I Dogi vs Toulon

Locandina dogi vs tolone
Locandina dogi vs tolone

”In questo momento storico le nostre bollicine stanno vivendo una stagione di successi senza precedenti che ritengo doveroso condividere con il territorio nel quale il Prosecco trae origine – spiega il presidente del Consorzio Prosecco Doc Stefano Zanette –.

“Ovviamente non si può fare tutto, ma cerchiamo di essere il più possibile solidali con i nostri concittadini, soprattutto i meno fortunati. In questo senso riteniamo la collaborazione con I Dogi, così come quella con Alex Zanardi, particolarmente meritevoli di attenzione perché promuovono ottimismo e ridanno speranza a persone che nello sport paralimpico spesso trovano una nuova ragione di vita. E, non ultimo, costituiscono un esempio cui tutti noi, normodotati giovani e non, possiamo fare riferimento per migliorare la nostra forza di volontà, la nostra autostima, la tolleranza e il rispetto del prossimo”.

Prosegue infatti la collaborazione del Consorzio Prosecco Doc con I Dogi, selezione che – insieme ad ASD Padova Rugby Onlus e ASD Tiki 4 Sport – sta organizzando un evento di alto livello nell’ambito del Rugby Paralimpico: un test match che verrà disputato tra la rappresentativa de I Dogi e una Selezione francese proveniente da Tolone, Montpellier e Tolosa.

L’evento sportivo vero e proprio, costituito dalla partita, sarà preceduto da altre iniziative di sensibilizzazione e formazione rivolte ai più giovani: un intervento formativo dedicato agli studenti dell’Istituto Superiore “Liceo Scientifico Paleocapa” di Rovigo, finalizzato a valorizzare il rugby quale valido mezzo di inclusione sociale nel mondo delle disabilità; la proiezione del cortometraggio “Sulle ruote” cui seguirà una spiegazione della disciplina Rugby Paralimpico con la presenza di atleti, tecnici e dirigenti de I Dogi e di Padova Rugby; l’allestimento di una mostra fotografica raccontata attraverso le immagini più suggestive della storia sportiva de I Dogi, icona di eccellenza, passione e identità sportiva.

La partita “I DOGI vs TOULON – Credit Agricol Friuladria test match rugby paralimpico” si svolgerà nel Palazzetto dello Sport di Rovigo, in Largo Atleti Azzurri d’Italia, sabato 26 maggio. Ingresso libero.

Novità ai Giardini Montanelli – Milano

gioco-al-centro
gioco-al-centro

Una grande festa aperta a tutti i bambini ha inaugurato questa mattina la nuova area giochi accessibile ai Giardini Montanelli. L’intervento è il primo del progetto “Parchi gioco per Tutti” – promosso dalla nascente Fondazione di Comunità Milano, da Fondazione Cariplo e dal Comune di Milano – che si propone di realizzare aree attrezzate che consentano ai bambini con e senza disabilità di giocare insieme grazie a giochi accessibili e senza barriere nei parchi pubblici dei nove Municipi della città.

La scelta dei Giardini Montanelli come intervento pilota è stata condivisa dal Comune, dal Comitato Promotore della Fondazione di Comunità Milano e da Fondazione Cariplo e ha raccolto il parere favorevole della Sovrintendenza e del Consiglio di Zona del Municipio 1.

È stato compiuto in tempi brevi grazie all’intervento dell’assessorato al Verde, che ha realizzato i lavori di riqualificazione e di ampliamento dello spazio giochi, e alla collaborazione con le Associazioni delegate al Tavolo permanente per la Disabilità e alla delegata del Sindaco per le Politiche sull’Accessibilità, Lisa Noja.

“Tutte le città – ha detto il Sindaco di Milano, Giuseppe Sala – dovrebbero avere parchi giochi accessibili e sicuri per tutti i bambini. Non si tratta solo di creare luoghi belli dove i più piccoli possono divertirsi insieme, senza mai pensare di essere esclusi, ma di far crescere una città nuova dove si vive, si usano i mezzi pubblici, si va a scuola, si lavora e si può giocare in condizioni di parità con tutti.
Prima che una trasformazione architettonica è una rivoluzione culturale che a Milano è già iniziata, che al sito di Expo 2015 abbiamo reso evidente e che intendiamo portare avanti con decisione su tutta la città. Bene quindi il progetto dei parchi gioco realizzati grazie a Fondazione Cariplo e alla nascente Fondazione Comunità Milano che si aggiungeranno al parco Formentano dove qualche anno fa abbiamo dimostrato come sia semplice cambiare per il meglio”.

“La prima condizione per cui le persone possono stare insieme e creare relazioni solidali è che ci siano luoghi accessibili a tutti – ribadisce il presidente di Fondazione Cariplo, Giuseppe Guzzetti – il progetto che presentiamo si impegna a rendere accessibili i parchi gioco dei giardini pubblici ed a creare spazi d’incontro e socializzazione pensati per i bambini e le famiglie milanesi. Lo avviamo ancor prima di rendere ufficiale la nascita della fondazione comunitaria di Milano, che sarà un motore filantropico per la città, che con il contributo di tutti: attori pubblici, privati e cittadini agevolerà la realizzazione di progetti concreti per migliorare il benessere e la qualità della vita della nostra comunità. Animare le comunità, sostenerle, valorizzare le energie presenti, creare occasioni per crescere insieme. Questo è il ruolo di una fondazione di comunità”.

L’intervento è stato svolto su un’area giochi che già disponeva di strutture che sono integrate ampliandolo spazio a disposizione con la pavimentazione anti-trauma colorata per un totale di 570 mq: oggi i tutti i bambini possono divertirsi con diverse strutture: Basket Young, Pannello Goal, Pencil, Shawn, Shop, un gioco Carosello, una casetta Multi Xc03 e due nuove altalene.

Attrezzare l’area giochi con questa attenzione all’accessibilità è stato possibile grazie alla raccolta fondi promossa dal Comitato Promotore della Fondazione di Comunità Milano e da Fondazione Cariplo. I nuovi giochi sono infatti il frutto di un gesto di solidarietà di privati cittadini, di imprese ed enti che hanno condiviso le finalità del progetto ed hanno permesso di acquistarli e di donarli alla comunità.

Il progetto si è avvalso inoltre delle competenze pedagogiche dell’associazione “L’abilità”, del contributo specialistico di UILDM Milano (Unione Italiana Lotta alla Distrofia Muscolare) e del confronto con le esperienze di Disabili No Limits e di Inter Campus per le caratteristiche ludiche ed ergonomiche.

I criteri utilizzati nella scelta dei giochi, da un lato, hanno verificato l’accessibilità ai bambini con disabilità motoria e intellettiva, dall’altro hanno assicurato che favorissero l’incontro e il gioco tra i bambini con e senza disabilità.

Il dialogo con l’associazione AGIAMO, Amici dei Giardini Montanelli, ha permesso ai partner del progetto di conoscere il parco e le modalità di fruizione dell’area giochi.
Ma l’iniziativa non si ferma al solo intervento strutturale, prevede infatti un’attività educativa rivolta alle bambine e ai bambini delle classi dalla prima alla terza della Scuola Primaria di promo grado, svolta in collaborazione con le associazioni L’abilità e UILDM Milano. Il primo intervento sarà avviato nell’anno scolastico 2018/2019 nelle 13 scuole del Municipio 1; oltre agli alunni saranno coinvolti i loro insegnanti e genitori con laboratori dedicati al tema del gioco e della diversità.

Dopo la presentazione alla stampa e il simbolico taglio del nastro con le autorità, la giornata di oggi ha visto tantissimi bambini sperimentare e condividere i nuovi giochi guidati dagli educatori di Amamente. Sono inoltre state proposte una serie di attività: il laboratorio orchestrale classico-sinfonico dell’orchestra AllegroModerato, la Dragon Goal con gli allenatori internazionali di Inter Campus, lo spettacolo Moon Afternoon con gli attori di Amamente, le magiche bolle di sapone con BillyBolla.

Collaborazione Rufa e Anffas Macerata

Scarponi e Mongelli
Scarponi e Mongelli

Non un semplice calendario, ma un progetto artistico di ampio respiro che rivolge la propria attenzione al concetto di inclusione sociale. Grazie ad un accordo di collaborazione fra la sezione di Macerata di Anffas (Associazione nazionale famiglie di persone con disabilità intellettiva e/o relazionale) e la Rome University of Fine Arts, gli studenti di graphic design del primo anno saranno chiamati a partecipare ad un particolarissimo contest destinato ad individuare l’idea che meglio descrive le finalità dell’associazione da inserire in quello che sarà il lunario del 2019.

La bozza progettuale, secondo quanto previsto dal bando, dovrà essere realizzata entro il mese di luglio. Lo studente, o il gruppo di studenti, che si aggiudicherà il contest riceverà un premio in denaro di 500 euro. Il riconoscimento è messo disposizione da Anffas Macerata.

Ma non è tutto: al vincitore, infatti, è garantito un tirocinio da svolgere presso lo studio “Grafò Comunicazione Visiva” di Roma che curerà la fase di preparazione degli elaborati per la produzione. Tutti i lavori presentati saranno esposti nella sede Anffas e in altre location della città marchigiana.

Il partenariato è stato siglato nei giorni scorsi da Marco Scarponi, presidente Anffas Macerata, e dal direttore Rufa Fabio Mongelli. Alla cerimonia, sobria e minimalista, ha partecipato anche la docente Claudia Illuzzi che guiderà gli allievi nella declinazione della proposta.

«Fa parte della nostra attività didattica – spiega la stessa Illuzzi – realizzare un progetto con un committente reale ed è un piacere realizzarlo con i referenti di Anffas Macerata, poiché i ragazzi avranno l’occasione di creare un prodotto con un messaggio solidale importante».

«Quando la creatività si connette al sociale – afferma Fabio Mongelli – il risultato finale è già di per sé positivo. Non posso dunque che accogliere di buon grado questo progetto, nella consapevolezza che gli studenti Rufa avranno modo di riflettere, ricevendo stimoli e fabbricando contenuti idonei ed adeguati».

«Anffas – spiega Mario Scarponi – è un’associazione gestita da familiari di persone con disabilità intellettiva e relazionale senza scopo di lucro che persegue esclusivamente finalità di solidarietà sociale nel campo dell’assistenza sociale e sociosanitaria. Questo calendario aprirà a nuove modalità di informazione».

“Run Smile Live Hand”

la mano del bambino - associazione
la mano del bambino – associazione

Promuovere attività formative e informative per trasmettere un messaggio preciso: la tempestiva cura e riabilitazione delle lesioni (400 casi ogni 100.000 abitanti) e malformazioni (1 bimbo su 1.500 nati) a carico delle mani nei bambini può favorire il recupero integrale dell’arto. Sono gli obiettivi del progetto “Run Smile Live Hand” con cui l’Associazione “La Mano del Bambino”, nata nel 2008 per colmare una lacuna importante su queste condizioni, partecipa per il quinto anno consecutivo alla EA7 Emporio Armani Milano Marathon, prevista per domenica 8 aprile.

Il grande evento sportivo, che ogni anno trasforma il capoluogo lombardo in un lungo percorso podistico per runners professionisti e amatoriali, grazie al charity program dal motto “Corri, dona, vinci” nel 2017 ha visto presenti quasi 100 Onlus, con una raccolta fondi complessiva di 1 milione e mezzo di euro.

A correre come testimonial sotto il logo “La Mano del Bambino” sarà, anche per l’edizione 2018, il noto maratoneta italiano Luca Zanardini.

«Sono fiero di occuparmi nuovamente della partecipazione dell’Associazione all’EA7 Emporio Armani Milano Marathon. Correremo insieme e visto il grande successo dell’edizione 2017, con più di 100 runners che indossavano l’ormai mitica maglia blu, abbiamo deciso di replicarlo grazie a molte iniziative stimolanti pensate appositamente per i nostri ospiti. Quest’anno, inoltre, la nostra maglia avrà una novità che ci distinguerà e ci farà sentire ancora più uniti nel nome della “MANO”. Non mi rimane che inviare a tutti i corridori i miei migliori auguri per questa edizione della Marathon e che vinca il migliore!» – ha affermato l’atleta che per la prima volta parteciperà all’intera maratona; dopo aver corso quella di New York, ora tocca a Milano.

Quest’anno parteciperanno in favore de “La Mano del Bambino” 30 team di staffetta e 12 maratoneti per un totale di 132 runners. Tra questi, per il secondo anno, anche il noto runner Michele Evangelisti con altri amici maratoneti e il gruppo di triatleti 0TRI1 Triathlon Team Como.

Venerdì 6 aprile, presso il Centro Congressi “Le Stelline”, saranno consegnati ufficialmente i pettorali e le magliette con i loghi della EA7 Emporio Armani Milano Marathon. All’evento sarà presente Federica Napoli del gruppo musicale “Il Pagante” che ha voluto conoscere la realtà del reparto di Chirurgia della Mano dell’Ospedale San Giuseppe decidendo di sostenere il progetto “Run Smile Live Hand”. Grazie alla carica e l’energia che la contraddistinguono saprà coinvolgere tutti i ragazzi più giovani presenti.

Il giorno della gara, infine, alcuni volontari presso un gazebo ai Giardini Indro Montanelli saranno impegnati in attività d’informazione e sensibilizzazione rivolte al pubblico. I runners che avranno ottenuto le migliori performance riceveranno – come ogni anno – un premio a sorpresa, come simbolo di gratitudine per l’impegno verso l’Associazione.

«Ringrazio, come di consueto, tutti coloro che hanno deciso di far parte del nostro gruppo, a partire dall’equipe del reparto di Chirurgia e Riabilitazione della Mano dell’Ospedale San Giuseppe, ma anche realtà come Faro Media S.r.l., ValoreBF, Irene’s Crew, GPM Insurance Broker e A cena con Srl» – conclude Palleroni.

Per informazioni sull’Associazione “La Mano del Bambino” scrivete a info@manobambino.org o visitate il sito dedicato.
Per maggiori informazioni sul progetto “Run Smile Live Hand” cliccate qui.

Trofeo di nuoto per Disabili “Città di Tradate”

martina-rabbolini-in-azione
martina-rabbolini-in-azione

Buoni risultati di Martina Rabbolini al Meeting di nuoto paralimpico che si è svolto domenica 11 febbraio a Tradate.

Nei 100 rana cat. sb11 (non vedenti) si è piazzata al primo posto con il tempo di 1.33,59, stabilendo il nuovo record italiano assoluto.

Nei 400 stile cat. s11 (non vedenti), prima classificata, con il tempo di 5.47,31 (nuovo primato personale).