Medicor Tutor 4.0

Medicor Tutor_ Pavol Jozf Safarik Universuty
Medicor Tutor_ Pavol Jozf Safarik Universuty

ASPIRANTI MEDICI: L’ITALIA LI RIFIUTA,  MA GLI ATENEI PIU’ PRESTIGIOSI AL MONDO SE LI CONTENDONO
LA RISPOSTA DEI GIOVANI AL COLLO DI BOTTIGLIA ITALIANO CHE PORTERA’ TRA 5 ANNI A 45 MILA CAMICI BIANCHI IN MENO.

Milano, 25 luglio 2018 – In Italia, entro il 2022, mancheranno all’appello 11mila medici nella sanità pubblica. Tra cinque anni saranno 45 mila. Tra dieci anni 80 mila. L’SOS lanciato dalle diverse associazioni di categoria italiane preannuncia una vera e propria emorragia di medici con una classe di professionisti, che al momento è tra le più anziane d’Europa. Un problema quello della mancanza di medici dovuto anche ad un sistema delle scuole di specializzazione in medicina che non riuscirà a garantire un numero sufficiente di specialisti per il prossimo futuro, e che oggi vede gli aspiranti medici correre ai ripari puntando agli atenei internazionali.

Già nel 2021, si diplomeranno infatti i primi 50 medici preparati all’Università di Josef Safarik di Kosice in Slovacchia, centro di eccellenza internazionale dove hanno studiato brillanti candidati italiani grazie al metodo Medicor Tutor.

Secondo gli ultimi dati Unesco sono quasi 57 mila gli studenti italiani iscritti in atenei stranieri, con un balzo importante negli ultimi anni. Del resto, almeno 60 mila studenti ogni anno provano ad accedere alle facoltà di medicina italiane, ma appena il 10% viene accettato. Così, circa un migliaio all’anno decide di guardare oltre confine affiancati da esperti.

Un percorso, quello di Medicor Tutor, che garantisce ai futuri medici italiani una prospettiva internazionale e che li affianca nella fase di preparazione dei test di ingresso e durante tutto il successivo percorso universitario. Nel 2021 i medici laureatisi nelle più prestigiose università al mondo potranno tornare a operare in Italia contando su un titolo di studio equivalente, su una formazione internazionale, sia pratica che teorica, e su un’eccellente conoscenza della lingua inglese.

Nata nel 2010, la società ha seguito solo lo scorso anno oltre 100 studenti italiani con altissime percentuali di ammissione nelle migliori università europee, tra cui la Charles University di Praga, l’università di Albert Einstein, e la Masaryk University di Brno. La prima, secondo Top Universities, è tra le migliori 200 università al mondo e tra le top 30 in Europa. La seconda, è al 165° posto nel ranking europeo e tra le 500 migliori Università nel mondo. Si tratta di atenei in cui l’accesso è difficilissimo e che richiedono alti standard di preparazione. Per far fronte a questa selezione il metodo Medicor Tutor prevede corsi differenziati a seconda delle richieste delle singole università e oltre il 90% degli studenti italiani sono stati ammessi nelle prestigiose università ceche. In particolare, su circa 50 studenti italiani ammessi alle due università, 42 sono affiancati da Medicor Tutor. Ma per gli aspiranti medici che scelgono la strada dell’Università all’estero, ci sono anche altre mete ambite come: l’Universidad Europea di Madrid, l’Universidad Europea di Valencia, l’European University Cyprus a Nicosia e la Università Pavol Josef Safarik di Kosice in Slovacchia dove nel 2021 si laureeranno i primi medici preparati da Medicor Tutor.

Sistema DiCE per i bambini

DiCE ambientata
DiCE ambientata

Insegnare ai bambini il valore dell’energia e a non sprecarla è il primo passo per salvaguardare l’ambiente e assicurare un futuro alle nuove generazioni.

Per questa ragione, una delle funzioni di DiCE, il nuovo sistema IOT progettato dall’architetto e designer Marco Acerbis, è proprio quella educativa rivolta ai più piccoli.

“Hai spento la luce in cameretta?” oppure “Ricordati di spegnere la televisione quando hai finito di guardarla”: sono solo alcune delle frasi ricorrenti che i genitori rivolgono ai propri bimbi per evitare sprechi di energia elettrica. Da oggi, grazie al sistema DiCE le cose si semplificano!

DiCE consente infatti di avere sempre sotto controllo i consumi energetici della propria abitazione. Si compone di 4 elementi e comunica attraverso una scala cromatica, che passa dai toni freddi dell’azzurro e del verde che indicano un consumo virtuoso, ai toni intermedi del giallo, fino a virare sull’arancio e sul rosso, quando i livelli di consumo oltrepassano la soglia abituale e il rischio di black out si avvicina.

È grazie a questa visualizzazione del sistema DiCE che il bambino percepisce in modo rapido e diretto il consumo energetico e se, per esempio, ha dimenticato una luce accesa in cameretta.

“Promuovere la sostenibilità e la diffusione di una cultura dell’energia sono per noi i pilastri su cui si basa tutto il nostro operato e i valori in cui crediamo da sempre ” ha spiegato Alessandro Bertacchi, Presidente di DiCEworld Srl e ABenergie. “ È fondamentale trasmettere questi valori anche alle nuove generazioni affinché i giovani di oggi siano cittadini consapevoli domani. Il DiCE è stato pensato anche per questo: grazie all’utilizzo dei colori, infatti, l’energia diventa anche per i più piccoli una risorsa preziosa a cui prestare attenzione.”

Tra le funzioni di DiCE, una è quella del gioco: quando appare il rosso, chi prima tocca l’apparecchio si aggiudica la vincita. 18 livelli di difficoltà per mettere alla prova i propri riflessi!

I 4 elementi di cui si compone il sistema sono:
• DiCE: il dispositivo di design in grado di avere più funzionalità luminose e di interagire con l’utente attraverso semplici movimenti gestuali della mano. DiCE infatti è in grado di riprodurre i colori dello spettro visibile, con intensità variabile, e di effettuare coreografie luminose.
Attraverso i segnali luminosi, DiCE aiuta il consumatore a usare l’energia in modo consapevole: se la luce è verde, significa che i consumi risultano nella soglia media, calcolata in base alla stagionalità e alle abitudini di consumo. Quando i consumi aumentano, la luce cambia come un semaforo, fino a diventare rossa lampeggiante nel momento in cui la potenza sta per raggiungere la soglia massima e si presenta il rischio di un blackout.
 L’app DiCE: un’applicazione per iOS e Android, scaricabile gratuitamente sul proprio smartphone, che abilita l’utente ad accedere a tutta una serie di dati e informazioni sul consumo di energia elettrica della propria casa o azienda. L’app include inoltre la possibilità di eseguire un check-up e un monitoraggio delle abitudini di consumo e, attraverso un sistema di notifiche push con consigli e suggerimenti, è in grado di educare i consumatori ad un uso più sostenibile dell’energia elettrica.
 DiReader: il lettore dei consumi elettrici. Installato vicino al misuratore della potenza elettrica, utilizza le informazioni fornite dai LED presenti sulla parte anteriore del contatore, per trasmettere i dati di consumo al dispositivo DiGateway.
 DiGateway: il dispositivo collocato nell’ambiente domestico o in azienda, che utilizza i dati segnalati dal lettore DiReader per trasmetterli a DiCE e alla sua app, che li legge come informazioni sui consumi.

Il sistema DiCE è easyplay e richiede un’installazione fai da te, facile e rapida, senza interventi sull’impianto elettrico.

DiCE è disponibile on line sul mercato attraverso il sito www.diceworld.it

Novità Fujifilm

Fuji
Fuji

Con i primi caldi fioccano le promozioni FUJIFILM
FUJIFILM prosegue con iniziative promozionali che non deluderanno gli appassionati del marchio e chi vorrà sostituire il proprio corredo. Per la Serie X mette in campo un Cashback fino a 200 euro iva inclusa e per le ottiche GF del sistema medio formato GFX uno sconto immediato all’acquisto sino a 660 euro iva inclusa

Dal 3 maggio al 2 luglio 2018, la Serie X e il sistema GFX sono in promozione, un lasso di tempo adeguato per poter ponderare e scegliere il prodotto fotografico con cui scatenare il proprio estro creativo.

Per il cashback, Fujifilm propone un risparmio sulle Compact System Camera più apprezzate, ossia di 200 euro i.i. per X100F e X-Pro2 solo corpo o in kit con l’ottica XF23mmF2 (kit Graphite Edition); di 100 euro i.i. per X-T20 solo corpo e per i kit con XF18-55mm, con XC16-50mm II, con XC16-50mm II e XC50-230mm II e con XC15-45mm.

Per gli obiettivi il risparmio è di 150 euro i.i. per XF16-55mmF2.8 R LM WR, XF50-140mmF2.8 R LM OIS WR, XF100-400mmF4.5-5.6 R LM OIS WR, XF80mmF2.8 R LM OIS WR Macro, XF56mmF1.2 R APD; di 100 euro i.i. per XF14mmF2,8 R, XF16mmF1.4 R WR, XF23mmF1.4 R, XF56mmF1.2 R, XF90mmF2 R, XF10-24mmF4 R OIS, XF18-135mmF3.5-5.6 R LM OIS WR, XF55-200mmF3.5-4.8 R L LM OIS; di 50 euro i.i. per XF18mmF2 R, XF27mmF2.8, XF35mmF1.4 R, XF60mmF2.4 R MACRO.

Per le ottiche GF si potrà ottenere uno sconto immediato all’acquisto pari a 660 euro i.i. per GF110mmF2 R WR, a 640 euro i.i. per GF120mmF4 R LM OIS WR MACRO, a 620 euro i.i. per l’acquisto di GF23mmF4 R WR, a 550 euro i.i. per GF32-64mmF4 R LM WR, a 350 euro i.i. per GF63mmF2.8 R WR e a 300 euro i.i. per GF45mmF2.8 R WR.

Oltre a ciò, Fujifilm prolunga sino al 30 settembre 2018 il periodo di promozione del TRADE-IN GFX – permutando un prodotto full frame o medio formato, tra quelli ritenuti idonei per la promozione, si riceverà uno sconto immediato all’acquisto pari a 500 euro iva inclusa – e dell’INSTANT REBATE GFX – per qualsiasi kit GFX 50S con GF63mm, o GFX 50S con GF32-64mm o GFX 50S con GF45mm, lo sconto riconosciuto alla cassa è pari a 1.300 euro iva inclusa.

La promozione è valida solo per i prodotti nuovi*1, distribuiti da FUJIFILM ITALIA S.p.A, acquistati presso un FUJIFILM Professional Dealer o presso i rivenditori GFX Authorised Specialist.*2

La lista completa degli FPD e dei GFX Authorised Specialist è consultabile al seguente link: www.fujifilm.it/aree/supporto/acquistare/RicercaFdp.asp

Per maggiori dettagli visitare:
fujifilm-promotions.com (cashback)
blog.fujifilm.it/gfx-50s-promozione-estate-fujifilm (sconto immediato all’acquisto)

*1 Prodotti di seconda mano, o rinnovati, sono esclusi da questa promozione.
*2 Fujifilm si riserva il diritto di annullare questa promozione in qualsiasi momento e di modificare i termini e le condizioni o i prodotti oggetto della promozione, senza incorrere in alcuna responsabilità.

Come fare per inviare fax da cellulare

Smartphone
Smartphone

I nostri smartphone sono diventati col tempo sempre più indispensabili. Oltre a tenerci in continuo contatto con i nostri amici ed a permetterci di ascoltare musica, giocare e guardare video, così come leggere le ultime notizie, gli smartphone di ultima generazione sono diventati preziosissimi anche per quel che riguarda il mondo del lavoro.

I dispositivi tecnologici mobile, infatti, svolgono in tutto e per tutto il ruolo svolto per anni dal personal computer, con la differenza che con lo smartphone si può andare praticamente ovunque ed avere tutto a portata di mano.
Tanti professionisti che hanno a che fare con le migliaia di documenti importanti ogni giorno hanno, infatti, la possibilità di gestirli al meglio grazie alle app di fax online. Si tratta di una delle novità più importanti degli ultimi anni, che trasforma il proprio smartphone in un vero e proprio fax portatile. In questo scenario si è fatto largo eFax, uno dei servizi di fax online più conosciuti ed apprezzati. Per poter accedere in ogni momento ai servizi di eFax è possibile scaricare l’app connessa al sito di eFax.

L’app è molto semplice da utilizzare, disponibile per i dispositivi iOS e Android, e consente di inviare e ricevere fax grazie ad una interfaccia semplice e intuitiva. Dopo aver scaricato l’app di eFax, bisogna procedere con la registrazione online inserendo i vostri dati personali, e dopo pochi minuti potrete inviare e ricevere fax direttamente sullo schermo del vostro smartphone. Scegliendo il file da inviare, avendo avviato precedentemente l’app di eFax, basta inserire il numero di fax del destinatario ed inserire il file precedentemente selezionato. Il primo mese di utilizzo è totalmente gratuito, ideale per chi deve inviare un singolo fax, mentre dopo 30 giorni si passa alla versione in abbonamento che costa circa 15 euro. Prezzo davvero irrisorio se confrontato con i costi del fax tradizionale, ma ideale soltanto per chi ne fa un uso continuativo nel tempo.

Altro servizio molto interessante è eFax Corporate, il servizio di fax su cloud per aziende numero uno al mondo. Questo consente al proprio personale di ricevere e inviare fax per e-mail, da qualsiasi computer o dispositivo mondiale, dicendo addio a qualsiasi server, macchine per fax e costi di software, forniture, licenze o utenze. eFax ospita l’infrastruttura aziendale nel cloud, rendendola più comoda per il personale aziendale e più efficace dal punto di vista dei costi, oltre che più sicura e più conforme alla propria azienda.

Il vantaggio è che si può far crescere il proprio account in qualsiasi momento, pagando proporzionalmente, cosa che rende eFax Corporate perfetto per tutte le aziende, sia per le piccole che le grandi realtà. Il fax online via smartphone rappresenta, dunque, una soluzione sempre più utilizzata dai tanti professionisti e da chi sceglie di utilizzare un servizio del tutto innovativo e molto vantaggioso da diversi punti di vista.

Italgas e Microsoft

italgas-microsoft
italgas-microsoft

Italgas, leader in Italia nel settore della distribuzione del gas naturale e terzo operatore in Europa, annuncia ufficialmente la collaborazione con Microsoft per un progetto di trasformazione digitale che ruota intorno al Cloud Computing.

Nell’ambito del Piano Industriale 2017-2023, Italgas ha infatti sviluppato un programma di innovazione unico nel settore gas, che punta sulla digitalizzazione degli asset e dei processi, sull’Industrial IoT e sulla dematerializzazione e automazione.

Al centro di questa disegno, la strategia cloud e la scelta di migrare il datacenter su Microsoft Azure, adottando anche la piattaforma di produttività Office 365. L’ambizioso progetto, in fase di avvio, verrà portato a termine entro agosto 2018, con l’obiettivo di gestire l’intero sistema Italgas secondo criteri innovativi finalizzati al raggiungimento di migliori livelli di efficienza e flessibilità.

Insieme alle sue partecipate, Italgas conta oltre 4000 dipendenti, gestisce una rete di circa 66.000 Km, 7,5 milioni di utenze servite in 1600 Comuni e ha deciso di puntare sul Cloud pubblico, predisponendo una nuova Infrastruttura as a Service, migrando gli applicativi e gli asset IT precedentemente on premise, e configurando una nuova rete connessa al Cloud.

La scelta è ricaduta su Microsoft Azure, anche in virtù dell’ampia disponibilità – 140 Paesi e 17 lingue – e dell’investimento di 14 miliardi di dollari che Microsoft dedica alla sua infrastruttura di datacenter globale per renderla sempre affidabile e all’avanguardia.

La piattaforma di public cloud di Microsoft offre grandi capacità computazionali e di storage adatte a gestire le esigenze di una rete complessa e ad accompagnare l’azienda in un percorso di crescita flessibile, rispondendo in modo scalabile ai prevedibili picchi di domanda connessi con lo svolgimento delle gare per l’assegnazione del servizio e ottimizzando i costi IT.

Il tutto con garanzia di sicurezza in termini di business continuity, un elemento strategico in un settore cruciale come quello dell’energia, ma anche in termini di privacy in linea con il nuovo regolamento europeo per la protezione dei dati.

L’interoperabilità di Azure assicura, inoltre, la compatibilità con l’ambiente IT eterogeneo di Italgas preservando gli investimenti precedenti in una logica di innovazione sostenibile e, non solo, Azure è stato anche scelto per la capacità di supportare l’evoluzione tecnologica dell’azienda abilitando lo sviluppo di soluzioni innovative nelle aree Analytics, IoT e Big data.

In prospettiva, una volta ultimato il processo di migrazione, Italgas potrà infatti beneficiare di funzionalità di monitoraggio remoto e manutenzione predittiva e potrà nel complesso migliorare ulteriormente la qualità del servizio grazie ad un più efficace uso del patrimonio informativo.

Sempre per aumentare l’efficienza e raggiungere l’eccellenza operativa, un altro elemento cardine della trasformazione digitale di Italgas è l’adozione della piattaforma di produttività cloud Office 365, che coinvolgerà oltre 3.000 utenti entro agosto.

Un’occasione per liberare il potenziale delle persone, introducendo un nuovo modo di collaborare al passo con i tempi: in un settore in cui essere fuori sede è spesso lo standard, Office 365 consentirà di accedere ai dati e alle applicazioni aziendali in sicurezza, ovunque e in qualunque momento, contribuendo, con un maggior empowerment di tutti i componenti dell’organizzazione, al percorso di crescita dell’azienda.

“Lo spostamento in Cloud della totalitá della nostra mappa applicativa – commenta Francesca Vergara Caffarelli, CIO di Italgas – é un passo fondamentale nel processo di digitalizzazione che stiamo realizzando. Oltre agli immediati benefici di aumentare efficienza e affidabilità, ci permette di avere accesso a tutte le nuove tecnologie che Microsoft offre e offrirà, creando la base tecnologica necessaria per la trasformazione dei processi aziendali mediante l’utilizzo di tecnologie innovative”.

“Siamo orgogliosi di collaborare con una realtà come Italgas: l’innovazione è una componente importante del piano strategico dell’azienda e siamo sicuri che grazie alla digitalizzazione delle reti e dei processi con il cloud Italgas possa accrescere la propria efficienza e competitività.

Questo progetto di trasformazione digitale così avanzato nel panorama Oil&Gas ci auguriamo possa ispirare molte altre realtà, contribuendo allo sviluppo socio-economico del Paese.

Il Cloud Computing può naturalmente fare la differenza in questo senso, ottimizzando i processi, consentendo una gestione flessibile delle reti, facilitando lo scambio sicuro dei dati e abilitando nuove forme di collaborazione e produttività. Puntare sul Cloud significa puntare sul futuro ed essere pronti ad accogliere le nuove prospettive legate a Industrial IoT e Artificial Intelligence”, dichiara Vincenzo Esposito, Direttore della Divisione Enterprise Commercial di Microsoft Italia.