Grande Festa Geas Basket

geas
geas

Il Geas chiude con un’ultima soddisfazione un campionato già vinto: al PalaNat le padrone di casa battono la rivale di una stagione, Costa Masnaga, per 58-57. Sesto è già in clima di festa da una settimana, dopo la vittoria di Selargius che ha assicurato la vetta della classifica e l’aritmetica promozione diretta in A1.

Ma il Geas vuol provare a chiudere in bellezza il campionato e dà tutto contro le lecchesi. Dopo un totale dominio nelle prime due frazioni (+21) le padroni di casa segnano solo 16 punti nella seconda metà gara, subiscono il ritorno delle orgogliose rivali e salvano la vittoria con un guizzo finale.

È stata una partita vera, dura, combattuta, che ha onorato entrambe le contendenti. Le rossonere ingranano sin dall’inizio: dopo 1’40’’ sono 6-0; a 4’ dalla prima sirena, sono a +8, vantaggio ritoccato a +5 alla fine del quarto.

Nella seconda frazione, le sestesi prendono il largo, soprattutto grazie a due parziali a breve distanza l’uno dall’altro alla fine del periodo, entrambi di 9-0: all’intervallo, le ragazze di coach Zanotti conducono 42-21. Nella ripresa. Costa inizia a risalire, arrivando, alla fine del terzo quarto, a -12.

Nell’ultimo periodo, le ragazze di coach Pirola impattano il risultato (49-49), a 4’ dal termine, con una spallata di 13-1 (Sesto non segna per 5’). Costa riesce nel sorpasso, a 1’30’’ dalla sirena: Orozovic fa 2/2 dalla lunetta, le risponde Baldelli con 2 punti, ma la play delle ospiti commette fallo tecnico toccando il pallone in mano ad Arturi sulla rimessa: la capitana del Geas non sbaglia il libero, con 6’’ rimanenti (57-57).

Orozovic penetra sul lato destro e subisce fallo, proprio allo scadere del periodo. L’1/2 della serbo-ungherese concede alle padrone di casa di celebrare in pienezza la festa-promozione.

Nazionale A e Nazionale Sperimentale.

Sacchetti
Sacchetti

Due mesi dopo la doppia vittoria su Paesi Bassi e Romania, si torna a parlare d’Azzurro. Il CT Meo Sacchetti e il suo staff tecnico hanno deciso il programma che accompagnerà la Nazionale nell’estate 2018, passaggio decisivo per centrare la qualificazione al Mondiale del 2019 in Cina.

Si comincia a maggio e giugno con due mini raduni al Centro di Preparazione Olimpica di Roma, dove verranno convocati gli atleti che non saranno coinvolti nei playoff dei vari campionati.

Il 20 giugno la squadra sarà a Trieste per preparare la delicata gara interna contro la Croazia (28 giugno), attualmente ultima nel raggruppamento ma con l’unico obiettivo della vittoria per rimanere aggrappata al sogno mondiale.

Il giorno seguente il volo verso Groningen, dove l’Italia chiuderà la prima fase di qualificazione al Mondiale FIBA contro i padroni di casa dei Paesi Bassi (1 luglio). Vincere entrambe le gare sarà determinante poiché tutti i punti accumulati nella prima fase faranno bottino per la seconda, che si aprirà a metà settembre e che vedrà gli Azzurri impegnati contro tre delle quattro squadre che formano il girone C (Lituania, Polonia, Ungheria, Kosovo).

Per preparare la prima finestra della seconda fase, la Nazionale affronterà il training camp dal 25 agosto al 5 settembre e giocherà due amichevoli (7 e 8 settembre) ad Amburgo in Germania nell’ambito della Supercup (torneo con i padroni di casa, Turchia e Repubblica Ceca).

Il 14 settembre in casa e il 17 settembre in trasferta le prime gare degli Azzurri nella seconda fase di qualificazione al Mondiale con avversarie, sedi e orari da definire in base alle classifiche finali del primo round. La Nazionale Sperimentale sarà in attività, sotto la guida del CT Sacchetti, dal 23 luglio al 5 agosto (torneo amichevole dal 3 al 5 agosto).

Il programma

22/26 maggio
Raduno presso il Centro di Preparazione Olimpica “Giulio Onesti” a Roma

10/14 giugno
Raduno presso il Centro di Preparazione Olimpica “Giulio Onesti” a Roma

20/27 giugno
Raduno a Trieste e allenamenti presso “PalaRubini”

World Cup 2019 European Qualifiers (ultimo turno prima fase)
28 giugno
Italia-Croazia (Trieste, PalaRubini, 20.45 diretta Sky Sport HD)

1 luglio
Paesi Bassi-Italia (Groningen, MartiniPlaza, 20.00 diretta SkySportHD)

23 luglio/2 agosto
Raduno Nazionale Sperimentale

3/5 agosto
Torneo Amichevole Nazionale Sperimentale

25 agosto/5 settembre
Training camp

7/8 settembre
Torneo Supercup ad Amburgo (Germania)
Germania, Italia, Rep. Ceca, Turchia

World Cup 2019 European Qualifiers (primo turno seconda fase)
14 settembre
Italia-?* (sede e orario da definire)

17 settembre
?*-Italia (sede e orario da definire)

*Le avversarie e il calendario degli Azzurri nella seconda fase delle qualificazioni al Mondiale usciranno dal girone C composto da Lituania, Ungheria, Polonia e Kosovo. A un turno dalla fine, questa è la classifica: Lituania 4/0, Polonia 2/2, Ungheria 2/2, Kosovo 0/4. Si qualificano alla seconda fase le prime tre del girone.

Il secondo turno della seconda fase delle qualificazioni al Mondiale si svolgerà tra il 26 novembre e il 3 dicembre 2018.

Il terzo e ultimo turno della seconda fase delle qualificazioni al Mondiale si svolgerà tra il 18 e il 26 febbraio 2019.

La formula di qualificazione al FIBA World Cup 2019
Otto gruppi da quattro squadre con la formula del girone all’italiana. Le migliori tre squadre di ogni gruppo si qualificano alla seconda fase, dove verranno inserite in quattro gironi da sei squadre.

Le prime tre qualificate di ogni gruppo staccheranno il pass per il Mondiale 2019 (31 agosto/15 settembre). Nella seconda fase non potranno affrontarsi nuovamente le squadre che nella prima fase facevano parte dello stesso girone. Il gruppo degli Azzurri sarà “accoppiato” con il gruppo C (Polonia, Kosovo, Lituania, Ungheria).

La situazione attuale del girone D

Prima giornata
Italia – Romania 75-70
Paesi Bassi – Croazia 68-61

Seconda giornata
Croazia – Italia 64-80
Romania – Paesi Bassi 75-68

Terza giornata
Italia – Paesi Passi 80-62
Croazia – Romania 56-58

Quarta giornata
Romania – Italia 50-101
Croazia – Paesi Bassi 82-78

Classifica
Italia 4/0
Romania 2/2
Paesi Bassi 1/3
Croazia 1/3

Geas: a un passo dal sogno

Image-2018-04-19-
Image-2018-04-19-

Ci sono serate in cui le stelle brillano con intensità maggiore, quasi a significare un’unione di più circostanze favorevoli. Ci sono mercoledì da leonesse, da cuori forti, anzi fortissimi. Sul “campo centrale”, il PalaNat, Sesto vince soffrendo contro Alpo Villafranca, riemersa pericolosamente dal torpore dei primi 20’ a partire dal terzo periodo.

Quando la partita finisce, le rossonere esultano in maniera attenuata: aspettano un altro risultato, poiché quasi in contemporanea Crema, il secondo “campo collegato”, sta ospitando Costa Masnaga, seconda in classifica e ormai sola pretendente alla vetta e alla promozione diretta in A1.

La gara di Crema procede lentamente verso il termine: con 17’’ da giocare, le lecchesi, a +3, fanno fallo. In lunetta va Mandelli, che segna il primo e sbaglia di proposito il secondo. Nori strappa il rimbalzo offensivo: in 3’’ la palla finisce nelle mani di Caccialanza, la quale dall’arco segna il +1.

Proprio lei che praticamente nello stesso modo aveva decretato la vittoria della sua squadra contro il Geas: il destino racconta storie al limite della credibilità. Poi a 2’’ dalla fine, Baldelli sbaglia il tiro della vittoria. Questa volta l’esultanza è piena a Sesto, in una palestra ancora gremita: nessun fatto personale, è la legge dello sport: Costa scivola a -4 in classifica.

La notizia concede alle rossonere la possibilità di ottenere la promozione con una giornata di anticipo, ma bisogna vincere a Selargius e non sarà facile perché le sarde hanno contemporaneamente riportato una sconfitta nel derby col Cus Cagliari e sono state risucchiate nella lotta per la salvezza. Sabato alle 16, scenderanno agguerrite sul loro campo, per tentare di guadagnare due punti fondamentali.

 

Basket – Torneo di Mannheim

Torneo di Mannheim
Torneo di Mannheim

Si ferma in Semifinale la corsa della Nazionale Under 18 all’Albert Schweitzer Tournament 2018. La squadra di coach Andrea Capobianco è stata infatti sconfitta dall’Australia per 51-84. Miglior marcatore dell’Italia è stato Federico Miaschi con 12 punti. In doppia cifra anche Mattia Palumbo con 11 punti.

Dopo 5 vittorie consecutive dunque, gli Azzurri devono cedere agli aussie, dalla palla a 2 sempre in comando della gara. Non finisce però qui l’avventura dell’Italia al mondialino di categoria giunto alla 29esima edizione. Domani c’è la Finale per il terzo posto, contro la perdente di Germania – Russia (in campo alle 20:00), e per confermare il Bronzo vinto due anni fa a Mannheim.

Queste le parole di Capobianco: “Siamo dispiaciuti, è ovvio. Ma prima di tutto voglio fare i complimenti all’Australia. Hanno attaccato i nostri punti deboli, nell’uno contro uno in post basso con gli interni e con gli esterni. E noi non siamo stati bravi a nascondere questo nostro limite.
Fino ad oggi, l’Italia aveva comandato le partite. Oggi, sono loro ad aver tenuto sempre in mano il pallino del gioco. Quando non riesci ad imporre il tuo ritmo, arriva la frustrazione. Ci può stare. Dispiace aver perso così, ma una partita non intacca quanto di straordinario hanno fatto i ragazzi qui a Mannheim.
Ora dobbiamo recuperare energie. Vogliamo confermare il terzo posto di due anni, e vogliamo vedere il nome Italia, dopo l’Oro del 2014 e il Bronzo del 2016, sul podio dell’Albert Schweitzer Tournament per la terza volta”.

Basket: Trofeo delle Regioni 2018

Basket trofeo
Basket trofeo

La selezione lombarda Under 15 ha ottenuto il primo posto al Trofeo delle Regioni, dopo la finale vinta contro l’Emilia Romagna, al PalaDesio. Le lombarde terminano il Trofeo da imbattute, dopo aver sconfitto negli scontri precedenti la Liguria, l’Abruzzo, le Marche e il Piemonte.

Tra le convocate, presenti le geassine Calvi, Capra e Ronchi, con Merisio disponibile come prima riserva. La Lombardia ottiene la terza medaglia d’oro in tre anni. Un successo anche per la selezione maschile lombarda (Under 14), che riconferma il primo posto ottenuto lo scorso anno.

Ecco il tabellino della finale:

Lombardia – Emilia Romagna 53-35 (12-2; 15-9; 18-11; 8-13). Lombardia: Capra 2, Villa E. 7, Villa M. 4, Moretti 8, Barzaghi 4, Rizzo 6, Labanca 11, Allievi 2, Ronchi 9, Lanzilotti, Calvi, Mbengue. All.: Riccardi.