Acoustic Nights Live: Kylie Minogue

Jack Savoretti - Photo Dino Buffagn
Jack Savoretti – Photo Dino Buffagn

Kylie Minogue, oltre a Imelda May – già annunciata sui social – sarà il grande ospite internazionale del Grand Finale dell’“Acoustic Nights Live” di Jack Savoretti il 25 luglio nella meravigliosa cornice del Teatro La Fenice di Venezia (ingresso a partire da 35 euro – prevendite su www.ticketone.it, www.teatrolafenice.it e in tutti i punti vendita Venezia Unica e call center Hellovenezia 041.2424) nell’ambito dell’XI edizione di Venezia Jazz Festival, firmata da Veneto Jazz.

Jack Savoretti salirà sullo storico palcoscenico con una formazione speciale, per la prima ed unica volta: al quintetto che lo ha accompagnato in questo tour, composto dal chitarrista Pedro Vito Vieira De Souza, il pianista Nikolaj Torp Larsen e – direttamente dalla band di Paolo Conte – Francesca Gosio al violoncello e Piergiorgio Rosso al violino, si aggiungeranno altri musicisti di fama internazionale, ospiti a sorpresa che contribuiranno a rendere questo evento unico ed irripetibile.

Kyle Minogue ha già duettato con il cantautore italo-inglese e l’ha chiamato a cantare con lei nel suo nuovo disco “Golden” (Bmg/Warner) all’interno del brano “Music’s Too Sad Without You” scritto a quattro mani dai due artisti.

Il progetto nasce dopo il successo di “Sleep No More” e dell’edizione speciale “Sleep No More – special edition” (Bmg Rights Management/Warner), che comprende un secondo disco contenente rare e inedite versioni acustiche di brani del repertorio del cantautore italo-inglese.

Caetano Veloso -tour italiano “Ofertorio”

CAETANO MORENO ZECA TOM por Ney Coelho_b
CAETANO MORENO ZECA TOM por Ney Coelho_b

Dopo i tre concerti a Pavia, Perugia e Roccelletta di Borgia (CZ), grande attesa domani, sabato 21 luglio, a ROMA, all’Auditorium Parco della Musica, per l’ultima tappa del tour italiano “Ofertorio” di CAETANO VELOSO (Viale Pietro de Coubertin 30 – inizio concerto ore 21.00).

Il cantautore brasiliano insieme ai figli Moreno, Tom e Zeca darà vita ad uno speciale spettacolo in versione volutamente acustica, dimensione naturale di Caetano Veloso, nel quale il massimo esponente del Tropicalismo, accompagnato dai figli, condurrà le melodie suonando la sua chitarra e incantando il pubblico con il suo inconfondibile timbro vocale.

Reduce dall’esibizione all’Eurovision Song Contest con il portoghese Salvador Sobral vincitore della precedente edizione, Veloso si raffronta con la famiglia, sinonimo di felicità, dimostrando al pubblico quale elevata e raffinata qualità si possa raggiungere unendo le peculiarità di ognuno di loro per la prima volta in un unico show.

Il quartetto Veloso eseguirà i grandi successi del repertorio del celebre cantautore, come “Reconvexo”, “O Leãozinho”, “Un canto de afoxé para o bloco do Ilê” e “Sertão”, oltre alle composizioni di Moreno Veloso e degli altri due figli più piccoli.

Ventesimo anniversario di Red Bull Music Academy

red-bull-academy
red-bull-academy

Per cinque settimane all’8 settembre al 12 ottobre a Berlino, luogo dove tutto è partito, si festeggia il ventesimo anniversario di Red Bull Music Academy, il programma educativo che ha percorso tutto il globo, illuminando le scene delle diverse città ospitanti da San Paolo a New York, passando per Johannesburg, Parigi, Tokyo, Roma, Los Angeles e oltre.

Ben 61 musicisti selezionati da tutto il mondo, tra cui il produttore veneziano Giacomo Mazzucato in arte Yakamoto Kotzuga, si riuniranno alla Funkhaus, lo storico complesso per le registrazioni di Berlino Est, dove potranno collaborare tra loro in studi allestiti per l’occasione e frequentare le lezioni di artisti che hanno configurato il paesaggio musicale contemporaneo.

Come per ogni edizione Red Bull Music propone contemporaneamente all’Academy anche un festival con un acclamato programma di concerti, club night e dibattiti pubblici nei luoghi deputati agli eventi musicali e culturali di tutta la città.

Il festival porta per la prima volta a Berlino anche due eventi simbolo di Red Bull Music: il Culture Clash, una sconvolgente reinterpretazione delle sonorità del soundsystem giamaicano a opera di diversi gruppi locali provenienti da diversi generi e background, e Diggin’ in the Carts, che presenta performance live ispirate alle colonne sonore di videogiochi giapponesi di culto.

In un omaggio alla techno che è parte del DNA della capitale tedesca, la serata S3kt0r Ufo: 30 Jahre Techno che propone una serie di artisti del genere, tra cui l’ex-alunna della Red Bull Music Academy Nina Kraviz, il componente del team dello studio dell’Academy Mathew Jonson, Westbam e DJ Hell, riuniti per un viaggio nel tempo attraverso tre decenni di techno berlinese.

I partecipanti della Red Bull Music Academy selezionati per l’edizione 2018 rappresentano alcune delle più interessanti nuove voci del panorama musicale internazionale. Come parte del Red Bull Music Festival si esibiranno – spesso per la prima volta a Berlino – all’interno del programma degli eventi.

Per saperne di più sui 61 artisti che partecipano all’Academy, visitate http://win.gs/classof18.

Leburn Maddox e Fabio Rossato a TrentinoInJazz

Leburn Maddox
Leburn Maddox

Un giovedì di soul, funk, blues e jazz al TrentinoInJazz 2018. Giovedì 19 luglio la rassegna ospita due appuntamenti diversissimi, ma proprio questo è il segreto del TrentinoInJazz: alle 12 a Moena il travolgente rock blues di LeBurn Maddox, alle 21 a Sanzeno il sofisticato jazz della fisarmonica di Fabio Rossato.

Il primo dei due concerti riguarda Panorama Music, la sezione del festival che si svolge nel palcoscenico naturale delle Dolomiti della Val di Fassa, organizzata dalle società di impianti a fune della Val di Fassa, con la direzione artistica Enrico Tommasini.

La carriera di Leburn Maddox è iniziata negli anni ’70, con collaborazioni con giganti quali James Brown e George Clinton. In qualità di membro del JCB, Leburn ha condiviso i palchi con artisti di fama mondiale come John Lee Hooker, Chaka Khan, Patti La Belle, Lionel Ritchie, Bill Withers, Kool & the Gang, Gil Scott Heron, Chic, KC & The Sunshine Band e la sorprendente Larry Graham & Graham Central Station. Ha suonato ancora con Debbie Harry e Blondie, Marcus Malone, Lightnin Willie e molti altri.

Per l’occasione Leburn sarà accompagnato da Francesco Zucchi (basso) e Jacopo Coretti (batteria). I concerti Panorama Music sono gratuiti. Il biglietto di andata/ritorno degli impianti di risalita è a carico dei partecipanti. In caso di maltempo il concerto si terrà all’interno dello Chalet Valbona.

In serata si passa a Sanzeno per la sezione Valli del Noce con Fabio Rossato, uno dei più eclettici fisarmonicisti sulla scena internazionale contemporanea e performer di fama consolidata nel mondo della musica classica.

Fabio Rossato da più di un decennio sta esplorando come compositore e arrangiatore il linguaggio del Jazz, guadagnando riconoscimenti entusiasti dalla critica e dal pubblico.

Fabio ha avuto il privilegio di suonare per il celebre Astor Piazzolla il quale, sbalordito dal suo talento e dalle incredibili potenzialità della fisarmonica, differente per quanto familiare dal bandoneòn del Tango argentino, ha dedicato i suoi Tre Preludi proprio a Rossato e alla sua fisarmonica. Per il TrentinoInJazz, Rossato sarà in duo con la collega fisarmonicista Silvia de Boni.

Gogol Bordello: forti vibrazioni in Villa Arconati

festival-di-villa-arconati-gogol-bordello
festival-di-villa-arconati-gogol-bordello

Mercoledì 18 Luglio, ore 21

GOGOL BORDELLO: PURO METICCIATO ALTAMENTE COINVOLGENTE

I Gogol Bordello sono un gruppo musicale formatosi in un quartiere di New York nel 1993, che mescola reggae, punk, hip hop e musica tradizionale ucraina, rientrando nel genere del gypsy punk.

Gli strumenti musicali che usano sono i più diversi, dalla fisarmonica al fiddle, un simil-violino, oltre al sax presente in alcuni dischi, il tutto mescolato a cabaret, punk e dub.

Le performance dal vivo sono rese spettacolari dalle coreografie, dalle due percussioniste e dall’estro del cantante.

Molte delle loro canzoni traggono ispirazione dalla musica tzigana, anche perché la maggior parte dei componenti è immigrato dall’Europa orientale, a partire dal loro leader, l’eccentrico e talentuoso musicista e attore, Eugene Hütz, ucraino di origine, allontanatosi dalla repubblica sovietica nel 1986 a causa del disastro di Chernobyl e approdato a New York nel 1993.

Qui conosce Vlad Solofar, Sasha Kazatchkoff ed Eliot Fergusen, quest’ultimo aggiunge una nota rock al suono del gruppo. Successivamente si unisce il violinista Sergei Riabtsev, già direttore teatrale a Mosca e perfetto per dare una ulteriore dose di bizzarria alla band.