Programmazione del Teatro Regio

TeatroRegio
TeatroRegio

Programmazione del Teatro Regio dal 28 giugno al 4 luglio 2019.
ED È SUBITO … SUMMERTIME! • DAL 2 AL 7 LUGLIO IL NEW YORK HARLEM THEATRE PRESENTA “PORGY AND BESS”, PER LA PRIMA VOLTA AL TEATRO REGIO
Da martedì 2 luglio ore 20 fino al 7 luglio, per la prima volta sul palcoscenico del Teatro Regio, il New York Harlem Theatre presenta The Gershwins’ PORGY AND BESS, capolavoro teatrale di George Gershwin, DuBose e Dorothy Heyward, Ira Gershwin. A portare in scena il capolavoro del 1935, i solisti e il coro del New York Harlem Theatre con l’Orchestra del Teatro Regio, diretti da William Barkhymer, direttore artistico del teatro newyorkese. La regia è firmata da Baayork Lee e il coro è diretto da Richard Cordova; Michael Scott ha disegnato le scene, i costumi sono di Christina Giannini e le luci di Reinhard Traub. Definita da Gershwin stesso come “American folk opera”, Porgy and Bess descrive la vita degli afroamericani nell’immaginaria strada di Catfish Row a Charleston (Carolina del Sud), all’inizio degli anni Trenta; un’ambientazione di genere che fa da sfondo ad alcune tra le pagine più straordinarie della storia della musica: Summertime, I Got Plenty o’ Nuttin, It Aint Necessarily So. Nei ruoli principali si alternano: Alvy Powell e Kevin Short come Porgy e Morenike Fadayomi e Brittany Renee Robinson come Bess.

INTORNO ALL’OPERA DI GERSHWIN • UN INCONTRO PER SCOPRIRE TUTTO SU “PORGY AND BESS”
Sabato 29 giugno alle ore 15, per Sabato all’Opera, Porgy and Bess sarà presentata e approfondita in un incontro che prevede anche la visita guidata al teatro e la visione di parte di una prova dello spettacolo. Informazioni e prenotazioni (entro le ore 15.30 di oggi, venerdì 28 giugno): Attività Scuola – Tel. 011.8815.209.

IL REGIO IN PIEMONTE • CONCERTO IN PIAZZA A ROSTA CON IL QUINTETTO PENTABRASS
Per Il Regio itinerante, il quintetto di ottoni Pentabrass, formato da cinque Professori dell’Orchestra del Teatro Regio, venerdì 28 giugno alle ore 21.30 è di scena a Rosta, in Piazza della Stazione. In programma, musiche di Händel, Verdi, Brahms, Mozart, Bizet, Strauss padre, Lafosse, Henderson, Crespo, Short e Gershwin; l’ingresso è libero; info: Comune di Rosta – Tel. 011.9568.816/803.

AL REGIO DIETRO LE QUINTE • VISITE GUIDATE ATTRAVERSO ITINERARI SEGRETI E CURIOSI DI UN GRANDE TEATRO D’OPERA
Le visite guidate al Teatro Regio, nel periodo in oggetto, sono previste alle ore 15.30 di venerdì 28 giugno e martedì 2, mercoledì 3 e giovedì 4 luglio; l’ingresso costa € 6 per gli adulti; durata: 90 minuti. Sabato 29 giugno sono previste 4 visite, alle ore 11, 11.45, 15 e 15.45; le visite del sabato durano 45 minuti e il prezzo di ingresso è di € 5. Ingresso gratuito per gli under 16 e per i possessori dell’Abbonamento Musei Torino e Piemonte.

IL BOTTEGHINO DEL REGIO

STAGIONE D’OPERA E DI BALLETTO 2018-2019 • IN VENDITA I BIGLIETTI PER GLI ULTIMI SPETTACOLI DELLA STAGIONE
Alla Biglietteria del Regio sono in vendita i biglietti per l’ultimo spettacolo della Stagione 2018-2019: Porgy and Bess di George Gershwin (recite dal 2 al 7 luglio).

STAGIONE D’OPERA E DI BALLETTO 2019-2020 • IL 25 GIUGNO INIZIA IL RINNOVO DEGLI ABBONAMENTI ALLA PROSSIMA STAGIONE
E’ in corso il periodo per il rinnovo degli abbonamenti ai Turni Ordinari a 11 spettacoli (A – B – C – D – F e A Under 16) e ai Turni Speciali a 4 spettacoli (M – P – Q – R – S – Z).
Per gli abbonamenti ordinari, il termine scade sabato 20 luglio; per gli abbonamenti speciali la scadenza è venerdì 6 settembre.
Da quest’anno, gli abbonamenti si possono rinnovare sul sito web del Teatro Regio senza più alcun costo aggiuntivo.

STAGIONE D’OPERA E DI BALLETTO 2019-2020 • DAL 29 GIUGNO INIZIA LA VENDITA DEI BIGLIETTI PER LA PROSSIMA STAGIONE
Sabato 29 giugno inizia la vendita dei biglietti per tutte le recite de I pescatori di perle, Tosca e Roberto Bolle and Friends e per le seguenti recite: La bisbetica domata (8 novembre ore 14.30 e sabato 9 novembre ore 20), Carmen (13, 17, 19 e 20 dicembre), Il flauto magico (17, 22 e 24 gennaio). I biglietti possono essere acquistati presso la Biglietteria del Teatro Regio, Infopiemonte-Torinocultura (con eccezione delle recite di Roberto Bolle), i punti vendita convenzionati Vivaticket e on line su www.vivaticket.it.
La vendita presso il Teatro Regio (diretta, on line su www.teatroregio.torino.it e telefonicamente con carta di credito) non prevede alcun costo aggiuntivo.

Stagione d’Opera e di Balletto 2019-2020: una delle Stagioni più ricche e articolate di sempre, con ben 17 titoli, dalla tradizione francese al grande repertorio italiano, dal Singspiel alla musica sacra,
dal balletto al musical. Scoprila sul nuovo sito del Teatro Regio: www.teatroregio.torino.it

LA BIGLIETTERIA DEL REGIO
Orario: da martedì a venerdì 10.30-18; sabato 10.30-16 – Tel. 011.8815.241/242
Info – Tel. 011.8815.557 – www.teatroregio.torino.it

“The Repetition, Histoire(s) du théâtre

the repetition, histoire..
the repetition, histoire..

Un’inchiesta in forma di spettacolo sul passato, presente e futuro della più antica forma d’arte dell’umanità, il teatro: con The Repetition, Histoire(s) du théâtre (I),al Piccolo Teatro Strehler dall’8 al 10 maggio, il drammaturgo e regista Milo Rau prosegue nel lavoro di ricerca su uno dei temi fondamentali del suo percorso artistico: la questione della rappresentatività in scena della violenza.

In una notte di aprile del 2012, un uomo di nome IhsaneJarfi parla per qualche tempo con un gruppo di ragazzi in una Polo grigia, all’angolo di una via di Liegi, davanti a un bar gay. Due settimane più tardi, il suo cadavere è rinvenuto al limitare di un bosco. È stato torturato per ore e assassinato con inaudita violenza.

Milo Rau ha tratto spunto da quella vicenda per ricostruirla in teatro con attori professionisti e non.«Punto di partenza del mio lavoro è come la realtà può essere influenzata dal teatro e, al contrario, come possa essere rappresentata sulla scena» dichiara il regista e drammaturgo.

Don Giovanni di Mozart al Teatro Carcano

Teatro-Carcano-Milano
Teatro-Carcano-Milano

IL DISSOLUTO PUNITO OSSIA IL DON GIOVANNI, capolavoro assoluto creato dal genio di Mozart, è il secondocapitolo -dopo il successo a ottobre della farsa comica di Gioachino Rossini La cambiale di matrimonio – della prestigiosa collaborazione inaugurata nella stagione 2018/19 tra il Teatro Carcano, il Conservatorio di Musica“Giuseppe Verdi” di Milano e l’Accademia di Belle Arti di Brera: progetti nati con l’intento di “fare rete”, ovvero mettere insieme competenze di istituzioni diverse puntando sulle capacità di giovani musicisti, cantanti, compositori, registi, scenografi, macchinisti, fotografi che si affacciano al mondo del lavoro.

Coprodotto dal Conservatorio di Musica “Giuseppe Verdi” di Milano, dall’Accademia di Belle Arti di Brera e dal Centro d’Arte Contemporanea Teatro Carcano, lo spettacolosarà in scena nella sala di corso di Porta Romana da venerdì 3 a domenica 5 maggio e si avvarrà della presenza dell’Orchestra Sinfonica e del Coro del Conservatorio diretta da Giuseppe Montesano. La scenografia è curata dall’Accademia di Belle Arti di Brera. La regia è firmata da Mattia Testi.

L’azione dell’opera muove dall’uccisione, per mano di Don Giovanni, del Commendatore, padre della nobile Donna Anna, accorso in difesa della figlia che Don Giovanni stesso ha tentato di sedurre mascherandosi da Don Ottavio, suo legittimo fidanzato. Lungo il primo atto, l’inguaribile libertino cerca di sedurre anche la contadina Zerlina nel giorno delle nozze, facendosi beffe del futuro marito Masetto, mentre Don Ottavio con Donna Anna, a cui si unisce Donna Elvira, già sedotta e abbandonata da Don Giovanni, continuano a dargli la caccia per vendicare la morte del Commendatore.

Anche nel secondo atto Don Giovanni miete vittime: prescelta la cameriera di Donna Elvira per conquistare la quale Don Giovanni scambia i propri abiti con quelli di Leporello, suo servitore. È così che Leporello viene accerchiato da Masetto, Zerlina, Donna Anna e Don Ottavio: vedendolo vestito da Don Giovanni vorrebbero ucciderlo. A notte fonda, Don Giovanni si rifugia nel cimitero, dove ha luogo il suo primo confronto con la statua funebre del Commendatore, a cui Don Giovanni rivolge un invito. L’incontro tra i due nel palazzo di Don Giovanni gli sarà fatale: la gelida stretta di mano della statua del Commendatore trascinerà nell’abisso il protagonista dell’opera.

Al Teatro Carcano di Milano
da venerdì 3 a domenica 5 maggio 2019
IL DISSOLUTO PUNITO OSSIA IL DON GIOVANNI
Dramma giocoso in due atti
Libretto Lorenzo Da Ponte
Musica Wolfgang Amadeus Mozart

Orchestra Sinfonica del Conservatorio di Musica “Giuseppe Verdi” di Milano
Coro del Conservatorio di Musica “Giuseppe Verdi” di Milano
Direttore Giuseppe Montesano
Regia Mattia Testi
Scenografia Accademia di Belle Arti di Brera
Produzione Conservatorio “Giuseppe Verdi” di Milano |Accademia di Belle Arti di Brera
Centro d’Arte Contemporanea Teatro Carcano
Orari:venerdì 3/5 e sabato 4/5 ore 20,00|domenica 5/5 ore 16,00
Prezzi: poltronissima € 34,00 – balconata € 25,00 |over 65 € 22,00/18,00/17,00/14,50 |under 26 € 15,00/13,50
Prenotazioni: 02 55181377 | 02 55181362
Prevendite online: www.ticketone.it|www.happyticket.it|www.vivaticket.it

TEATRO CARCANO – corso di Porta Romana, 63 – 20122 Milano
info@teatrocarcano.com | www.teatrocarcano.com

Gianluca Impastato al Teatro Manzoni

Gianluca Impastato
Gianluca Impastato

In anteprima nazionale, venerdì 3 maggio, Gianluca Impastato presenta il suo nuovo spettacolo“Il più grande Mago del Mondo”.

Alla soglia dei 50 voleva cimentarsi in una nuova sfida: diventare un mago! Ma non un semplice mago,il più grande del mondo. Ci riuscirà? Ai posteri l’ardua sentenza.Uno spettacolo tutto da ridere e scoprire!
Per un artista le motivazioni sono fondamentali. E ogni nuova esperienza permette di trovare quel brivido che regala la giusta spinta emotiva.

Per questo motivo Gianluca, a quasi 50 anni, ha deciso diaccettare una nuova sfida: quella di diventare un mago.Forse il titolo “Il più grande mago del mondo” è un pochino esagerato, ma si sa in questo mondo è meglio esagerare.
Perché proprio il mago?È questa domanda il vero motore dello spettacolo, spiegare la scelta di questa nuova immagine, che diventa un percorso nelle esperienze, nei ricordi e nei sogni di Gianluca.

Un one-man show di un’ora e mezza, con l’apporto e il sostegnodell’insostituibile Gianni Astone, si ripercorrono i temi di quasicinquant’anni di vita di cui una gran parte spesa su un palco. Si parlerà delle differenze tra i 30, i 40 e i 50, delle seratenelle discoteche senza più averne il fisico, degli amici persi eritrovati grazie ai social. E di magia.parlata, raccontata, e fatta… magari anche solo in manierainvolontaria, ma fatta. E con un finale a sorpresa.

Michael Nyman al Festival della Bellezza di Verona

Michael Nyman
Michael Nyman

È una delle grandi icone della musica internazionale: Michael Nyman sarà ospite giovedì 30 maggio 2019 (ore 21.30) alla VI edizione del Festival della Bellezza di Verona, la manifestazione ispirata a Dante, Mozart e Shakespeare che si conferma tra le più prestigiose del panorama nazionale, quest’anno dedicata al tema “L’Anima e le Forme”.

Compositore tra i più brillanti, prestigiosi e influenti della scena internazionale, autore di molti bestseller (oltre 3 milioni di copie vendute della colonna sonora di “Lezioni di piano”), Nyman propone al Teatro Romano un concerto speciale al pianoforte accompagnato dalla sua orchestra – la Michael Nyman Band – e dalla celebre contralto Hilary Summers.

Programma:
Memorial dal film di Greenaway Il cuoco, il ladro, sua moglie e l’amante
Come unto these yellow sands dal film di Greenaway L’ultima tempesta
Prospero’s Magic dal film L’ultima tempesta
War Work: 8 Songs with Film ultimo suo capolavoro, film documentario in cui le proiezioni si fondono con i suoni

La variazione è il tema. Visionarie composizioni sonore, ariose e struggenti. Melodie ipnotiche, vibranti progressioni e appassionati ritorni. Sonorità sperimentali dai rimandi antichi. Cadenze shakespeariane. “L’isola è piena di questi sussurri, dolci suoni, rumori, armonie”.

Michael Nyman è uno dei protagonisti della rappresentazione artistica dell’“Anima e le Forme”, tema di questa edizione del Festival, che indaga l’espressione artistica dello spirito nelle sue varie espressioni, la musica, la letteratura, la filosofia, la pittura, il teatro, il cinema. Il titolo fa riferimento all’omonimo testo di György Luckas sulle forme del rapporto tra uomo e assoluto.

Informazioni biglietti:
Vendita sui circuiti Ticketone e Geticket