Riabilitazione robotica nell’arto superiore

LOCANDINA ROBOTICA
LOCANDINA ROBOTICA

Si terrà venerdì 16 novembre prossimo, con inizio alle ore 9, presso il Centro “S. Maria alla Pineta” di Marina di Massa (via don Gnocchi 20) un

L’evento, che ha ottenuto il patrocinio della Società Italiana di Medicina Fisica e Riabilitativa (SIMFER) e della Società Italiana di Riabilitazione Neurologica (SIRN), si svolgerà con la Direzione scientifica della prof.ssa Maria Chiara Carrozza, Direttore Scientifico della Fondazione Don Gnocchi.

La Segreteria scientifica vede la stretta collaborazione tra Fondazione Don Gnocchi (dott.ssa Francesca Cecchi, Responsabile riabilitazione neuromotoria Massa e Fivizzano), Scuola Superiore S. Anna di Pisa (ing. Stefano Mazzoleni, Istituto di BioRobotica), e Ospedale Versilia (dott. Federico Posteraro, Responsabile Area Nord, Dipartimento di Riabilitazione, ASL Toscana Nord Ovest).

I lavori saranno introdotti dal Direttore Generale della Fondazione Don Gnocchi, Francesco Converti e dal Direttore delle strutture toscane e ligure, Fabio Carlotti. Seguirà la relazione della prof.ssa Carrozza sugli sviluppi futuri della riabilitazione robot-mediata.

L’obiettivo è di stimolare un confronto aperto e collaborativo tra i diversi attori che entrano in gioco nella riabilitazione tecnologica, presentando un aggiornamento sugli sviluppi della progettazione di dispositivi robotici per la riabilitazione, sulla base dell’efficacia degli stessiattestata da studi clinici e sull’utilizzo di queste macchine per la riabilitazione di diverse patologie.

Momento pregnante sarà la presentazione di diverse esperienze da parte di fisioterapisti, ingegneri, fisiatri, principalmente provenienti da diverse strutture toscane e di Fondazione che utilizzano i robot.

Lo scopo è infatti quello di sviluppare un dialogo proficuo tra le tre figure cardine che, insieme al paziente, entrano in gioco nello sviluppo e l’implementazione di trattamenti robotici, come l’ingegnere, il medico e il terapista, per un passaggio efficace dalla ricerca all’implementazione pratica.

In alcune strutture toscane della Fondazione Don Gnocchi, come a Firenze e nella vicina Fivizzano (MS), da alcuni anni sono operativi robot esistemi tecnologici estremamente avanzati, che integrano il lavoro svolto dai fisioterapisti in palestra per la riabilitazione dell’arto superiore, in particolare in pazienti colpiti da ictus.

Il Centro di Marina di Massa, che è stato coinvolto in uno studio multicentrico di confronto tra riabilitazione robotica e riabilitazione tradizionale nei pazienti con esiti di Stroke, da poche settimane è stato dotato di un sistema robotico per la riabilitazione dell’arto superiore denominato MOTORE, che si è dimostrato utile sia per i pazienti con esiti di Ictus che per quelli affetti da altre patologie e che sarà utilizzabile sia per pazienti degenti che per trattamenti ambulatoriali.

Testimonial parchi gioco inclusivi della Lombardia

Arianna Talamona
Arianna Talamona

Sara’ Arianna Talamona, 24enne campionessa paralimpica di nuoto, la testimonial dei parchi gioco inclusivi fortemente voluti dalla Giunta regionale lombarda. L’annuncio e’ arrivato dopo un incontro con il presidente della Regione Lombardia Attilio Fontana e con gli assessori Martina Cambiaghi (Sport e Giovani), Stefano Bolognini (Politiche sociali, abitative e disabilita’) e Davide Caparini (Bilancio).

“Arianna – ha spiegato Bolognini – e’ un personaggio molto positivo, pieno di energia e soprattutto e’ capace di trasmettere valori importanti ai nostri giovani. Per questo abbiamo voluto condividere con lei un progetto al quale teniamo molto e che ha una finalita’ nobile: vale a dire sensibilizzare sul tema della disabilita’, abbattendo il piu’ possibile le barriera architettoniche a partire dai parco giochi”.

“L’idea – ha continuato – e’ nata da un confronto sul territorio con gli Enti locali e con Ledha, la Lega per i diritti delle persone con disabilita’ onlus.
Quello che per un ragazzo puo’ sembrare un bene superfluo, come per esempio una piccola pavimentazione antisdrucciolo, per un bambino portatore di disabilita’ diventa un’opportunita’ preziosa, se non irrinunciabile, che vogliamo diffondere”.

Da qui lo stanziamento di 1 milione di euro a fondo perduto per i Comuni o le Unioni di Comuni (da 10 a 30 mila
abitanti) per eliminare le barriere architettoniche nei parchi e per installare strutture di gioco e sport fruibili anche dai minori disabili.
I progetti ammessi saranno finanziati sino ad esaurimento delle risorse e ad ognuno sara’ riconosciuto un importo compreso fra 10 e 25.000 euro.

Novità Educazione Scolastica del Terzo Settore

disabili a scuola
disabili a scuola

Sono state approvate dalla Giunta le linee guida per la formazione di un elenco di soggetti del Terzo Settore accreditati che co-progetteranno insieme a famiglie e scuole e gestiranno il servizio di assistenza educativa agli oltre 4.500 alunni con disabilità che frequenteranno per l’anno scolastico 2018/2019 le Scuole dell’Infanzia (statali e paritarie), le Primarie o le Secondarie di primo e secondo grado di Milano.

Sono 190 gli Istituti di ogni ordine e grado (per la prima volta anche le scuole superiori) che, grazie al nuovo elenco che sarà istituito con l’apertura dell’avviso pubblico, potranno selezionare l’ente del Terzo Settore che meglio si adatta alle esigenze degli alunni che ospitano: 75 Istituti comprensivi statali, 40 Scuole dell’Infanzia, Primarie e Secondarie di primo grado paritarie, 45 Scuole secondarie di secondo grado statali e 13 paritarie, 17 Istituti professionali.

Il Comune si rende in questo modo non solo erogatore – attraverso gli 8,5 milioni di euro previsti per l’assistenza educativa nel 2018, cui si aggiungono circa 4 milioni di euro da parte di Regione Lombardia per le scuole superiori – ma anche e soprattutto regolatore, promotore e garante della qualità e dell’omogeneità dei servizi, attraverso uno strumento che garantisce a famiglie e Dirigenti scolastici adeguati livelli di trasparenza, concorrenza e affidabilità professionale.

Le manifestazioni degli Enti interessati ad accreditarsi saranno valutate da una commissione e dovranno rispettare alcuni requisiti minimi tra cui, a titolo di esempio, una maturata esperienza nel servizio di assistenza educativa per la comunicazione e le relazioni sociali a scuola, la presenza di figure professionali competenti con specifico titolo per la tipologia di intervento richiesto e adeguato inquadramento contrattuale, una Carta dei Servizi con le modalità di erogazione e le tipologie di prestazioni assicurate, radicamento nel territorio, collegamento con la rete dei servizi pubblici e privati, capacità di realizzare sinergie e di garantire continuità e unitarietà nei confronti dei bambini e ragazzi con disabilità in relazione alle singole specificità.

I Dogi vs Toulon

Locandina dogi vs tolone
Locandina dogi vs tolone

”In questo momento storico le nostre bollicine stanno vivendo una stagione di successi senza precedenti che ritengo doveroso condividere con il territorio nel quale il Prosecco trae origine – spiega il presidente del Consorzio Prosecco Doc Stefano Zanette –.

“Ovviamente non si può fare tutto, ma cerchiamo di essere il più possibile solidali con i nostri concittadini, soprattutto i meno fortunati. In questo senso riteniamo la collaborazione con I Dogi, così come quella con Alex Zanardi, particolarmente meritevoli di attenzione perché promuovono ottimismo e ridanno speranza a persone che nello sport paralimpico spesso trovano una nuova ragione di vita. E, non ultimo, costituiscono un esempio cui tutti noi, normodotati giovani e non, possiamo fare riferimento per migliorare la nostra forza di volontà, la nostra autostima, la tolleranza e il rispetto del prossimo”.

Prosegue infatti la collaborazione del Consorzio Prosecco Doc con I Dogi, selezione che – insieme ad ASD Padova Rugby Onlus e ASD Tiki 4 Sport – sta organizzando un evento di alto livello nell’ambito del Rugby Paralimpico: un test match che verrà disputato tra la rappresentativa de I Dogi e una Selezione francese proveniente da Tolone, Montpellier e Tolosa.

L’evento sportivo vero e proprio, costituito dalla partita, sarà preceduto da altre iniziative di sensibilizzazione e formazione rivolte ai più giovani: un intervento formativo dedicato agli studenti dell’Istituto Superiore “Liceo Scientifico Paleocapa” di Rovigo, finalizzato a valorizzare il rugby quale valido mezzo di inclusione sociale nel mondo delle disabilità; la proiezione del cortometraggio “Sulle ruote” cui seguirà una spiegazione della disciplina Rugby Paralimpico con la presenza di atleti, tecnici e dirigenti de I Dogi e di Padova Rugby; l’allestimento di una mostra fotografica raccontata attraverso le immagini più suggestive della storia sportiva de I Dogi, icona di eccellenza, passione e identità sportiva.

La partita “I DOGI vs TOULON – Credit Agricol Friuladria test match rugby paralimpico” si svolgerà nel Palazzetto dello Sport di Rovigo, in Largo Atleti Azzurri d’Italia, sabato 26 maggio. Ingresso libero.

Novità ai Giardini Montanelli – Milano

gioco-al-centro
gioco-al-centro

Una grande festa aperta a tutti i bambini ha inaugurato questa mattina la nuova area giochi accessibile ai Giardini Montanelli. L’intervento è il primo del progetto “Parchi gioco per Tutti” – promosso dalla nascente Fondazione di Comunità Milano, da Fondazione Cariplo e dal Comune di Milano – che si propone di realizzare aree attrezzate che consentano ai bambini con e senza disabilità di giocare insieme grazie a giochi accessibili e senza barriere nei parchi pubblici dei nove Municipi della città.

La scelta dei Giardini Montanelli come intervento pilota è stata condivisa dal Comune, dal Comitato Promotore della Fondazione di Comunità Milano e da Fondazione Cariplo e ha raccolto il parere favorevole della Sovrintendenza e del Consiglio di Zona del Municipio 1.

È stato compiuto in tempi brevi grazie all’intervento dell’assessorato al Verde, che ha realizzato i lavori di riqualificazione e di ampliamento dello spazio giochi, e alla collaborazione con le Associazioni delegate al Tavolo permanente per la Disabilità e alla delegata del Sindaco per le Politiche sull’Accessibilità, Lisa Noja.

“Tutte le città – ha detto il Sindaco di Milano, Giuseppe Sala – dovrebbero avere parchi giochi accessibili e sicuri per tutti i bambini. Non si tratta solo di creare luoghi belli dove i più piccoli possono divertirsi insieme, senza mai pensare di essere esclusi, ma di far crescere una città nuova dove si vive, si usano i mezzi pubblici, si va a scuola, si lavora e si può giocare in condizioni di parità con tutti.
Prima che una trasformazione architettonica è una rivoluzione culturale che a Milano è già iniziata, che al sito di Expo 2015 abbiamo reso evidente e che intendiamo portare avanti con decisione su tutta la città. Bene quindi il progetto dei parchi gioco realizzati grazie a Fondazione Cariplo e alla nascente Fondazione Comunità Milano che si aggiungeranno al parco Formentano dove qualche anno fa abbiamo dimostrato come sia semplice cambiare per il meglio”.

“La prima condizione per cui le persone possono stare insieme e creare relazioni solidali è che ci siano luoghi accessibili a tutti – ribadisce il presidente di Fondazione Cariplo, Giuseppe Guzzetti – il progetto che presentiamo si impegna a rendere accessibili i parchi gioco dei giardini pubblici ed a creare spazi d’incontro e socializzazione pensati per i bambini e le famiglie milanesi. Lo avviamo ancor prima di rendere ufficiale la nascita della fondazione comunitaria di Milano, che sarà un motore filantropico per la città, che con il contributo di tutti: attori pubblici, privati e cittadini agevolerà la realizzazione di progetti concreti per migliorare il benessere e la qualità della vita della nostra comunità. Animare le comunità, sostenerle, valorizzare le energie presenti, creare occasioni per crescere insieme. Questo è il ruolo di una fondazione di comunità”.

L’intervento è stato svolto su un’area giochi che già disponeva di strutture che sono integrate ampliandolo spazio a disposizione con la pavimentazione anti-trauma colorata per un totale di 570 mq: oggi i tutti i bambini possono divertirsi con diverse strutture: Basket Young, Pannello Goal, Pencil, Shawn, Shop, un gioco Carosello, una casetta Multi Xc03 e due nuove altalene.

Attrezzare l’area giochi con questa attenzione all’accessibilità è stato possibile grazie alla raccolta fondi promossa dal Comitato Promotore della Fondazione di Comunità Milano e da Fondazione Cariplo. I nuovi giochi sono infatti il frutto di un gesto di solidarietà di privati cittadini, di imprese ed enti che hanno condiviso le finalità del progetto ed hanno permesso di acquistarli e di donarli alla comunità.

Il progetto si è avvalso inoltre delle competenze pedagogiche dell’associazione “L’abilità”, del contributo specialistico di UILDM Milano (Unione Italiana Lotta alla Distrofia Muscolare) e del confronto con le esperienze di Disabili No Limits e di Inter Campus per le caratteristiche ludiche ed ergonomiche.

I criteri utilizzati nella scelta dei giochi, da un lato, hanno verificato l’accessibilità ai bambini con disabilità motoria e intellettiva, dall’altro hanno assicurato che favorissero l’incontro e il gioco tra i bambini con e senza disabilità.

Il dialogo con l’associazione AGIAMO, Amici dei Giardini Montanelli, ha permesso ai partner del progetto di conoscere il parco e le modalità di fruizione dell’area giochi.
Ma l’iniziativa non si ferma al solo intervento strutturale, prevede infatti un’attività educativa rivolta alle bambine e ai bambini delle classi dalla prima alla terza della Scuola Primaria di promo grado, svolta in collaborazione con le associazioni L’abilità e UILDM Milano. Il primo intervento sarà avviato nell’anno scolastico 2018/2019 nelle 13 scuole del Municipio 1; oltre agli alunni saranno coinvolti i loro insegnanti e genitori con laboratori dedicati al tema del gioco e della diversità.

Dopo la presentazione alla stampa e il simbolico taglio del nastro con le autorità, la giornata di oggi ha visto tantissimi bambini sperimentare e condividere i nuovi giochi guidati dagli educatori di Amamente. Sono inoltre state proposte una serie di attività: il laboratorio orchestrale classico-sinfonico dell’orchestra AllegroModerato, la Dragon Goal con gli allenatori internazionali di Inter Campus, lo spettacolo Moon Afternoon con gli attori di Amamente, le magiche bolle di sapone con BillyBolla.