“Il Lungomare di Milano” – appuntamenti di Luglio

Lungomare-Paradiso_credits-Silvia-Violante-Rouge
Lungomare-Paradiso_credits-Silvia-Violante-Rouge

Prosegue “Il Lungomare di Milano”, la programmazione culturale estiva di MARE CULTURALE URBANO. Ad un mese dalla riapertura, il centro di produzione artistica di via G. Gabetti 15 a Milano, ha registrato un grande successo di presenze e numerosi sold-out per gli appuntamenti con gli spettacoli teatrali, in collaborazione con il Piccolo Teatro di Milano, e il cinema all’aperto in cuffia.

Anche il calendario di luglio sarà ricco di spettacoli e musica, tra concerti, dj set e karaoke, in una vera e propria “spiaggia in città” con sabbia, ombrelloni, sdraio e tanto altro! Tutti gli eventi si terranno nel rispetto delle norme di sicurezza e distanziamento.

Sono previsti solo posti a sedere (circa 70 sdraio) con servizio al tavolo o in spiaggia e un doppio spettacolo (eccetto i dj set) nelle fasce orarie relative ai turni di prenotazione: primo spettacolo 19.30 – 20.30, secondo spettacolo 21.30 – 22.30. L’ingresso ad ogni evento è gratuito e la prenotazione è fortemente consigliata.

Le proiezioni degli spettacoli teatrali per la rassegna Spazi di teatro e dei film per la rassegna Cinema all’aperto in cuffia si terranno in Piazza Cenni di Cambiamento. È possibile acquistare i biglietti per il cinema in loco oppure online sul sito www.movieday.it/cinema/index?cinema_id=115.

Di seguito la programmazione del mese di luglio:

Lunedì – Dj set che non si balla
Ogni lunedì il pubblico di Mare potrà godere, da seduto, della selezione musicale degli ospiti alla consolle.

Lunedì 6 luglio dalle 19.30 Emanuele Lazzarini
Lunedì 13 luglio dalle 19.30 Fabio De Luca
Lunedì 20 luglio dalle 19.30 Missin red
Lunedì 27 luglio dalle 19.30 Zialollo

Martedì – Stand Up Comedy e Un mare di Poetry
Ogni martedì a Mare Culturale Urbano appuntamento con la Stand Up Comedy milanese e la rassegna di poesia Un mare di Poetry, che avrà come protagonisti alcuni tra i migliori poeti performativi del Poetry Slam in Italia. La rassegna, a cura di Antonio Amadeus Pinnetti e Giorgio Damato, nasce dal torneo di Poetry Slam UN MARE DI SLAM ospitato da Mare Culturale Urbano nei mesi precedenti.

Stand Up Comedy
Martedì 7 luglio alle 19.30 e alle 21.30 stand up romanzato. In programma “Maledetta primavera” di e con Massimiliano Loizzi, che insieme a Pippo Civati presenterà il suo nuovo romanzo, in bilico tra satira e poesia.

Un mare di Poetry
Martedì 14 luglio alle 19.30 e alle 21.30 Davide Passoni e Sir the Ivanoe con lo spettacolo “Poesia Potente e Chitarra Tonante”
Martedì 21 luglio alle 19.30 e alle 21.30 Ruben Camillas e Davide Passoni con la presentazione dei libri “I camillas. La storia della musica del futuro” e “Nel tempo di uno spazio”
Martedì 28 luglio alle 19.30 e alle 21.30 Paolo Agrati con “Lettera Nuda”

Mercoledì – Cernusco jazz a mare
Proseguono le serate dedicate agli amanti del jazz grazie alla collaborazione con Cernusco Jazz Festival: raffinati repertori e i migliori progetti della scena milanese animeranno le serate in cascina, tra graditi ritorni e interessanti novità.

Mercoledì 1 luglio alle 19.30 e alle 21.30, Basic Groove Trio con Gabriele Orsi alla chitarra, Pierpaolo Salvagio al contrabbasso e Francesco Di Lenge alla batteria.
Mercoledì 8 luglio alle 19.30 e alle 21.30, Liberae PhonocraticaTrio con Stefano De Marchi alle chitarre, Daniele Cortese al basso e Fabrizio Carriero alla batteria.
Mercoledì 15 luglio alle 19.30 e alle 21.30, Gianluca Di Ienno – Max Onore Contemporary Duo con Gianluca Di Ienno al piano e Max Onore alla batteria.
Mercoledì 22 luglio alle 19.30 e alle 21.30, Gabriele Compare 4tet con Rudy Manzoli al sax, Simone Lobina alla chitarra, Gabriele Compare al contrabbasso e Mauro Zanoni alla batteria.
Mercoledì 29 luglio alle 19.30 e 21.30, Daniele Gregolin – Nadio Marenco Gypsy Duo con Daniele Gregolin alla chitarra e Nadio Marenco alla fisarmonica.

Giovedì – Raster acustico
La storica rassegna indie di Mare dal successo sempre più affermato, quest’estate proposta in versione acustica.

Giovedì 2 luglio alle 19.30 e alle 21.30, Il Cairo
Giovedì 9 luglio alle 19.30 e alle 21.30, Susein y Los Pajaritas
Giovedì 16 luglio alle 19.30 e alle 21.30, Ganoona
Giovedì 23 luglio alle 19.30 e alle 21.30, The Psychedelic Preacher’s Club
Giovedì 30 luglio alle 19.30 e alle 21.30, F4 + Piro Piro

Venerdì – Karaoke condiviso da crociera con Ariele Frizzante & Elton Novara
Non mancheranno ogni venerdì le serate di karaoke collettivo, in una nuova versione studiata ad hoc che permetterà di cantare da seduti. La “migliore” e la “peggiore” musica estiva dagli anni ‘50 a oggi da cantare tutti insieme direttamente dalle sdraio. Le canzoni saranno intervallate da macarena e balli di gruppo sul posto.
Appuntamento alle 19.30 e alle 21.30 di venerdì 3 luglio, venerdì 10 luglio, venerdì 17 luglio, venerdì 24 luglio e venerdì 31 luglio.

Sabato – Lungomare Paradiso e Voci di Periferia on the beach
Il sabato sera di Mare alternerà due appuntamenti.

Lungomare Paradiso, a cura di Discoteca Paradiso: una festa che celebra la discoteca stessa come luogo d’incontro e d’amore, come esperienza musicale e visiva. La selezione musicale va dai Disclosure a Peggy Gou, passando per Ornella Vanoni e i Daft Punk. Appuntamento dalle 19.30 di sabato 4 luglio e sabato 11 luglio.

Sabato 18 luglio alle 19.30 e alle 21.30 appuntamento con Voci di Periferia on the beach, lo spazio mensile in cui Mare Culturale Urbano offre la possibilità a tantissimi giovani emergenti del Municipio 7 di crescere artisticamente, facendo esperienza direttamente sul palco. Il risultato è quello di uno spettacolo inedito e multiforme che unisce canto e dj set, trascinando il pubblico in un flow che va dal Rap all’Urban.

Sabato 25 luglio, eccezionalmente, il dj set TowSea di Chiara Tosi, dalle 19.30.

Domenica – Una classica estate al mare e La domenica italiana
La domenica a Mare Culturale Urbano sarà caratterizzata dalla musica con appuntamenti al mattino e alla sera.

Una classica estate al mare
Tutte le domeniche mattina, alle ore 11.00, in programma la rassegna a cura di Lucia Martinelli, con concerti di musica classica sul palchetto della spiaggia.

Domenica 5 luglio alle 11.00, Issei Watanabe e Caterina May (due violoncelli)
Domenica 12 luglio alle 11.00, Rebecca Comotti (clarinetto)
Domenica 19 luglio alle 11.00, Gianfranco Messina (violino)
Domenica 26 luglio alle 11.00, Chiara Pasqualini (flauto)

La Domenica italiana
Ogni settimana un artista proporrà, con set chitarra e voce, il repertorio di un protagonista del cantautorato italiano per il nuovo format del palinsesto di Mare.

Domenica 5 luglio Walzer Carluccio in megamix
Domenica 12 luglio Teo Manzo canta Guccini
Domenica 19 luglio Andrea Marino canta Rino Gaetano
Domenica 26 luglio Teo Manzo canta De Gregori

Inoltre, ogni martedì, in Piazza Cenni di Cambiamento, verranno trasmesse in diretta su grande schermo le prime rappresentazioni degli spettacoli del calendario estivo del Piccolo Teatro di Milano, in contemporanea con il Chiostro di Via Rovello. Gli spettacoli, ad ingresso gratuito, avranno inizio alle ore 21.30.

Da mercoledì a domenica, invece, alle ore 21.45 (eccetto il sabato, alle ore 21.30), appuntamento con il Cinema all’aperto in cuffia. L’arena cinematografica nella Piazza di Cenni di Cambiamento proporrà un fitto calendario dei migliori film usciti nelle sale quest’anno, anche in lingua originale. La programmazione è a cura di Piccolo Teatro, Anteo Palazzo del Cinema e Movieday.

Per maggiori informazioni sul calendario degli spettacoli teatrali e sulla programmazione del cinema all’aperto in cuffia è possibile consultare il sito www.maremilano.org.

“Mandela – La lunga strada verso la Libertà”

Mandela la lunga strada verso la libertà
Mandela la lunga strada verso la libertà

Lunedì 8 giugno, in prima serata, appuntamento con “Mandela – La lunga strada verso la Libertà”

La lunga vita del premio Nobel per la Pace,
figura tra le più importanti e nobili della nostra epoca.

Lunedì 8 giugno, in prima serata, Canale 5 propone il film «Mandela – La lunga strada verso la libertà», opera basata sull’autobiografia Lungo cammino verso la libertà.

Protagonista assoluto di Mandela: Long Walk to Freedom (tit. or.), Idris Elba, con Naomie Harris chiamata a interpretare la moglie Winnie. Acclamato dalla critica, secondo il New York Times «le performance di Elba e Harris hanno dato un contributo essenziale al film, un’opera ambiziosa, vasta, quasi epica». Notevole anche l’apprezzamento per la colonna sonora, dove è presente Ordinary Love degli U2, premiata con un Golden Globe alla migliore canzone originale, firmata Paul Hewson, David Howell Evans, Adam Clayton e Larry Mullen.

La première del film, sostenuta dalla Royal Film Performance, ha visto la partecipazione del Duca e della Duchessa di Cambridge, insieme alle figlie di Mandela, Zindzi e Zenani, e ha avuto luogo a Londra, il 5 dicembre 2013. Incredibilmente, l’annuncio della morte di Mandela è avvenuto proprio durante la proiezione della pellicola: al produttore Anant Singh non rimase che salire sul palco durante i titoli di coda e informare gli intervenuti. In Sudafrica, per rispetto, il giorno successivo, il film venne temporaneamente ritirato dai cinema.

Attivista antiapartheid, primo presidente Nero del Sudafrica e premio Nobel per la Pace, Mandela è stata una delle figure più importanti e nobili della nostra epoca.
Il biopic offerto sulla rete diretta da Giancarlo Scheri ne ripercorre la lunga vita partendo dagli inizi come avvocato, a Johannesburg, fino alla presidenza del Sudafrica, nel 1994.

Elemento di spicco nella ribellione e leader dell’African National Congress, Mandela venne imprigionato a Robben Island e condannato all’ergastolo. Solo dopo vent’anni sarà trasferito in un carcere meno severo. Ma la mobilitazione mondiale per la sua liberazione spinge le autorità sudafricane a cercare un’intesa.
Nel 1990, dopo 27 di prigionia, osannato dalla sua gente, Mandela rifiuta la vendetta, premendo per la nascita di un Paese senza conflitti. Sconfitto l’apartheid, la libertà si concretizza nelle prime elezioni democratiche della storia del Sudafrica.

 

Il Museo del Tessuto di Prato riapre il 19 maggio

14 Foto di scena Pinocchio e Geppetto
14 Foto di scena Pinocchio e Geppetto

Il Museo del Tessuto di Prato riapre il 19 maggio
Prorogata la mostra “Pinocchio nei costumi di Massimo Cantini Parrini
dal film di Matteo Garrone”
mentre il costumista ha ricevuto in premio il quarto David di Donatello

Fino al 25 ottobre 2020 Prato, Museo del Tessuto

Riaprirà il 19 maggio il Museo del Tessuto di Prato e proroga la Mostra “Pinocchio nei costumi di Massimo Cantini Parrini dal film di Matteo Garrone” fino al 25 ottobre.

“Siamo pronti per ripartire adottando tutte le misure di sicurezza per assicurare la salute dei visitatori, come previsto dal Decreto del Governo”, da detto Francesco Marini Presidente della Fondazione Museo del Tessuto.
“In questo periodo abbiamo continuato ad essere in contatto con il nostro pubblico attraverso iniziative promosse sui canali social e il web. Il consenso riscontrato da parte di tanti ragazzi ci ha fatto decidere di prolungare la Mostra fino al 25 ottobre per permettere di soddisfare le tante richieste pervenute”.

La mostra presenta l’ultimo straordinario lavoro del pluripremiato costumista cinematografico Massimo Cantini Parrini con oltre 30 costumi realizzati per il film “Pinocchio” di Matteo Garrone.

“E’ una grande soddisfazione poter annunciare la proroga della mostra proprio a ridosso della celebrazione della cerimonia per la consegna dei David di Donatello, che si è tenuta in streaming venerdì 8 maggio scorso” dichiarano il Presidente Marini e il Direttore del Museo Filippo Guarini – “visto che il film Pinocchio ha ottenuto ben 5 statuette, tra cui quella per i costumi andata a Massimo Cantini Parrini per la quarta volta. Un motivo in più per il pubblico per tornare a visitare la mostra”.

Il percorso della mostra è articolato in due sezioni: la prima dedicata al costumista, alle sue fonti d’ispirazione ed al suo lavoro creativo attraverso video, campionature di tessuti, capi d’abbigliamento storici del XVIII e XIX secolo provenienti dalla sua straordinaria collezione personale, utilizzati come fonti di ispirazione diretta per la creazione degli abiti del film. La seconda prevede invece l’esposizione di oltre trenta costumi dei principali personaggi del film, accompagnati da immagini tratte dal film stesso e da alcuni, simbolici oggetti di scena. Di questi 25 sono stati realizzati dalla Sartoria Tirelli, 5 dalla Sartoria Costumi d’Arte Peruzzi, 2 da Cospazio 26, mentre le parrucche da Rocchetti e Rocchetti.

Massimo Cantini Parrini è nato e si è formato a Firenze: dall’Istituto Statale d’Arte di Porta Romana, al Polimoda, fino alla Laurea in Cultura e Stilismo della moda presso l’Università di Firenze. Nel corso degli studi accademici vince il concorso al Centro Sperimentale di Cinematografia a Roma, diventando allievo nel corso di costume del premio Oscar Piero Tosi. Il suo esordio nel cinema è come assistente costumista accanto a Gabriella Pescucci, anche lei premio Oscar, che lo chiama a collaborare per oltre dieci anni per grandi produzioni cinematografiche internazionali, teatro lirico e varie manifestazioni.
Massimo Cantini Parrini affianca alla sua professione di costumista una straordinaria passione per gli abiti d’epoca, che colleziona fin dall’età di tredici anni. Ad oggi la sua raccolta vanta più di 4.000 pezzi, che spaziano dal 1630 al 1990, tutti originali e di creatori e stilisti iconici, dai quali spesso trae spunto ed ispirazione per realizzare i suoi costumi.

Massimo Cantini Parrini è l’unico costumista italiano ad aver vinto dalla prima nomination ben quattro David di Donatello su cinque, di cui tre consecutivi (2016-18), mentre il quarto è quello per i costumi del film Pinocchio (2020), oltre ad altri numerosi premi e riconoscimenti, tra i quali spiccano Nastri d’Argento, Ciak d’oro e premiazioni in importanti festival cinematografici. L’ultimo riconoscimento da lui ricevuto è l’EFA (European Film Award).
In curriculum ha più di 50 produzioni da costumista, molte delle quali per registi di fama internazionale. Emerge significativamente il sodalizio stabilito con Matteo Garrone, che – prima di Pinocchio – lo ha chiamato per realizzare i costumi dei film Il racconto dei Racconti (2015), Dogman (2018).

Museo del Tessuto – Via Puccetti, 3 Prato. Tel. 0574/611503
www.museodeltessuto.it / facebook.com/museodeltessuto / twitter.com/museodeltessuto
E mail: info@museodeltessuto.it

Nuovi orari in occasione della riapertura dei Musei dopo le chiusure a causa del propagarsi del virus Covid 19
dal 19 maggio al 2 giugno inclusi
ma-me-gio: 16-20
ve-sab-dom: 10-20
Ingresso gratuito fino al 3 giugno incluso

SHAKIRA: il film concerto

Shakira in concert El Dorado world tour
Shakira in concert El Dorado world tour

L’artista multiplatino pluripremiata ai Grammy Awards SHAKIRA e Sony Music International hanno ricevuto 2 medaglie d’oro ai New York Festivals® Tv & Film Awards 2020 per il film concerto “SHAKIRA IN CONCERT: EL DORADO WORLD TOUR”. Il film è stato premiato nelle categorie “Performing Arts Special” e “Special Event” e segnano la prima vittoria di Shakira al prestigioso festival internazionale.

Con le sue performance memorabili e i dietro le quinte dell’epico “El Dorado World Tour”, il film offre uno sguardo senza filtri al ritorno sul palco della superstar colombiana dopo il suo infortunio alle corde vocali. Shakira ha portato il suo tour in 22 paesi e ha suonato per oltre 1 milione di fan, segnando un momento culminante per la sua carriera e uno spaccato per la musica latina.

“Shakira in Concert: El Dorado World Tour” è disponibile in versione digitale ed è la testimonianza del grande show che Shakira ha portato in giro per il mondo, arrivando tra l’altro a giugno 2018 al Mediolanum Forum di Assago (MI).

È inoltre disponibile in radio e in versione digitale “Me Gusta”, il nuovo singolo della cantautrice in collaborazione con il cantante e rapper ANUEL AA. Il brano ha già registrato oltre 113 milioni di stream su Spotify e 63 milioni di visualizzazioni su YouTube. Il video è visibile al seguente link: youtu.be/mf-UJ32PJgU.

Middle East Now

unnamed
unnamed

La 11ª edizione di Middle East Now porta in scena a Firenze dal 31 marzo al 5 aprile 2020 il Medio Oriente contemporaneo con un ricco programma di cinema, documentari, arte, musica, incontri, cibo e teatro.
Il festival, ideato e organizzato dall’associazione culturale Map of Creation, si terrà tra Cinema La Compagnia, Cinema Stensen, Teatro Cantiere Florida, MAD Murate Art District e altri spazi cittadini.

In programma l’anteprima di oltre 40 film premiati nei migliori festival internazionali: un viaggio cinematografico che tocca i paesi dell’area mediorientale, sempre di più al centro dell’attenzione della politica e dei media internazionali: storie forti, personaggi, temi d’attualità nei titoli più recenti da Iran, Iraq, Kurdistan, Libano, Israele, Palestina, Egitto, Emirati Arabi, Kuwait, Afghanistan, Siria, Algeria, Marocco, Tunisia, Algeria, faranno conoscere al pubblico le culture e le società di questi paesi, con una prospettiva che cerca di andare oltre i pregiudizi e i luoghi comuni con cui spesso vengono rappresentati.

Il tema di questa edizione si focalizza su come la cultura, il cinema, l’arte e le espressioni visive siano strumenti e forum attivi per l’impegno sociale in Medio Oriente. Artisti, registi, fotografi, ma anche musicisti, performer e food activist della regione esprimono il loro punto di vista su questioni socio-politiche e culturali, e fanno sentire la loro voce attraverso il cinema, la poesia, la musica, le arti visive.
Il festival approfondirà questo tema in modo trasversale: offrendo una panoramica potente della forza comunicativa delle immagini e dei messaggi culturali a esse collegati, dell’originalità e dell’aspirazione al cambiamento di cui sono intrise le opere visive e l’estetica prodotte dagli artisti mediorientali di oggi.