Studenti di Medicina volontari per il numero verde Sanitario

stefano-geuna
stefano-geuna

A partire da oggi 27 febbraio e fino all’11 marzo con possibilità di proroga, 78 studenti della Scuola di Medicina dell’Università di Torino, coordinati dall’Unità di Crisi della Regione Piemonte sul Coronavirus “Covid19”, saranno impegnati nel garantire volontariamente la copertura 24 ore su 24 di due postazioni telefoniche del numero verde sanitario 800 19 20 20 per dare informazioni ai cittadini sulle misure da adottare per fronteggiare in maniera corretta la situazione.

Il numero verde 800 19 20 20, istituito dall’Unità di crisi della Regione Piemonte sul Coronavirus “Covid19”, è attivo 24 ore su 24 ed è a disposizione di tutti i cittadini che abbiano il dubbio di aver contratto il virus. Gli studenti di medicina dell’Università di Torino che risponderanno al telefono eseguiranno un pre-triage, una sorta di prima valutazione, e, sulla base di una serie di domande e risposte, indicheranno al paziente cosa fare o dove recarsi per ottenere la risposta assistenziale più appropriata. Il servizio infatti, è stato organizzato per alleggerire i numeri dedicati normalmente all’emergenza dal grande flusso di chiamate che in queste ore sta intasando i centralini del 112 e 118.

“L’Università di Torino sta seguendo con grande impegno l’evoluzione dei fatti relativi alla diffusione del Coronavirus in diretto contatto con le autorità” dichiara il Rettore dell’Università di Torino Stefano Geuna. “Questa lodevole iniziativa, che denota un alto senso civico dei nostri studenti e l’acquisizione di una sensibilità medica che tutto il corpo docente ha loro trasmesso, permette di contribuire attivamente alla risposta eccezionale a garanzia della salute pubblica e offrire un primo contributo alle istituzioni impegnate in un servizio straordinario”.

Evento Speciale: Music for Greed

Music for Greed
Music for Greed

Music for Greed

Cinema Massimo, Sala Cabiria – Torino

12 febbraio 2020, ore 21.00

Serata speciale con la proiezione del film Greed di Erich von Stroheim sonorizzato dal vivo. Erich von Stroheim amava definirsi “L’uomo che amate odiare”. Autore maledetto e visionario mal tollerato dai produttori di Hollywood, può considerarsi invece una delle intelligenze più acute della storia del cinema, per aver saputo proiettare la settima arte verso la compiuta maturità. Greed, ne è l’esempio più affascinante. Girato in luoghi reali, talvolta in condizioni climatiche proibitive, è il risultato di un incredibile sforzo produttivo e dell’idea rivoluzionaria di un cinema capace di coinvolgere lo spettatore in un’esperienza fino ad allora completamente inedita.

Per sonorizzare un film così eccessivo, per il quale non era mai stata commissionata una partitura originale, un sofisticato ensemble di virtuosi della chitarra, che si alterneranno sul palco suonando in solo o dando vita – di volta in volta – a duetti, trii e quartetti. Xabier Iriondo (Afterhours), Stefano Pilia (Afterhours), Paolo Spaccamonti e Asso (Vinicio Capossela, PJ Harvey), insieme al sassofonista Luca Mai (Zu) e il batterista Paolo Mongardi (Fuzz Orchestra, Zeus!), interpretano le immagini di Stroheim offrendo agli spettatori un’esperienza irripetibile.

Ingresso euro 10.00 (intero)/8.00 (ridotto)/5.00 (studenti universitari)

L’iniziativa fa parte di “Torino Città del Cinema 2020. Un film lungo un anno”, un progetto di Città di Torino, Museo Nazionale del Cinema e Film Commission Torino Piemonte, con il sostegno di Ministero per i Beni e le Attività Culturali e per il Turismo, in collaborazione con Regione Piemonte, Fondazione per la Cultura Torino www.torinocittadelcinema2020.it

14 febbraio apre la mostra di Mario Lattes

423_L'infinito_bd
423_L’infinito_bd

Mostra “Biblioteca” di Mario Lattes. Illustrazioni per l’antologia scolastica

I temi e i romanzi della narrativa classica negli acquerelli e disegni di Lattes

A cura di Francesco Poli

Da venerdì 14 febbraio a domenica 8 marzo 2020

Inaugurazione: venerdì 14 febbraio ore 18
Orario mostra: lunedì-domenica, ore 10-19.30

Polo del ’900, Torino

Palazzo San Daniele (Via del Carmine 14)

www.fondazionebottarilattes.it

Disegnatore, acquerellista, pittore e incisore, Mario Lattes (1923-2001) ha realizzato tutte le illustrazioni dei tre volumi di Biblioteca, un’antologia di testi letterari e narrativi per le scuole secondarie di primo grado, pubblicata dalla sua casa editrice nel 1992, a fronte di un lavoro di preparazione iniziato nel 1989, e ripubblicata con integrazioni e aggiornamenti nel 1998 e in uso fino 2010.

Per mettere a fuoco l’importanza e la grande qualità di uno specifico aspetto della produzione artistica di Mario Lattes e sottolineare i profondi legami che esistono fra l’anima letteraria e quella pittorica della sua ricerca creativa, la Fondazione Bottari Lattes, in collaborazione con S. Lattes & C. Editori, organizza la mostra “Biblioteca” di Mario Lattes. Illustrazioni per l’antologia scolastica, a cura di Francesco Poli, al Polo del ’900 di Torino (Palazzo San Daniele, via del Carmine 14).

L’esposizione inaugura venerdì 14 febbraio alle ore 18 e sarà visitabile fino a domenica 8 marzo, a ingresso gratuito. Orario: lunedì-domenica, ore 10-19.30.

All’inaugurazione intervengono: Alessandro Bollo, direttore Polo del ’900; Caterina Bottari Lattes, presidente Fondazione Bottari Lattes; Simone Lattes, Amministratore Delegato Lattes Editori; Francesco Poli, curatore della mostra; Rossana Bissaca e Maria Paolella, autrici dell’antologia scolastica; Mario Guglielminetti, direttore marketing Fondazione Bottari Lattes.

Le scuole potranno effettuare visite guidate gratuite (curate dalla coordinatrice della mostra Alice Pierobon) su prenotazione (segreteria@spaziodonchisciotte.it), nei giorni di martedì 18, giovedì 20 e martedì 25 febbraio, martedì 3 e giovedì 5 marzo, dalle ore 10 alle ore 13.

Da Alice nel paese delle meraviglie di Lewis Carroll all’Infinito di Giacomo Leopardi; da Le avventure di Tom Sawyer di Mark Twain e Rosso Malpelo di Giovanni Verga fino Alla ricerca del tempo perduto di Marcel Proust, passando per Le smanie della villeggiatura di Carlo Goldoni e i libri di Primo Levi. Sono numerosi gli argomenti e i testi dei grandi autori classici italiani e internazionali a cui Lattes ha impresso una forte e originale anima visiva.

Per i tre volumi di Biblioteca, scritti da Rosanna Bissaca e Maria Paolella, Lattes ha lavorato diversi anni, producendo oltre cinquecento disegni, acquerelli e tecniche miste su tutti gli argomenti del programma scolastico – dalla poesia all’epica, dalla fiaba ai romanzi – attingendo alla sua profonda cultura letteraria e iconografica e mettendo in gioco gran parte dei temi e soggetti del suo immaginario, che attraversano la sua ricerca pittorica. Lattes ha elaborato e realizzato le illustrazioni con la massima libertà, guidato da un rapporto allo stesso tempo rigoroso e fantasioso fra immagini e testi e una costante attenzione alla funzione didattica dei volumi.

Le opere esposte – un centinaio di illustrazioni, cinque dipinti e alcuni taccuini di appunti – sono frutto di un’ampia selezione fra le tavole originali conservate presso la Lattes & C. Editori e la collezione pittorica e incisoria della Fondazione Bottari Lattes.

«La mostra – spiega il curatore Francesco Poli – si sviluppa attraverso una serie di sezioni legate alle tematiche che caratterizzano le varie parti dei volumi. Per ciascuna di esse sono esposti gruppi di immagini originali, in stretta connessione con le specifiche pagine dei volumi, messi in relazione ad altri disegni su taccuini, incisioni o dipinti di Mario Lattes che si collegano agli stessi soggetti e tecniche pittoriche.»

Mario Lattes ha sempre amato appuntarsi visivamente le immagini che le sue letture gli sollecitavano. La sua passione per le illustrazioni tratte da storie e racconti ha avuto una naturale evoluzione nei disegni realizzati per l’antologia Biblioteca. Nel 1992 così racconta il suo processo di creazione di immagini, tra entusiasmi e difficoltà. «Su un album da disegno, su fogli foglietti cartoncini grossi così, sono venuto segnandomi le immagini suscitate dalle letture. Fiabe, racconti, pagine di romanzo, poesie. Per dare una versione figurata al testo scritto, o almeno evocarlo. Alcuni, L’infinito di Leopardi sopra tutti, con il sentimento di arrogarmi un’impresa sfrontata, da non aver quasi coraggio, poi, di metterci sotto il titolo di quei quindici versi. Versi non altrimenti esprimibili se non – forse – da un certo guardare di animali che, muti, sembrano dir di sapere una verità cui noi non giungiamo ma possiamo soltanto, negli occhi loro, dubitare che qualcuno, in silenzio, la conosca.»

E nel catalogo della mostra “Mario Lattes. Disegni e acquerelli” del 1974 (Galleria I portici, Torino) l’artista ricordava ricorda idee e pensieri che lo accompagnavano quando si dedicava alla lettura delle fiabe. «Di animali sono popolate favole e fiabe: metafore di vizi, virtù e terrori della vita. Quasi mai sappiamo come sono davvero fatte le bestie: le zampe della rana, il muso del tapiro, il profilo della scimmia. Ricorrevo allora a testi che lo spiegano e lo illustrano, e le mie letture si moltiplicavano. Leggevo anche fiabe di animali mostruosi, che nessun manuale racconta, e allora mi ingegnavo di formarli io, cominciando da un corpo di leone o di cinghiale, cui aggiungevo spini ed aculei, radendo criniere, ingrandendo occhi, prendendo zampe e code da animali diversi: con risultati subito inattendibili ma poi sempre più “veri” della verità cioè dell’irreale quando attinge alla palude notturna degli incubi, alle forme inorridite di una vita resa troppo lunga dalle percosse ricevute: dove l’urlo della vittima assume il volto del persecutore. »

L’esposizione è accompagnata da un catalogo pubblicato dalla casa editrice Lattes, che documenta le opere, con saggi critici del curatore e di altri specialisti, tra cui le autrici dell’antologia Rosanna Bissaca e Maria Paolella.

 

Programmazione Teatro Regio 20 – 26 settembre 2019

teatro-regio
teatro-regio

STAGIONE D’OPERA E DI BALLETTO • MARTEDÌ 24 SETTEMBRE INCONTRO DI PRESENTAZIONE DELL’INAUGURAZIONE DELLA NUOVA STAGIONE CON I PESCATORI DI PERLE
Martedì 24 settembre alle ore 10, presso il Foyer del Toro, si terrà l’incontro di presentazione dell’Inaugurazione della Stagione 2019-2020 del Teatro Regio. Partecipano Chiara Appendino,
Sebastian F. Schwarz, Fabrizio Paschina, Ryan McAdams, Julien Lubek, Cécile Roussat e i protagonisti dell’opera. L’ingresso è libero.
L’inaugurazione della nuova Stagione, con I pescatori di perle di Georges Bizet, si terrà giovedì 3 ottobre alle ore 20.

IL REGIO IN PIEMONTE • IL REGIO SEPTET IN CONCERTO A GIAVENO NELLA CHIESA DI BATÙ
Per Il Regio itinerante, rassegna di concerti proposti da Artisti del Teatro Regio Torino, sabato 21 settembre ore 21.15, per la 49ª edizione de “I Concerti della Chiesa dei Batù” di Giaveno, il gruppo Regio Septet esegue musiche di Ludwig van Beethoven e Gioachino Rossini (posti a € 10; info: Circolo Ricreativo Culturale Giavenese – Tel. 011.9365085 e 339.7318135).

LE VISITE – AL REGIO DIETRO LE QUINTE • VISITE GUIDATE ATTRAVERSO ITINERARI SEGRETI E CURIOSI DI UN GRANDE TEATRO D’OPERA
Le visite guidate al Teatro Regio, nel periodo in oggetto, sono previste alle ore 15.30 di venerdì 20, mercoledì 25 e giovedì 26 settembre; l’ingresso costa € 6 per gli adulti; durata: 90 minuti. Sabato 21 settembre sono previste 4 visite, alle ore 11, 11.45, 15 e 15.45; le visite del sabato durano 45 minuti e il prezzo di ingresso è di € 5. Ingresso gratuito per gli under 16 e per i possessori dell’Abbonamento Musei Torino e Piemonte. Le visite del sabato questa settimana non sono previste.

IL BOTTEGHINO DEL REGIO

Abbonarsi al Teatro Regio conviene sempre di più: a seconda dell’abbonamento scelto, si possono ottenere sconti fino al 24%, con picchi del 46% per l’abbonamento Giovani Under 30 e del 65% per l’abbonamento al Turno A Under 30. Quella di quest’anno è una delle Stagioni d’Opera e di Balletto tra le più ricche e articolate di sempre, con ben 17 titoli: dalla tradizione francese al grande repertorio italiano, daI melodramma giocoso alla musica sacra, dal balletto al musical. Scoprila sul nuovo sito del Teatro Regio: www.teatroregio.torino.it.

CAMPAGNA ABBONAMENTI STAGIONE 2019-2020 | 1 • ACQUISTA IL TUO ABBONAMENTO A 11 SPETTACOLI DELLA PROSSIMA STAGIONE
È in corso alla Biglietteria del Regio la vendita dei nuovi abbonamenti a 11 spettacoli (Turni A – B – C – D – F e Turno A Under 16).
Gli abbonamenti si possono acquistare anche sul sito web del Teatro Regio, da quest’anno senza più alcun costo aggiuntivo.

CAMPAGNA ABBONAMENTI STAGIONE 2019-2020 | 2 • ABBONAMENTI SPECIALI A 6. 4 e 3 SPETTACOLI
Alla Biglietteria del Regio sono in vendita gli abbonamenti Speciali a 4 spettacoli (Turni M – P – Q – R – S – Z) gli abbonamenti 6 Matinée a 6 spettacoli e gli abbonamenti Giovani (1 e 2) a 3 spettacoli, riservati agli Under 30.

STAGIONE D’OPERA E DI BALLETTO 2019-2020 • IN VENDITA I BIGLIETTI PER 6 TITOLI DELLA PROSSIMA STAGIONE
È in corso la vendita dei biglietti per tutte le recite de I pescatori di perle, Tosca e Roberto Bolle and Friends e per le seguenti recite: La bisbetica domata (8 novembre ore 14.30 e sabato 9 novembre ore 20), Carmen (13, 19 e 20 dicembre), Il matrimonio segreto (17, 22 e 24 gennaio). I biglietti possono essere acquistati presso la Biglietteria del Teatro Regio, on line su www.teatroregio.torino.it, presso Infopiemonte-Torinocultura (con eccezione delle recite di Roberto Bolle), i punti vendita convenzionati Vivaticket e on line su www.vivaticket.it.
La vendita presso il Teatro Regio (diretta, on line su www.teatroregio.torino.it e telefonicamente con carta di credito) non prevede alcun costo aggiuntivo.
I biglietti per tutte le recite de La bisbetica domata, Fuego, Carmen, Il matrimonio segreto, Violanta, Nabucco, La bohème, La dannazione di Faust, Passione secondo Matteo, Don Pasquale, Il mago di Oz, Simon Boccanegra, Il barbiere di Siviglia e My Fair Lady, saranno in vendita da sabato 5 ottobre.

STAGIONE D’OPERA E DI BALLETTO 2019-2020 • “IL MATRIMONIO SEGRETO” DI DOMENICO CIMAROSA SOSTITUISCE “IL FLAUTO MAGICO”
Cambiamento di programma nella Stagione d’Opera e di Balletto: diversamente da quanto annunciato, a gennaio andrà in scena IL MATRIMONIO SEGRETO di Domenico Cimarosa e non Il flauto magico di Wolfgang Amadeus Mozart. Pier Luigi Pizzi firma la regia, le scene e i costumi del capolavoro assoluto di Cimarosa, nel raffinato e contemporaneo allestimento che ha debuttato quest’estate al Festival della Valle d’Itria, ottenendo un ottimo riscontro di pubblico e critica. Le date delle recite sono invariate: 15, 17, 18, 22 e 24 gennaio 2020.
Nel caso non si voglia approfittare dell’occasione di assistere a Il matrimonio segreto, il Teatro Regio propone il rimborso per coloro i quali hanno acquistato il biglietto, rimborso che potrà avvenire esclusivamente alla Biglietteria del Teatro a partire da martedì 17 settembre e fino alla data dello spettacolo precedentemente acquistato. Tutti coloro i quali vorranno invece assistere al Matrimonio segreto, dovranno solo confermare la propria presenza alla Biglietteria ai numeri 011.8815.241/242 o alla mail biglietteria@teatroregio.torino.it. Non è invece previsto il rimborso per i possessori dell’Abbonamento ai turni M o R. Per ulteriori informazioni: www.teatroregio.torino.it.
LA BIGLIETTERIA DEL REGIO
Orario di apertura
da martedì a venerdì 10.30-18; sabato 10.30-16
Biglietteria – Tel. 011.8815.241/242. Info – Tel. 011.8815.557 – www.teatroregio.torino.it.

Programmazione del Teatro Regio

TeatroRegio
TeatroRegio

Programmazione del Teatro Regio dal 28 giugno al 4 luglio 2019.
ED È SUBITO … SUMMERTIME! • DAL 2 AL 7 LUGLIO IL NEW YORK HARLEM THEATRE PRESENTA “PORGY AND BESS”, PER LA PRIMA VOLTA AL TEATRO REGIO
Da martedì 2 luglio ore 20 fino al 7 luglio, per la prima volta sul palcoscenico del Teatro Regio, il New York Harlem Theatre presenta The Gershwins’ PORGY AND BESS, capolavoro teatrale di George Gershwin, DuBose e Dorothy Heyward, Ira Gershwin. A portare in scena il capolavoro del 1935, i solisti e il coro del New York Harlem Theatre con l’Orchestra del Teatro Regio, diretti da William Barkhymer, direttore artistico del teatro newyorkese. La regia è firmata da Baayork Lee e il coro è diretto da Richard Cordova; Michael Scott ha disegnato le scene, i costumi sono di Christina Giannini e le luci di Reinhard Traub. Definita da Gershwin stesso come “American folk opera”, Porgy and Bess descrive la vita degli afroamericani nell’immaginaria strada di Catfish Row a Charleston (Carolina del Sud), all’inizio degli anni Trenta; un’ambientazione di genere che fa da sfondo ad alcune tra le pagine più straordinarie della storia della musica: Summertime, I Got Plenty o’ Nuttin, It Aint Necessarily So. Nei ruoli principali si alternano: Alvy Powell e Kevin Short come Porgy e Morenike Fadayomi e Brittany Renee Robinson come Bess.

INTORNO ALL’OPERA DI GERSHWIN • UN INCONTRO PER SCOPRIRE TUTTO SU “PORGY AND BESS”
Sabato 29 giugno alle ore 15, per Sabato all’Opera, Porgy and Bess sarà presentata e approfondita in un incontro che prevede anche la visita guidata al teatro e la visione di parte di una prova dello spettacolo. Informazioni e prenotazioni (entro le ore 15.30 di oggi, venerdì 28 giugno): Attività Scuola – Tel. 011.8815.209.

IL REGIO IN PIEMONTE • CONCERTO IN PIAZZA A ROSTA CON IL QUINTETTO PENTABRASS
Per Il Regio itinerante, il quintetto di ottoni Pentabrass, formato da cinque Professori dell’Orchestra del Teatro Regio, venerdì 28 giugno alle ore 21.30 è di scena a Rosta, in Piazza della Stazione. In programma, musiche di Händel, Verdi, Brahms, Mozart, Bizet, Strauss padre, Lafosse, Henderson, Crespo, Short e Gershwin; l’ingresso è libero; info: Comune di Rosta – Tel. 011.9568.816/803.

AL REGIO DIETRO LE QUINTE • VISITE GUIDATE ATTRAVERSO ITINERARI SEGRETI E CURIOSI DI UN GRANDE TEATRO D’OPERA
Le visite guidate al Teatro Regio, nel periodo in oggetto, sono previste alle ore 15.30 di venerdì 28 giugno e martedì 2, mercoledì 3 e giovedì 4 luglio; l’ingresso costa € 6 per gli adulti; durata: 90 minuti. Sabato 29 giugno sono previste 4 visite, alle ore 11, 11.45, 15 e 15.45; le visite del sabato durano 45 minuti e il prezzo di ingresso è di € 5. Ingresso gratuito per gli under 16 e per i possessori dell’Abbonamento Musei Torino e Piemonte.

IL BOTTEGHINO DEL REGIO

STAGIONE D’OPERA E DI BALLETTO 2018-2019 • IN VENDITA I BIGLIETTI PER GLI ULTIMI SPETTACOLI DELLA STAGIONE
Alla Biglietteria del Regio sono in vendita i biglietti per l’ultimo spettacolo della Stagione 2018-2019: Porgy and Bess di George Gershwin (recite dal 2 al 7 luglio).

STAGIONE D’OPERA E DI BALLETTO 2019-2020 • IL 25 GIUGNO INIZIA IL RINNOVO DEGLI ABBONAMENTI ALLA PROSSIMA STAGIONE
E’ in corso il periodo per il rinnovo degli abbonamenti ai Turni Ordinari a 11 spettacoli (A – B – C – D – F e A Under 16) e ai Turni Speciali a 4 spettacoli (M – P – Q – R – S – Z).
Per gli abbonamenti ordinari, il termine scade sabato 20 luglio; per gli abbonamenti speciali la scadenza è venerdì 6 settembre.
Da quest’anno, gli abbonamenti si possono rinnovare sul sito web del Teatro Regio senza più alcun costo aggiuntivo.

STAGIONE D’OPERA E DI BALLETTO 2019-2020 • DAL 29 GIUGNO INIZIA LA VENDITA DEI BIGLIETTI PER LA PROSSIMA STAGIONE
Sabato 29 giugno inizia la vendita dei biglietti per tutte le recite de I pescatori di perle, Tosca e Roberto Bolle and Friends e per le seguenti recite: La bisbetica domata (8 novembre ore 14.30 e sabato 9 novembre ore 20), Carmen (13, 17, 19 e 20 dicembre), Il flauto magico (17, 22 e 24 gennaio). I biglietti possono essere acquistati presso la Biglietteria del Teatro Regio, Infopiemonte-Torinocultura (con eccezione delle recite di Roberto Bolle), i punti vendita convenzionati Vivaticket e on line su www.vivaticket.it.
La vendita presso il Teatro Regio (diretta, on line su www.teatroregio.torino.it e telefonicamente con carta di credito) non prevede alcun costo aggiuntivo.

Stagione d’Opera e di Balletto 2019-2020: una delle Stagioni più ricche e articolate di sempre, con ben 17 titoli, dalla tradizione francese al grande repertorio italiano, dal Singspiel alla musica sacra,
dal balletto al musical. Scoprila sul nuovo sito del Teatro Regio: www.teatroregio.torino.it

LA BIGLIETTERIA DEL REGIO
Orario: da martedì a venerdì 10.30-18; sabato 10.30-16 – Tel. 011.8815.241/242
Info – Tel. 011.8815.557 – www.teatroregio.torino.it