Spazio Teatro 89: duo pianistico Kuroda-Schieppati

schieppati
schieppati

Per una volta, l’auditorium di via Fratelli Zoia 89 sarà più Spazio che Teatro: assecondando, infatti, il significato astronomico della parola “rivoluzione” (uno dei tre temi che caratterizzano la stagione in corso della rassegna di classica “In Cooperativa per Amare la Musica”), ovvero quello di moto di rotazione dei corpi celesti intorno a un centro di gravità, la sala polifunzionale di via Fratelli Zoia si trasformerà domenica 4 marzo (ore 17; ingresso 5-7 euro), in un planetario sonoro, grazie all’esecuzione della Suite The Planets del compositore inglese Gustav Holst (nella rara e particolarissima versione originale per due pianoforti), illustrati da proiezioni di immagini e introdotti da brevi ma esaurienti annotazioni sul sistema solare a cura del professor Giuseppe Gavazzi, ordinario di astrofisica all’Università Milano Bicocca.

La composizione di Holst, sicuramente debitrice per tanti aspetti stilistici del “Sacre du Printemps” stravinskiano (del 1912 il Sacre, degli anni tra il ‘14 e il ‘16 i Pianeti), rivela gli interessi dell’autore per l’astrologia e la teosofia. Ebbe immediata fortuna presso il pubblico e fu poi fonte di ispirazione per tanta musica dei decenni successivi, in particolare nell’ambito delle colonne sonore cinematografiche, nonché importante esempio per quello che sarà il linguaggio del minimalismo.

A interpretare questa trascinante “Space Odyssey” sarà il duo pianistico composto, di recente, dalla giapponese Aki Kuroda e da Luca Schieppati: un incontro tra culture diverse e lontane nel segno di una profonda affinità spirituale.

SPAZIO TEATRO 89, via Fratelli Zoia 89, 20153 Milano.
Tel: 0240914901; info@spazioteatro89.org; www.spazioteatro89.org
Biglietti: intero 7 euro; ridotto 5 euro.

Domenica 4 marzo 2018, ore 17 – Rassegna “In Cooperativa per Amare la Musica”
Rivoluzioni planetarie – Aki Kuroda (pianoforte) e Luca Schieppati (pianoforte)

Programma
Gustav Holst (1874-1934): The Planets, Suite op.32 (trascrizione dell’Autore per due pianoforti)
Mars, the Bringer of War;
Venus, the Bringer of Peace;
Mercury, the Winged Messenger;
Jupiter, the Bringer of Jollity;
Saturn, the Bringer of Old Age;
Uranus, the Magician;
Neptune, the Mystic.