, mentre le scene saranno arricchite dalla fantasia grafica dello scenografo Angelo Lodi il 25 dicembre e del disegnatore Riccardo Sgaramella il 1° e il 6 gennaio.

Il giorno di Natale il primo concerto è dedicato a Pierino e il lupo di Prokof’ev con le voci recitanti di Giovanni Storti e Giacomo Poretti (del popolare trio comico Aldo, Giovanni e Giacomo) cui è associato il Concerto per clarinetto di Mozart con Fabrizio Meloni, primo clarinetto dell’Orchestra e della Filarmonica della Scala.

I concerti, eseguiti dall’orchestra scaligera in formazione da camera, avranno una guida musicale d’eccellenza in Eun Sun Kim, giovane direttrice coreana che dall’agosto 2021 assumerà la direzione musicale della San Francisco Opera succedendo a musicisti come Donald Runnicles e Nicola Luisotti. Nata nel 1980 a Seoul, dove ha studiato composizione e pianoforte prima di dedicarsi allo studio della direzione d’orchestra a Stoccarda, è oggi Direttrice ospite principale della Houston Opera. Ha recentemente diretto il Concert de Paris (l’annuale concerto celebrativo del 14 luglio con l’Orchestre National de France ai piedi della Tour Eiffel) e nel maggio 2021 è attesa per La traviata alla Staatsoper di Berlino, mentre il debutto alla Staatsoper di Vienna è stato cancellato a causa della pandemia. Poliglotta, è nipote del calligrafo che ha inventato lo stile “Wongok”. Il New York Times l’ha definita “a major star”.

Solista nel concerto è Fabrizio Meloni, primo clarinetto solista dell`Orchestra del Teatro e della Filarmonica della Scala dal 1984. Meloni ha compiuto gli studi musicali presso il Conservatorio “G. Verdi” di Milano e ha collaborato con solisti di fama internazionale quali: Canino, Lonquich, Campanella, H. Schiff, Gulda, Gruberova, Brunello, il Quartetto Hagen, Myung-Whun Chung, Riccardo Muti nella veste straordinaria di pianista. Meloni ha effettuato tournée negli Stati Uniti e in Israele con il Quintetto a Fiati Italiano. Tra le sue numerose incisioni anche il Concerto per clarinetto K 622 con l`Orchestra Filarmonica della Scala diretta dal M° Muti.

Gli altri appuntamenti per i bambini
Dal 1 gennaio si festeggia il nuovo anno con Il carnevale degli animali di Saint-Saëns e Eine kleine Nachtmusik K 525 di Mozart con il comico Gioele Dix come voce recitante.
Dal 6 gennaio, festa dell’Epifania, i Magi portano la favola dell’elefantino Babar messa in musica da Poulenc e la Sinfonia n. 29 di Mozart con la voce recitante della conduttrice radiofonica La Pina.

Si conferma il sostegno al progetto “Grandi spettacoli per piccoli” di BMW, Main Partner, Intesa Sanpaolo, Fondazione Banca del Monte di Lombardia e Italmobiliare.

“Wolfgang Amadeus & le grandi fiabe musicali”
Tre concerti per i più piccoli in streaming per le feste dal Teatro alla Scala

Su www.teatroallascala.org e sulle pagine Facebook e Youtube del Teatro dalle ore 11

I

Venerdì 25 dicembre 2020, ore 11

Pierino e il lupo & il Concerto per clarinetto

Orchestra del Teatro alla Scala

Direttore
Eun Sun Kim

Voci recitanti
Giovanni Storti e Giacomo Poretti

Presentatore
Nicola Savino

Sergej Prokof’ev
Pierino e il lupo

Wolfgang Amadeus Mozart
Concerto in la magg. K 622
per clarinetto e orchestra

Fabrizio Meloni, clarinetto di bassetto

Coordinamento scenico
Lorenza Cantini

Assistente
Marco Monzini

Luci
Marco Filibeck

Illustrazioni
Angelo Lodi

II

Venerdì 1 gennaio 2021, ore 11

Il Carnevale degli animali & Eine kleine Nachtmusik

Orchestra del Teatro alla Scala

Direttore
Eun Sun Kim

Voce recitante
Gioele Dix

Presentatore
Nicola Savino

Camille Saint-Saëns
Il carnevale degli animali
Marcia reale del leone – Galline e galli – Emioni – Tartarughe – L’elefante –
Canguri – Acquario – Personaggi dalle orecchie lunghe – Il cucù nel bosco –
Voliera – Fossili – Il cigno – Finale

(racconto di Franco Pulcini)

Wolfgang Amadeus Mozart
Eine kleine Nachtmusik K 525,
serenata in sol magg. per archi

Coordinamento scenico
Lorenza Cantini

Assistente
Marco Monzini

Luci
Marco Filibeck

Bozzetti
Riccardo Sgaramella

III

Mercoledì 6 gennaio 2021, ore 11

La storia di Babar & la Sinfonia n° 29

Orchestra del Teatro alla Scala

Direttore
Eun Sun Kim

Voce recitante
La Pina

Presentatore
Nicola Savino

Francis Poulenc
(orchestrazione di Jean Françaix)
Storia di Babar piccolo elefante

Wolfgang Amadeus Mozart
Sinfonia n. 29 in la magg. K 201

Coordinamento scenico
Lorenza Cantini

Assistente
Marco Monzini

Luci
Marco Filibeck

Illustrazioni
Riccardo Sgaramella

Deutsche Grammophon DG Stage

DGstage logo
DGstage logo

A poco più di cinque mesi dal suo lancio, la piattaforma online Deutsche Grammophon DG Stage – The Classical Concert Hall, in collaborazione con Siemens Arts Program, presenta una nuova serie di performance eccezionali di alcuni dei più importanti artisti classici del mondo. Il suo programma di dicembre e di Natale offre produzioni esclusive di nuovi concerti e celebri registrazioni d’archivio, offrendo l’esperienza della sala da concerto al pubblico di tutto il mondo e costruendo la comunità virtuale di ascoltatori e spettatori dell’etichetta gialla

La performance dal vivo della vincitrice del Premio Oscar® Hildur Guðnadóttir della colonna sonora Chernobyl, creata in collaborazione con Chris Watson e Sam Slater, sarà visibile su DG Stage il 4 dicembre. Il film è prodotto da Barbican Centre, Unsound Productions e BFF | Best FilmsForever Collective e diretto da Zoe Kahlert e presenta la recente versione da concerto che la compositrice islandese ha realizzato per il festival multi-artistico Ephemera di Varsavia lo scorso settembre.

La direttrice Mirga Gražinytė-Tyla, vincitrice del premio Recording of the Year 2020 della rivista Gramophone, guida la Deutsche Kammerphilharmonie Bremen in un concerto che verrà trasmessoil 12 dicembre. Dalla Konzerthaus di Dortmund, insieme al pianista Kirill Gerstein, proporrà il Concerto per pianoforte di Schumann e la Sinfonia n. 7 di Weinberg per cembalo e archi, oltre all‘ouverture beethoveniana Leonora n.3 e a un secondo brano di Weinberg – Aria, arrangiato per orchestra d’archi.

Il team di registrazione Deutsche Gramophon riprenderà Krystian Zimerman nei 5 concerti per pianoforte di Beethoven con la London Symphony Orchestra e Sir Simon Rattle presso a St Luke a Londra. Gli spettacoli possono essere visti il 17, 19 e 21 dicembre.

I sacri suoni dell’Avvento e del Natale raggiungono il DG Stage il 23 dicembre per gentile concessione della Cappella Musicale Pontificia Sistina, i cui coristi sono stati affiancati in una storica collaborazione da Cecilia Bartoli, la prima donna in assoluto a registrare con il Coro. Il celebre mezzosoprano canta Beata viscera Mariae Virginis di Perotinus. Questo programma corale, registrato nei sublimi scenari della Cappella Sistina in Vaticano, sarà seguito da una serie di film tratti dagli archivi Deutsche Grammophon.

Il soprano Barbara Bonney e il baritono Matthias Goerne si esibiscono con la Freiburg Barockorchester alla vigilia di Natale in un programma di musica natalizia barocca che comprende una selezione di brani dall’Oratorio di Natale di Bach e dal Messiah di Handel. Il concerto, registrato nella cattedrale di Friburgo nel 1999, include anche le esibizioni dei German Brass e il coro dei ragazzi della cattedrale.

Il giorno di Natale, DG Stage ha un regalo speciale per gli amanti di Wagner. Esattamente 150 anni fa, Richard Wagner dedicò l’Idillio di Sigfrido a sua moglie Cosima per il suo compleanno nell’arrangiamento per ensemble da camera ed eseguito nella loro casa svizzera a Natale.

Con quel pezzo, il Festival di Bayreuth 2020 avrebbe festeggiato il suo giorno di apertura alla Haus Wahnfried – un tempo casa di Wagner e ora un museo dedicato alla sua vita e al suo lavoro – con ildirettore musicale del Festival Christian Thielemann e i membri della Bayreuth Festival Orchestra. Il Festival di Bayreuth e DG offriranno questo tesoro della durata di 20 minuti come regalo di Natale a tutti i fan di Wagner nell’area gratuita di DG Premium.

.A Natale non può mancare Lo Schiaccianoci. Con la coreografia di Vasily Vainonen e la direzione diValery Gergiev. La produzione del balletto di Tchaikovsky è stata registrata dal vivo al Teatro Mariinsky di San Pietroburgo, dove l’opera ha ricevuto la sua prima mondiale nel dicembre 1892 e sarà proiettata al DG Stage il 27 dicembre.

Yannick Nézet-Séguin e l’Orchestre Métropolitain completano il ciclo sinfonico DG Stage Beethoven il 30 dicembre con l’esecuzione della Sinfonia n. 9. A loro si unisce un quartetto di solisti canadesi di fama internazionale: il soprano Marianne Fiset, il mezzosoprano Rihab Chaieb, il tenore Frédéric Antoun e il baritono Russell Braun.

Infine, la DG Stage invita tutti a festeggiare il Capodanno in compagnia del Gewandhausorchester di Lipsia e di Andris Nelsons. Oltre a suonare la Sinfonia n. 3 di Beethoven, l’orchestra e il direttore d’orchestra accoglieranno il pianista Evgeny Kissin per un’esibizione del Concerto per pianoforte n.2 di Liszt. Questo straordinario concerto concluderà il 2020 in grande stile, un finale benaugurante per i primi sei mesi di programmazione su DG Stage, un’iniziativa che continua a raggiungere i suoi obiettivi connettendo il grande pubblico internazionale con oltre 50 grandi eventi.

www.dg-stage.com