“70 voglia di ridere c’è”

legnanesi-galleria-anniversario
legnanesi-galleria-anniversario

Il problema principale sarà capire come si traduce “sold out” in dialetto. Così da spiegarlo allaTeresa, al Giovanni e alla Mabilia. Per quanto la famiglia Colombo, da sempre protagonista dellestagioni del Teatro Galleria, è abituata a fare il tutto esaurito.

E anche quest’anno la tradizione è stata rispettata.“70 voglia di ridere c’è” è la rivista con la quale i Legnanesi vogliono celebrare il 70simoanniversario dalla fondazione della compagnia. Un festeggiamento davvero magico.

Già, perché grazie all’incantesimo di una misteriosa gitana, il cortile della famiglia Colombo si trasformerà in un lussuoso appartamento del centro di Milano. Si realizzerà insomma il sogno della Mabilia, quello cioè di essere ricca e parte dello star system meneghino. Un cambio di vita radicale, insomma, o quasi: il Giovanni, poverino, continuerà ad essere bistrattato dalla moglie e dalla figlia.

Ma questo cambiamento è reale oppure è solo un sogno? Il pubblico lo scoprirà solo al termine di uno spettacolo che promette di travolgerlo dalle risate.
Fondati alla fine degli anni Quaranta da Felice Musazzi, i Legnanesi sono diventati un’icona del teatro italiano.

Oggi a portare avanti la preziosa eredità sono Antonio Provasio (la Teresa), Enrico
Dalceri (la Mabilia) e Luigi Campisi (il Giovanni).
Sono cinque le repliche in programma. Mercoledì 28, giovedì 29 e venerdì 30 novembre alle 21. Sabato 1 e domenica 2 dicembre alle 16. I pochissimi biglietti rimasti sono in vendita a partire da 27 euro e possono essere acquistati al Disco Store di piazza San Magno oppure sul circuitoTicketOne.

Dopo queste prime cinque repliche saranno aperte le vendite per quelle previste tra il 3
ed il 7 aprile.

“Up & Down”

Up & Down
Up & Down

È in programma per la sera di sabato 15 dicembre, presso il Politeama Greco di Lecce, la tappa salentina del divertente, emblematico e particolarissimo tour di “Up & Down”, uno spettacolo leggero e commovente che vede sul palco il famoso attore e comico livornese Paolo Ruffini con la partecipazione di sei giovani attori, uno autistico e cinque affetti dalla Sindrome di Down, della compagnia Mayor von Frinzius nata nel 1997, diretta dal regista Lamberto Giannini, e in collaborazione con l’associazione “Haccompagnami”. Intrigante è anche il sottotitolo “Questo spettacolo parla anche di te, solo che tu ancora non lo sai…”

Un vero e proprio happening comico e al tempo stesso emozionante che parla delle relazioni: ironia e irriverenza accompagnano gli spettatori in un viaggio che racconta la bellezza che risiede nelle diversità. Paolo Ruffini va in scena con degli attori con la Sindrome di Down, affrontando insieme a loro il significato della parola “disabilità”, fino a dimostrare che la loro dovrebbe definirsi “Sindrome di UP”!

Lo scheletro dello spettacolo è costruito sull’intenzione di Paolo Ruffini di realizzare uno straordinario One Man Show, con imponenti scenografie ed effetti speciali. Parte però una sequela di boicottaggi e rocambolesche interruzioni in cui gli attori fanno irruzione dimostrando di essere molto più abili di lui. Dimostrando inoltre che ci sono tante persone che non sono abili alla felicità o all’ascolto, ma che alla fine siamo tutti diversamente abili, diversamente normali e meravigliosamente diversi.

Una rappresentazione dai connotati surreali e dagli sviluppi inaspettati con una forte connotazione d’improvvisazione, che interrompe le liturgie teatrali e offre al pubblico una vera e propria esperienza in cui le distanze tra palcoscenico e platea si annullano, e alla fine attori e spettatori si trovano per condividere un gesto rivoluzionario: un grande abbraccio.

Il Paese che non c’è

Il_paese_che_non_ce_Ph_Salvatore_Pastore
Il_paese_che_non_ce_Ph_Salvatore_Pastore

Si parte da uno sbarco su uno scoglio del Salento e si arriva fino in Kurdistan, lo stato “introvabile”, per scoprire che mondi che sembrano così lontani in fondo di mezzo hanno solo il mare.

Dopo il debutto al Napoli Teatro Festival, è in scena all’Elfo Puccini di Milano da 27 novembre al 2 dicembre (da martedì a sabato ore 19.30 – domenica 15.30) Il Paese che non c’è – produzione Ura Teatro – un progetto Gigi Gherzi e Fabrizio Saccomanno, per la prima volta insieme.

Due narratori ben noti nel panorama teatrale italiano, capaci entrambi – seppure partendo da schemi narrativi, fisicità e stili molto diversi –d’indagare i drammi del presente e scoprire la poesia nella complessità dei vissuti contemporanei.

Un progetto che si avvale della consulenza di Giovanni Giacopuzzi, ricercatore e attivista della causa curda e che parte dalla necessità di raccontare di un’utopia politica nuova nel mondo e di un popolo che rischia il totale annientamento.

In scena Gigi Gherzi e Fabrizio Saccomanno, con alle spalle una parete che diventa lavagna e mappa emotiva, fanno esplodere la narrazione in più direzioni, raccontano della resistenza curda attraverso le storie delle persone che l’hanno vissuta in prima persona, sottolineando che ci sono storie che “non si sa proprio come raccontare” perché anche se le conosci non potrai mai comprenderle veramente, perchè piene di un mistero, di una bellezza e di un orrore che a volte travalica e rende balbettante il dire.

 

Teatro Biblioteca Quarticciolo: “Giornata contro la violenza sulle donne”

Isabella Ferrari
Isabella Ferrari

Oggi, 25 novembre all’interno della stagione Cosa può un teatro (?) del Teatro Biblioteca Quarticciolo con la direzione artistica di Veronica Cruciani ha luogo Giornata contro la violenza sulle donne, rassegna tra teatro, cinema e incontri con Michela Murgia, Saverio La Ruina, Ascanio Celestini e Isabella Ferrari.

“Reputo molto importante questa rassegna perché il femminicidio spesso è solo l’apice tragico di vite che sono mortificanti per la mancanza di diritti, per la dipendenza economica, per la violenza psicologica, per la limitazione della libertà personale. 
In Italia e nel mondo subisce violenza mediamente una donna su tre dai quindici anni in su. La violenza avviene tra le mura di casa e avviene nella società, dove gli stereotipi di genere impattano quotidianamente sulla vita delle donne fin dall’infanzia. Nel 38 per cento dei casi di omicidi di donne, il colpevole è il partner. Un dato spaventoso. Il dislivello di potere è un fatto culturale che va affrontato. Bisogna contrastare gli stereotipi di genere nella società e promuovere il diritto per le donne a una vita senza violenza.” Veronica Cruciani

Alle ore 21.00 chiude la rassegna un appuntamento cinematrografico: Un giorno perfetto di Ferzan Ozpetek. Precede la proiezione l’incontro con l’attrice Isabella Ferrari a cura di Ascanio Celestini.

Teatro Biblioteca Quarticciolo Via Ostuni 8 – Roma
Direzione artistica Veronica Cruciani

A Zelig Cabaret, Alessandro Fullin

Alessandro Fullin
Alessandro Fullin

Stars è dedicato alle stelle del firmamento di Zelig e vede Giancarlo Bozzo, nei panni di autore e conduttore, intervistare alcuni dei comici più famosi del nostro Paese.

Dopo Ale e Franz, Antonio Ornano, Amalgama (Federico Basso, Davide Paniate, Gianni Cinelli e Alessandro Betti), Katia Follesa e Gioele Dix, Flavio Oreglio, Raul Cremona, Marco Della Noce, Antonio Cornacchione, Max Pisu, Gabriele Cirilli, Giuseppe Giacobazzi, Sergio Sgrilli, Teresa Mannino, Paolo Migone e Leonardo Manera, lunedì 26 novembre protagonista sarà Alessandro Fullin che racconterà ai microfoni di Zelig Tv le tappe fondamentali della sua carriera e come sono nati i suoi personaggi.

Le serate di intervista – spettacolo sono speciali soprattutto perché entrano nelle vite professionali e private dei protagonisti, con video e testimonianze di amici e colleghi. Previsti anche alcuni retroscena, ospiti a sorpresa e tanta improvvisazione.

Per il pubblico che assiste alle registrazioni televisive delle serate “intervista – spettacolo” è un’occasione di vedere in anteprima quello che poi verrà trasmesso in tv, nel palinsesto di Zelig Tv, il martedì sera sul canale digitale 243, ma non solo: sarà anche un modo per assistere a momenti inediti e di improvvisazione che potrebbero essere esclusi dalla post produzione per la puntata televisiva per questioni di tempi tecnici. Insomma, serata da non perdere!