Miss Italia 8 marzo….

 8MARZO
8MARZO

‘’Il nuovo governo e le autorità competenti abbiano il coraggio di difendere la bellezza, e di riconoscerne il valore e i suoi tanti volti, per dare finalmente inizio a una nuova pagina della nostra storia, in controtendenza rispetto ai luoghi comuni e ai pregiudizi che negli ultimi anni hanno avuto la meglio”: è l’appello che, in occasione dell’8 marzo, Patrizia Mirigliani, patron di Miss Italia, rivolge a coloro che formeranno il governo e, idealmente, all’intero Paese.

“Ripartiamo da questa giornata dedicata alle donne e alle loro battaglie per l’affermazione dei loro diritti per mettere fine alla demonizzazione della bellezza. Basta – aggiunge – ghettizzare, anche solo psicologicamente, le donne di aspetto gradevole. L’8 marzo, per Miss Italia, deve dare il via ad una rinascita, una presa di coraggio nel sentirsi tutti orgogliosi di celebrare la femminilità sotto ogni forma, compresa quella estetica”

Si calcola che, in quasi 80 anni di storia, abbia calcato queste passerelle un milione di italiane: un numero notevole di esse, entrando dalla porta principale, senza scorciatoie, sono diventate attrici, conduttrici televisive, giornaliste. Secondo la patron, la massiccia partecipazione, che dura tuttora, “è la migliore risposta agli attacchi, all’indifferenza, ai luoghi comuni sulla bellezza. Le nostre giovani donne non hanno paura di mostrare il loro aspetto esteriore, non si sentono ridotte a un numero e a un bikini che sfila, come spesso sostiene una certa critica”.

Personalità e talento sono invece i loro punti di forza. “Sul nostro palcoscenico – oltre alla bellezza – sono in primo piano, da sempre, le capacità artistiche, la determinazione, la capacità delle ragazze di mettersi alla prova e di raccontare il loro mondo, la loro precarietà, il disagio vissuto da una giovane mamma sul posto di lavoro, i pericoli di abusi e violenze”.

L’appello alle autorità responsabili, quindi, è un invito pressante, abbandonati i pregiudizi, a riconoscere nei fatti questi aspetti fondamentali, “tornando tra l’altro a valorizzare, con la centralità dovuta, Miss Italia, il concorso che incarna i valori della tradizione, aggiornati con attenzione alle problematiche contemporanee delle donne, il concorso della trasparenza, mai macchiato nella sua storia da scandali e che continua a dare alle ragazze buone opportunità di lavoro. Ed è significativo – conclude l’appello – la presenza delle miss come testimonial credibili dei cambiamenti della nostra società”.

A Saint Vincent eletta MISS 365 – La Prima Miss dell’Anno

momento finale MISS 365
momento finale MISS 365

Manuela Matera è Miss 365, la Prima Miss dell’Anno del concorso di bellezza Miss Italia. 25 anni di Potenza, è stata eletta in diretta web nella Sala Monte Bianco del Parc Hotel Billia di Saint-Vincent, nella trasmissione condotta da Francesco Facchinetti. Manuela ha conquistato la prima fascia importante del 2018: il titolo vale l’accesso diretto alle finali nazionali del Concorso di bellezza, che si terranno la prossima estate.

Laureata in Tecniche di Laboratorio Biomedico, attualmente frequenta un master in Tecniche autoptiche all’Università Cattolica di Roma. Si ispira alla criminologa Roberta Bruzzone, ama ballare e passa molto tempo sui social, sognando luoghi lontani che vorrebbe visitare.

Durante la serata si è cimentata in una danza del ventre, capace di conquistare il pubblico dei social e la giuria presieduta dall’opinionista Raffaello Tonon e composta anche da Miss Italia 2017 Alice Rachele Arlanch e da Miss Italia 2016 Rachele Risaliti.

Seconda classificata Federica Aversano, 24 anni, nata a Napoli ma residente a Caserta. Federica aveva già partecipato ai casting di Miss Italia in passato, ma non era riuscita a superare le selezioni regionali. Ora, per aver partecipato a questa edizione di Miss 365, accede direttamente alle finali regionali di Miss Italia: salterà le selezioni provinciali e la stessa sorte toccherà a tutte le altre concorrenti in gara, fatta eccezione per Marika Ferrarelli, la ragazza più social.

A soli 17 anni Marika vanta già 508mila follower su Instagram, ha partecipato al docu-reality RAI “Il collegio” ed è stata premiata dalla giuria con l’accesso diretto alle prefinali nazionali di Miss Italia 2018.
Durante il programma, Linda Pani, infiltrata social sul palco, ha fatto da spalla a Francesco Facchinetti, presentando particolari curiosi e inediti delle ragazze.

Miss 365: Raffaello Tonon presidente di giuria

Raffaello Tonon
Raffaello Tonon

Sarà Raffaello Tonon, noto opinionista del piccolo schermo, il presidente di giuria di “Miss 365”, l’evento che eleggerà la Prima Miss dell’Anno di Miss Italia 2018, in streaming dalle ore 21 sul sito e sulla pagina Facebook del concorso di bellezza, oltre che su numerosi portali e siti web che hanno deciso di ospitare la diretta.
“Sono un amico del Concorso e di Patrizia Mirigliani, di tutti i progetti che ha realizzato e che realizzerà – dice Tonon – Miss Italia per me è un’icona, esattamente come il Festival di Sanremo e il panettone di Milano, è un simbolo della nostra cultura, delle nostre tradizioni e del nostro costume”.

Semplice il messaggio alle ragazze: “Devono essere consapevoli che la vita è una battaglia e che il mondo dello spettacolo è una sorta di palestra. Le battaglie ci spingono a dare sempre di più e dunque a migliorare e, di questo, le ragazze devono essere convinte”.

Infine qualche considerazione sulla serata: “Sarò un presidente di giuria attento, che cercherà di premiare la ragazza con il giusto mix di bellezza, cultura, ironia e anche autoironia… insomma, una miss completa, che abbia tutte le carte in regola, che si curi del corpo come della mente. I tempi sono cambiati, occorre avere qualcosa di più: bellezza, talento, cultura ma anche curiosità a 360°. È questo che fa la differenza”.

Miss 365 – Conferenza Stampa a Saint Vincent

foto conferenza stampa
foto conferenza stampa

“È per noi una grande soddisfazione ospitare un evento così importante, in grado di promuovere il territorio e riportare l’immagine del nostro Comune agli albori di una volta; le premesse per un’accoppiata vincente ci sono tutte e mi auguro che questa collaborazione si consolidi e duri nel tempoʺ.

Lo ha detto il sindaco di Saint Vincent, Mario Borgio, nella conferenza stampa al Parc Hotel Billia, alla vigilia dell’elezione di Miss 365 – Prima Miss dell’Anno. Il primo cittadino, interrogato sulla questione, non ha nascosto il desiderio di legarsi ad un ʺgrande marchio come Miss Italiaʺ e si è detto aperto al confronto, lasciando presagire iniziative in questa direzione.

“Ringrazio la Regione e il clima di accoglienza che ci ha riservato, che si sposa con lo stile e l’eleganza che da sempre il Concorso ricerca – ha detto la patron Patrizia Mirigliani – c’è un universo femminile che si sposta e che Miss Italia vuole raccontare attraverso le sue concorrenti… noi lo facciamo coniugando, da sempre, tradizione e modernitàʺ.

Nel corso dell’incontro con la stampa, sono intervenute anche Alice Rachele Arlanch e Rachele Risaliti, insieme a Linda Pani, Miss Social e Miss Equiiibra 2017.
La sala Gran Paradiso, dove domani le 22 ragazze si contenderanno in diretta Facebook il titolo di Miss 365, è quella del Grand Hotel Billia “che festeggia i suoi 110 anni di attività – come ricorda Marco Fiore – e che in passato ha ospitato personaggi celebri del calibro di Sofia Loren, Marcello Mastroianni, Nino Manfredi”.

Stasera sera sul palco ci sarà Francesco Facchinetti. Miss Italia si avvia così ufficialmente verso la celebrazione dei suoi 80 anni di vita.

Valdostana una grande Miss del passato

Salsomaggiore Terme - Finalia Miss Italia - (da sinistra) Barbara Borghesi, Roberta Capua, Helena Sanson e ...
Salsomaggiore Terme – Finalia Miss Italia – (da sinistra) Barbara Borghesi, Roberta Capua, Helena Sanson e …

Nella conferenza stampa di presentazione della finale di Miss 365 – La Prima Miss dell’Anno 2018, la patron di Miss Italia, Patrizia Mirigliani, ha voluto ricordare la valdostana Helena Sanson.

Classe 1970, Helena partecipò a Miss Italia nel 1984 con il titolo di Miss Ragazza Ok, quando aveva soltanto 14 anni. Nel 1986, a 16 anni, ci riprovò arrivando alle finali come Miss Selezione Fotografica e classificandosi seconda, dopo Roberta Capua, con il titolo di Miss Eleganza.

Helena Sanson – cognome veneto e un pizzico di sangue svedese nelle vene – è cresciuta in Valle d’Aosta. Dopo gli esordi come modella per Krizia e Coveri, e gli impegni tra New York, Miami e Londra, oggi è docente universitaria a Cambridge, una delle più prestigiose università del mondo, dove è direttore degli Studi in Lingue Moderne e Medievali. In questi anni ha insegnato rinascimento e storia delle donne e letteratura femminile italiana.

“Un esempio concreto di come Miss Italia non sia soltanto bellezza, ma anche talento…”. Sono tante le ragazze che si sono affermate, in questi anni, anche per le loro qualità umane e intellettuali.