Cresce il numero di italiani in Brasile per Capodanno

Capodanno in Brasile
Capodanno in Brasile

Secondo le stime di SpeedVacanze.it, il portale che ha inventato l’esclusiva formula dei viaggi per single e di gruppo, quest’anno le prenotazioni di Capodanno per il Brasile totalizzeranno un +20%.
Per Capodanno gli italiani in Brasile saranno ancora più numerosi, con un incremento del 20% delle prenotazioni rispetto allo stesso periodo dell’anno precedente. A mettere in evidenza questo trend è SpeedVacanze.it, il tour operator che ha inventato l’esclusiva formula dei viaggi per single e di gruppo.
«Con il suo particolare rito scaramantico del salto delle 7 onde allo scoccare della mezzanotte, Rio de Janeiro sta conquistando un numero sempre maggiore di italiani, forse anche perché in questo particolare periodo dell’anno l’esperienza spiaggia ha un appeal molto speciale. Ma è anche merito delle bellissime donne che vi abitano» puntualizza Roberto Sberna, direttore generale di SpeedVacanze.it.
Certo è che il Capodanno SpeedVacanze.it in Brasile, a Rio de Janeiro e Buzios, con partenza il 27 dicembre 2019 e ritorno il 4 gennaio 2020 è quello che sta andando per la maggiore con un trend positivo a doppia cifra, tra granelli di sabbia ed onde dell’oceano che fanno da culla alla grande festa di uno dei Capodanni più belli del Mondo.
Ma quali sono gli altri viaggi di Capodanno che vanno per la maggiore? «Quest’anno le mete più richieste sono quelle che consentono di ritrovare l’atmosfera dell’estate» risponde Giuseppe Gambardella, fondatore di SpeedVacanze.it e di SpeedDate.it, portale quest’ultimo che offre ai single il modo più veloce e divertente per incontrare gente nuova.
Dopo il Brasile, al secondo posto tra le mete preferite degli italiani si colloca la Thailandia, dove la proposta SpeedVacanze.it, con partenza il 25 dicembre 2019 e ritorno il 3 gennaio 2020. Nota come la «perla delle Andamane», Phuket è da anni tra le mete più gettonate per trascorrere il capodanno, capace di coniugare il relax all’ombra delle sue rocce ammirando il turchese del mare, a momenti di puro divertimento, attraversando sentieri tra le foreste tropicali in groppa agli elefanti, nuotando tra i colori della barriera corallina nelle isole Phi Phi, per poi lasciarsi andare alla movida tra i locali di Patong.
Poi ancora per Capodanno vanno molto le Maldive, che si collocano terze in questa graduatoria stilata da SpeedVacanze.it. Qui per un Capodanno dal sapore d’estate tra caldo, relax e tanto divertimento in un arcipelago formato da oltre 1.200 isole coralline tra le più belle al mondo, il contatto con la natura e con il mondo sottomarino diventa un’esperienza unica. Il tour operator che ha inventato l’esclusiva formula dei viaggi per single e di gruppo propone un entusiasmante viaggio con partenza il 26 dicembre 2019 e ritorno il 4 gennaio 2020.
Ma, dalle Canarie, tra spiagge bianchissime ed acque color smeraldo, dove una brezza calda scioglie i sensi assopiti dall’inverno per un Capodanno di divertimento e spensieratezza ai Caraibi, dalle Antille agli Emirati, le proposte firmate SpeedVacanze.it sono tante altre.
«Qualunque sia la scelta, su SpeedVacanze.it bastano appena 2 o 3 click per ritrovarsi già in vacanze al caldo» commenta Roberto Sberna, direttore generale di SpeedVacanze.it. Lasciarsi travolgere dall’entusiasmo delle nuove conoscenze e dalla voglia di scoprire nuovi posti è ora più facile, basta chiudere gli occhi ed immaginare per un attimo dove si vuole essere quando comincerà il conto alla rovescia per l’inizio del 2020. (WORLDNET)

MSC Foundation

msc-foundation
msc-foundation

Nasce una fondazione che opererà su scala globale, a sostegnodelle aree più fragili del mondo e delle esigenze del pianeta al fianco delle comunità più vulnerabili. Parliamo della MSC Foundation, un’organizzazione no profit creata dal GruppoMSC con l’intento di promuovere ed estendere il suo programma umanitario e sociale, nonché per accrescere il contributo del Gruppo alla sostenibilità. MSC opererà sia in maniera indipendente che con l’ausilio di esperti partner.

 Il Gruppo MSC, che comprende MSC Cargo, la seconda linea al mondo nel trasporto container, e MSC Crociere, la più grande compagnia di crociere privata del mondo, contribuisce attivamente sostenendo importanti programmi umanitari e di tutela dell’ambiente. Questo da oltre un decennio, salvando così migliaia di vite con azioni, come nel caso della partnership con l’UNICEF, volte a combattere la malnutrizione.

La MSC Foundation è stata istituita per incrementare questi impegni e svilupparne di nuovi, per un forte senso di responsabilità verso il pianeta, i suoi abitanti e le sue risorse – in particolare gli oceani – nella convinzione che tutti noi abbiamo il dovere di lasciare un mondo migliore alle generazioni future.

La MSC Foundation si concentra principalmente su tre aree: protezione ambientale, in particolare degli ecosistemi acquatici e marini, sostegno alle comunità più vulnerabili del mondo con sensibilizzazione e cure mediche, e sostegno d’emergenza alle popolazioni colpite da calamità naturali.

Nella fase iniziale la fondazione sosterrà 7 programmi:

• In Costa d’Avorio, con UNICEF, per promuovere il riciclaggio grazie ad attività che coinvolgono le donne nella trasformazione dei rifiuti di plastica in mattoni solidi e a basso costo per la costruzione di aule scolastiche.
• Ad Haiti con la Clinica Mobile della Andrea Bocelli Foundation per fornire cure mediche, trattamenti, vaccini ed educazione sanitaria a vantaggio delle comunità di cinque aree disagiate dell’isola.
• In Senegal con Mercy Ships, che sostiene le navi ospedaliere con un equipaggio di volontari e personale impegnato in operazioni di salvataggio in aree difficilmente raggiungibili e prive di accesso a strutture sanitarie.
• A Genova, con la fondazione dell’innovativo “Parco del Mare” per rigenerare l’area della Valpolcevera, colpita dal crollo del ponte Morandi.
• Nel Mediterraneo con Marevivo, finanziando attività didattiche per i giovani per accrescere la consapevolezza da parte dei ragazzi dell’importanza della protezione marittima e per contrastare l’inquinamento del mare.
• Alle Bahamas, con un programma di ricostituzione dell’ambiente marino che coinvolge 64 km2 di acque ed ecosistemi marini di Ocean Cay, comprese specie coralline vulnerabili.
• Nell’area di Amburgo, con la Elbe Habitat Foundation per migliorare lo status ecologico del fiume Elba, ripristinando gli habitat peculiari e la diversità naturale del suo paesaggio fluviale.

Boom dei viaggi esperienziali

adventure-ball-shaped-blur
adventure-ball-shaped-blur

Alla domanda con opzioni di risposta multipla «che cosa è più importante per te quando pianifichi un viaggio?»  l’85% dei viaggiatori ha risposto «sperimentare qualcosa di nuovo». Al secondo posto «sentirsi riposati e ricaricati», con il 68% delle preferenze. A metterlo in evidenza è una nuova indagine di SpeedVacanze.it, il tour operator che ha inventato l’esclusiva formula dei viaggi per single.

Il viaggio è sempre più spesso considerato un sinonimo di fuga e relax ma di recente sono cambiati i parametri di definizione. Da «fuga» è passato ad essere «esperienza di viaggio», basato su coinvolgimento, avventura ed autenticità dell’esperienza. A metterlo in evidenza è SpeedVacanze.it, il tour operator che ha inventato l’esclusiva formula dei viaggi per single.

Basta dare un’occhiata a molte «on line travel agency» (OLTA) per rendersi conto che l’offerta non è più limitata al semplice soggiorno: accanto all’opzione «hotel» è sempre più spesso presente l’opzione «esperienze» dove l’offerta è variegata a tal punto che si va dalle «lezioni di surf» alla «cooking experience».

«Viaggiare secondo i nuovi parametri esperienziali significa allontanarsi dai percorsi più turistici esplorando luoghi meno conosciuti per ottenere un senso più locale, quindi più genuino della destinazione o delle destinazioni che abbiamo deciso di visitare» puntualizza Giuseppe Gambardella, ideatore di SpeedVacanze.it e di SpeedDate.it, portale quest’ultimo che offre ai single il modo più veloce e divertente per incontrare gente nuova e molti nuovi potenziali partner.

«La vera esperienza inizia ai margini della tua zona di comfort. C’è qualcosa di gratificante nello scoprire una nuova cultura attraverso le sue tradizioni, venendo a contatto con le persone del luogo e le loro usanze» aggiunge Roberto Sberna, direttore generale di SpeedVacanze.it.

Proprio un recente sondaggio condotto da SpeedVacanze.it evidenzia un dato molto interessante. Alla domanda con opzioni di risposta multipla «che cosa è più importante per te quando pianifichi un viaggio?» l’85% dei viaggiatori ha risposto «sperimentare qualcosa di nuovo», oltre al «sentirsi riposati e ricaricati», al secondo posto con il 68% delle preferenze.

«Prendere il sole su una spiaggia sabbiosa è un’esperienza superficiale che può essere vissuta su quasi tutte le coste del mondo, mentre vedere l’Aurora Boreale in Islanda o partecipare all’Holi Festival in Rajasthan, il Festival dei Colori che in India rappresenta una delle manifestazioni più attese di tutto l’anno, sono esperienze uniche nel loro genere che resteranno nei ricordi di tutta una vita» conclude il direttore generale di SpeedVacanze.it. (WORLDNET)

Le bellezze del Portogallo

centro-del-portogallo
centro-del-portogallo

Racchiuso tra le due città principali del paese, Lisbona e Porto, il centro del Portogallo è una regione ricca di monumenti, università degne di essere state inserite nei Patrimoni Mondiali dell’Unesco e spiagge di rara bellezza.

Il Portogallo non si ferma solamente alle zone più conosciute e rinomate come Lisbona che, con i suoi tram e le salite e discese, incanta i turisti provenienti da tutto il mondo, Porto e il Ponte Dom Luis I e l’Algarve con le sue distese di sabbia e l’oceano che bagna tutta la costa. Ci sono numerose città e luoghi nascosti ancora inesplorati che vale la pena visitare per scoprire la magia e il fascino portoghese che si celano dietro ogni angolo.

La regione del Centro ospita numerosi luoghi che sono stati classificati come Patrimonio Mondiale dall’Unesco. Centro del sapere, l’Università di Coimbra è stata fondata nel 1290 ed è una delle università più antiche dell’Europa. È situata nella parte alta della città e si affaccia sul fiume Mondego. Il Convento di Cristo a Tomar, invece, è un’altra opera Patrimonio Mondiale dell’Unesco e rappresenta un connubio perfettamente riuscito tra un castello e un convento. Il Monastero di Alcobaça è, invece, un imponente monastero, uno dei più impressionanti e magnifici esempi di architettura cistercense in Europa.

 

Aquagranda Active You! Livigno: Pellegrini vs Pellegrino

Pellegrini-vs-Pellegrino-a-Livigno-sfida-nuoto
Pellegrini-vs-Pellegrino-a-Livigno-sfida-nuoto

Durante i loro allenamenti in altura a Livigno, la stella del nuoto azzurro e il campione di sci fondo si sono sfidati a ritmo di bracciate nella piscina di Aquagranda Active You!. Pellegrino, poi, sfida Federica sugli sci: appuntamento al prossimo autunno a Livigno?
Non serve essere campioni dello stesso sport per sfidarsi in una gara degna di essere ricordata: è successo questa mattina a Livigno, dove la campionessa Federica Pellegrini ha lanciato una sfida all’ultima bracciata a un atleta che in comune con lei ha ben poco. A varcare la soglia del centro Aquagranda pronto a gareggiare nei 50 metri con la stella del nuoto italiano è stato il campione mondiale dello sci di fondo Federico Pellegrino, che proprio in questi giorni ha iniziato la sua preparazione sull’anello di fondo di Livigno, aperto lo scorso 19 ottobre.
Entrambi a Livigno con le proprie nazionali per prepararsi alle Olimpiadi di Tokyo 2020 l’una e alle Gare di Coppa del Mondo l’altro, Federica e Federico si sono sfidati nella piscina semi olimpionica del centro sportivo e benessere Aquagranda Active You!: nonostante gareggiasse in uno sport totalmente differente da quello che è la sua specialità, Federico non ha voluto rinunciare al suo essere un campione di sci di fondo e ha affrontato Federica indossando non solo la sua tutina da fondo, ma anche la fascetta che sempre lo accompagna quando scende in pista.
Il grande impegno e grinta di Federico nulla hanno potuto però sull’esperienza e la tecnica di Federica Pellegrini, che alla fine della sfida ha però accolto l’invito del campione di fondo ad indossare gli sci per una rivincita sulla pista di fondo di Livigno: l’appuntamento quindi al prossimo anno, dopo le Olimpiadi di Tokyo.
Accomunati non solo dal nome e dall’essere vincitori di medaglie d’oro, ma anche dalla paronomasia legata ai loro cognomi, Federica e Federico si sono incontrati nel Piccolo Tibet con uno scopo comune: prepararsi alle diverse gare che li attendono sfruttando la versatilità, le strutture e soprattutto l’altezza di Livigno. Con i suoi 1816 metri, infatti, Livigno è il luogo ideale per svolgere una preparazione atletica in quota sfruttando tutti i benefici dell’altitude training, che agisce sui meccanismi di trasporto dell’ossigeno migliorando tutte le prestazioni del corpo.
Così, da ormai diverso tempo la vasca di 25 metri di Aquagranda è sede degli allenamenti della Nazionale Italiana di Nuoto: dalla metà dello scorso settembre, oltre a Federica Pellegrini hanno raggiunto Livigno per la loro preparazione anche il resto del team, tra cui spiccano Gregorio Paltrinieri, Simona Quadrella, Margherita Panziera e Gabriele Detti.
Anche la Nazionale Italiana di Sci di Fondo, insieme a quella francese, ceca, tedesca ed estone, ha raggiunto il Piccolo Tibet per iniziare gli allenamenti: già dallo scorso sabato 19 ottobre gli atleti hanno infatti potuto mettere gli sci ai piedi e solcare la neve dell’anello di fondo, realizzato con la neve conservata durante l’estate tramite lo Snowfarm. Questa tecnica consiste in un innovativo metodo di conservazione della neve basato sull’impiego di segatura e teli geotermici, che la proteggono dalle alte temperature estive impedendone lo scioglimento: non solo lo Snowfarming permette così di anticipare nettamente le altre località sull’inizio della stagione invernale, che a Livigno si apre prima che in ogni altra destinazione sciistica, ma favorisce un sostanziale risparmio energetico e di carburante altrimenti necessario per la movimentazione e la produzione di neve artificiale.