Easyjet, Coronavirus e identità digitale: i rischi privacy

cyber criminali
cyber criminali

Easyjet, Coronavirus e identità digitale: i rischi per la nostra privacy e per le aziende esposte agli attacchi di cyber criminali

Gli esperti: “Essenziale prevenire per evitare gestione delle crisi e ricorso ad analisi di malintenzionati”. Ecco come difendersi

Arrivo presto in azienda e per dare il buon esempio ai miei dipendenti posto la mia posizione su Facebook con la foto dei documenti su cui sto lavorando. Alle 12 avrò un importante meeting che aggiungerò alle mie attività su LinkedIn. Pasto veloce al mio “solito posto” e foto di quei deliziosi gamberetti. Fine lavoro e via: il mio personal mi aspetta. Corsetta guidata dall’app che monitora i miei spostamenti e i chilometri percorsi e arrivo finalmente al campo di golf. Foto di rito su Instagram. Cena in famiglia e la mia giornata” con video divertente per TikTok, i ragazzi lo amano tanto.

Il mattino dopo nel Linkedin trovo notizie e commenti sul caso di Easyjet: “La compagnia ha rivelato un’enorme violazione dei dati che ha interessato 9 milioni di clienti e che ha coinvolto oltre 2.000 dettagli di carte di credito. I clienti interessati di easyJet saranno contattati dal vettore entro e non oltre il 26 maggio. Il Garante per la privacy inglese (l’ICO) ha consigliato alla compagnia aerea di rivelare la violazione a causa di un aumento del rischio che i clienti interessati potessero essere presi di mira dagli attacchi di phishing”.

Ecco: un’altra volta. Pazienza, ormai dobbiamo farcene una ragione.

Passano alcune settimane e le unità delle Forze dell’Ordine dedicate alla prevenzione del crimine informatico avvisano la mia azienda, me stesso e molti colleghi in merito ad un significativo furto di dati, le cui evidenze hanno potuto trovare in messaggi scambiati tra cyber criminali nelle parti meno accessibili del web: il dark web.

I dati rubati sono contratti dell’azienda, piani commerciali, alcune informazioni confidenziali sui nostri prodotti proprietari, ma anche foto nostre, dei nostri uffici, delle nostre case.

Apprendiamo un fatto raccapricciante: i cyber criminali hanno incrociato e usato sia informazioni su di noi, provenienti dal “data breach” di EasyJet, sia quelle che si possono trovare nelle “esternazioni social” mie e dei colleghi.

Ecco come è andata. Sia io e i miei colleghi, come singole persone, sia la nostra azienda, siamo stati oggetto di due diversi crimini: ricatto e phishing. Alcuni colleghi sono stati prima vittima di un pesante “dossieraggio” di informazioni personali, in particolare quelle pubblicate sui Social: i criminali le hanno poi analizzate ed hanno scoperto che alcune persone erano in un momento di difficoltà personale e famigliare, in corso già da tempo e aggravato dal Covid. Purtroppo hanno poi sfruttato queste informazioni per sfruttare i loro punti deboli e ottenere accesso ad informazioni aziendali. Altri colleghi sono comunque stati “dossierati”, ma per fortuna non hanno subito nessun approccio diretto e ricattatorio dai criminali; ma la fortuna si è fermata a quel punto: l’insieme delle informazioni personali nei dossier e quelle in teoria segrete rubate a easyJet è stato usato per inviare mail perfettamente confezionate per ognuno di loro, purtroppo per ingannarli e quindi per rubargli le password di accesso ai sistemi aziendali.

L’inizio di questa storia potrebbe sembrare il racconto standard di una giornata tipo di un uomo medio italiano, in realtà è stato lo stesso protagonista a svelare la propria identità digitale, fornendo dettagli, posizioni, luoghi che frequenta, informazioni delle persone con cui lavora e addirittura sui suoi figli. «Questi dati nel momento in cui entrano in rete non possono più uscire, restano intrappolati in un sistema a disposizione di chiunque, malintenzionati compresi- spiega Francesco Faenzi, Direttore della BU Digital Trust di Soft Strategy Group-. I danni del web spesso sono irreversibili, a questo si deve pensare quando si introduce su Internet anche quella che può sembrare una foto e null’altro. Bisogna usare i social network in maniera responsabile e pensare che stiamo consapevolmente esponendo delle informazioni che riguardano la nostra identità digitale, oltre che mostrare semplicemente il meeting al quale si sto partecipando. La prevenzione è fondamentale». Le tecnologie digitali e internet creano nuovi modi e forme di comunicazione, condivisione della conoscenza, intrattenimento, studio, fare amicizia ed esperienze, ma d’altra parte amplificano l’esposizione ai rischi dell’Identità Digitale con cui tutti ci presentiamo nel mondo digitale e connesso: i danni conseguenti però non sono limitati alla sfera virtuale, ma impattano anche la sfera personale, familiare, reputazionale ed economica o aziendale. L’Identità Digitale è la nostra identità. Esponendola incautamente la mettiamo a rischio insieme al resto delle attività che interessano la nostra sfera: famiglia, lavoro, azienda.

«L’intervento da mettere in atto – spiega ancora Francesco Faenzi – è ovviamente la gestione delle crisi di sicurezza, ma con l’attenzione che avvenga in modo integrato in una più ampia gestione delle crisi del business, della reputazione e della comunicazione. Ciò non toglie che al di là del momento di crisi, occorrano una strategia ed un programma esecutivo di tutela dell’identità digitale, sviluppato però ad ampio raggio: bisogna infatti pensare esattamente come fa chi minaccia le aziende, ovvero considerando l’identità ed il profilo personale ed aziendale come un tutt’uno al fine di un obiettivo criminale. Nel concreto politiche e regole chiare e anche istruttive sull’uso di tutto i mezzi digitali – siano essi aziendali o personali o “consumer” – e poi sensibilizzazione, esemplificazione ed esercitazioni pratiche, verifiche sul campo, controllo costante, piani accuratamente preparati e non improvvisati di gestione della crisi (inclusiva degli aspetti di comunicazione) e di rientro dalla stessa».

«Si pensi al caso di un’azienda italiana già in difficoltà operativa causa Covid19 – spiega Alessandro Rossetti, Intelligence Team Leader in Soft Strategy- che subisce anche un attacco nato dallo sfruttamento da parte dei cybercriminali dell’insieme delle informazioni personali che i dipendenti pubblicano su Internet e dall’arricchimento e estrema personalizzazione di queste con i dati rubati ad esempio alla easyJet. La crisi operativo-informatica si aggiungerebbe alla crisi di business generale, che in questo momento più che mai va assolutamente evitata». I rischi e i danni sono tanto più eclatanti, quanto più è attrattiva la vittima di un criminale, ad esempio: imprenditori, top manager e altre key people delle nostre aziende. E tutto questo è purtroppo un rischio in aumento continuo in questi tempi in cui siamo tutti sempre connessi, l’assuefazione da digitale aumenta e il livello di attenzione ai rischi diminuisce.

 

Fujifilm: promozione Instant rebate

PROMO IR_X-T4+X-T3
PROMO IR_X-T4+X-T3

Per dare un forte segnale al settore, in questo delicato momento di transizione, FUJIFILM mette in campo la promozione Instant rebate sino a 600 euro iva inclusa sull’acquisto di X-T4 o X-T3 e ottiche XF.

Dal 28 aprile al 30 giugno 2020, lo sconto immediato sarà riservato solo acquistando contestualmente e in un’unica transazione la fotocamera X-T4 (versione Body o in kit con XF18-55mm o kit con XF16-80mm) o X-T3 (versione Body o in kit con XF18-55mm o kit con XF16-80mm o kit XF18-55mm + XF55-200mm) in abbinata con XF200mmF2 R LM OIS WR, o XF8-16mmF2.8 R LM WR, o XF100-400mmF4.5-5.6 R LM OIS WR, o XF50-140mmF2. 8 R LM OIS WR oppure XF16-55mm F2.8 R LM WR.

Pertanto, per ogni tipologia di “super kit scelto”, si potrà beneficiare di un differente risparmio, ossia:
• €600 i.i. per X-T4/X-T3 (body o kit) con XF200mmF2 R LM OIS WR
• €400 i.i. per X-T4/X-T3 (body o kit) con XF8-16mmF2.8 R LM WR
• €400 i.i. per X-T4/X-T3 (body o kit) con XF100-400mmF4.5-5.6 R LM OIS WR
• €200 i.i. per X-T4/X-T3 (body o kit) con XF50-140mmF2. 8 R LM OIS WR
• €200 i.i. per X-T4/X-T3 (body o kit) con XF16-55mm F2.8 R LM WR

Per usufruire della promozione, gli acquisti devono essere effettuati presso un Rivenditore Autorizzato e lo sconto è immediato alla transazione che può avvenire in un negozio sia fisico sia on line.
La promozione è valida solo per i prodotti nuovi, distribuiti da FUJIFILM ITALIA S.p.A. Prodotti di seconda mano, o ricondizionati, sono esclusi da questa promozione.

La lista completa dei rivenditori autorizzati e i dettagli sulla promozione sono consultabili al seguente link: https://fujifilm-connect.com/promotions/promotions.php/?country=it

FUJIFILM si riserva il diritto di annullare questa promozione in qualsiasi momento e di modificare i termini e le condizioni o i prodotti in questione senza incorrere in alcuna responsabilità.

Informazioni su Fujifilm Corporation

FUJIFILM Corporation è una delle maggiori aziende di FUJIFILM Holdings. Sin dalla fondazione nel 1934, l’azienda ha costruito un patrimonio di tecnologie avanzate nel campo dell’incisione fotografica e, con l’obiettivo di assumere una posizione leader nel campo medico, applica oggi il suo know-how alla prevenzione, alla diagnosi e alla cura di malattie, nei campi della medicina e delle scienze naturali. FUJIFILM sta inoltre espandendo il raggio d’azione all’area dei materiali ad alta funzionalità, quali i materiali per i display a schermo piatto, e al settore dei sistemi grafici e dei dispositivi ottici.

Informazioni su Fujifilm in Italia

FUJIFILM Italia S.p.A. è una filiale di FUJIFILM Europe GmbH con sede a Cernusco sul Naviglio (Mi) e opera sul mercato italiano con soluzioni integrate e prodotti destinati ai settori Imaging, Electronic Imaging, Graphic arts e Medical Systems. Con oltre 100 dipendenti impegnati nelle funzioni marketing, commerciale, assistenza tecnica e amministrativa, FUJIFILM Italia si pone sul mercato come partner solido e competente, in grado di rispondere alle esigenze dei clienti con soluzioni efficaci e personalizzate.

FUJIFILM vince al Design Awards 2020

FUJIFILM - AWARDS
FUJIFILM – AWARDS

A conferma della grande attenzione per il design e di una filosofia di progettazione apprezzata in tutto il mondo, FUJIFILM fa incetta di premi nell’edizione  2020 dell’iF Design Awards

FUJIFILM Corporation (Presidente: Kenji Sukeno) è orgogliosa di annunciare il risultato ottenuto all’iF Design Award 2020.

Sono stati premiati dieci prodotti FUJIFILM, tra cui fotocamere digitali mirrorless, obiettivi broadcast e obiettivi cinematografici e FUJIFILM GFX100, fotocamera digitale mirrorless dotata di un sensore da 102 megapixel, la più alta risoluzione al mondo*1, ha ottenuto l’iF Gold Award 2020, il premio più ambito.

Il risultato all’IF Design Awards, di certo conferma quanto i prodotti FUJIFILM siano apprezzati a livello mondo, prodotti che da sempre coniugano eccellente design con prestazioni e operatività avanzate.

L’iF Design Award, nato nel 1953, è tra i più prestigiosi premi internazionali di design, insieme al tedesco “Red Dot Design Award” e all’americano “International Design Excellence Awards” (IDEA). La giuria internazionale valuta i prodotti sulla base di dieci criteri, tra cui la qualità del design, il grado di innovazione e il valore del marchio.

In questa edizione, sono stati esaminati 7.298 prodotti provenienti da 56 Paesi.

Incoraggiata anche dal risultato ottenuto all’iF Design Awards, un onore che dieci suoi prodotti siano stati scelti tra innumerevoli altri provenienti da tutto il mondo, FUJIFILM continuerà a progettare e realizzare prodotti di qualità superiore, puntando anche sul design.

*1 Per fotocamere digitali mirrorless disponibili in commercio, a partire dal 20 febbraio 2020, secondo FUJIFILM.

FUJIFILM WINNERS “iF Design Award 2020”

  1. Fotocamera digitale mirrorless “FUJIFILM GFX100” [iF Gold Award 2020]
  2. Fotocamera digitale mirrorless “FUJIFILM X-T30”
  3. Fotocamera digitale mirrorless “FUJIFILM X-A7”
  4. Zoom Rate Demand Unit “FUJINON ERD-40A-D01” (accessorio per obiettivi broadcast portatili)
  5. Obiettivo zoom broadcast portatile “FUJINON LA16×8BRM”
  6. Obiettivo zoom broadcast “FUJINON UA125×8BESM”
  7. Obiettivi zoom broadcast portatili “FUJINON UA18×7.6BERD / UA23×7.6BERD”
  8. Obiettivo zoom cinema “FUJINON Premista28-100mmT2.9 / 80-250mmT2.9”
  9. Pellicola lenticolare ad alta precisione per stampa a getto d’inchiostro “OperaPass”
  10. Gastroscopio UltraSlim “EG-740N”

 Informazioni su Fujifilm Corporation

FUJIFILM Corporation è una delle maggiori aziende di FUJIFILM Holdings. Sin dalla fondazione nel 1934, l’azienda ha costruito un patrimonio di tecnologie avanzate nel campo dell’incisione fotografica e, con l’obiettivo di assumere una posizione leader nel campo medicale, applica oggi il suo know-how alla prevenzione, alla diagnosi e alla cura di malattie, nei campi della medicina e delle scienze naturali. FUJIFILM  sta inoltre espandendo il raggio d’azione all’area dei materiali ad alta funzionalità, quali i materiali per i display a schermo piatto, e al settore dei sistemi grafici e dei dispositivi ottici.

Informazioni su Fujifilm in Italia

 FUJIFILM Italia S.p.A. è una filiale di FUJIFILM Europe GmbH con sede a Cernusco sul Naviglio (Mi) e opera sul mercato italiano con soluzioni integrate e prodotti destinati ai settori Imaging, Electronic Imaging, Graphic arts e Medical Systems. Con oltre 100 dipendenti impegnati nelle funzioni marketing, commerciale, assistenza tecnica e amministrativa, FUJIFILM Italia si pone sul mercato come partner solido e competente, in grado di rispondere alle esigenze dei clienti con soluzioni efficaci e personalizzate.

 

Nikon: nuova Campagna Digital 2020

Nikon Lenswear
Nikon Lenswear

Al via la nuova Campagna Digital 2020

Nikon punta sulla “Precisione” e racconta prestazioni visive di altissimo livello

On air per 3 mesi con l’obiettivo di aumentare la brand awareness e favorire il drive to store

Febbraio 2020 – “Cosa significa per te precisione?”. A questa domanda rispondono i protagonisti della nuova Campagna Digital 2020 di Nikon Lenswear che prende il via a marzo per raccontare – attraverso video coinvolgenti e attività interattive – come la ricerca della precisione sia un compito arduo, che richiede attenzione, cura e allenamento.

La Precisione? “È quel controllo necessario per praticare arti marziali”. “È quella concentrazione fondamentale che ogni chef deve avere in cucina”. “È quella accuratezza imprescindibile per un barbiere”. “È quella perfezione indispensabile per sferrare l’ace vincente”.

È questo lo storytelling dei video in cui quattro reali portatori di occhiali – talenti diversi, accumunati dalla precisione – eseguono attività che richiedono un alto grado di precisione visiva: una caratteristica delle lenti Nikon, garanzia assoluta di una visione nitida e precisa per eccellere in ogni settore. Nikon si fa interprete di esigenze specifiche, fornendo a ciascun consumatore il prodotto perfetto per soddisfarle.

La campagna digital su mobile mira a catturare l’attenzione di un target ben definito di appassionati di tecnologia, sport, fotografia e addicted di Nikon Camera. Un target che ama estetica e performance, entrambe caratteristiche insite nelle lenti Nikon.

L’utente che naviga siti e piattaforme in linea con i suoi interessi e affini al brand, intercetterà in base al suo profilo l’immagine di uno dei 4 soggetti della Campagna “Precision” di Nikon e verrà invitato a “grattare” lo schermo – un nuovo gaming interattivo utilizzato nelle attività di mobile ADV che consente un’immersione completa nella pubblicità – per scoprire così il video di riferimento. A conclusione dello spot, l’utente è invitato a scoprire la precisione recandosi presso il Centro Ottico più vicino, indicato da una mappa geolocalizzata che segnala il percorso per raggiungerlo. Durante i 3 mesi, un’attività di retargeting si affiancherà alla campagna intercettando gli utenti già raggiunti dallo spot ma che – di fronte a un interesse manifesto – non hanno poi completato l’azione di visualizzazione mappa.

“Forti del successo della campagna ‘Trova La Rana’ dello scorso anno – daremo un ulteriore grande impulso a questa modalità di comunicazione interattiva e volta ad ingaggiare il consumatore” spiega Luca Bassani, Marketing Manager BBGR Italia. “Lo facciamo affidandoci a contenuti visual di qualità, con video costruiti ad hoc e strumenti estremamente efficaci per affermare la reputazione del brand e catturare un pubblico interessato”.

L’obiettivo? Aumentare la brand awareness di Nikon Lenswear con una chiara e unica value proposition, e creare traffico di qualità nei centri ottici partner. Una sinergia virtuosa che supporta gli ottici a differenziarsi, attrarre nuovi potenziali clienti e soddisfare le loro esigenze.

Per i centri ottici partner, Nikon ha anche sviluppato materiale di comunicazione – come vetrofanie, totem bifacciali e video in store – che consente di proseguire il racconto all’interno del negozio, invitando il consumatore a entrare e a rivelare il suo concetto di “Precisione”. Si tratta di strumenti che garantiscono un’extra visibilità per il centro ottico e, in sinergia con la campagna sul web, favoriscono il drive to store di potenziali clienti in target con il brand.

Pronti a scoprire la precisione di Nikon? L’appuntamento è online e offline a partire da marzo: su web mobile con la nuova campagna e in store nei centri ottici partner Nikon!

 

Guida responsabile + tecnologie moderne = strade sicure

Raben Group_Immagine
Raben Group_Immagine

Solo dall’unione di tecnologie moderne e guida responsabile si possono ottenere strade veramente sicure

Come rivelano le ultime ricerche, il numero degli incidenti stradali è in diminuzione e le aziende sono sempre più impegnate in attività dedicate alla sicurezza stradale. Ad esempio, la piattaforma Don’t be Wild!, di Raben Group, offre un corso di e-training per driver e pedoni che spiega i comportamenti corretti da tenere sulla strada.

Milano – 25 febbraio 2020 – Da uno studio* condotto sulla sicurezza e sugli incidenti stradali in Europa è emerso che, il 90% degli incidenti stradali che includono camion, sono causati dal fattore umano, ad esempio dalla distrazione del guidatore o da un’errata valutazione della velocità o della direzione.
Inoltre, le ultime stime ACI-ISTAT, basate sui dati preliminari relativi al primo semestre 2019, evidenziano un calo dell’1,3%, rispetto al 2018, degli incidenti con lesioni e una diminuzione del 2,9% degli incidenti con feriti, mentre aumenta il numero delle vittime (+1,3%).

Uno dei contributi più importanti che ha portato alla diminuzione degli incidenti negli ultimi anni è stato sicuramente l’implementazione da parte delle case produttrici, tra cui quelle di camion, di sistemi di sicurezza sempre più moderni e sofisticati che aiutano l’autista.
Le più recenti innovazioni riguardano l’integrazione di luci e sensori che indicano se qualcuno o qualcosa si trova vicino al veicolo pur non essendo visibile, telecamere anteriori e posteriori per mostrare lo spazio davanti e dietro al camion o sensori di rilevamento ostacoli.

Per il decennio 2011-2020, la CE ha confermato l’obiettivo di dimezzare il numero di morti su strade e, oltre all’impegno di ogni paese in iniziative per promuovere la sicurezza stradale, è importante sottolineare che anche le aziende di logistica e trasporti, sono impegnate su questo fronte: infatti, solo unendo alla tecnologia moderna, una guida responsabile e adeguate attività education, si possono ottenere strade più sicure.

Raben Group, gruppo di trasporto e logistica che offre servizi per piccole, medie e grandi imprese, ha fatto della sicurezza la propria priorità. Ogni giorno, più di 8.000 veicoli Raben Group percorrono le strade di tutta Europa e per l’azienda è fondamentale assicurarsi che tutte le destinazioni vengano raggiunte in maniera sicura, adottando comportamenti corretti alla guida.

A livello di tecnologia, più del 90% dei camion Raben Group dispone infatti di sistemi di sicurezza integrati per minimizzare il rischio di incidenti. Per quanto riguarda invece la formazione dei propri dipendenti, la società è costantemente impegnata nel progetto SHE (Safety, Health and Environment) con l’obiettivo di prevenire gli incidenti eliminandone le cause, costruendo una cultura aziendale incentrata sulla sicurezza e sulla prevenzione degli incidenti stradali attraverso un’educazione a comportamenti responsabili.

Un altro esempio di attività education e training di Raben Group che mira a promuovere comportamenti sicuri sulla strada, è sicuramente “Don’t be wild!”, piattaforma lanciata nel 2018 dedicata al tema della sicurezza stradale che può essere utilizzata da tutti non solo per driver di camion, ma per tutti i guidatori ed i pedoni. Questo perché, ogni anno, muoiono sulle strade europee circa 25.000 persone e tra le cause c’è anche il comportamento imprudente dei pedoni stessi.
“Don’t be wild! offre un corso e-training che mostra i principi del comportamento corretto da mantenere in strada da ogni utente.
La piattaforma è stata implementata in Polonia come test e adesso Raben Group la sta integrando anche in Germania: l’obiettivo è quello di renderla disponibile in tutti i paesi in cui il gruppo fornisce i propri servizi.
Ogni utente che completa il corso di circa 20 minuti, riceve un certificato di completamento che può essere condiviso sui propri canali Facebook e Linkedin in modo da sensibilizzare anche altre persone ad un comportamento sicuro per le strade.

Altre attività del Gruppo sono il Mese della Sicurezza, un ricco periodo di incontri e tavole rotonde sul tema sicurezza e la Healty Week, una settimana di attività finalizzate alla promozione di uno stile di vita sano e attivo.

Maggiori informazioni: https://www.raben-group.com/ – https://www.sittam.it

Raben Sittam è leader nel mercato del trasporto groupage internazionale, terra, mare aereo per qualità di servizi, quote di mercato, volumi e redditività. Il servizio di groupage europeo è un’area fondamentale delle operazioni di SITTAM, in continuo sviluppo, anche grazie alle sempre più estesa rete di corrispondenti, costituita esclusivamente da partner scelti con rigorosi criteri di qualità, che consente di raggiungere tutte le destinazioni europee in maniera altamente efficiente. La lunga esperienza nel settore e la professionalità di SITTAM permettono di offrire un servizio di qualità a tutte le aziende italiane che hanno l’esigenza di spostare merce nei mercati internazionali. La società ha 16 filiali in Italia, più di 300 dipendenti e un impianto di 52.000 mq in posizione strategica, con aree doganali interne; 102 hub in Europa, 35 dei quali vengono raggiunti giornalmente. Raben Sittam è parte di Raben Group da Luglio 2019.
Per maggiori informazioni: https://www.sittam.it/it

Raben Group è un un gruppo di trasporto e logistica che offre servizi per piccole, medie e grandi imprese che esternalizza di logistica completi. Più di 90 anni di esperienza hanno permesso al Gruppo di essere riconosciuto sul mercato come un partner affidabile e di costruire e mantenere relazione a lungo termine con i propri consumatori seguendo il motto “your partner in logistics”.
Raben Group offre servizi di logistica completi- contract logistics, road network (domestici, internazionali e orientali), Fresh Logistics, FTL & intermodal transport, sea e air freight. Il Gruppo ha filiali in 12 paesi in Europa, più di 10.000 dipendenti, approssimativamente 1,200,000 m2 di warehouse capacity e una flotta che comprende 8.500 veicoli. Gestice le operazioni in maniera socialmente responsabile focalizzandosi su education, sicurezza ed ecologia.
Per maggiori informazioni: www.raben-group.com