Mtm Teatro Litta: ” La grande rivolta”

la grande rivolta
la grande rivolta

MTM Manifatture Teatrali Milanesi chiuderà la stagione teatrale con la ‘La grande rivolta’ spettacolo performance che attraverso la musica, il linguaggio coreografico e la parola dei romanzi di Nanni Balestrini racconta un’epoca che ha segnato in modo chiaro e iconografico il corpo, soggetto distintivo di un periodo storico relativamente recente, che attraverso le contraddizioni sociali e politiche ha trovato il modo di esprimersi e farsi linguaggio di una grande rivolta e del quotidiano.

Protagonisti assoluti della scena sono otto danzatori/attori under 35 che, diretti da Antonio Syxty, con il disegno del movimento e le coreografie di Susanna Baccari, debutteranno a giugno 2018 in prima nazionale.

‘La grande rivolta’ è un progetto di Antonio Syxty che tira una linea concettuale narrativa tra due punti: il 1968 e il 2018, iniziato la scorsa stagione con lo spettacolo ‘Blackout’ e che si concluderà in quella attuale con la nuova produzione ‘La grande rivolta’. Come dichiarato più volte dal regista “questo è un lavoro che amo definire teatro del mondo”.

Un progetto che vede coinvolti Syxty e Balestrini in una complicità creativa fra live performance e linguaggio scritto, per raccontare il 1968, e i successivi anni, da un’angolazione inedita.

La grande rivolta è un titolo editoriale che raggruppa tre romanzi di Nanni Balestrini fra cui “Vogliamo tutto” e “Gli invisibili”.

Nel primo è l’operaio massa con le sue speranze e i sogni a essere protagonista in una Torino dominata dalla fabbrica per eccellenza: la FIAT. Come è stato scritto “Vogliamo tutto è un ordigno di calcolata potenza e di trattenuta passionalità che diventa come un gesto di simpatia del linguaggio per la vita”.

Nel romanzo Gli invisibili protagonista è la nuova generazione di proletari che inaugura la rivoluzione del quotidiano, per questo Balestrini ricostruisce l’epica di un’insurrezione gioiosa e dirompente sulla quale si abbatterà la profonda violenza del carcere e della criminalizzazione.