Sciopero Cub Trasporti, domenica 9 dicembre

treno trenord
treno trenord

A causa di uno sciopero indetto dal sindacato CUB Trasporti, nella giornata di domenica 9 dicembre la circolazione dei treni Trenord, compreso il Malpensa Express, potrà subire variazioni di percorso e cancellazioni. L’agitazione terminerà alle 2 nella notte tra domenica e lunedì.

Trattandosi di una giornata festiva, durante lo sciopero non sono previste fasce di garanzia. L’agitazione non interesserà il personale che effettua servizio sui bus sostitutivi.

Malpensa Express
Sono previsti autobus sostitutivi senza fermate intermedie per le corse Malpensa Express tra Milano Cadorna e Malpensa Aeroporto e tra Stabio e Malpensa Aeroporto che non saranno non effettuate a causa dello sciopero.

Informazioni sulla circolazione saranno comunicate nelle stazioni, tramite monitor e annunci sonori. Sull’App Trenord è possibile seguire la circolazione in tempo reale.

Ulteriori informazioni su trenord.it

M5, prolungamento a Monza

m5_chiusura_porte_
m5_chiusura_porte_

Sono state approvate venerdì dalla giunta milanese le linee guida del protocollo che sancisce l’intesa tra Regione Lombardia. Città Metropolitana, Provincia di Monza e della Brianza, Comune di Milano, Comune di Sesto San Giovanni, Comune di Cinisello Balsamo e Comune di Monza sul prolungamento della linea metropolitana lilla, la  da Bignami (Milano) fino a Monza.

Anche il capoluogo lombardo formalizza così la sua adesione al patto che i territori a nord-est della città hanno sottoscritto per ottenere dal Governo il contributo di 900 milioni di euro alla realizzazione del progetto che ha un costo totale di 1.250.000 di euro cofinanziati dagli Enti interessati.

“Questa è un’infrastruttura fondamentale – dichiara Marco Granelli assessore alla Mobilità e Ambiente -. Siamo contenti che tutti ne abbiano compreso l’importanza e vi sia condivisione sulla necessità di proseguire e concludere i lavori. La sfida di Milano, oggi, è sviluppare il trasporto pubblico anche fuori dai confini urbani e consentire ai milanesi e ai ‘cittadini temporanei’ di non aver bisogno di usare l’auto. Una volta costruito il prolungamento la linea lilla trasporterà in un giorno feriale medio circa 210 mila passeggeri che potranno spostarsi lungo un tragitto di 25 chilometri dalla fermata Stadio San Siro fino a Monza Brianza attraverso quattro Comuni fra i più grandi della Lombardia”.

Il progetto prevede per la M5 un prolungamento di 13 chilometri di tracciato interrato, oggi la linea è lunga 12,2 chilometri, con 11 stazioni che si aggiungono alle 19 già esistenti per un totale di 30 stazioni, e la connessione con la M1 a Monza Bettola per connettere luoghi densamente abitati, strategici dal punto di vista dell’imprenditoria e di grande attrazione, e nello stesso tempo collegare la rete metropolitana milanese direttamente ai nodi interscambio con strade di grande viabilità automobilistica come la A4, la Rho-Monza e la Milano-Lecco.

La velocità commerciale dei 32 treni che misureranno 50 metri sarà di 33 chilometri orari. La M5 effettuerà servizio 365 giorni all’anno, con orario dalle ore 5.30 alle ore 24.00 e una frequenza nei giorni feriali di 3 minuti in ora di punta e di 4-6 minuti in ora di morbida.

FNM- Nuovi treni per servizio TiLo

FNM_TILO
FNM_TILO

FNM S.p.A. e Stadler hanno sottoscritto oggi l’Accordo Quadro per la fornitura di treni elettrici interoperabili, omologati per la circolazione in Italia e in Svizzera, dedicati al servizio transfrontaliero TiLo (Ticino Lombardia). I convogli saranno concessi in locazione a Trenord in vista del rafforzamento del servizio TiLo, a partire dal cambio orario del dicembre 2020. La firma di oggi fa seguito all’aggiudicazione alla stessa Stadler della gara indetta da FNM lo scorso anno.

L’Accordo Quadro, che ha una durata di 8 anni, prevede una quantità minima garantita di 5 treni con una opzione per altri 4 convogli. L’Accordo Quadro prevede anche il servizio di manutenzione “full service” di primo e secondo livello. L’importo complessivo dell’Accordo Quadro è di 114.417.200 euro.

Contestualmente alla firma dell’Accordo Quadro, sono anche stati sottoscritti due contratti applicativi rispettivamente per 5 e 4 convogli. La consegna dei primi 5 treni è prevista entro il mese di novembre del 2020, la consegna dei restanti 4 a partire da luglio 2021.

Si tratta di convogli bidirezionali, a composizione bloccata, a doppia tensione di alimentazione (3 kV cc per l’Italia, 15 kV ca per la Svizzera) autorizzati per la circolazione nei due Paesi. I convogli saranno compatibili con la flotta TiLo esistente.

Sul fronte tecnologie e sicurezza, da segnalare la presenza di: illuminazione LED, prese elettriche per ricarica dei dispositivi elettronici, sistema informazione a passeggeri, misuratore di energia, conta-persone, telediagnostica da remoto. I convogli saranno inoltre dotati del più moderno e avanzato sistema di sicurezza ERTMS/ETCS che, oltre a garantire elevatissimi standard di sicurezza, permetterà di incrementare la capacità di traffico sulle linee ferroviarie.

“Gli investimenti di FNM – commenta l’assessore Infrastrutture, Trasporti e Mobilità sostenibile di Regione Lombardia Claudia Maria Terzi – si affiancano a quelli messi in campo da Regione Lombardia per rinnovare la flotta, con l’obiettivo di implementare la qualità del trasporto ferroviario. Prosegue dunque, concretamente, il nostro impegno in questa direzione. I nuovi convogli determineranno un tangibile miglioramento del servizio a beneficio dei cittadini lombardi”.

“La firma di oggi – sottolinea il presidente di FNM Andrea Gibelli – è un ulteriore tassello del più ampio piano di rinnovamento della flotta dei treni avviato nel 2017. La disponibilità di nuovi convogli è un elemento essenziale per offrire un servizio sempre più adeguato alle esigenze di mobilità delle persone che vivono, lavorano o visitano la Lombardia o, come in questo caso, che viaggiano oltre confine”.

“Siamo orgogliosi – aggiunge Peter Jenelten, Vice presidente esecutivo Vendite e Marketing di Stadler – di supportare FNM nei suoi sforzi per migliorare continuamente il servizio transfrontaliero con treni facilmente accessibili, confortevoli e ad alta efficienza energetica”.

10 anni di Bike sharing : promozioni ed iniziative

BikeMi
BikeMi

Dieci giorni di tariffe speciali, sette nuove stazioni da inaugurare e 150 nuove biciclette elettriche con seggiolino per bambini in arrivo nei prossimi giorni. E ancora, un convegno alla Statale e molte novità in agenda per il 2019: BikeMi compie dieci anni e festeggia con la città il successo del servizio di sharing nato il 3 dicembre del 2008.

A presentare le iniziative in programma sono stati oggi, in una conferenza stampa a Palazzo Marino, il Sindaco di Milano Giuseppe Sala, l’assessore alla Mobilità e Ambiente Marco Granelli, il Presidente di Atm Luca Bianchi e il general manager di Clear Channel Italia Mats Lundquist.

“Questi primi dieci anni – ha detto il Sindaco di Milano, Giuseppe Sala – mettono in evidenza due aspetti del successo di BikeMi: la vocazione di Milano verso tutto ciò che la può rendere più moderna e sostenibile e l’attitudine dei milanesi verso l’uso della bicicletta, sempre più diffusa e apprezzata come mezzo di trasporto. I numeri che abbiamo presentato oggi sono davvero impressionanti. Basti pensare che il servizio conta oggi 650.000 iscritti, che gli utilizzi in dieci anni sono stati 23 milioni e che sono stati percorsi più di 46 milioni di chilometri senza produrre emissioni inquinanti. Un risultato davvero ottimo. Utilizziamo questo decennale come punto di partenza”.

Per celebrare il compleanno delle bici gialle, dal 3 al 13 dicembre, gli abbonati BikeMi potranno utilizzare gratuitamente senza limiti di tempo le biciclette normali ed elettriche, la cui flotta verrà implementata con l’arrivo di 150 nuovi modelli con pedalata assistita e seggiolino; il 13 dicembre chiunque potrà attivare gratuitamente un abbonamento giornaliero.

“Il 13 dicembre – dichiara Marco Granelli assessore alla Mobilità e Ambiente – entrano in esercizio sette nuove stazioni, Angilberto-Comacchio, Bologna, Ortles-Ripamonti, Ortles-Orobia, Cuoco-Monte Cimone, Corvetto-Polesine, Gabrio Rosa, realizzate nell’ambito del progetto europeo Sharing cities. A queste, entro il 2019, se ne aggiungeranno altre 34, portando il numero delle stazioni sparse per la città a quota 323. A crescere, il prossimo anno, sarà anche la flotta delle ‘gialle’, che passeranno dalle attuali 3.650 a 4.280, alle quali si uniranno le 1.150 elettriche a pedalata assistita, segno che questi 10 anni sono per noi un punto di partenza”.

Numeri in crescita che rispondono al gradimento dei cittadini per un servizio pensato da Comune e ATM, e gestito da Clear Channel, che conta ad oggi più di 650mila iscritti e 23 milioni di utilizzi per oltre 46 milioni di chilometri percorsi in città. Pedalate che hanno permesso di risparmiare oltre 9,3 milioni di chili di anidride carbonica in termini di mancate emissioni, alle quali si aggiunge il contributo di una centrale di ricarica elettrica con energia (75 khW/annui) prodotta da pannelli fotovoltaici.

“Siamo molto contenti di festeggiare i primi 10 anni di BikeMi che è sempre più apprezzato dai cittadini. Oggi si è raggiunto un traguardo importante: 150 nuove biciclette elettriche con seggiolino, un ulteriore step per rendere il servizio sempre più fruibile anche dalle famiglie – ha commentato il Presidente di Atm Luca Bianchi –. I cittadini scelgono sempre di più la sostenibilità e anche Atm è impegnata su questo fronte a 360 gradi. Non solo in termini di sostenibilità ambientale, con il piano ‘full electric’ che prevede entro il 2030 solo mezzi elettrici, ma anche sociale. L’iniziativa di inclusione di alcuni ex-detenuti presentata oggi va proprio in questa direzione”.

BikeMi ha quindi raggiunto e superato gli obiettivi per i quali era nato e oggi è a tutti gli effetti un servizio di trasporto pubblico efficiente e capillare, con stazioni che non distano tra di loro più di quattrocento metri, in grado di collegare i quartieri alle grandi reti di trasporto pubblico.
Un sistema che ha il merito di diffondere buone pratiche, invogliando anche chi non vive in città ad utilizzare le due ruote a pedali per gli spostamenti. Grazie allo sharing, infatti, possono andare in bici anche i “cittadini temporanei” che si trovano a Milano per lavoro o vacanza, e possono sperimentare le due ruote anche persone che non vogliono acquistare il veicolo o che organizzano gli spostamenti passando dalla metropolitana, al bus e a sistemi più flessibili.

“BikeMi è il fiore all’occhiello del nostro sistema di Bike sharing che gestiamo in varie città del mondo tra cui Santiago del Cile e Trondheim in Norvegia – dichiara Mats Lundquist, General Manager di Clear Channel Italia –. In questi 10 anni abbiamo percorso 120 volte il tragitto terra-luna con un risparmio di emissioni annue di 2.000 auto. Per ringraziare i nostri abbonati della loro fedeltà dal 3 al 13 dicembre le tariffe per gli extra utilizzi saranno offerte gratuitamente a tutti. In più giovedì 13 dicembre presenteremo i risultati della Customer Satisfaction survey alla Statale di Milano in occasione dell’evento celebrativo dei 10 anni”.

Le biciclette in condivisione sono ormai una parte ormai decisiva del sistema di mobilità sostenibile e a basso impatto per il quale Milano sta diventando un modello e punto di riferimento, grazie alla capacità di integrare i mezzi tradizionali con quelli più moderni della sharing mobility.

10 ANNI DI BIKEMI IN NUMERI
650.000 iscritti
23 milioni di utilizzi
46.120.088 km percorsi
323 stazioni entro il 2019
4.280 biciclette a pedalata tradizionale entro il 2019
1.150 biciclette elettriche a pedalata assistita
2017 l’anno con il maggior numero di utilizzi (4.285.009) e più chilometri percorsi (8.570.018)
5 aprile 2017 (mercoledì) il giorno con più prelievi (23.370) in 10 anni
Cadorna la stazione più utilizzata
Martedì il giorno della settimana col maggior numero di prelievi
8-9; 18-19; 9-10; 19-20 le fasce orarie con più prelievi e più restituzioni

Aeroporto Milano: spilla Baby on Board

Consegna spilla Baby ond Board
Consegna spilla Baby on Board

BABY ON BOARD è una scritta che suona familiare e che spesso ci capita di leggere sul retro dell’auto che ci precede quando siamo alla guida.

Indica, ovviamente, la presenza di bambini a bordo e contiene implicitamente l’invito a prestare attenzione e mantenere la distanza di sicurezza.

SACBO, società di gestione dell’Aeroporto di Milano Bergamo, ha deciso di adottare la scritta BABY ON BOARD e associarla alle donne in gravidanza che si apprestano a viaggiare in aereo.

Un simbolo da applicare su maglia, giacca e soprabito, a seconda delle stagioni, per fare sapere che nel grembo di una donna sta crescendo una creatura e che c’è bisogno di attenzione e rispetto nei confronti della futura mamma.

L’iniziativa, la prima di questo tipo introdotta in un aeroporto, è mutuata da quelle analoghe adottate sui mezzi pubblici delle città metropolitane a Londra, in Giappone e recentemente anche a Milano.

Nel caso del transito in aeroporto, la cortesia e l’attenzione dovute a una donna in gravidanza riguardano tutta una serie di passaggi e situazioni e non solo il gesto naturale di cedere il posto a sedere.

La spilla ideata da SACBO, con la scritta BABY ON BOARD e il logo BGY MilanBergamoAirport, riporta anche un aeroplanino di carta che disegna un cuore.
Un tratteggio delicato che richiama la gentilezza e l’accoglienza.