Brescia Green 2018

brescia green 2018
brescia green 2018

In occasione di Brescia Green 2018, festival della sostenibilità e degli stili di vita responsabili, il Museo del ferro di San Bartolomeo rimarrà aperto al pubblico dalle 9.00 alle 18.00 con entrata GRATUITA e offrirà diverse occasioni d’incontro.

Venerdì 13 aprile ore 10.30: inaugurazione della mostra “Verso quale casa?”, curata dei ragazzi della 4F Indirizzo Arti figurative dell’Istituto Tartaglia Olivieri, dedicata al quartiere di San Bartolomeo dove trovarono casa gli esuli dalla Dalmazia, dall’Istria e da Fiume nel dopoguerra. Durata mostra: 13 aprile – 8 giugno 2018.

Sabato 14 aprile dalle 15.30 alle 18.00: laboratori didattici “I panini architettonici”, per bambini dai 5 agli 11 anni, con l’Arch. Nicola Vitale con il quale si sperimenterà la produzione di pane (anche con versione per celiachi). Costo: 5€/bambino, in caso di più bambini dello stesso nucleo familiare dal secondo 3€. Per iscrizioni scrivere a sanbartolomeo@musilbrescia.it oppure telefonare allo 0302003799.

Domenica 15 aprile: biciclettata con gli Amici della bicicletta (FIAB) con partenza alle ore 15 da Corso Zanardelli, angolo X Giornate, e arrivo al museo. Visita al museo e merenda alle 16.00 con lo zucchero amaro di Bagolino, offerto da Studio Arte Zanetti di Bagolino, e altre leccornie a kilometro zero.

Durante tutte le tre giornate il museo ospiterà eccezionalmente alcune opere di Antonio Stagnoli sul tema del lavoro e del ferro, grazie alla collaborazione con la Galleria Zanetti Arte di Bagolino. Avremo come guide gli studenti della 4F dell’Istituto Tartaglia Olivieri in ASL che porteranno i visitatori alla scoperta del museo.

Ogni nucleo familiare che arriverà domenica con la biciclettata riceverà l’opportunità di un biglietto omaggio per visitare il musil di Cedegolo in Valle Camonica (Museo dell’Energia Idroelettrica).

Il museo del ferro di San Bartolomeo si trova in Via del Manestro n. 117, a Brescia.

Giuseppe Sala dà il via all’Art Week

Giuseppe_Sala.
Giuseppe_Sala.

Lunedì 9 aprile, alle ore 12, presso la GAM Galleria d’Arte Contemporanea di Milano, in via Palestro 16, il Sindaco Giuseppe Sala dà il via all’Art Week milanese con la presentazione alla stampa della mostra “Una Tempesta dal Paradiso: Arte Contemporanea del Medio Oriente e Nord Africa“, tappa del progetto internazionale “Guggenheim Ubs Map Global Art Initiative (Map)”, in programma nelle sale della GAM dall’11 aprile al 17 giugno 2018.

Liu Ruowang. Paintings and Sculptures 2007-2017

liu_ruowang_lorenzelli_22
liu_ruowang_lorenzelli_22

Liu Ruowang
Paintings and Sculptures 2007-2017
a cura di Luca Massimo Barbero e Matteo Lorenzelli

29 marzo – 26 maggio 2018
inaugurazione giovedì 29 marzo, ore 18.30

Liu Ruowang è uno dei maggiori artisti contemporanei della Cina. Scultore e pittore, il suo è un percorso originale che si basa su un bagaglio socio-culturale ben preciso, collocato nel solco della tradizione cinese, che ha saputo testimoniare grazie all’universalità del suo linguaggio artistico nel quale ha ben amalgamato elementi trasversali con aspetti peculiari della sua tradizione.

La scelta di Lorenzelli Arte di proporlo in mostra fa seguito ad una conoscenza che si è approfondita nel tempo e rappresenta per l’artista non solo il ritorno in Italia dopo il successo alla Biennale di Venezia del 2015 con l’installazione Black Wolves, ma soprattutto la sua prima grande personale nel nostro paese.

La mostra, curata da Luca Massimo Barbero e Matteo Lorenzelli, si concentra sulla produzione dell’ultimo decennio -che va considerato a pieno titolo il periodo della maturità artistica- e presenta una serie di installazioni scultoree e diversi dipinti, per un totale di oltre quaranta opere.

Riapre il Museo della Carta

Museo della Carta
Museo della Carta

Con una mostra e un libro dedicato al Garda riapre il  MUSEO DELLA CARTA
di Toscolano Maderno

Inaugurazione sabato 24 marzo dalle 16.00
Museo della carta – Valle delle cartiere
Toscolano Maderno

Con la presentazione della raccolta di favole illustrate “Fantastico Garda” di Simona Cremonini, riapre al pubblico uno dei gioielli museali del territorio bresciano

L’antica cartiera di Maina a Toscolano Maderno, dopo un importante recupero architettonico, è ormai dal 2007 un centro culturale dinamico che offre le sue innumerevoli iniziative culturali ad un pubblico sempre più eterogeneo.
Nei suoi spazi, è possibile ripercorrere la storia della carta, dal Medioevo fino al 1962, anno di chiusura dell’ultima fabbrica nella valle. Un museo che racconta sia il processo produttivo, attraverso manufatti e macchinari ancora funzionanti, sia rare curiosità legate alla stampa con una esposizione a di libri stampati dall’illustre tipografo Alessandro Paganini a Toscolano nella prima metà del Cinquecento.

Il museo, sotto la guida del direttore Lisa Cervigni, negli ultimi anni ha preso un nuovo slancio vitale. Negli antichi spazi della cartiera, accanto all’esposizione permanente, si allestiranno fino a ottobre eventi temporanei, che offriranno uno sguardo sull’arte visiva di giovani talenti ma anche mostre che svelano aspetti inediti del passato, attraverso documenti provenienti dagli archivi storici che raccontano particolari inediti della Valle delle Cartiere e della sua storia plurisecolare.

Ad accompagnare l’apertura al pubblico sarà la mostra delle tavole illustrate del libro Fantastico Garda di Simona Cremonini. Ventisei e oltre sono le creature fantastiche che compongono il saggio-bestiario illustrato del lago di Garda. il libro, un vero e proprio percorso magico attorno al Benaco, tra testi e disegni, ricostruisce il mondo sovrannaturale e meraviglioso del Piccolo Popolo, delle creature, degli animali fantastici e dei personaggi straordinari che fanno parte delle tradizioni locali e che sono collegati ai vari luoghi del lago.

Fra le coste del Garda, i suoi antri, le colline, i numerosi immissari e l’emissario Mincio, i paesini e le città del lago, “Fantastico Garda” si muove tra figure che ammantano l’immaginario collettivo italiano ed europeo, come nani ed elfi, giganti e draghi, mostri e unicorni, creature al femminile come ninfe e sirene oppure anguane e matronae, nonché fra quelle figure tipiche ed esclusive del lago di Garda, come il bresciano Tomfador, le trentine Les Eguales e il veronese Grisot.

La mostra sarà visibile fino al 10 giugno e intende avvicinare anche il pubblico più giovane alla scoperta del museo. Infatti la proposta museale si arricchirà per tutta l’estate di laboratori destinati ai più piccoli in cui sarà Gatto, la nuova mascotte del museo, ad accompagnare i bambini e le loro famiglie in queste esperienze creative e piacevoli.

FANTASTICO GARDA
di Simona Cremonini
presentazione libro e inaugurazione: sabato 24 marzo, dalle ore 16.00

Sede:
Museo della carta
Via Valle delle Cartiere
25088 Toscolano Maderno (BS)
Tel. 0365 641050 – 0365 546023
info@valledellecartiere.it
www.valledellecartiere.it
facebook: museo della carta di Toscolano Maderno

Orari:
dal 24 marzo al 30 giugno e dal 1 settembre al 7 ottobre tutti i giorni dalle 10,00 alle 18,00
Dal 1 luglio al 31 agosto tutti i giorni dalle 10,00 alle 19,00
Dal 13 ottobre al 28 ottobre solo sabato e domenica, dalle 10,00 alle 18,00

Biglietto
intero: € 7,00 ridotto: € 5,00 (gruppi composti da minimo 20 persone, 6-18 anni, over 65)
Residenti nel Comune di Toscolano Maderno: € 3,00
Gratuità: disabili e loro accompagnatori, bambini di età inferiore ai 6 anni

Il tesoro è sempre più grande di quello che hai stretto tra le mani

il tesoro...
il tesoro…

E’ stata posticipata a sabato 17 marzo la chiusura della mostra collettiva Il tesoro è sempre più grande di quello che hai stretto tra le mani che riunisce, negli spazi del Museo del Paesaggio di Torre di Mosto, in provincia di Venezia, le opere di Federica Landi (Rimini, 1986), Victor Leguy (San Paolo, 1979), Pedro Vaz (Maputo, 1977), Marco Maria Zanin (Padova, 1983).

In occasione del finissage della mostra, il 17 marzo alle ore 16.00 si terrà un seminario di conclusione e verrà presentata la pubblicazione contenente i testi critici, le immagini del processo artistico e delle opere.

I quattro artisti presentano in mostra lavori inediti realizzati nel corso di Humus Interdisciplinary Residence, piattaforma interdisciplinare che ha come scopo la contaminazione tra il mondo dell’arte contemporanea e quello di territori “al margine”, ancora estremamente legati al rapporto con l’agricoltura, le tradizioni del mondo contadino, il paesaggio, la terra intesa nel senso primario del termine.

Grazie a un periodo immersivo passato nella zona rurale del Veneto orientale compresa tra i comuni di Torre di Mosto, Eraclea e Caorle, in provincia di Venezia, a stretto contatto con la popolazione locale, gli artisti hanno potuto operare una rilettura delle identità locali attraverso l’arte in dialogo con diverse discipline. Un processo di narrazione che è anche strumento di creazione di consapevolezza e lo sviluppo della comunità stessa in futuro.

Il tesoro è sempre più grande di quello che hai stretto tra le mani
Federica Landi, Victor Leguy, Pedro Vaz, Marco Maria Zanin

a cura di Carlo Sala

Museo del Paesaggio di Torre di Mosto
Torre di Mosto, Località Boccafossa

chiusura posticipata al 17 marzo 2018