Annalisa Renzulli conquista il Premio speciale “Borgo Albori”

Annalisa Renzulli
Annalisa Renzulli

Il Premio arriva grazie alla sua professionalità, passione e intensa interpretazione di “Eleonora Pimentel Fonseca, con civica espansione di cuore”.

L’opera è un omaggio alla politica e giornalista italiana morta nella Repubblica Napoletana del 1799.

Riccardo De Luca insieme all’attrice Annalisa Renzulli hanno deciso di costruire uno spettacolo  intorno a questo personaggio, che è stato poi magistralmente interpretato .

Annalisa Renzulli interpreta  Eleonora donandole la sua napoletaneità e riuscendo a sottolineare le origini portoghesi della donna che lottò per la democrazia.  Sul palco si notano espressioni di chi è magicamente entrata nel ruolo, nel personaggio e per chi è in sala e non conosce la storia, la rivive grazie ad una splendida interpretazione.

Ora le è stato conferito il Premio speciale “Borgo Albori” – sezione Teatro, indetto e patrocinato dal Comune di Vietri sul mare, dalla provincia di Salerno e dalla Regione Campania, per “la raffinata, elevata e passionale capacità interpretativa, nel panorama teatrale nazionale”.

Il 1° settembre, alle ore 19, ad Albori (tra i borghi più belli d’Italia), comune di Vietri sul mare, la cerimonia ufficiale di premiazione in occasione del gran galà della Cultura 2018.

Ultimo

Ultimo
Ultimo

SOLD OUT ANCHE LA SECONDA DATA  AL PALALOTTOMATICA DI ROMA

ULTIMA DATA A MILANO @ MEDIOLANUM FORUM
IL 4 NOVEMBRE

ULTIMO LIVE DI ULTIMO NEL 2018

Dopo l’annuncio del sold out della data di del 2 Novembre al Palalottomatica di Roma e a solo un mese dall’apertura delle vendite della seconda data nella Capitale, Ultimo registra ancora il tutto esaurito per la data romana del 1° Novembre.

Dopo questa nuova doppietta, l’ULTIMA data disponibile del 2018 per vedere ULTIMO “live” resta quella del 4 Novembre al Mediolanum Forum di Milano, con ancora pochissimi biglietti disponibili.

I tre appuntamenti dal vivo di ULTIMO nei due più importanti palazzetti italiani, si apriranno con una DATA ZERO a Roseto Degli Abruzzi, il 30 ottobre 2018 al Pala Remo Maggetti.

Un traguardo importantissimo per ULTIMO, 22enne romano, vincitore nella sezione nuove proposte a Sanremo 2018 con il singolo “Il ballo delle incertezze” – certificato disco di Platino – con l’oro del suo primo album “Peter Pan” e il sold out delle dodici date del suo “Peter Pan Tour 2018” nel mese di Maggio.

Biografia

Niccolò Moriconi, in arte ULTIMO, classe 1996, è nato a Roma. Determinato e pieno di sogni, all’età di 8 anni inizia a studiare musica al conservatorio di Santa Cecilia a Roma da quel momento non ha mai abbandonato la passione per la musica. Niccolò ha scritto le sue prime canzoni a 14 anni, elaborando con il tempo un suo stile che combina cantautorato italiano e hip hop. Nel 2016 vince il contest più importante per gruppi e solisti emergenti di musica hip hop italiana promosso dalla Honiro – iniziando così una collaborazione con l’etichetta – e nel marzo 2017 pubblica il suo singolo d’esordio “Chiave”. A maggio apre il concerto di Fabrizio Moro al PalaLottomatica di Roma, mentre a settembre si esibisce al MACRO – Museo di Arte Contemporanea di Roma – nel corso dell’Honiro Label Party. A ottobre debutta con il suo album d’esordio “Pianeti” – certificato oro – che si posiziona al secondo posto della classifica iTunes.

Il 9 febbraio è uscito il nuovo album intitolato “Peter Pan” (Honiro distr. Believe) certificato disco d’oro, che ha esordito al #4 della classifica ufficiale FIMI/Gfk. Dallo stesso disco è estratto il singolo sanremese “Il Ballo delle Incertezze” già certificato disco di platino.
Il video, pubblicato a dicembre 2017, ad oggi ha superato 23 milioni e mezzo di visualizzazioni.

Fabio Armiliato canta “L’infinito”

L'infinito
L’infinito

di Giacomo Leopardi musicato da Giovanni Nuti

A quasi 200 anni dalla nascita della famosa poesia (composta a Recanati nel 1819), il tenore di fama internazionale Fabio Armiliato canta i celebri versi di Giacomo Leopardi musicati da Giovanni Nuti, compositore noto per il suo “canzoniere“ realizzato con un’altra grande poetessa, Alda Merini. Il brano “L’Infinito“ (etichetta Sagapò) sarà disponibile dal 20 luglio in anteprima su iTunes e successivamente sugli altri stores digitali.

Scrive Fabio Armiliato: “Da sempre musica e poesia si uniscono per creare un connubio artistico ancora più elevato. Aver avuto l’opportunità di cantare L’infinito di Leopardi, cioè una delle massime espressioni poetiche e letterarie, grazie alla musica di un artista come Giovanni Nuti, mi ha riempito cuore e anima, facendomi provare un’esperienza unica e carica di emozioni.
Come scriveva J.S. Bach ‘La musica aiuta a non sentire dentro il silenzio che c’è fuori’ e sono convinto che Leopardi nella sua genialità aveva già sentito l’Infinito della musica nelle sue stesse parole, guardando verso l’eterno, con gli occhi e il cuore di chi non si ferma alle cose terrene”.

Presentato in anteprima il 24 marzo scorso presso la Sala Maffeiana del Teatro Filarmonico di Verona durante la manifestazione “Siamo fatti per l’Infinito” organizzata dall’Accademia Mondiale della Poesia, il brano è stato composto per l’occasione da Giovanni Nuti seguendo la grande tradizione liederistica che ha sempre realizzato il felice matrimonio di musica e poesia. Giovanni Nuti dichiara: “Ho accettato con ‘timore e tremore’ la proposta di Laura Troisi – direttore generale dell’Accademia mondiale della poesia – di musicare i versi de L’infinito di Leopardi. Confrontarsi con uno dei componimenti poetici più noti della letteratura mondiale richiedeva una dose di tracotanza e di incoscienza cui neppure tutti i miei anni di frequentazione e osmosi creativa con Alda Merini mi hanno preparato. Ho cercato di accostarmi con consapevolezza e umiltà a questa poesia, sgombro però di troppe letture e troppe interpretazioni, ‘come se’ la leggessi per la prima volta, in modo da far scaturire la mia musica dall’inesauribile ombra di silenzio del Canto leopardiano. Sono molto felice che l’amico Fabio Armiliato abbia accettato di interpretarlo, impreziosendolo con la sua straordinaria vocalità e la sua grandissima sensibilità interpretativa”.
Prodotto da Paolo Recalcati (Sagapò Music) e Jose Orlando Luciano, che ne ha curato anche l’arrangiamento, il brano L’infinito è interpretato da Fabio Armiliato con l’accompagnamento di Simone Rossetti Bazzaro al violino, Irina Solinas al violoncello e Jose Orlando Luciano al pianoforte.

FABIO ARMILIATO – E’ uno dei tenori più importanti della scena lirica internazionale.
Acclamato dal pubblico grazie alla sua particolare vocalità, al suo impressionante registro acuto e alla sua innata musicalità, senza dimenticare le sue capacità drammatiche e il grande carisma che infonde ai suoi personaggi. Nato a Genova, studiò al Conservatorio Niccolò Paganini della sua città e qui debuttò giovanissimo come Gabriele Adorno nel Simon Boccanegra cominciando così una rapida carriera che lo ha portato ad affrontare i ruoli più importanti del suo registro nei più prestigiosi teatri del mondo. Nel 1993 debuttò al Metropolitan Opera House di New York con Il Trovatore (Verdi), tornando in seguito con Aida, Cavalleria rusticana, Don Carlo, Simon Boccanegra, Tosca e Madama Butterfly. Nel suo lungo percorso artistico ha debuttato tra gli altri anche al Teatro alla Scala di Milano, all’Opéra de Paris, all’Opera di San Francisco, al Teatro Real di Madrid e alla Wiener Staatsoper in Un ballo in maschera, teatri nei quali torna regolarmente per partecipare a titoli come Turandot, Tosca, Carmen, Don Carlo o Andrea Chénier. Quest’ultimo, considerato uno dei suoi ruoli più emblematici, gli è valso la proclamazione da parte della critica di migliore Chénier dei nostri tempi. Altrettanto importanti le interpretazioni che Fabio Armiliato ha dato di Pinkerton in Madama Butterfly, cantata anche alla Scala di Milano, al Gran Teatre del Liceu e al New National Theatre di Tokyo. Nell’arco di tempo che va dal 1990 al 1996 ha presto parte al Teatro di Anversa ad un ciclo dedicato al regista Robert Carsen interpretando Tosca, Don Carlo e Manon Lescaut. Dall’anno 2000, con la sua unione in arte e in vita al soprano Daniela Dessì si è creata una delle coppie artistiche fondamentali della recente storia dell’Opera che ha ottenuto trionfi memorabili in titoli quali Manon Lescaut (Siviglia, Barcellona , Vienna, Parma e Berlino), Adriana Lecouvreur a Napoli e Milano, Aida a Barcellona, Simon Boccanegra al Festival Verdi di Parma e soprattutto l’interpretazione di uno dei titoli più importanti del repertorio verista: Francesca da Rimini, di Zandonai, a Roma e nello Sferisterio di Macerata, che ha celebrato nel maggio del 2004 il centenario di questa opera maestra della giovane scuola. Raffinato interprete di Mario Cavaradossi in Tosca con più di 140 recite del titolo, è stato acclamato nel ruolo in teatri prestigiosi quali l’Arena di Verona, il Teatro Real di Madrid, la Fenice di Venezia e in un tournée giapponese con il Teatro dell’Opera de Roma (un successo memorabile che raccolse 45 minuti di applausi). In questo ruolo è tornato poi alla Scala, diretto da Lorin Maazel, e alla Royal Opera House del Covent Garden di Londra con la direzione di Antonio Pappano. Tra i successi delle ultime stagioni ricordiamo uno strepitoso debutto ne La forza del destino nell’Opéra di Montecarlo, La Fanciulla del West a Roma (autore di uno storico bis dell’aria “Ch’ella mi creda”) e Tosca a Caracalla, festeggiando il ventennale del suo debutto su questo scenario. Nella stagione 2009-2010 ha inaugurato il rinato Teatro Petruzzelli di Bari e debuttato con grande successo il ruolo di Calaf per la prima volta in Italia con Turandot, poi Madrid (dove ha cantato un brillante Andrea Chénier), Zurigo (dove ha debuttato nel ruolo di Rodolfo in Luisa Miller), è ritornato alla natía Genova con Tosca dove il pubblico lo ha accolto con grandi ovazioni (due Bis per lui), Vienna (La forza del destino) e Torre del Lago, per l’inaugurazione del Festival Puccini con una nuova produzione de La Fanciulla del West, al fianco proprio di Daniela Dessì, creata per festeggiarne il centenario. Spesso protagonista di programmi televisivi dedicati alla divulgazione dell’arte operistica, ha recitato nel film di Woody Allen To Rome with Love. Nel 2011 dopo l’attesissimo e trionfale debutto in Otello all’Opera Royal di Liége, è stato insignito del “Premio Internazionale Tito Schipa” nella splendida cornice della città di Ostuni, ha ricevuto il Premio Puccini (2014) e proclamato cittadino Onorario della città di Recanati nel nome del grande Beniamino Gigli.

GIOVANNI NUTI – Toscano di Viareggio e milanese di adozione, ha all’attivo nove album e ha collaborato con Milva, Enrico Ruggeri, Roberto Vecchioni, Lucio Dalla, Mango, Enzo Avitabile e Simone Cristicchi. Nel 1993 incontra Alda Merini e dalla loro collaborazione durata sedici anni – che Merini definiva «matrimonio artistico» – sono nati numerosi spettacoli che li vedono protagonisti insieme sul palcoscenico e quattro cd: Milva canta Merini (2004), ritorno discografico della “Rossa”, di cui Giovanni Nuti firma tutte le musiche; Poema della croce, una moderna opera sacra rappresentata anche nel Duomo di Milano e definita da Sua Eminenza card. Gianfranco Ravasi «opera di finissima e intensa esegesi musicale» della «grande poesia di Alda Merini»; Rasoi di seta, con 21 liriche della poetessa milanese musicate dal cantautore, tra cui Poeti, duetto con Simone Cristicchi; Una piccola ape furibonda, con otto testi inediti di Merini, pubblicato il 21 giugno 2010. Nel 2012 esce Una pequeña abeja enfurecida – Giovanni Nuti canta Alda Merini in spagnolo con la partecipazione straordinaria di Lucia Bosè che ha curato le versioni in castigliano di tutte le poesie-canzoni. A dicembre 2014 viene pubblicata la composizione di Giovanni Nuti, Cantico delle creature, suite di 11 brani per pianoforte eseguiti dalla pianista Elena Papeschi (Sagapò in coedizione con Casa Musicale Sonzogno). Ispirata dalle laudi di San Francesco – da fratello Sole a sora nostra Morte corporale – e dedicata “a Papa Francesco promessa e speranza di una Chiesa povera e cristiana”.

Il 20 ottobre 2017 esce il cofanetto Accarezzami musica – Il “Canzoniere” di Ada Merini: tutta la sua produzione in musica con la poetessa milanese: 6 CD, 1 DVD, 114 canzoni di cui 13 inedite, 21 brani con Alda Merini recitante, duetti con 29 Artisti ospiti (Nar International/Sagapò): Renzo ARBORE, Fabio ARMILIATO, Peppe BARRA, Alessio BONI, Lucia BOSÈ, Sergio CAMMARIERE, Rossana CASALE, Fabio CONCATO, Aida COOPER, Valentina CORTESE, Simone CRISTICCHI, Daniela DESSÌ, Grazia DI MICHELE, Marco FERRADINI, Eugenio FINARDI, Dario GAY, Enzo GRAGNANIELLO, Monica GUERRITORE, Mariangela MELATO, Iskra MENARINI, MILVA, Andrea MIRÒ, Rita PAVONE, Omar PEDRINI, PICCOLI CANTORI di Milano, Daniela POGGI, Gigi PROIETTI, Enrico RUGGERI, Lina SASTRI. Giovanni Nuti ha cantato i versi di Alda Merini in Germania con Milva, in Spagna con Lucia Bosè, e sta portando da 3 anni in giro per l’Italia lo spettacolo Mentre rubavo la vita insieme a Monica Guerritore.

Naturalmente Pianoforte

CAPOSSELA_Charlelie-Marange_Daniel-Melingo
CAPOSSELA_Charlelie-Marange_Daniel-Melingo

DOMANI 22 luglio GRANDE CHIUSURA CON IL CONCERTO DI
VINICIO CAPOSSELA!

QUESTA SERA LIVE A “NATURALMENTE PIANOFORTE”
TRIO SERVILLO- GIROTTO- MANGALAVITE
MATTHEW LEE
STEVEN BROWN & BLAINE L. REININGER (fondatori dei TUXEDOMOON)

5 giorni con le esibizioni di:
VINICIO CAPOSSELA- URI CAINE – MATTHEW LEE – OMAR SOSA – JOHN DE LEO
L’AURA – Il trio SERVILLO- GIROTTO- MANGALAVITE
STEVEN BROWN & BLAINE L. REININGER (fondatori dei TUXEDOMOON)
REMO ANZOVINO – CINASKI – MAURIZIO MARSICO
MARIO MARIANI – ROBERTA DI MARIO … non solo!

Proseguirà fino a domani, domenica 22 luglio, la quarta edizione di “NATURALMENTE PIANOFORTE”, kermesse pianistica con la Direzione Artistica di Enzo Gentile, nella cornice di Pratovecchio Stia (AR), nel cuore del Casentino in Toscana.

La giornata di oggi, sabato 21 luglio, si aprirà con un incontro insieme a SUSANNA PARIGI presso il Sofy’s bar a Pratovecchio (ore 17.00 – ingresso libero), mentre alle 17.30 SERGIO DE SIMONE terrà un concerto nel pomeriggio presso la Chiesa ex Monastero Domenicane di Pratovecchio (ingresso libero).
A seguire, si terrà un concerto di Mantra: NITYA & NINAD con CARLO AMORI saranno pronti ad accogliere tutti coloro che vorranno provare un’esperienza unica, nel bellissimo Giardino Palazzo Nardi Berti di Pratovecchio. Sarà un “viaggio” verso l’essenza della musica, arte capace di portare profondo benessere e conoscenza, grazie alla combinazione di mantra sanscriti con la creatività musicale di Nitya e Ninad. Dal palco arriveranno suoni e sollecitazioni, un modo per ricollegarsi a esperienze antichissime eppure facili da conoscere e riconoscere. Un modo per allenare i sensi e l’anima, il corpo e lo spirito. Sul palco, insieme a Nitya e Ninad (voci, pianoforte, tastiere e harmonium indiano), ci sarà Carlo Amori al violino. Ore 19.00 – ingresso gratuito su prenotazione. L’incontro si terrà anche domenica 22 luglio allo stesso orario.
Alle ore 20.00, invece, si terrà il concerto al tramonto al Castello di Romena del Trio composto da PEPPE SERVILLO alla voce, il sassofonista JAVIER GIROTTO e il pianista NATALIO MANGALAVITE (ingresso libero). Presenteranno dal vivo il loro ultimo album “Parientes”, un viaggio nei ricordi, nelle persone, nell’immaginario di un popolo migrante che ha dato vita ad un’altra cultura e, nel contempo, ha preservato la propria portandovi nuova linfa.
Alle ore 21.00, la cantante, autrice, sound-designer italo-giapponese KUMI (nome d’arte di Cristina Watanabe) aprirà il concerto serale di MATTHEW LEE, che si esibirà alle ore 21.45 insieme alla sua band e presenterà al pubblico il suo ultimo album “PianoMan”, uscito a gennaio su etichetta Decca Black/Universal Classic (ore 21.30 – Piazza Vecchia – Piazza Jacopo Landino – biglietto per la serata 15 euro).
La serata si concluderà con la TUXEDO Night al Teatro degli Antei insieme a STEVEN BROWN & BLAINE L. REININGER, fondatori dei TUXEDOMOON, gruppo musicale sperimentale e multimediale statunitense, formatosi nel 1977 (ore 24.00 – ingresso gratuito). Proporranno dal vivo le composizioni contenute nel loro album “Monte Alban”, ispirato alle antiche rovine visibili dal cortile della casa in Messico di Steven Brown, insieme ai brani dei Tuxedomoon e del loro repertorio. A seguire, con Maurizio Marsico, si attenderà l’alba all’insegna della musica, del cinema e del cibo. La serata è realizzata in collaborazione con gli “Amici del cinema”.

Domani, domenica 22 luglio, invece, si aprirà con il concerto all’alba di REMO ANZOVINO alla Pieve di Romena (ore 5.00), che darà il via all’ultima giornata della manifestazione.
Chiuderà la manifestazione, l’esclusivo concerto di VINICIO CAPOSSELA (ore 21.30 – Piazza Vecchia – Piazza Jacopo Landino – biglietto per la serata 25 euro), l’istrionico artista vincitore del Premio Tenco 2017, che si esibirà in una delle rare performance live voce e piano della sua carriera. Un concerto che svelerà la relazione della canzone con lo strumento, presentato da un artista che ha sempre legato intimamente la sua scrittura al pianoforte.
La serata, chiusura ufficiale di “NATURALMENTE PIANOFORTE 2018”, è legata al prestigioso riconoscimento arrivato dalla 41° sessione della Commissione per la World Heritage, che ha decretato le faggete vetuste del Parco Nazionale Foreste Casentinesi e la Riserva Integrale di Sasso Fratino patrimonio mondiale dell’UNESCO. Il riconoscimento rappresenta per l’Italia la prima iscrizione di un patrimonio naturale espressamente per il suo valore ecologico di rilievo globale.

Ad aprire la manifestazione, mercoledì19 luglio, è stato OMAR SOSA, che con il suo concerto di piano solo tenutosi nella bellissima cornice del Castello dei Conti Guidi a Poppi (AR) ha dato il via al Festival con uno degli appuntamenti più suggestivi in cartellone. Giovedì 19 luglio, invece, è stata la volta dei live di JOHN DE LEO in quartetto al Castello di Porciano a Stia e di L’AURA in Piazza Tanucci a Stia.
Ieri sera, venerdì 20 luglio, la Piazza Vecchia – Piazza Jacopo Landino di Pratovecchio ha ospitato l’energia del concerto del pianista e compositore statunitense URI CAINE, uno dei più importanti pianisti contemporanei, originale e poliedrico, con uno stile unico, capace di ridefinire il linguaggio jazzistico e non solo.
All’ex Lanificio Berti di Pratovecchio, a mezzanotte, grande successo per il poeta, scrittore e cantautore italiano CINASKI (Vincenzo Costantino) che si è esibito insieme al pianista MELL MORCONE e al trombettista RAFFAELE KOHLER in una performance che ha unito la poesia di Charles Bukowski e alla musica di Tom Waits.

“NATURALMENTE PIANOFORTE” unisce la bellezza naturale del territorio alla musica del pianoforte (e non solo) per 5 giorni ricchi di performance live, workshop e concerti di grandi professionisti, ma anche semplici amatori. Quest’anno, la bellissima immagine del festival è stata creata per l’occasione da NINA ZILLI.

Tra le altre, queste le prossime esibizioni previste in calendario: URI CAINE (20 luglio), CINASKI (20 luglio), MARIO MARIANI (20 luglio), ROBERTA DI MARIO (20 luglio), MAURIZIO MARSICO (20 e 21 luglio), trio PEPPE SERVILLO – JAVIER GIROTTO – NATALIO MANGALAVITE (21 luglio), MATTHEW LEE (21 luglio), STEVEN BROWN & BLAINE L. REININGER (21 luglio), REMO ANZOVINO (22 luglio) e VINICIO CAPOSSELA per la serata di chiusura di domenica 22 luglio.
È possibile consultare il calendario completo degli appuntamenti sul sito della kermesse: www.naturalmentepianoforte.it

Per cinque giorni, il pianoforte sarà il punto di osservazione per raccontare la musica e per sviluppare un progetto di socialità e comunicazione. Tra concerti, workshop, improvvisazioni, grandi professionisti e semplici amatori, il comune di Pratovecchio Stia, Poppi, il Parco Nazionale delle Foreste Casentinesi e, più in generale, i territori dell’alta valle dell’Arno confermeranno e ribadiranno la loro attitudine di luogo dedito all’ospitalità e all’incontro, crocevia di artisti, appassionati e semplici curiosi del turismo culturale. Al seguente link è possibile visualizzare il trailer di presentazione del Festival: https://youtu.be/MYwUD-kie2Q

Come da tradizione, a fianco dell’ancora più ampia proposta musicale, che quest’anno comprenderà una trentina di concerti spaziando dalla classica al jazz, senza dimenticare la musica sperimentale e le proposte più pop, si terranno progetti collaterali che hanno lo scopo di valorizzare la valle e i suoi prodotti. Dalla mostra-mercato di eccellenze agroalimentari “I Sapori del Casentino…e del Parco”, realizzata in collaborazione con Slow Food, alle mostre fotografiche (con il Collettivo Fotografico Gruppo 12) e di pittura, dagli spazi-gioco e servizi per le famiglie (baby-point), ai percorsi cicloturistici (con FIAB Arezzo e Casentino E-Bike).

Pratovecchio Stia ospiterà anche uno “Spazio Classica” a cura del M° Sergio De Simone; le performance di 25 giovani pianisti italiani e stranieri che, dalle 17.00 alle 24.00 di ogni giorno, si esibiranno, alternandosi ai 5 piani collocati nelle strade e nelle piazze del borgo di Pratovecchio; una master-class (di una settimana per 10 giovani allievi italiani e stranieri con concerto/saggio finale a “Casa Baracchi” a Bibbiena) condotta sempre dal M° De Simone e i laboratori di piano per i bambini.

La IV edizione di “NATURALMENTE PIANOFORTE” ospiterà al suo interno anche “Tasto 89”, un nuovo spazio dedicato interamente ai giovani, ideato ed organizzato con l’aiuto e la partecipazione di un gruppo di studenti delle classi terze del Liceo Scientifico “Galileo Galilei” di Poppi. “Tasto 89” rappresenta il risultato di un progetto proposto dall’Associazione PratoVeteri (organizzatore della manifestazione) al Liceo, nell’ambito dell’esperienza “Alternanza scuola-lavoro”; progetto che ha visto il sostegno economico dell’Associazione di imprenditori e liberi professionisti casentinesi “Prospettiva Casentino”.

Radio Popolare è media partner della manifestazione.

L’Associazione ‘PratoVeteri’ di Pratovecchio Stia è l’organizzatore di “NATURALMENTE PIANOFORTE” (in collaborazione con il Comune e l’Ente Parco delle Foreste Casentinesi), la kermesse pianistica biennale che si prefigge di sviluppare un progetto di socialità e comunicazione attraverso la musica.

The Giornalisti

Thegiornalisti
Thegiornalisti

Dopo il tutto esaurito delle prime due date di Roma e del primo appuntamento di Milano, anche la data di Bari è Sold Out

Davvero inarrestabile il successo dei THEGIORNALISTI, che continuano a polverizzare i biglietti delle date del “LOVE Tour 2018”, in arrivo a ottobre. Dopo i sold out delle prime due date di Roma e del primo appuntamento a Milano, anche la data di Bari registra il tutto esaurito, venerdì 2 novembre 2018 @ Palaflorio. Ancora disponibili gli ultimi biglietti per le altre date del tour!
A seguito della pubblicazione di “Questa nostra stupida canzone d’amore”, brano certificato Disco di Platino digitale, con più di 31 milioni di views su YouTube, il 13 giugno 2018 è uscito “Felicità puttana”, la nuova hit estiva della band, in alta rotazione radiofonica e ai vertici delle classifiche streaming e download, con numeri sempre in crescita: 5,2 milioni di stream su Spotify e oltre 6,4 milioni di views. I due singoli anticipano “LOVE” (Carosello Records), il nuovo album della band, in uscita il 21 settembre.
Recentemente, i THEGIORNALISTI si sono esibiti sul palco dei Wind Music Awards a Verona e di Radio Italia Live a Milano. Stasera, la band sarà in onda in prima serata su Canale 5, e in contemporanea su Radio 105, con il Wind Summer Festival da Piazza del Popolo a Roma.
Ecco le date che, in autunno, vedranno la band impegnata in 10 palazzetti italiani:
CALENDARIO AGGIORNATO:
domenica 21 ottobre 2018 – Torino @ PalaAlpitour
martedì 23 ottobre 2018 – Casalecchio di Reno (BO) @ Unipol Arena
mercoledì 24 ottobre 2018 – Firenze @ Nelson Mandela Forum
sabato 27 ottobre 2018 – Roma @ PalaLottomatica – SOLD OUT
domenica 28 ottobre 2018 – Roma @ PalaLottomatica – SOLD OUT
venerdì 2 novembre 2018 – Bari @ Palaflorio – SOLD OUT
sabato 3 novembre 2018 – Napoli @ Palapartenope
giovedì 8 novembre 2018 – Genova @ RDS Stadium
sabato 10 novembre 2018 – Padova @ Kioene Arena
domenica 11 novembre 2018 – Montichiari (BS) @ PalaGeorge
domenica 18 novembre 2018 – Milano @ Mediolanum Forum – SOLD OUT
lunedì 19 novembre 2018 – Milano @ Mediolanum Forum
mercoledì 21 novembre 2018 – Roma @ PalaLottomatica

Tommaso Paradiso, Marco Antonio Musella e Marco Primavera, formano i THEGIORNALISTI a Roma nel 2009. Si autoproducono i primi due dischi, nati e scritti nel salotto di casa. Così, a settembre 2011 esce “Vol.1” e qualche mese più tardi pubblicano “Vecchio”.
Il cambio di rotta avviene alla fine del 2013, quando la band firma con Foolica e, l’anno successivo, fa uscire “Fuoricampo”, disco prodotto da Matteo Cantaluppi che riscuote un ottimo successo di critica e pubblico. A novembre 2014 sono impegnati nel “Fuoricampo tour”, che li vede esibire in tutta Italia registrando nuovi numeri importanti. Nel 2015 Tommaso Paradiso firma la sua prima importante collaborazione: è, infatti, coautore di “Luca Lo Stesso”, il singolo di Luca Carboni in vetta alle classifiche airplay.
Nel 2016 i THEGIORNALISTI firmano con Carosello Records per l’uscita del nuovo disco “Completamente Sold Out”, certificato Disco d’Oro, conquistando grandi consensi e ricevendo diversi premi, tra cui quelli ottenuti ai Rockol Awards, al Coca Cola Onstage Awards e ai Wind Music Awards, oltre al riconoscimento di PMI come migliore rivelazione del 2016.

“Senza” – canzone che ha dato il titolo alle due date evento di maggio 2017 al Palalottomatica di Roma e al Mediolanum Forum di Milano – ha raggiunto il 1° posto della classifica Viral 50 Italia e il 5° della Viral 50 Global di Spotify. Il singolo “Pamplona” di Fabri Fibra feat. Thegiornalisti ha conquistato l’airplay radiofonico dopo pochissimi giorni e il Disco d’Oro Digitale. “Riccione” è il singolo che in meno di una settimana raggiunge il milione di views su Youtube ed entra in top 20 dell’airplay radiofonico come più alta nuova entrata della settimana. Il brano conquista anche il Triplo Disco Di Platino e diventa a pieno titolo il vero tormentone dell’estate: 1° posto dell’airplay radiofonico, 1° posto nella classifica iTunes, secondo posto nella classifica Top 50 Italia di Spotify, oltre 16 milioni di streaming, oltre 60 milioni di views su Youtube e vince il premio “Rtl 102.5 Power Hits – PMI” come singolo indipendente più suonato dalle radio nell’estate 2017.

Mercoledì 21 marzo è uscito il singolo “Questa nostra stupida canzone d’amore”, brano che, insieme a “Felicità puttana”, anticipa “LOVE” (Carosello Records), il nuovo album della band in uscita il 21 settembre.