Francesca Incudine: la colonna sonora di Alitalia e le prossime date del tour

Francesca Incudine
Francesca Incudine

La musica di Francesca Incudine vola con Alitalia. Il suo “Come fussi picciridda”, brano contenuto nel fortunato ‘Tarakè’, già premiato con la Targa Tenco come miglior album in dialetto, è tra i brani che, fino a novembre, andranno in rotazione, prima del decollo e dopo l’atterraggio, sui voli nazionali e internazionali della compagnia italiana.
La cantautrice siciliana, tra le giovani realtà più interessanti della world music italiana, è infatti tra i vincitori del contest “Fai volare la tua musica” bandito da Siae, Alitalia e Rockol.
Intanto prosegue la sua intensa attività live che la vedrà, sabato 21 settembre, in Sardegna per chiudere, con il suo live, la programmazione annuale di Mare e Miniere 2019, rassegna itinerante di musica, teatro, danza e cinema, oramai punto di riferimento imprescindibile per tutti gli appassionati di musica popolare. L’appuntamento è a Villacidro (Sud Sardegna) nel cortile di Casa Dessì.
Dalla Sardegna al Nord Italia: il 3 ottobre, con la sua band sarà a Valenza (Alessandria), nell’ambito della manifestazione Pem! Parole e musica in Monferrato. Al centro comunale di Cultura sarà protagonista con un suo concerto della serata di musica e parole, “La Sicilia di Camilleri”.
Il 4 il tour toccherà Milano per un live al Let’s Feel Good (Viale Ergisto Bezzi 73). Il 5 ottobre, invece, come vincitrice del Premio Bianca d’Aponte per la canzone d’autrice, sarà a Faenza al Teatro Masini per partecipare al Premio dei Premi, il contest che si svolge nell’ambito del Mei e che riunisce i vincitori dei concorsi italiani di canzone d’autore e world music intitolati ad artisti scomparsi.
Ultima tappa d’autunno il 25 e il 26 ottobre sarà proprio ad Aversa (Teatro Cimarosa), in qualità di ospite, al Premio Bianca d’Aponte. “Un anno straordinario – dice Francesca – che si chiude in bellezza, così come è iniziato”.
Il tour di Francesca Incudine, prodotto da BubbaMusic Management e Booking, è reso possibile anche grazie al supporto del Nuovo Imaie ai sensi dell’Art. 7 Legge 93/92 per attività di sostegno.
IL LIVE
Francesca Incudine propone un live di grande impatto; si muove tra canzone d’autore e world music per raccontare di viaggi, di speranza, di coraggio e di cambiamento, “di semi sparsi al vento”. Semi come sogni e come segni, volati via dalla corolla del dente di leone, il tarassaco, il nuovo fiore simbolo scelto per questo nuovo percorso artistico che dà il nome al suo fortunato album, “Tarakè”. Brani ben piantati per terra, che raccontano storie coraggiose, amori fecondi, finestre sul reale e sul possibile, desideri e volontà.
Quadri sonori dipinti dagli arrangiamenti di Carmelo Colajanni e Manfredi Tumminello, che la accompagnano anche in questo viaggio live, che uniscono sapientemente il suono alla parola, il pop alla world music, il siciliano all’italiano, per restituire al pubblico una trama ispirata.
E, seguendo la traiettoria dei batuffoli di tarassaco, Francesca Incudine è partita alla ricerca di storie e di emozioni da raccontare, per lo più in siciliano, nelle tracce del disco: le operaie della Triangle Waist Company di New York morte in fabbrica avvolte dalla fiamme; i dubbi di Colombo e Gutierrez che, in una immaginaria conversazione, si interrogano sulle ragioni del viaggio; il dramma dell’immigrazione e il coraggio dell’umanità; la voglia di cambiamento; la forza dell’amore quando è appartenenza e non possesso; la capacità di trasformare le “cadute” in danza; il tempo che passa vissuto con la leggerezza dell’infanzia. È un disco che racconta l’impegno di vivere ‘Tarakè’, ma lo racconta con la delicatezza e la levità dei semi nel vento.
Sul palco: Francesca Incudine, percussioni e voce; Carmelo Colajanni, fiati; Manfredi Tumminello, chitarra; Salvo Compagno, percussioni oltre a Nicola Merlisenna, chitarra e Raffaele Pullara, mandolino.

ULTIME TAPPE DEL TOUR ESTIVO. PROSSIMI APPUNTAMENTI LIVE:

Sabato 21 settembre Villacidro (Sud Sardegna)
concerto di chiusura della rassegna Mare e Miniere

Giovedì 3 ottobre Valenza (Alessandria)
“La Sicilia di Camilleri”- Rassegna Pem! Parole e musica in Monferrato

Venerdì 4 ottobre Milano – Let’s Feel Good

Sabato 5 ottobre Faenza
Mei – Premio dei Premi – Teatro Masini

Venerdì 25 e sabato 26 ottobre Aversa
Premio Bianca d’Aponte – Teatro Cimarosa

Milano Full Electric

presentazione full electric
presentazione full electric

L’energia derivante dal successo di Expo, che ha mostrato al mondo la concreta fattività meneghina, sì è trasformata in una progettualità di medio termine, verso il 2030, orizzonte temporale del nuovo Piano di Governo del Territorio ma anche del piano di ATM Full Electric, la cui attuazione sarà fondamentale per accompagnare Milano nella sua evoluzione.

Il suo esito più dirompente, oltre alla significativa diminuzione delle emissioni, sarà la ricaduta sul suolo urbano, inteso come spazio pubblico che, una volta infrastrutturato e liberato dal traffico veicolare privato, recupererà il suo ruolo centrale nella vita dei cittadini, continuando quel processo virtuoso di valorizzazione degli spazi aperti già intrapreso a Milano dai più recenti progetti di trasformazione.

“AIM – afferma il Presidente Carlo Berizzi – da sempre interessata allo sviluppo urbanistico sociale e economico della città di Milano, dopo aver approfondito con i suoi Report il tema della riapertura del naviglio e del teleriscaldamento come supporto alle strategie ecologiche per l’area metropolitana, continua la fotografia delle politiche ambientali di medio termine, con un numero interamente dedicato alla conversione elettrica di tutti i trasporti pubblici Milanesi. Una delle importanti ricadute sarà la possibilità di rafforzare il sistema delle piste ciclabili e delle aree pedonali
soprattutto negli ambiti più densi di attività collettive e nei nodi di interscambio di mobilità.”

I contributi presenti in questa pubblicazione approfondiscono il grande piano di ATM e mostrano come progetti di questa entità richiedano un avanzamento complessivo del sistema urbano che ricomprende lo sviluppo delle reti tecnologiche, di infrastrutture e di sistemi. Inoltre, gli studi che stanno portando al compimento del Full Electric 2030, consentono di promuovere l’innovazione e di sviluppare attraverso la ricerca un know-how che renderà Milano ancora più competitiva nel campo delle infrastrutture e dei trasporti, settori della produzione in cui la città è sempre stata un punto di riferimento internazionale.

“Siamo molto contenti che Report Milano sia dedicato all’ambizioso pianoFull Electric – dichiara il Presidente di ATM Luca Bianchi. – Il nostro obiettivo di rendere il trasporto pubblico milanese interamente elettrico entro il 2030 – con una riduzione di 75.000 tonnellate all’anno di CO2 – rappresenta una vera e propria rivoluzione per l’Azienda, ma anche per Milano. I traguardi da raggiungere sono due: cambiare la mobilità cittadina promuovendo l’uso dei mezzi pubblici e condivisi e dare un contributo sostanziale al miglioramento della qualità dell’ambiente urbano, tema che è al centro delle politiche dell’Amministrazione.”

Milano già oggi è nella top 10 delle migliori città a livello mondiale in tema di mobilità. A decretare il risultato è stato a giugno 2018 lo studio condotto da McKinsey dal titolo “Elements of success: Urban transportation systems of 24 global cities”. McKinsey analizza la mobilità secondo disponibilità, accessibilità, efficienza, convenienza e sostenibilità in differenti fasi e integra tale analisi con l’opinione dei residenti.

Uno dei fiori all’occhiello del sistema dei trasporti milanesi risulta essere la mobilità condivisa: grazie alla sua efficienza il 12% degli intervistati ha rinunciato all’auto privata e un altro 8% si dice intenzionato a farlo. Altro aspetto che ha portato Milano ai primi posti in classifica è l’attenzione alla sostenibilità, sia presente sia futura, grazie al Piano di mobilità sostenibile della città.

Report Milano Full Electric accoglie interventi di Oliviero Baccelli, Luca Bianchi Marco Granelli, Sylvain Haon, e Ferruccio Resta che affrontano il tema della mobilità urbana in una visione macro, che affronta l’avanzamento tecnologico, i temi ambientali e la qualità dell’abitare.

Sicurezza stradale: quasi 10 milioni per prevenzione incidenti nel triennio 2019-2021

Sicurezza stradale
Sicurezza stradale

DE CORATO: ALTRI 1,5 MILIONI SI AGGIUNGONO AGLI 8 STANZIATI

I fondi regionali per diminuire gli incidenti stradali sono stati incrementati di ulteriori 1.534.000 euro. Queste risorse si aggiungono agli 8 milioni di euro gia’ stanziati per il triennio 2019-2021.
Lo ha stabilito la giunta della Regione Lombardia su proposta dell’assessore alla Sicurezza Riccardo De Corato.
“Queste risorse aggiuntive che incrementano la dotazione finanziaria gia’ deliberata – ha spiegato l’assessore – serviranno per interventi di contrasto ai fattori di rischio presenti sulla rete stradale allo scopo di diminuire gli incidenti stradali”.
RISORSE TRIENNIO
La somma complessiva per il triennio 2019-2021 e’ ora di 9.534.000 euro ed e’ cosi’ ripartita: 2.534.000 per il 2019, 3 milioni per il 2020 e 4 milioni per il 2021.
DESTINATARI
I contributi sono a favore di Province (importo massimo 300.000 euro), Comuni capoluogo, Comuni con popolazione residente superiore a 30.000 abitanti, raggruppamenti di Comuni con popolazione complessiva superiore a 30.000 abitanti (importo massimo 200.000 euro), Comuni e unione di Comuni (massimo 100.000 euro). Il cofinanziamento e’ riconosciuto in percentuale, nella misura massima del 50 per cento del costo totale delle spese ammissibili.

AZIONI A FAVORE SICUREZZA STRADALE
“Regione Lombardia – ha sottolineato l’assessore De Corato – promuove e assume iniziative per il miglioramento della sicurezza stradale sulla rete viaria di interesse regionale, anche attraverso l’attuazione diretta cioe’ la partecipazione agli interventi promossi in attuazione del Piano nazionale della sicurezza sulle strade”.

Alitalia smentisce false dichiarazioni

Aereo Alitalia
Aereo Alitalia

Le dichiarazioni di alcune sigle sindacali in merito alla manutenzione Alitalia sono false ed estremamente gravi. La compagnia ribadisce che la sicurezza  dei propri aerei non è mai stata messa in discussione e gli investimenti sulla manutenzione sono sempre stati una priorità imprescindibile.

Durante il periodo dell’amministrazione straordinaria gli investimenti per manutenzione e componenti sono cresciuti costantemente e anche quest’anno, come negli anni precedenti, Alitalia registra una affidabilità tecnica superiore alla media mondiale, secondo i dati forniti dai costruttori di aerei.

Alitalia ha dato mandato ai propri legali di intraprendere ogni iniziativa a tutela dei propri diritti e della propria immagine, nei confronti di chi ha mosso tali accuse totalmente infondate e irresponsabili.

Atm: domenica 15 settembre tram e bus deviati per Salomon Running Milano

Salomon Running Milano 2019
Salomon Running Milano 2019

Torna domenica 15 settembre la nona edizione della Salomon Running Milano 2019, l’Urban Trail dedicato alla Città. Per permettere il passaggio degli atleti, dalle ore 8.30 alle ore 12.30 circa, i tram e i bus che transitano in prossimità del percorso subiranno rallentamenti e deviazioni.
Tutte le informazioni sulle modifiche ai servizi sono disponibili sul sito Atm alla pagina Info Traffico e sull’app Atm Milano.
Di seguito le linee maggiormente coinvolte:

· tram: 1, 2, 4, 10, 12, 14, 19, 33,
· bus: 43, 48, 57, 58, 61, 68, 78, 94

Il dettaglio dei percorsi:

LINEA 1 – Dalle 8:30 alle 11:45. Fa servizio su due tratte tra Greco-Centrale FS M2 M3 e Roserio-Lagosta. Non passa da Turati M3, Montenapoleone M3, Cordusio M1, Cadorna M1 M2, corso Sempione.
LINEA 2 – Dalle 8:30 alle 11:30. Fa servizio su due tratte tra Negrelli-Duomo M1 M3 e Bausan-Roserio. Non passa da via Montello, Lanza M2, Cordusio M1.
LINEA 4 – Dalle 8:30 alle 12. Fa servizio tra Parco Nord e piazzale Cimitero Monumentale, passando per via Ceresio, Monumentale M5. Non passa da Lanza M2 e Cairoli M1.
LINEA 10 – Dalle 8:30 alle 11:30. Fa servizio su due tratte tra piazza 24 Maggio-Segesta M5 e Greco-Lunigiana. Non passa da Conciliazione M1, corso Sempione, Monumentale M5, Garibaldi FS M2 M5, piazzale Principessa Clotilde.
LINEA 12 – Dalle 8:30 alle 11:30. Fa servizio su due tratte tra Molise-Monte Velino passando da Crocetta M3, viale Umbria, piazzale Cuoco e Roserio-Bausan. Non passa da Lanza M2, Cordusio M1, Duomo M1 M3, via Bramante e via Legnano.
LINEA 14 – Dalle 8:30 alle 11:30. Fa servizio su due tratte tra Lorenteggio-Duomo M1 M3 e Cimitero Maggiore-Maciachini M3. Non passa da Lanza M2, Cordusio M1, via Bramante e via Legnano.
LINEA 19 – Dalle 8:30 alle 11:45. Fa servizio su due tratte tra piazza Castelli- piazzale Lagosta non passando da piazza Prealpi, piazza Firenze, Domodossola M5, corso Sempione e tra Lambrate FS M2-piazza Fontana.
LINEA 33 – Dalle 8:30 alle 11:45. Fa servizio tra Lambrate M2 e viale Lunigiana passando da via Galilei, via Filzi, via Ponte Seveso. Non passa da Garibaldi FS M2 M5, piazzale Lagosta.
LINEA 43 – Dalle 8:30 alle 11:30. In entrambe le direzioni devia tra via Piero della Francesca e via Melchiorre Gioia, passando da Monumentale M5 e Garibaldi FS M2 M5. Non passa da Moscova M2, Turati M3 e Repubblica M3.
LINEA 48 – I bus non fanno servizio dalle 9:20 alle 12:30.
LINEA 57 – Dalle 8:30 alle 11:30. Fa servizio tra Quarto Oggiaro e largo Medici. Non passa da Lanza M2 e Cairoli M1.
LINEA 58 – Dalle 8:30 alle 11:30. Fa capolinea provvisorio in Boccaccio/Cadorna FN M1 M2 invece di via Minghetti.
LINEA 61 – Dalle 8:30 alle 11:30. In entrambe le direzioni devia tra corso Monforte/Mascagni e Pagano M1, passando da Conciliazione M1.
LINEA 68 – Dalle 7:30 alle 13. In entrambe le direzioni devia tra Conciliazione M1 e piazza Giulio Cesare, passando da Buonarroti M1 e Pagano M1.
LINEA 78 – Dalle 9:20 alle 12:30. In entrambe le direzioni devia da via Silva a piazza Caneva, passando per via Albani, piazza Stuparich, via Serra, piazza Firenze, via Cenisio. Non passa da Portello M5.
LINEA 94 – Dalle 8:30 alle 11:30. Fa regolare servizio tra Carducci/Cadorna FN M1 M2 e via Moscova/largo Donegani (capolinea provvisorio in via Moscova 1 dopo via Manin). Non passa da Moscova M2 e Porta Volta.