Syd cerca casa

Syd
Syd

HANNO RINUNCIATO A LUI PERCHÉ SYD NON SAREBBE ARRIVATO PER NATALE.

SYD… 4 MESI DI TENEREZZA ASSOLUTA.
SYD AVEVA ADOZIONE…DOVEVA PARTIRE PER RAGGIUNGERE LA SUA FAMIGLIA CHE SI RITENEVA INNAMORATA DI LUI.
MA SYD SI FA MALE AD UNA ZAMPETTA GIOCANDO CON I FRATELLINI E IL VETERINARIO CI CONSIGLIA DI RIMANDARE LA PARTENZA DI UN PAIO DI SETTIMANE.

LA FAMIGLIA CHE TANTO ERA INNAMORATA DI LUI DECIDE DI RINUNCIARE A SYD PERCHÉ VOLEVANO IL CUCCIOLO PER NATALE!!!!
MA GUARDATELO!!!! COME SI FA????

ORA SYD É RIMASTO SOLO. TUTTI I FRATELLINI SONO PARTITI E LUI È SOLO.

ANCHE SE NATALE È PASSATO… VOGLIAMO FARLO A LUI IL REGALO?????

UNA BELLISSIMA FAMIGLIA ❤️❤️❤️

SYD HA TUTTI I VACCINI E SI AFFIDA NON SOLO PER NATALE…MA PER TUTTA LA VITA.

PER INFO 333 21 48 801

Suggerito da Animali nel cuore

Smarrimento Nebula

Nebula
Nebula

SI CERCA IN TUTTA ITALIA…non costa niente condividere. Potassa frazione di Gavorrano provincia di Grosseto..TOSCANA….A chi avesse preso NEBULA senza preoccuparsi di sapere se ha un padrone o la detiene forzatamente….Sappia che NEBULA UNA FAMIGLIA C’E’ L’HA’ E SONO 7 MESI CHE LA STIAMO CERCANDO CON VOLANTINI…..GIORNO E NOTTE TRASCURANDO IL LAVORO….CON CANI MOLECOLARI….CON IL DRONE….SONO STATI ALLERTATI I CANILI….I VETERINARI….LA POLIZIA MUNICIPALE ….DENUNCIA FATTA AI CARABINIERI….NEBULA E MICROCIPPATA….PER CUI SE LA TIENE QUALCUNO CHE C’E’ LA FACCIA TROVARE NON CI SARA’ NESSUNA CONSEGUENZA….A NOI BASTERA’ RITROVARLA E RIAVERLA A CASA CON LA SUA FAMIGLIA CHE E’ IN PENA PER LEI DA 7 MESI…..SE VERAMENTE AMATE GLI ANIMALI SAPETE LA SOFFERENZA CHE SI PROVA QUANDO MANCA UN MEMBRO DELLA FAMIGLIA…..per favore se avete un cuore ridateci NEBULA la vogliamo a casa assieme a noi …se qualcuno sa qualcosa che parli anche in forma anonima per favore….vogliamo solo NEBULA CON NOI…Fabio Bartaletti 3311225456…alfreda carboni 3891356528….SE VI FOSSE POSSIBILE FATE UNA FOTO SIA CHE LA VEDIATE DA SOLA O CON QUALCUNO…..GRAZIE A CHI CI PUO’ DARE UNA MANO

Suggerito da Animali nel cuore 

Tommy cerca casa

Tommy
Tommy

Tommy è un’altra vittima del trasferimento in un canile in Molise, da un canile Laziale, un canile dove non ci sono volontari, dove a causa neve rimane isolato e non hanno panche di legno ma sono sul cemento.

Tommy è una taglia piccola nato nel 2013, molto carino e leggermente timido ma anche per lui lo spostamento è stato traumatico.
Cerchiamo adozione urgente al centro e al nord Italia previo procedura di adozione, si affida chippato vaccinato e sterilizzato.

Per info Manuela 393/4080484 manuelacip.aclonlus@gmail.com

Suggerito da Animali nel cuore

Chi adotta Leo ?

Leo
Leo

PIU DI 6MILA CONDIVISIONI POSSIBILE CHE NESSUNO VOGLIA ADOTTARE LEO?MI PIANGE IL CUORE VEDERE FOTO CHE ARRIVANO DEI SUOI FRATELLI IN FAMIGLIA E LUI RIMASTO SOLO……………………………………………. …………………….

RIFIUTATO DOPO 24 ORE….NON VOGLIO INCAZZARMI PER VIA DEI FUTILI MOTIVI CHIEDO SOLO CONDIVISIONI SI TROVA IN TOSCANA VI PREGO….

L’ULTIMO DI UNA CUCCIOLATA, QUELLO SFORTUNATO..6MESI TG MEDIA SUI 12/15kg

Info 339 5418838

Suggerito da Animali nel cuore

Voucher per anziani fragili e disabili

Anziani
Anziani

Dalla metà di gennaio anziani in condizioni di fragilità e disabili in possesso dei requisiti previsti potranno presentare domanda per ottenere un voucher che può migliorare la loro qualità della vita. La disponibilità complessiva delle risorse messe a disposizione dalla Regione Lombardia è di 6.480.000 euro: 3 milioni per gli over 65 anni, altrettanti per i disabili e 480.000 per gli anziani che vivono nell’Area interna dell”Appennino Lombardo, Alto Oltrepò pavese’.

INTERVENTI CAPILLARI – “I voucher – spiega l’assessore alle Politiche per la famiglia, Genitorialità e Pari opportunità, Silvia Piani – vengono riconosciuti tramite gli enti capofila dei 96 Ambiti lombardi: comuni, comunità montane, consorzi e aziende speciali. Quindi sono molto mirati. Sono finalizzati all’attivazione di servizi nei settori casa, rete familiare e comunità, intesa come ambiente di vita. Perciò consentono, secondo modalità innovative, una presa in carico che mira al benessere psicofisico dei beneficiari così da rendere più vivibili le loro giornate. Il che significa poi garantirne l’autonomia, facilitarne il movimento e la socializzazione”.

VOUCHER OVER 65 ANNI – La prima linea d’intervento, da 3 milioni di euro, è rivolta a quanti hanno più di 65 anni, con Isee non superiore a 20.000 euro, che vivono nel proprio domicilio, con condizioni di compromissione funzionale lieve o che causa una minore cura di sé e dell’ambiente domestico. Ma anche di povertà relazionale, intesa come rarefazione delle relazioni familiari e dei rapporti di amicizia.

RESTARE A VIVERE IN CASA – “Possono beneficiare della misura – aggiunge l’assessore Piani – anche gli anziani che si occupano di familiari non autosufficienti con necessità di sollievo e di supporto. La finalità principale è garantire agli anziani che vivono in condizione di vulnerabilità la possibilità di rimanere al loro domicilio consolidando o sviluppando l’autonomia personale e relazionale”.

VOUCHER ANZIANI ‘APPENNINO LOMBARDO, ALTO OLTREPÒ PAVESE’ – Per l’Area interna ‘Appennino Lombardo, Alto Oltrepò pavese, Regione Lombardia ha previsto una dotazione aggiuntiva, di 480.000 euro

(100 voucher) per contrastare i fenomeni dello spopolamento e marginalità. “In considerazione – dice Silvia Piani – della specificità del territorio”.

VOUCHER DISABILI – Una seconda linea d’intervento, sempre con una dotazione di 3 milioni di euro, si rivolge a giovani e adulti con disabilità a forte rischio di esclusione sociale, di età pari o superiore a 16 anni e con Isee non superiore a 20.000 euro. “Questa misura – continua l’assessore Piani – è rivolta a coloro che presentano un livello di compromissione funzionale che consenta tuttavia un percorso di acquisizione di abilità sociali e relative all’autonomia nella cura di sé e dell’ambiente di vita, nonché nella vita di relazione”.

Ai destinatari, in coerenza con le aree individuate nel Progetto individuale (Pi), verrà assegnato un voucher nominativo di 4.800 euro a copertura delle azioni di presa in carico, gestione e prestazioni/servizi ricevuti direttamente, in un’ottica multidimensionale.

DOMANDE PER 12 MESI, SALVO PROROGA – “Già dal 2 gennaio (data di pubblicazione dell’Avviso) – continua l’assessore – gli Enti capofila degli Ambiti hanno potuto avviare le procedure di diffusione e pubblicizzazione delle opportunità di accesso così da predisporre le procedure per la raccolta delle domande. Chi ha i requisiti può presentare domanda al Comune/Ambito di appartenenza, a partire dal 15° giorno dalla data di pubblicazione dell’Avviso, per i dodici mesi seguenti, salvo proroghe.  Le richieste verranno valutate secondo una procedura ‘a sportello’, cioè fino ad esaurimento delle risorse disponibili per ciascun Ambito”.

L’ITER PER LA CONCESSIONE – “Gli Enti capofila – conclude Silvia Piani – raccoglieranno le domande in base all’ordine cronologico di presentazione e procederanno quindi alla verifica dei criteri di ammissibilità. All’esito positivo effettueranno la valutazione multidimensionale del richiedente, individuando un responsabile (case manager) e predisponendo la proposta di Progetto individuale (Pi). In seguito all’istruttoria, la documentazione verrà trasmessa alla nostra direzione ‘Politiche per la Famiglia, Genitorialità e Pari Opportunità’, che procederà alla sua validazione. Successivamente, l’Ente capofila provvederà a fare sottoscrivere il Progetto individuale al destinatario dell’intervento e avvierà le attività secondo quanto definito nel Progetto”.