Francesco De Gregori: concerti sospesi

de-gregori
de-gregori

A seguito delle recenti decisioni governative in merito alla sospensione delle attività di teatri, cinema e luoghi di spettacolo, i concerti di FRANCESCO DE GREGORI previsti nel mese di dicembre 2020 al Teatro Dal Verme di Milano sono CANCELLATI.

I biglietti acquistati per i concerti di “OFF THE RECORD” (previsti il 4, 5 e 6 dicembre 2020) verranno rimborsati (compresi i diritti di prevendita). Il rimborso può essere richiesto presso i punti vendita dove gli stessi sono stati acquistati entro e non oltre il 10 dicembre 2020. Per i biglietti acquistati online sul sito TicketOne o tramite call center con modalità “spedizione tramite corriere espresso” o “stampa@casa”, il cliente dovrà compilare entro e non oltre il 10 dicembre 2020 l’apposito modulo presente sul sito di TicketOne al link https://ticketone.formlets.com/rimborsionline/.

Una scelta triste e obbligata dalle recenti decisioni governative, nonostante i concerti in oggetto siano stati pensati come concerti “Covid” nel rispetto di tutte le misure precauzionali previste (sanificazione, distanza di sicurezza, controllo della temperatura, utilizzo della mascherina, tracciamento, etc.) e, soprattutto, nonostante in questi ultimi mesi i luoghi di spettacolo si siano rivelati tra i più sicuri spazi di aggregazione sociale.

Secondo uno studio dell’Associazione Generale Italiana dello Spettacolo, infatti, su 347.262 spettatori in 2.782 spettacoli monitorati tra lirica, prosa, danza e concerti, con una media di 130 presenze per ciascuno evento, nel periodo compreso dal 15 giugno (giorno di riapertura lockdown) a inizio ottobre, è stato registrato solo 1 caso di contagio da COVID-19 sulla base delle segnalazioni pervenute dalle ASL territoriali.

Mit Jazz Festival: “Tentets”

Enrico intra
Enrico intra

Piccolo Teatro Strehler
Lunedì 19 e 26 ottobre, 2 novembre 2020

MIT JAZZ FESTIVAL
QUINTA EDIZIONE

Organizzato da Musica Oggi e gemellato con JAZZMI, il MITJAZZ FESTIVAL si conferma un appuntamento importante dell’autunno milanese. Come sempre strutturato in tre appuntamenti basati su progetti originali, la rassegna presenta come di consueto sia la Civica Jazz Band, diretta da Enrico Intra ed emanazione dell’eccellenza didattica dei Civici Corsi di Jazz, sia altre produzioni.

Due dei tre concerti in cartellone erano parte del programma di Orchestra Senza Confini, sospeso dopo il primo appuntamento a causa dell’emergenza Covid e che oggi vengono riprogrammati nella loro interezza: si tratta di Jazz è Donna, spaccato della scena jazzistica italiana al femminile, e dell’omaggio a George Gruntz e Franco Ambrosetti con la ripresa di una loro importante produzione discografica degli anni ‘80, Tentets.

A questi appuntamenti si aggiunge il collaudato e singolare Piani Diversi, una singolare e commentata conversazione tra pagine classiche e improvvisazione che coinvolge il maestro del piano classico Carlo Balzaretti, un grande del jazz come Enrico Intra e il musicologo Maurizio Franco.
Nonostante le difficoltà del momento, MITJAZZ ha voluto esserci dando un segnale della volontà dei jazz milanese di riprendere pienamente e in modo creativo la propria attività.

Massimo Galli, a “L’Assedio” di Daria Bignardi

lassedio-diretta-21-ottobre-ospite
lassedio-diretta-21-ottobre-ospite

Il direttore del reparto Malattie Infettive del Sacco di Milano Massimo Galli, ospite in studio a “L’Assedio” di Daria Bignardi sul Nove, sulla particolare situazione di difficoltà che sta vivendo la Lombardia afferma: “Cercherò di non buttarla in politica, ma da più di un ventennio a questa parte è stato buttato alle ortiche tutto quello che sta attorno alla parola prevenzione e intervento di prevenzione sul territorio. Validissimi colleghi che si occupano di vaccinazione sono nelle condizioni di non avere avuto, prima di questa crisi, le strutture sufficienti per garantire le vaccinazioni dell’anziano, dell’adulto, della persona fragile e a far fatica a garantire quelle dell’infanzia”.

Il professore continua: “Se l’approccio è privilegiare in modo netto la medicina in ambito privato, le grandi eccellenze, fai un numero di cardiochirurgie che non ha nemmeno tutta la Francia …ma ti dimentichi della prevenzione ( questo riguarda tutta l’Italia e un periodo lungo di interventi mancati) non è possibile. Non si può avere un’assistenza sanitaria di qualità senza la componente fondamentale della prevenzione e degli interventi a livello di territorio e del coordinamento del territorio.”

Aggiunge anche:“ Questo è un virus che muta parecchio. Prima o poi arriviamo ad avere un vaccino, credo sia ragionevole essere ottimisti…però prima i dati poi le date. Inutile continuare a dire alla gente ce l’avremo in quella data o in quell’altra, vediamo di avere delle certezze”

Stop a ZTL Area B. Da domani

Area B Milano
Area B Milano

A seguito delle limitazioni agli spostamenti disposte dall’Ordinanza del Ministro della Salute d’intesa con il presidente della Regione Lombardia e in considerazione dell’evolversi della situazione epidemiologica, con ordinanza contingibile e urgente, il Comune di Milano sospende la zona a traffico limitato “Area B” a decorrere da domani, venerdì 23 ottobre.

Spazio Teatro 89: “Ensemble Fantazyas”

Teatro_spazio89
Teatro_spazio89

Per il quinto appuntamento della stagione di classica “In Cooperativa per amare la musica – I concerti fior fiore Coop”, in programma domenica 25 ottobre allo Spazio Teatro 89 di Milano, sarà protagonista l’Ensemble Fantazyas di Roberto Balconi (tenore), Giangiacomo Pinardi (liuto) e Marco Montanelli (clavicembalo).

Quest’anno, la rassegna, realizzata in collaborazione con Serate Musicali, Coop Lombardia e PopHistory, vuole proporre una serie di approfondimenti e riflessioni su un argomento di grande attualità: il distanziamento sociale, necessaria misura di contenimento per proteggerci dal pericolo mortale del Covid-19, ma pur sempre dolorosa rinuncia nei nostri rapporti interpersonali.

In particolare, la nuova stagione, intitolata “Sei gridi di separazione”, si pone l’obiettivo di indagare le circostanze, le modalità e le motivazioni mediante le quali, nel corso dei secoli, sono state attuate e giustificate varie forme di distanziamento sociale e di separazione come strumenti di controllo, dominio, persecuzione, discriminazione ma non solo.

Il concerto di domenica 25 ottobre(ore 17.30; ingresso 7-10 euro), intitolato “Divisi per paura”, sarà un viaggio alla scoperta della musica di un secolo, il ‘600, in cui convivono luci sfolgoranti e tenebre fitte capaci, allo stesso tempo, di affascinare, stupire e inquietare e i cui slanci e i cui furori rimandano sempre a un incombente senso di lutto e di tragedia.

L’Ensemble Fantazyas guidato da Roberto Balconi ha scelto per questo evento brani cronologicamente vicini alle grandi pesti di Milano e di Londra, tragedie immani che, oltre a segnare drammaticamente un’epoca, hanno anche lasciato tracce profonde nelle coeve creazioni artistiche.

Come tutti gli appuntamenti della rassegna, anche quello di domenica 25 ottobre sarà preceduto da un’introduzione del public historian Giorgio Uberti, che rievocherà la Milano del Cardinal Federigo e della peste narrata dal Manzoni, fornendo agli spettatori le premesse storiche per entrare in sintonia con le musiche in programma.

Ventesima stagione di classica “In Cooperativa per amare la musica”
Sei gridi di separazione, piccola fenomenologia del distanziamento
(dal 27 settembre al 22 novembre 2020)