“17 Border Crossing” al Teatro Franco Parenti

17 border crossings
17 border crossings

Lo spettacolo 17 Border Crossings sarà in Italia dal 3 al 6 marzo al Teatro Franco Parenti di Milano.
La tournée internazionale proseguirà in Romania e USA.

Accolto negli Stati Uniti e in Europa come un piccolo capolavoro colto, divertente, acuto, esilarante e profondamente commovente, 17 Border Crossings si muove sul terreno incerto e mobile dell’attraversamento della linea di transito fra territori, lingue, culture, leggi, accadimenti storici. Dall’Ungheria alla Serbia, dal Marocco alla Colombia, dall’Olanda alla Francia, da Singapore a Bali, nel viaggio di Thaddeus Phillips incontriamo chi attraversa i confini per le motivazioni più disparate, e chi i confini li difende: rifugiati, uomini d’affari o in uniforme, mercenari, mistici. Gente onesta e corrotta, intelligente e stupida. Con ogni mezzo: in aereo, treno, barca, pullman, in moto o in auto. A volte anche a piedi.

Fra deportazioni, perquisizioni, attraversamenti illegali, passaporti falsi 17 Border Crossings è uno sguardo straziante, comico e surreale sulle linee immaginarie che dividono il mondo e sulle barriere che creano. Luoghi in cui si snodano le politiche di immigrazione, riflesso dell’immagine di sé di ogni nazione.

Lo spettacolo è in lingua originale.

Regione Lombardia in campo contro abusivismo Taxi

Riccardo De Corato
Riccardo De Corato

Taxi abusivi a Malpensa, De Corato: Regione avvierà campagna mediatica
L’Assessore: voglio incontrare a breve i vertici della Sea

L’assessore regionale alla Sicurezza, Immigrazione e Polizia locale, Riccardo De Corato ha “ringraziato la Guardia di Finanza per i controlli effettuati in un anno all’aeroporto di Malpensa che hanno portato alla scoperta di 47 tassisti irregolari, dei quali 9 completamente abusivi”.

Regione Lombardia in campo contro abusivismo Taxi – “L’abusivismo dei taxi è una problematica di grande attualità. Come Regione, infatti, entro la fine dell’anno metteremo in campo una campagna mediatica contro questo fenomeno. Auspico che le rispettive Polizie locali della Lombardia, negli aeroporti di Linate, Orio al Serio e Malpensa e nelle città ove insistono le stazioni ferroviarie più trafficate, seguano questo esempio. Bisogna smascherare i tassisti irregolari che offrono il loro servizio a costi alterati”.

Incontrare vertici Sea – “È mia intenzione – conclude De Corato – incontrare al più presto i vertici della Sea ed organizzare assieme campagne pubblicitarie contro i taxi abusivi. Nel frattempo – la Sea potrebbe riproporre quanto fatto dalla Società aeroporti di Roma all’interno dell’area arrivi a Fiumicino, posizionando a Malpensa, Linate e Orio al Serio un percorso di segnaletica orizzontale e verticale anti-taxi abusivo”.

Basta sprechi con «Chef save the food!»

CSTF - Chef_Chiara_Marco
CSTF – Chef_Chiara_Marco

Basta sprechi con «Chef save the food!»

Chiara Carcano, Marco Ferri e la doppia stella Michelin Alessandro Negrini

dal 20 febbraio in seconda serata su LA5

All’insegna del basta sprechi, delle scelte green e del save the Planeth, arriva su LA5 «Chef Save The Food!». In onda dal 20 febbraio in seconda serata sulla rete diretta da Marco Costa, il programma è condotto da Chiara Carcano e Marco Ferri, con la supervisione del pluristellato chef Alessandro Negrini.

Ogni giorno, in Italia (come nel resto del mondo) si buttano tonnellate di cibo. Ma risparmiare non solo è possibile. È anche appetitoso. Una strada facilmente perseguibile da tutti, come dimostreranno le coppie impegnate nel match di «Chef Save The Food!» e lo chef Negrini, con i suoi preziosi consigli.

Un menù di tre portate, un ingrediente a sorpresa e la propria dispensa quale unica fonte di approvvigionamento e chance per la vittoria: questi gli elementi del programma realizzato dalla casa di produzione mediaMai, per sensibilizzare il grande pubblico nei confronti del risparmio alimentare.

La vittoria, secondo insindacabile – e spesso sorprendente – giudizio dello chef, decreterà chi sia stato capace di preparare un buon menù, usando in maniera originale quanto presente in casa e sprecando il meno possibile.

Alessandro Negrini è uno degli chef dello storico Il Luogo di Aimo e Nadia, a Milano. Dopo la scuola alberghiera, la carriera lo vede impegnato all’Hotel Palace di Saint Moritz, al Gallia Palace di Punta Ala, a Il Luogo di Aimo e Nadia, Dal Pescatore di Nadia Santini e, ancora, nel ristorante milanese. Il piatto che più lo rappresenta è il Tirami-Sud. Ama la Lavanda e il suo comfort food sono gli spaghetti con la Pummarola.

Chiara Carcano, influencer e volto televisivo, ha partecipato a Donnavventura, al backstage del Wind Summer Festival ed è stata postina di C’è Posta per Te. A Radio105 è voce del programma #CosìFanTutte.

Marco Ferri, fashion model e influencer, ha debuttato in TV con programmi come il Gran Hermano VIP 5, in America Latina. In Italia ha partecipato all’Isola dei Famosi, edizione 2018.

«Chef save the food!»

Spreco alimentare: numeri, impatto, previsioni

In Italia, il consumatore getta una media di 110,5 kg di cibo all’anno.

In termini di costi, si traduce in una perdita di circa 450 euro l’anno a famiglia.

Il cibo è energia per la vita, racconta la storia di un territorio e del suo popolo, emoziona, unisce. L’alimentazione ha valore nutritivo, sociale, culturale ed ecologico, mettendo in relazione l’uomo e la natura.

Avere consapevolezza del cibo, dell’ambiente e delle conseguenze generate dal suo spreco è il primo passo per contrastare comportamenti negativi.

La popolazione globale consuma tutte le risorse naturali a disposizione, annualmente, già dal 1° agosto dell’anno in corso (Global Footprint Network, 2018). Questo momento è denominato Giorno del sovrasfruttamento delle risorse della Terra (Earth Overshoot Day) e rappresenta il superamento del limite delle risorse disponibili. Dagli Anni ’70, questo limite continua ad anticiparsi: nell’arco di circa 40 anni, si è passati a identificare l’Earth Overshoot Day dal 29 dicembre all’attuale 1° agosto.

Secondo uno studio pubblicato da Environmental Science & Technology, condotto dal Potsdam Institute for Climate Impact Research, si stima che nel 2050 il fabbisogno globale di cibo aumenterà tra il 2% e il 20%, e che le emissioni di gas serra del settore agricolo aumenteranno dalle attuali 0,5% giga-tonnellate di CO2 annue a una cifra compresa tra 1,9% e 2,5%.

I dati della FAO dicono che con il cibo buttato nella sola Europa, si potrebbero sfamare 200 milioni di persone. In Italia, in particolare, sono ancora alte le percentuali degli sprechi domestici di cibo: il consumatore arriva a gettare una media di 110,5 kg di cibo all’anno, indizio di una scarsa attenzione e di una bassa sensibilità nei confronti dello spreco.

L’Osservatorio sugli sprechi ha rilevato che, in Italia, tra i prodotti più sprecati a livello domestico si trovano pesce (15%), frutta e verdura (17%), pasta e pane (28%), uova (29%), carne (30%) e latticini (32%). In termini di costi, questo si traduce in una perdita di circa 450 euro l’anno a famiglia.

Nella filiera di approvvigionamento alimentare, la fase produttiva, la fase distributiva e la fase del consumo sono quelle in cui si verificano i maggiori sprechi. Il programma di LA5 si focalizzerà proprio sulla fase del consumo, perché intervenire sul fronte dell’informazione e della sensibilizzazione dei consumatori è fondamentale. In questa fase, e principalmente nei Paesi ricchi, infatti, avvengono gli sprechi più consistenti.

Tra le principali cause di spreco: le cattive abitudini di spesa di milioni di persone; l’inosservanza delle indicazioni poste in etichetta sulla corretta modalità di conservazione degli alimenti; le date di scadenza troppo rigide; la tendenza a servire porzioni di cibo troppo abbondanti; le promozioni, che spingono i consumatori a comprare più cibo del necessario.

Senza una corretta educazione del consumatore volta a modificare i suoi comportamenti errati, che costituiscono la causa principale dello spreco alimentare, le iniziative di intervento in fase di produzione – mirate alla riduzione e/o al recupero dei prodotti alimentari, non più vendibili ma ancora commestibili – risultano inefficaci.

È fondamentale anche ricordare che lo spreco alimentare si traduce in un enorme sperpero di risorse, tra cui acqua, terra, energia, lavoro e capitali, e in ulteriori emissioni di gas serra, che contribuiscono al riscaldamento globale e ai cambiamenti climatici.

Il gas metano prodotto dal cibo che finisce in discarica è 21 volte più dannoso dell’anidride carbonica. La metà dell’impatto ambientale (52%) è dovuto allo spreco di cibo ed è causato dalle economie domestiche e dalla gastronomia (mentre il 27% dall’industria di trasformazione e solo l’8% dal commercio).

«Chef Save The Food!» è parte di un progetto volto ad aumentare la conoscenza e l’educazione dei cittadini consumatori verso un consumo consapevole e responsabile.

L’intento è promuovere principi virtuosi di etica e di stili di vita responsabili, tramite attività di lotta allo spreco di risorse e di educazione al risparmio.

Il progetto Consuma Consapevole & Responsabile è finanziato dal Ministero dello Sviluppo Economico (DM 7 febbraio 2018) e ideato da CODICI – Centro per i diritti del cittadino.

«Siamo in sei miliardi su questo Pianeta e produciamo cibo per 12 miliardi di persone.

Ogni giorno solo in Italia vengono buttate più di 4.000 tonnellate di cibo, in Europa 50.000.

Questo mentre 17.000 bambini muoiono ogni giorno di fame. Insostenibile è dire poco».

Bambini e cellulare: arriva il manuale

parole_Ostili
parole_Ostili

Parole O_stili presenta “Il mio telefono”,
il manuale per bambini e genitori che vogliono vivere la Rete con consapevolezza e senza rischi.

All’età di 4-10 anni il 12% dei minori è già in possesso di un cellulare, percentuale che aumenta all’86,4% se si considera la fascia 11-17enni*.

In questo contesto si inserisce “Il mio telefono”, il primo manuale per genitori e insegnanti realizzato da Parole O_Stili, il progetto sociale di sensibilizzazione contro la violenza delle parole, che accompagnerà i più piccoli al loro primo approccio con lo smartphone.

Le 30 pagine spiegano i 10 principi del Manifesto della comunicazione non ostile con un linguaggio semplice e immediato, alternando suggerimenti e consigli sul corretto utilizzo dello strumento e di Internet, con esercizi pratici per allenare subito la propria relazione con il mezzo: dal ruolo delle emoji, al potere virale della rete, dalle conseguenze dell’hate speech al significato di cyberbullismo, dal meccanismo delle fake news alla pericolosità dei troll.

“Crediamo profondamente in questo manuale, perchè è uno strumento pratico e concreto a sostegno di genitori e insegnanti nel difficile ruolo di guidare e affiancare i più piccoli nello sviluppo delle loro competenze digitali. – afferma Rosy Russo, fondatrice di Parole O_Stili – Ricordiamo ai ragazzi che internet è un posto bellissimo, dove bisogna sapere sempre cosa fare e non fare. Per usare il telefono non servono conoscenze tecniche ma saper tenere connessi testa e cuore. Il manuale risponde a una necessità delle famiglie troppo spesso impreparate ad affrontare l’impegnativa sfida dell’educazione digitale dove virtuale è reale”.

Il manuale è il risultato di un lavoro che ha coinvolto docenti, genitori, educatori, sociologi, psicologi che da anni fanno parte della community di Parole O_Stili: ognuno ha contribuito grazie alle proprie competenze.
La stesura finale dei testi, invece, è stata affidata alla prestigiosa firma di Annamaria Testa.

In occasione del quarto incontro annuale dell’associazione – 8 e 9 maggio a Trieste – verrà raccontato a una platea di insegnanti come utilizzarlo in classe per lavorare sullo sviluppo della coscienza digitale degli alunni.

Dal 17 febbraio “Il mio telefono” è disponibile su shop.paroleostili.it al prezzo di 9.99 euro (spese di spedizioni incluse). Un altro modo per diffondere i principi del Manifesto della comunicazione non ostile e sostenere l’associazione Parole O_Stili.

*I dati sono elaborati da Panda Security su quando e come è indicato dare un cellulare ai bambini, incrociati con i dati Auditel-Censis sugli stili di vita delle famiglie.

Il Manifesto della comunicazione non ostile

Il Manifesto con i 10 principi della comunicazione non ostile è stato tradotto in 31 lingue, sottoscritto da oltre 250 sindaci d’Italia e protagonista della firma di un protocollo d’intesa con il MIUR. In soli 4 anni sono state realizzate oltre 200 schede didattiche che hanno permesso a 7.000 insegnanti di fare oltre 700 ore di formazione a 190.000 studenti in tutta la Penisola. Agli eventi di sensibilizzazione hanno partecipato oltre 10.000 persone tra cui Gianni Morandi, Laura Boldrini, Enrico Mentana, Michela Murgia, Chiara Galiazzo, Selvaggia Lucarelli, Massimiliano Allegri, Guido Meda e tanti altri. Il Manifesto ha anche ricevuto due medaglie di rappresentanza del Presidente della Repubblica.