Il Trenino Thomas arriva al Museo Nazionale Ferroviario di Pietrarsa: un’area a tema tutta da scoprire!

Trenino Thomas
Trenino Thomas

Il Trenino Thomas è il treno più amato dai bambini di tutto il mondo: grazie alle avventure in giro per il mondo della locomotiva blu insieme a Sir Topham e ai suoi amici, i bambini hanno potuto scoprire tante curiosità del pianeta in cui vivono e imparare molto sul valore dell’amicizia!
Dopo innumerevoli viaggi Il Trenino Thomas è in arrivo in un posto molto speciale: a partire dal 21 settembre fino al 15 dicembre il Museo Nazionale Ferroviario di Pietrarsa a Napoli ospiterà un’area interamente dedicata al Trenino Thomas!
Questo museo è uno dei luoghi più iconici per le ferrovie italiane: è qui infatti che venne inaugurata la prima linea ferroviaria in Italia nel 1839 e dove venivano prodotte le macchine che correvano lungo i binari di tutta la penisola.
E’ proprio in questo storico museo che verrà allestita all’interno di uno dei padiglioni un’area ambientata nella Stazione del Trenino Thomas: lì i bambini potranno trovare non solo la famosa locomotiva blu ma anche gli altri personaggi principali della serie realizzati in legno! Con queste simpatiche mascotte i bambini potranno fotografarsi ed avere un ricordo molto speciale della loro visita al museo!
Inoltre non poteva mancare nei fine settimana, a partire dal 21 settembre e fino al 7 dicembre, un’area gioco dove i bambini potranno scoprire tutti i nuovi prodotti del Trenino Thomas e divertirsi con attività di colora&crea, grazie ad alcune hostess dedicate.
Per maggiori informazioni, consultare il sito http://www.museopietrarsa.it/ e le pagine Facebook https://www.facebook.com/MuseoPietrarsa/ https://www.facebook.com/IlTreninoThomasIT/
Trenino Thomas nasce dalla fantasia di un reverendo inglese, Rev. W. Awdry, che oltre 70 anni fa si inventò dei racconti di locomotive a vapore per il figlioletto che divennero presto un libro. La storia narrata nel libro diventò velocemente la franchise di successo globale che conosciamo oggi e che continua a divertire le famiglie in più di 100 Paesi in 40 lingue diverse attraverso molteplici piattaforme e formati che includono gli oltre 400 episodi per la TV, 11 film, 14 siti web in nove lingue, app, giocattoli (Trenino Thomas è la property numero uno nella categoria prescolari in UK e Australia a al numero due negli Stati Uniti), prodotti a licenza, libri e spettacoli dal vivo. Trenino Thomas ha vinto diversi premi prestigiosi, fra i tanti il Parent’s Choice Award, il Webby e il Licensing Award per la miglior property classica. La famosa locomotiva blu e i suoi amici invitano i bambini a entrare nel loro mondo fantastico viaggiando sulle rotaie di un treno. Insieme, bambini e locomotiva, partono per avventure senza tempo sperimentando le preziose lezioni di vita impartite dalle scoperte, l’amicizia e la collaborazione. Gli episodi di Trenino Thomas sono visti su più di 30 canali televisivi tra cui Cartoonito (IT), PBS KIDS (US), Super RTL (Germania), ABC Kids (Australia), NHK (Giappone),Five’s Milkshake! e Nick Jr. in Inghilterra. Gli episodi sono scaricabili da iTunes a You Tube. Per maggiori informazioni sul meraviglioso mondo di Trenino Thomas visitate www.thomasandfriends.com, facebook.com/thomasandfriends e Twitter @ThomasFriends

Museo Omero: le proposte educative 2019-2020

Educazione-museoomero
Educazione-museoomero

Il Dipartimento Educazione del Museo Tattile Statale Omero propone anche per l’anno 2019/2020 una serie di attività volte ad educare lo sguardo, il pensiero e le mani. Percorsi bendati, laboratori con l’argilla, creazione di libri tattili, nozioni di Braille, incontri di arte e musica: sono alcune delle proposte per le scuole di ogni ordine e grado, per le famiglie, per i gruppi. I percorsi didattici comprendono un’iniziale visita guidata in collezione e una parte pratica e creativa in laboratorio.
Gli obiettivi sono fare dell’arte un’esperienza piacevole per tutti e sentirsi bene nello Spazio-Museo. Prerogativa di ciascuna attività è quella di essere pensata accessibile per tutti.
Tra le proposte anche percorsi educativi inclusivi e progetti specifici per non vedenti e ipovedenti, per i centri diurni e per le associazioni per persone con disabilità: attività completamente gratuite.
Il Dipartimento Educazione, che è l’anima operativa e instancabile del Museo, è composto da professioniste specializzate in grado di raccontare attraverso un approccio multisensoriale la bellezza dell’arte: la coordinatrice Manuela Alessandrini, Francesca Graziani, Francesca Santi, Anna Chiara Broggi e, per la musica, Giulia Cester.
I responsabili dei progetti sono Aldo Grassini e Andrea Sòcrati.
Quest’anno il nostro Dipartimento sarà impegnato anche in numerose attività legate alla grande mostra dedicata a Maria Montessori e Bruno Munari alla Mole da novembre 2019 a marzo 2020.

Info e prenotazioni:
Cell. e whatsapp 335 569 69 85 – e-mail: didattica@museoomero.it
Ingresso al Museo: libero.
http://www.museoomero.it/main?p=servizi_educativi

“Domenica al museo”. Due ore in più (e biglietto ridotto) per scoprire “Leonardo mai visto”. Gratuiti gli altri musei civici

mostra 'Leonardo mai visto'_Castello Sforzesco
mostra ‘Leonardo mai visto’_Castello Sforzesco

Con oltre 140mila visitatori in tre mesi e mezzo di apertura al pubblico, “Leonardo mai visto”, il programma di mostre e iniziative allestite al Castello Sforzesco per omaggiare il genio da Vinci nel cinquecentesimo della sua morte, conferma il proprio successo mantenendo la seconda posizione tra le esposizioni più visitate in Italia (dopo la Biennale d’Arte di Venezia) e la prima in Lombardia.

Per consentire ai milanesi e ai sempre più numerosi turisti presenti in città di visitare la rassegna e le installazioni dedicate a Leonardo, tutte le prime domeniche di ogni mese, sino alla chiusura prevista il 12 gennaio 2020, l’orario di apertura sarà esteso fino alle 19.30 (chiusura biglietteria ore 18.30) con ingresso ridotto a 5 euro.

Il biglietto ridotto a 5 euro garantisce l’ingresso anche a tutti i Musei del Castello, ma l’estensione dell’orario riguarda solo il Museo d’Arte Antica che ospita la rassegna “Leonardo mai visto”. Resta invariato l’orario di apertura al pubblico degli altri Musei, compreso il Museo della Pietà Rondanini-Michelangelo, con ultima possibilità di accesso alle ore 17.00.

Per maggiori informazioni: https://www.milanocastello.it/ (press kit Leonardo mai visto https://bit.ly/2WGTlNx).

In occasione di “Domenica al Museo”, domenica 1° settembre restano aperti e gratuiti anche tutti gli altri musei civici: Museo del Novecento, GAM Galleria d’Arte Moderna, Museo Archeologico, Museo di Storia Naturale, Acquario Civico, Museo del Risorgimento, Palazzo Morando|Costume Moda Immagine, Casa Museo Boschi di Stefano e Studio Museo Francesco Messina.

Il biglietto gratuito al Museo del Novecento permetterà di visitare, oltre alla collezione permanente del Museo, anche le mostre “Lucio Fontana. Omaggio a Leonardo” e “Remo Bianco. Le impronte della memoria”.

R…estate al museo 2019

Museo Capo  Colonna
Museo Capo Colonna

Da martedì 16 luglio 2019 il Museo Archeologico Nazionale di Crotone (Crotone) e il Museo e Parco Archeologico Nazionale di Capo Colonna (Crotone) ospiteranno degli incontri che coinvolgeranno il pubblico su varie dimensioni dell’antico.

Gli incontri ci aiuteranno a riflettere, a partire dal primo che si terrà il 16 luglio prossimo con il prof. Francesco Cuteri, che illustrerà aspetti della Grecità ancora connaturati alla Calabria. Nel secondo incontro (il 23 luglio) saranno giustapposti argilla e plastica nelle loro differenti ma non difformi funzioni e nei risvolti pratici, dall’antichità ad oggi.

E grazie alle fotografie del contest a Capo Lacinio i diversi scatti costituiranno nuove visioni delle vestigia greche, ma soprattutto del suo contesto legato a natura, paesaggio, antropologia. In calendario il 10 agosto è l’osservazione dei cieli guidata da due esperti planetaristi, prima al planetario presso l’Istituto Tecnico Nautico poco fuori città e poi a Capo Colonna, mentre martedì 20 ci sarà una gustosa sorpresa presso il museo di via Risorgimento e, infine, il 27 agosto un’importante riflessione sul passaggio dal collezionismo all’istituzione museo.

Il Polo museale della Calabria, che ha come mission la valorizzazione dei beni culturali attraverso l’interscambio con il territorio, in questo frangente estivo propone così di vivere le sedi museali come luogo di approfondimento per capirne meglio il patrimonio materiale, iconografico, archeologico e, soprattutto, culturale che essi custodiscono.

Si cercherà di evidenziare l’attualità di alcuni aspetti peculiari che caratterizzano la nostra regione e di attualizzare quel che appare lontano nel tempo, ma è invece vicino nel quotidiano e sempre vero perché, appunto, timeless. Confrontarsi con l’antico significa, infatti, anzitutto fermarci a riflettere sui nostri fondamentali, per arrivare a comprendere che tutto è contemporaneo: ciò che è stato, che era, è ancora oggi.
Vi aspettiamo quindi numerosi in questo percorso attraverso l’antico per capire meglio il contemporaneo, nello spazio del territorio crotoniate ma non solo, in una dimensione “senza tempo”.

Il Museo Archeologico Nazionale di Crotone (Crotone) e il Museo e Parco Archeologico Nazionale di Capo Colonna (Crotone) sono entrambi diretti da Gregorio Aversa e afferiscono al Polo museale della Calabria, guidato da Antonella Cucciniello.

R…estate al museo 2019
Timeless – Attualità dell’antico
Conversazioni estive
Museo Archeologico Nazionale di Crotone (Crotone)
Museo e Parco Archeologico Nazionale di Capo Colonna (Crotone)
16 luglio/ 27 agosto 2019

Museo del Ghisallo – Riapertura

museo del ciclismo madonna del ghisallo
museo del ciclismo madonna del ghisallo

Riparte con una mostra strepitosa, Veni Vidi Bici di Riccardo Guasco, la stagione 2019 del Museo del Ciclismo Madonna del Ghisallo di Magreglio. Una mostra che sarà allestita nei prossimi giorni e inaugurata a fine mese, una mostra che emoziona per i colori e l’atmosfera che questo artista alessandrino sa regalare al ciclismo vintage e non solo. Il suo tratto riempirà una sala dopo l’altra dell’intero spazio espositivo dedicato alle mostre temporanee.

La mostra di Riccardo Guasco terrà compagnia ai visitatori del museo sino alla fine del mese di maggio 2019 quando il Ghisallo inaugurerà un’altra rassegna storica “speciale”: sarà infatti dedicata una esposizione al settantesimo anniversario della Polizia Stradale al seguito del Giro d’Italia: un percorso a ritroso nel tempo attraverso immagini, cimeli, rievocazioni con un doppio evento previsto il 26 (domenica) e 27 (lunedì) maggio 2019, per il passaggio della corsa rosa (la tappa Carpi – Como, la più lunga del Giro 102) e per la giornata di riposo del Giro d’Italia dedicata ad una speciale visita degli studenti con il coinvolgimento del Pullman Azzurro della Polstrada. 70 anni della Polizia Stradale alle corse ciclistiche e 70 anni del Santuario del Ghisallo: un numero questo 70 che unisce “la scorta” dei Girini alla chiesa sul Passo che proprio nel 2019, il 14 ottobre, celebrerà il suo settantesimo anniversario. Museo del Ghisallo e Santuario sono pronti a festeggiare “nel segno del Centenario di Fausto Coppi” una serie di eventi che li collegano ancora di più, gemellando in modo ancora più incisivo la casa dei ciclisti con la chiesetta che ospita la Madonnina protettrice di tutti i corridori.

Le celebrazioni avranno inizio a fine mese di marzo con l’inaugurazione davanti al Museo del Ciclismo di un busto in bronzo dedicato a Fiorenzo Magni, dono di Ernesto Colnago. A giugno una mostra dedicata ai 70 anni del Santuario condurrà i visitatori nella storia del Ghisallo con una importante rassegna dedicata a Fausto Coppi e Fiorenzo Magni (mostra fotografica sui due campioni-amici).