“God is a woman”: Ariana Grande

ariana-grande-god-is-a-woman
ariana-grande-god-is-a-woman

A pochi giorni dall’uscita, il video ufficiale di “God is a woman”, ultimo singolo di Ariana Grande, ha già superato 20 milioni di views, conquistando un posto fisso nella Top Ten tendenze di YouTube Italia.

Il brano anticipa “Sweetener”, il nuovo, attesissimo album della magnetica reginetta del pop, in uscita il 17 agosto.

Dalla prima visione, è chiaro che il videoclip di “God is a woman” è ricco di riferimenti e simbologie, abilmente reinterpretati da Ariana Grande, protagonista assoluta, sotto l’attenta guida del regista David Meyers, quasi come una sfida allo spettatore, spronato ad individuare uno spunto dopo l’altro.

Citazioni artistiche, religiose, letterarie e cinematografiche, tutte rigorosamente declinate al femminile, si fondono tra loro alla perfezione. Molti i riferimenti alla cultura italiana: dalla rappresentazione de “La Creazione di Adamo” di Michelangelo, al Pantheon romano, fino ad una splendida Ariana Grande in versione Lupa Capitolina.

Special guest del video l’icona pop Madonna, che doppia Ariana Grande in un monologo tratto da “Pulp Fiction” di Quentin Tarantino, a sua volta citazione di un passo biblico.

Ad arricchire il videoclip anche l’inconfondibile look di Ariana, che in una scena indossa lo stesso corpetto che ha reso famosa Madonna negli anni 90, durante il suo Blonde Ambition Tour.

Al “Fiuggi GuitarFestival”, Renato Caruso

RENATO CARUSO_PH LORENZO TAGLIAFICO
RENATO CARUSO_PH LORENZO TAGLIAFICO

Giovedì 19 luglio, alle ore 21:00, il chitarrista e compositore calabrese RENATO CARUSO si esibirà al Fiuggi Guitar Festival ideato e diretto dal Maestro Roberto Fabbri, per presentare i brani estratti dal suo nuovo album di chitarra acustica “PITAGORA PENSACI TU”.

Il disco racchiude 11 composizioni inedite e 2 cover (“Quando” di Pino Daniele e “Tears in heaven” di Eric Clapton) in cui, attraverso la sua chitarra, Renato Caruso esprime la sua personalità e il suo universo musicale a 360 gradi, sperimentando con versatilità ed ecletticità nuovi orizzonti artistici.

Questa la tracklist dell’album: “Aladin Samba”, “Flatlandia”, “Pittrice del sottosuolo”, “Antonio’s choro”, “Napoli caput mundi”, “Quando”, “Bossa de Sheila”, “Passeggiando per New York”, “Pitagora pensaci tu”, “Caro mio Jobim”, “Reggae lake”, “Tears in heaven” e “Ciao Roland”.

«In PITAGORA PENSACI TU sono presenti composizioni che chiamo piccole colonne sonore perché mi portano alla mente, quasi come in un film, ricordi, sensazioni, persone e luoghi – racconta Renato Caruso – Infatti, con ognuno di questi brani ho voluto attraversare, come in lungo viaggio immaginario nella musica, luoghi diversi che vanno da Parigi al Brasile, da Napoli a Milano. Così la bossa nova si mescola alle ballate classiche, la chitarra al pianoforte, le percussioni a una celesta. Nella valigia di questo lungo viaggio ho cercato di mettere tutto ciò che sono, ma se qualcosa ho dimenticato…Pitagora, pensaci tu».

Stupinigi Sonic Park Nichelino: obiettivi raggiunti

Stupinigi Sonic Park
Stupinigi Sonic Park

Gli obiettivi di presenze, gradimento e coinvolgimento del pubblico che la produzione congiunta Reverse e Vertigo si era prefissata al momento dell’ideazione di Stupinigi Sonic Park, il primo festival organizzato dal 25 giugno al 11 luglio 2018 nel parco secolare della Palazzina di Caccia di Stupinigi nel Comune di Nichelino (TO), sono stati raggiunti.

Stupinigi Sonic Park, promosso da Città di Nichelino e Sistema Cultura, con il patrocinio di Regione Piemonte e Camera di Commercio di Torino, in collaborazione con Piemonte dal Vivo e Consorzio Residenze Reali Sabaude all’interno di Palchi Reali, è stato apprezzato dal pubblico, e dagli addetti ai lavori, e sta già lavorando sulla line up del prossimo anno.

La prima edizione non è stata solo la realizzazione di un progetto durato 7 mesi, ma è stata soprattutto la sperimentazione delle possibilità della nuova location caratterizzata da un alto livello di qualità estetica e da un’intrinseca necessità di tutela del patrimonio architettonico e ambientale.

La prestigiosa cornice del parco della residenza sabauda settecentesca Patrimonio dell’Unesco è stata gradita non solo dal pubblico, ma anche dagli artisti nazionali e internazionali per i quali si sono accesi i riflettori sul palco.

I Deep Purple prima del concerto di mercoledì 11 luglio hanno commentato salendo dal backstage per il sound check «Amazing»; Steven Wilson davanti al pubblico dopo l’esecuzione del primo brano ha affermato «Over the years I’ve played some extraordinary and beautiful locations in Italy and this would definitely count as one of the most extraordinary and beautiful of all!».

20.000 le presenze di pubblico pagante per i 6 concerti, oltre 60 i musicisti e artisti che sono saliti sul palco di 300 mq montato per la prima volta nella storia tra gli alberi secolari.

Inaugurato lunedì 25 giugno con una delle tre date italiane di Jeff Beck e seguìto, la sera dopo, dal concerto di Steven Wilson in “To The Bone Tour” sono state oltre 3.000 le persone che hanno testato il parterre con posto assegnato nei due live.

I concerti di LP il 29 giugno e Negrita + Kiol del 5 luglio hanno accompagnato circa 7.000 entusiasti fan nel parterre in piedi. Raddoppiate le presenze, infine, nelle due date del gran finale, il 9 luglio con Caparezza + The Minis con 6.800 appassionati che hanno accerchiato la passerella che ampliava il palco per l’occasione e l’11 luglio il concerto di chiusura del festival con Deep Purple + The Temperance Movement in una delle due uniche date italiane, dopo l’Arena di Verona, davanti a un pubblico intergenerazionale di oltre 3.200 persone.

Tutti i concerti hanno raggiunto le capienze massime auspicate, superando così le aspettative dell’organizzazione e confermando il potenziale della nuova venue per concerti live estivi in Piemonte.

Uno staff composto da 40 volontari reclutati da Informagiovani Nichelino, quasi 900 i chilometri fatti dallo staff di produzione nei giorni del festival, poco meno di 2 chilometri che ogni spettatore ha fatto dall’inizio del viale fino al palcoscenico.

Un’ampia area in cui per 3 settimane oltre 400 persone, tra maestranze tecniche e personale dedicato a facchinaggio, accoglienza artisti, accoglienza pubblico e sorveglianza hanno lavorato per rendere reale un festival nuovo dalle alte aspettative.

700 pasti consumati in totale da artisti, manager, squadra tecnica e runner, team organizzazione e team comunicazione, 260 litri di spray antizanzare forniti al pubblico all’ingresso, 1.800 hamburger di fassona cotti nel food park.

Anche i numeri della comunicazione sono stati soddisfacenti: nata il 1 dicembre 2017 la pagina Facebook di Stupinigi Sonic Park ha oggi 15.357 fan con più di 12.000 click diretti all’acquisto dei biglietti su Ticketone. Il 95 % dei fan è italiano, il 5 % rimanente proviene da Francia, Spagna, Inghilterra, Svizzera, Germania e Stati Uniti.

La settimana prima dell’inizio del festival è stato lanciato il video di un progetto di street marketing realizzato in Torino da Reverse: 4 telecamere nascoste hanno ripreso l’interazione spontanea dei passanti con 6 performer con maschere da cervi; coloro che hanno deciso di mettersi in gioco e scoprire “il segreto del cervo” hanno ottenuto un vantaggio sui biglietti del festival.

Il video ha superato le 130.000 visualizzazioni tra tutti i social che lo hanno condiviso ed è stato il post che ha ottenuto più successo, seguìto dal post sul servizio del Tg3 Piemonte del 26 giugno con 34.137 visualizzazioni.
Il video teaser del festival è stato visualizzato da 206.136 utenti su una copertura potenziale di 316.745.

XI Edizione del Midnight Jazz Festival 2018

borsa-milano- Palazzo mezzanotte
borsa-milano- Palazzo mezzanotte

Anche quest’anno il Jazz torna in Borsa Italiana, in occasione del Midnight Jazz Festival.
Cinque concerti e diverse iniziative culturali animeranno gli spazi del Centro Congressi di Palazzo Mezzanotte in Piazza degli Affari.

L’imminente edizione del MIDNIGHT JAZZ FESTIVAL sembra essere stata influenzata dalla kabala: 300 anni dalla fondazione della città di New Orleans, 100 anni dalla prima incisione fonografica di musica “Jass”, a opera del siciliano NICK LA ROCCA e, dulcis in fundo, poco più di 10 anni dalla prima edizione del MJF, che saranno festeggiati con la produzione di uno straordinario vinile celebrativo, dedicato al Festival e realizzato, recuperando brani musicali da registrazioni di alcune delle passate edizioni.

Un sottile riferimento, tra il sacro e il profano, all’epopea avviata, nel 1917, da Nick La Rocca e dal suo quintetto THE ORIGINAL DIXIELAND JAZZ BAND.

Nel pomeriggio di apertura, MICHELE CINQUE, giovane regista e pluripremiato film-maker, presenterà il suo film SICILY JASS, un docu-flm sull’avventura artistica di Nick La Rocca e del suo primo disco.
Il festival, inoltre, proporrà una singolare mostra di dischi originali di jazz di inizio ‘900, tratti dalla collezione privata del clarinettista Alfredo Ferrario.

Come tutti gli anni l’accesso sarà libero, fino a esaurimento posti, e durante le serate sarà possibile sostenere due Onlus (Fondazione Dr. Ambrosoli Memorial Hospital e Associazione CAF) che saranno presenti in sala per informazioni, donazioni, etc.

PROGRAMMA DELLA GIORNATA DI APERTURA

• Martedì 17 Luglio
h. 18.15 Incontro con MICHELE CINQUE, autore e regista del docu-fim “Sicily Jass”
h. 18.30 Proiezione del film
h. 19.45 Inaugurazione della mostra-installazione di supporti fonografici e materiali editoriali rari del jazz degli anni tra il 1940 e 1950, (coll. di ALFREDO FERRARIO)
h. 20.30 Apertura Porte
h. 21.00 Inizio del concerto dedicato ai 300 anni della città di New Orleans

Milano Swing Festival di Mezza Estate…

Ottavo Richter Live
Ottavo Richter Live

Una serata nel bel mezzo dell’estate, a Milano, con vista sul Naviglio Grande…
Milano Peperoncino Street Food Fest e i maghi del jazz/swing milanese – Blodaun – mettono insieme le forze e, con gioia, sono lieti di annunciare, sabato 21 Luglio 2018, la Prima Edizione del “Milano Swing Festival di Mezza Estate”, una serata all’aria aperta incentrata sul ballo in tutte le sue sfaccettature (Swing, Lindy Hop, Charleston, Balboa e Boogie Woogie), con musica di qualità e, ovviamente, l’immancabile street food a base di grigliate, cibi per vegetariani e tante altre leccornie “da strada”!

Uno strepitoso e danzante evento al chiaro di luna accompagnato dai ritmi travolgenti di due eccezionali Live Band, che si alterneranno sul palco, e di un Dj Set davvero coinvolgente.

PROGRAMMA
18:00 – Apertura Cancelli
18:30 – Mr. Fabio Rutigliano – Opening Dj Set
19:00 – Apertura cucina Cene e Apertivi
20:00 – Jazz Lag Quintet – Live!
21:45 – Ottavo Richter Swing – Live!
23:30 – Mr. Fabio Rutigliano – Closing Dj Set