Piero Angela e Alberto Luca Recchi raccontano “I segreti del mare”, 21 ottobre a Roma Auditorium

Piero Angela_Segreti del mare_locandina
Piero Angela_Segreti del mare_locandina

Un’icona tutta italiana Piero Angela, un esploratore instancabile Alberto Luca Recchi e una voce straordinaria Noa, si uniranno per una serata incredibile il 21 ottobre al Parco Auditorium della Musica di Roma per “I Segreti del Mare”.
Uno show inedito, tra racconti e immagini mozzafiato, un viaggio tra le curiosità e le meraviglie degli Oceani con due accompagnatori d’eccezione come Piero Angela, divulgatore per antonomasia e Alberto Luca Recchi esploratore e fotografo del mare, protagonista delle prime spedizioni nel Mediterraneo alla ricerca di squali e balene, l’unico italiano ad aver realizzato un libro fotografico per il National Geographic.
I due protagonisti hanno scritto tre libri sul mare insieme ad Alberto Angela.
I racconti delle avventure e disavventure di Recchi saranno accompagnate da immagini incantevoli e dalla straordinaria voce di Noa, artista di fama mondiale sensibile alla difesa del pianeta.
Gli spettatori si divertiranno a scoprire le meraviglie e le fragilità del mare, un secondo paradiso ancora inesplorato che rischiamo di perdere prima ancora di averlo conosciuto.

Info & biglietti
www.ticketone.it

Novità in CAP Holding

Alessandro Russo pres Gruppo CAP
Alessandro Russo pres Gruppo CAP

Alessandro Russo, presidente e amministratore delegato di Gruppo CAP, l’azienda che gestisce il servizio idrico integrato della Città metropolitana di Milano, entra a far parte della Federazione delle imprese dei servizi pubblici di acqua ambiente e energia, nel ruolo di consigliere. La nomina è avvenuta nel corso dell’Assemblea di Utilitalia, riunita ieri all’Auditorium di Via Veneto a Roma. Russo farà parte della giunta esecutiva e del consiglio direttivo (acqua).

Oltre alla nomina degli organi federali (giunta esecutiva, consigli direttivi e collegio dei revisori), l’Assemblea ha confermato presidente Giovanni Valotti per altri tre anni alla guida di Utilitalia. Valotti ha messo al centro della sua relazione il “Patto per lo sviluppo del Paese”, documento programmatico condiviso con tutte le aziende associate.

Una strategia per il bene dell’Italia, che coinvolge Stato, Istituzioni territoriali, comunità locali, imprese e cittadini in un percorso con quattro punti cardine: gestione della transizione energetica ed ambientale verso la green economy, sviluppo di un sistema infrastrutturale efficiente, sostenibilità sociale e ambientale, valorizzazione dei territori e delle comunità servite.

“È fondamentale”, si legge nel documento approvato dall’Assemblea, “declinare le strategie nazionali nelle scelte regionali e locali, specialmente nei comparti dell’energia, dell’ambiente e delle risorse idriche. L’obiettivo è garantire ai cittadini servizi di qualità sempre migliore, efficienti e accessibili, colmando le differenze infrastrutturali tra i diversi territori e sviluppare una cultura industriale dei servizi pubblici tutelando in particolare le fasce deboli della popolazione”.

Rassegna: “Mi porti a Lambrate?”

mercatini-handmade-foto-wemakepair-bandloch-
mercatini-handmade-foto-wemakepair-bandloch-

Joy Milano, con il contributo di Amalgama, Redbazaar e il Patrocinio del Municipio 3, presenta il primo grande festival 2018 di Lambrate: tre giorni dedicati all’Arte, al Design, alla Musica, al Teatro e al Cibo, con eventi per tutte le età (bimbi inclusi!) e tutti i gusti.

Tre giorni di festa per un quartiere intero da festeggiare: dopo la prima fortunata edizione di ottobre, Joy Milano sceglie di rendere il festival di Lambrate un appuntamento fisso da celebrare insieme alle tante anime che ne fanno parte, per accogliere a braccia aperte ci ci abita e chi ci vuol venire.

Tanti spettacoli si succederanno a tutte le ore su 4 diversi palcoscenici, sul prato ci sarà una selezione di 50 tra i migliori stand di Handmade lambratesi e per deliziare i palati si potrà mangiare il “cibo di strada” dei nostri Food Truck più affezionati.

• • Programma• •

• • Domenica 27 • •
Dalle 11:00 il Mercato di Redbazaar

– Auditorium –
h.15-17 “Non si vede.. ma c’è!” LAB TEATRALE a cura de L’Amalgama
h. 21.00 “Homo Ludens” di e con Malmadur

– Teatro Cam –
h.19 “Sfaù” di e con Jacopo Bottani
h. 20 “Delfina (studio)” di e con Angelica Bifano

– Piazzetta –
14:30 – Giocano i koala
18:00 – Concerto Tano e L’Ora D’Aria

– Palco Truck –
12:00 – Federico Crafa
17:00 – Tributo De Andre con Chiara Veronese duo
20:00 – Concerto dei The Strangers

– Palco Mercato –
15:30 – Lazy Sunday Special edition con Sheemee’z e Yu

Vigevano Jazz

logo Vigevano
logo Vigevano

Tre masterclass aperte anche al pubblico (con Chicco Gussoni, Claudio Angeleri e Alfredo Golino), lezioni-concerto per gli studenti delle scuole cittadine, performance e iniziative speciali, tutto a ingresso rigorosamente gratuito: da fine aprile a inizio giugno il jazz tornerà a risuonare a Vigevano grazie alla terza edizione del festival “A Vigevano Jazz”, il cui direttore artistico è il sassofonista Gabriele Comeglio, attualmente in tour come direttore musicale con lo spettacolo “Massimo Lopez & Tullio Solenghi show”.

L’International Jazz Day
Si comincerà lunedì 30 aprile con un’imperdibile anteprima, cioè l’International Jazz Day, la giornata in cui in tutto il mondo si celebrano i valori artistici e sociali di questa musica: all’auditorium San Dionigi (ore 16) è in programma un concerto swing con la presenza di alcuni dei componenti della Jazz Company Big Band e altri artisti lomellini. In scaletta classici del jazz e dello swing, da Duke Ellington a Benny Goodman. Una jam session concluderà la giornata.

I concerti
Il primo concerto della nuova edizione del festival è previsto venerdì 4 maggio alla Cavallerizza del Castello (ore 21), quando si esibirà, sempre nel segno dello swing, la Jazz Company Big Band diretta dal sassofonista Gabriele Comeglio.

Come ben sanno gli appassionati, quest’anno ricorre l’ottantesimo anniversario di uno dei più importanti eventi della storia del jazz e, cioè, la performance dell’orchestra di Benny Goodman alla Carnegie Hall di New York, tempio statunitense della musica classica.

A VIGEVANO JAZZ – Da lunedì 30 aprile a sabato 2 giugno

Il programma della terza edizione

Lunedì 30 aprile, ore 16
Auditorium San Dionigi, piazza Martiri della Liberazione 12: International Jazz Day

Venerdì 4 maggio, ore 21
Cavallerizza del Castello: Jazz Company Big Band in “Swing, swing, swing”

Sabato 5 maggio, ore 17
Auditorium San Dionigi, piazza Martiri della Liberazione 12
Masterclass con Chicco Gussoni

Venerdì 11 maggio, ore 21
Cavallerizza del Castello: “Italian songbook” di Caterina Comeglio con l’Orchestra Città di Vigevano

Sabato 12 maggio, ore 17
Ridotto del Teatro Cagnoni, corso Vittorio Emanuele II 45
Masterclass con Claudio Angeleri

Venerdì 18 maggio, ore 21
Teatro Cagnoni, corso Vittorio Emanuele II 45
“Tempo!” – Tullio De Piscopo meets Jazz Company Big Band
(assegnazione gratuita del posto obbligatoria presso la biglietteria del teatro; tel: 0381-82242, da martedì a sabato dalle ore 17 alle 20.15).

Sabato 2 giugno, ore 17
Ridotto del Teatro Cagnoni, corso Vittorio Emanuele II 45
Masterclass con Alfredo Golino

On line: avigevanojazz.webs.com

Omaggio dei Get’em out ai Genesis allo Spazio teatro 89

logo Spazio Teatro 89
logo Spazio Teatro 89

Dopo il sold-out della scorsa stagione, i Get’em out tornano allo Spazio Teatro 89 sabato 24 marzo (inizio live ore 21; ingresso 10-13 euro), con il progetto intitolato “The Gabriel Era”.

Sarà l’occasione per poter riassaporare, nell’auditorium milanese di via Fratelli Zoia 89, il sound dei Genesis con un grande show che include tutti i capolavori dai primi cinque album della formazione inglese: “Trespass”, “Nursery Cryme”, “Foxtrot”, “Selling England by the Pound” e “The Lamb Lies Down on Broadway”.

Come di consueto, i Get’em out, affermata tribute band italiana dei Genesis, offriranno al pubblico uno spettacolo che ricrea sapientemente la magica atmosfera della musica dei Genesis nel periodo in cui (1970-1975) Peter Gabriel ne era la voce solista.

Grazie alla meticolosa ricerca dei suoni e delle dinamiche, all’utilizzo di strumenti vintage, all’incredibile mole di lavoro di trascrizione delle parti originali e a un occhio attento all’aspetto scenografico, i Get’em Out sono diventati una delle tribute band italiane più apprezzate dagli amanti del progressive rock.