27.4 C
Milano
martedì, Giugno 22, 2021
COVID
179,685,288
CASI TOTALI CONFERMATI
Updated on 22 June 2021 16:39

“Displaced” la mostra antologica dell’artista Richard Mosse

La Fondazione MAST presenta Displaced

La Fondazione MAST presenta Displaced, la prima mostra antologica dell’artista Richard Mosse. Curata da Urs Stahel, la mostra presenta un’ampia selezione dell’opera del fotografo irlandese, un’esplorazione tra la fotografia documentaria e l’arte contemporanea su Migrazione, Conflitto e Cambiamento climatico, che ha l’intento di mostrare quel confine in cui si scontrano i cambiamenti sociali, economici e politici.

In mostra alla Fondazione MAST sono esposte 77 fotografie di grande formato inclusi i lavori più recenti della serie Tristes Tropiques (2020), realizzati nell’Amazzonia brasiliana. Oltre a queste straordinarie immagini, la mostra propone anche due monumentali videoinstallazioni immersive, The Enclave (2013) e Incoming (2017), un grande video wall a 16 canali Grid (Moria) (2017) e il video Quick (2010).

Il curatore Urs Stahel parla di Richard Mosse

“Richard Mosse crede fermamente nella potenza intrinseca dell’immagine, ma di regola rinuncia a scattare le classiche immagini iconiche legate a un evento. Preferisce piuttosto rendere conto delle circostanze, del contesto, mettere ciò che precede e ciò che segue al centro della sua riflessione. Le sue fotografie non mostrano il conflitto, la battaglia, l’attraversamento del confine, in altri termini il momento culminante, ma il mondo che segue la nascita e la catastrofe. L’artista è estremamente determinato a rilanciare la fotografia documentaria, facendola uscire dal vicolo cieco in cui è stata rinchiusa. Vuole sovvertire le convenzionali narrazioni mediatiche attraverso nuove tecnologie, spesso di derivazione militare, proprio per scardinare i criteri rappresentativi della fotografia di guerra”, spiega il curatore Urs Stahel.

I primi lavori (MAST.Gallery)

Richard Mosse inizia a occuparsi di fotografia nei primi anni 2000, mentre termina gli studi universitari. I suoi primi lavori scattati in Bosnia, in Kosovo, nella Striscia di Gaza, lungo la frontiera fra Messico e Stati Uniti sono caratterizzati dall’assenza quasi totale di figure umane.

Infra (MAST.Gallery) e The Enclave (Livello 0)

Tra il 2010 e il 2015, prima per Infra e poi per The Enclave, complessa videoinstallazione in sei parti sullo stesso tema, Richard Mosse si reca nella parte orientale della Repubblica Democratica del Congo, nella regione del Nord Kivu. In Infra sono fotografati paesaggi maestosi, scene con ribelli, civili e militari, le capanne in cui la popolazione, sempre in fuga, trova momentaneo riparo da un perenne conflitto combattuto con machete e fucili.  Richard Mosse svela il contrasto tra la magnifica natura della foresta della Repubblica Democratica del Congo e la violenza dei soldati dell’esercito e dei ribelli.

Heat Maps (MAST.Gallery Foyer) e Incoming (Livello 0)

Dal 2014 al 2018 Mosse si è concentrato sulla migrazione di massa e sulle tensioni causate dalla dicotomia tra apertura e chiusura dei confini, tra compassione e rifiuto, cultura dell’accoglienza e rimpatrio. Mosse si reca nei campi profughi Skaramagas in Grecia, Tel Sarhoun e Arsal a nord della valle della Beqa’ in Libano, i campi di Nizip I e Nizip II nella provincia di Gaziantep in Turchia, il campo profughi nell’area dell’ex aeroporto di Tempelhof a Berlino e molti altri.

Ultra e Tristes Tropiques (MAST.Gallery Foyer).

Tra il 2018 e il 2019, Mosse comincia a esplorare la foresta pluviale sudamericana dove per la prima volta concentra l’obiettivo sul macro e sul micro, spostando l’interesse di ricerca dai conflitti umani alle immagini della natura.

Il catalogo

Il catalogo che accompagna la mostra propone tutte le immagini esposte oltre a un saggio critico del curatore della mostra Urs Stahel e testimonianze di Michel J. Kavanagh, inviato in Congo e in Africa centrale dal 2004 per “Economist”, “Bloomberg News”, il “New York Times”, la BBC, e altri organi d’informazione, Christian Viveros-Fauné, curatore capo presso l’University of South Florida Contemporary Art Museum, e Ivo Quaranta, professore di Antropologia culturale all’Università di Bologna. Il volume, edito dalla Fondazione MAST, è distribuito da Corraini ed è disponibile in libreria e online su www.mast.org e www.corraini.com.

2 Condivisioni

Articoli

Pierpaolo feat. Giorgina “L’estate più calda”

Pierpaolo feat. Giorgina "L'estate più calda" 625k views in 48 ore e #13 in tendenza, oltre 250k streams Spotify, più di 7k Apple Music, #3...

Il Bianco e Il Nero, il nuovo Talk di Gabriele Parpiglia

Il Bianco e Il nero Il nuovo "Talk" di Gabriele Parpiglia solo su "LIVEnow". Gabriele Parpiglia, giornalista e autore televisivo, da martedì 22 giugno, ore...

Filagosto Festival 19^ edizione

Filagosto Festival 19^ edizione Più di 20 concerti fino al 4 settembre. In collaborazione con Ink Club e Edoné Bergamo. Il Filagosto Festival torna con...

Resta Connesso

1,438FansLike
396FollowersFollow
125FollowersFollow
- Advertisement -

Ultimi Articoli

Pierpaolo feat. Giorgina “L’estate più calda”

Pierpaolo feat. Giorgina "L'estate più calda" 625k views in 48 ore e #13 in tendenza, oltre 250k streams Spotify, più di 7k Apple Music, #3...

Il Bianco e Il Nero, il nuovo Talk di Gabriele Parpiglia

Il Bianco e Il nero Il nuovo "Talk" di Gabriele Parpiglia solo su "LIVEnow". Gabriele Parpiglia, giornalista e autore televisivo, da martedì 22 giugno, ore...

Filagosto Festival 19^ edizione

Filagosto Festival 19^ edizione Più di 20 concerti fino al 4 settembre. In collaborazione con Ink Club e Edoné Bergamo. Il Filagosto Festival torna con...

“L’oratore” di Marco Pollini

L’oratore di Marco Pollini Regista, produttore, editore ed autore, sarà presentato il 24 giugno a Napoli presso la Wojtek Libreria di Pomigliano d'Arco. Il romanzo,...

“I nostri anni leggeri” di Diletta Pizzicori

"I nostri anni leggeri" di Diletta Pizzicori - Sperling & Kupfer - pagg. 288 euro 16,90 Versione ebook disponibile Opera prima di Una giovane scrittrice italiana...