Donato Renzetti porta a Milano “Rossini in viaggio”

Filarmonica Rossini
Filarmonica Rossini

Mercoledì 22 giugno alle 20.30 nella Sala Verdi del Conservatorio Verdi (via Conservatorio 12) il Maestro Donato Renzetti dirige la Filarmonica Gioachino Rossini in un prestigioso concerto sinfonico che vede protagoniste alcune sinfonie tratte da celeberrime opere rossiniane. Risuoneranno le note delle sinfonie di opere come “Tancredi”, “La Cenerentola”, “L’Italiana in Algeri”, passando attraverso “Torvaldo e Dorliska”.

Non mancherà lo spazio per la sinfonia tratta da una tra le più rappresentate e conosciute opere del compositore pesarese, “Il Barbiere di Siviglia”. Il programma della serata proseguirà con l’esecuzione de “I Tre Corali” di J. S. Bach/O. Respighi e della Sinfonia No.4 Op.90 “Italiana” di F. Mendelssohn Bartholdy.

I biglietti sono in vendita nella biglietteria della Sala Verdi il giorno stesso del concerto, il 22 giugno, dalle 17 e fino all’inizio dell’evento, alle 20.30. Posto unico: 20 euro. Importanti riduzioni sono previste per gli over 65 che potranno assistere al concerto, acquistando un biglietto al costo di 8 euro, e per i giovani fino ai 25 anni che accederanno alla sala al costo di 5 euro.

L’evento rientra all’interno del progetto “Rossini in viaggio”, nato nel 2016 dall’idea del maestro Donato Renzetti, ambasciatore di un’iniziativa che mira a proporre un affascinante percorso attraverso le grandi pagine del Cigno di Pesaro.

La tappa milanese del 22 giugno è preceduta da quella del 21 giugno all’Auditorium Pedrotti di Pesaro e sarà seguita dal concerto in Villa Manin il 23 giugno a Udine e infine il 24 giugno al Mozarteum di Salisburgo, città tutte che hanno conosciuto e acclamato il grande compositore.

“Con la Filarmonica si rinnova la mia esperienza rossiniana – afferma il maestro Renzetti – Con loro ho trovato il suono che cercavo, posso lavorarecon ottimi professionisti che vogliono crescere nello stile e con progetti e programmi sempre più ambiziosi che comprendono un repertorio che va dal Barocco al Novecento”.