Viaggio nella scatola magica del teatro Duse

Visita guidata Teatro Duse 2017
Visita guidata Teatro Duse 2017

Torna la visita guidata negli spazi più suggestivi del teatro Duse di Bologna, solitamente inaccessibili al pubblico. E’ lo spettacolo ‘Viaggio nella scatola magica’ in scena lunedì 18 giugno, lunedì 25 giugno, lunedì 24 settembre e mercoledì 3 ottobre, che guida gli spettatori a scoprire i segreti dello storico teatro di Via Cartoleria.

Un percorso tra aneddoti, storie e leggende a cura degli attori Andrea Ramosi e Beatrice Festi, che guideranno i visitatori/spettatori in compagnia del macchinista del teatro Marco De Barba, nei luoghi più significativi dal punto di vista storico e architettonico: i foyer, la grande platea, gli ordini di palco e il palcoscenico, luogo segreto di ogni opera teatrale.

Il numero degli spettatori è limitato, la prenotazione è obbligatoria.

A.ArtistiAssociati
VIAGGIO NELLA SCATOLA MAGICA
Di Enrico Cavalleri

CON Andrea Ramosi e Beatrice Festi

BIGLIETTI

Posto Unico intero € 10

ORARI

lunedì 18 giugno | ore 19:00
lunedì 25 giugno | ore 19:00
lunedì 24 settembre | ore 19:00
mercoledì 03 ottobre | ore 20:00

Manuela Ventura nel film tv: “Prima che la notte”

Manuela Ventura1 Ph Luca Guarneri
Manuela Ventura1 Ph Luca Guarneri

L’attrice catanese Manuela Ventura è Cettina Centamore nel film tv
“Prima che la notte” diretto da Daniele Vicari in onda su Rai 1 il prossimo mercoledì 23 Maggio.
Nelle vesti del protagonista Giuseppe Fava, indimenticato giornalista catanese, uno straordinario Fabrizio Gifuni.

Prima che la notte andrà in onda in occasione de La giornata della legalita’ dopo essere stato presentato in anteprima nella prestigiosa cornice del Teatro Petruzzelli al Festival del Cinema di Bari BIF&ST (venerdì 27 aprile)

La storia di Pippo Fava (interpretato da Fabrizio Gifuni) raccontata dal regista Daniele Vicari riporta la grande tradizione del cinema italiano “di denuncia” sulla prima rete Rai.

Il ricordo di un personaggio carismatico e complesso perché sempre controcorrente e indomito, che sposò la causa della ricerca e del racconto pubblico della verità fino alle sue estreme conseguenze. La storia straordinaria di un uomo che ha saputo costruire il futuro nonostante tutto.

“Desideravo essere dentro questo racconto- dichiara la Ventura- ancor di più perché è un grande racconto corale. Ho fatto quello che in quegli anni, poiché ero piccola, non avevo potuto fare, partecipare, esserci, sentire. E’ stato come ripercorrere, da una posizione più di ascolto che di azione, un momento che ha segnato, scosso, animato la mia città. E’ stata un’esperienza molto intensa, direi proprio necessaria. Credo che, come me, in molti abbiano atteso questo racconto e finalmente questo film è arrivato.
Penso che questo film riconsegni, almeno a me, perlomeno è quello di cui soprattutto sento il bisogno, la voglia di riappropriarmi di quell’amore e gioia di vivere che ha sempre indossato Fava che, come dice assai bene il regista, non ha perso “perché è riuscito a costruire il futuro”, e in molti qui in città lo sentiamo come un richiamo.
Un’esperienza straordinaria fu quella, ancora oggi viva e presente, la certezza l’ho trovata anche nelle parole della vera Cettina Centamore che ho avuto il piacere di conoscere.
Poi, il lavoro accurato fatto dal regista con tutti noi attori, attraverso un’importante fase di preparazione, è stato fondamentale per restituire anche il grande affiatamento, la passione, il clima di allegria e di fiducia di quella redazione giornalistica catanese, sentire provare Fabrizio Gifuni mentre ripeteva gli editoriali di Fava è stato come essere a teatro , è stato uno scambio dal vivo, commovente e al tempo stesso una carica di energia. E’ questo ciò che credo colpisca soprattutto di questo film, lo slancio vitale, l’ardore, la disposizione così poetica e umana verso la vita che ha sempre, fino alla fine, coltivato in se e con gli altri Giuseppe Fava”.

De revolutionibus al No’hma

DEREVOLUTIONIBUS
DEREVOLUTIONIBUS

Mercoledì 11 e Giovedì 12 aprile, alle ore 21, va in scena De revolutionibus – sulla miseria del genere umano, una produzione della compagnia siciliana Carullo – Minasi. Si tratta di un lavoro che ha già ottenuto numerosi e importanti riconoscimenti da parte della critica teatrale e ha vinto il concorso Teatri del Sacro nel 2015.

La compagnia, proseguendo il proprio percorso di stampo filosofico, con levità ed estrema ironia, racconta del genere umano girovagando intorno ai temi della propria miseria.

Lo spettacolo è il trionfo del gioco teatrale povero il cui fine è sempre la meraviglia. In scena due attori, con un carro di Tespi, in una partitura raffinata di gesti e parole, recitano i personaggi di due Operette Morali di Leopardi, per portare amare e ironiche riflessioni sulla “miseria umana” intesa come valore e al tempo stesso condanna.

SPAZIO TEATRO NO’HMA TERESA POMODORO
via Andrea Orcagna 2 – 20131 Milano (MM2 linea verde – fermata Piola)
Ingresso libero e gratuito con prenotazione obbligatoria
Infoline e prenotazioni: 02.45485085 / 02.26688369
È possibile prenotare anche collegandosi al sito www.nohma.org

“Il Salotto a Teatro”

locandina-salotto-fantasmi
locandina-salotto-fantasmi

Carolina Rosi, Gianfelice Imparato e l’intera Compagnia del Teatro di Luca De Filippo saranno ospiti del prossimo appuntamento del format giornalistico “Il Salotto a Teatro”, ideato e condotto da Maria Beatrice Crisci.

L’incontro è per sabato 17 marzo alle ore 18,30 nel Comunale di Caserta. Gli attori saranno in scena da venerdì 16 a domenica 18 marzo con lo spettacolo “Questi fantasmi!” di Eduardo De Filippo per la regia di Marco Tullio Giordana.

Chi parteciperà all’evento potrà documentare e diffondere sui social media i post, le fotografie e i selfie usando l’hashtag #salottoateatro e l’evento potrà essere seguito anche sul web.

L’incontro è aperto al pubblico con ingresso libero, come tutti gli altri eventi del ciclo. E di veri e propri eventi si tratta, visto che, di volta in volta, si potrà interloquire con gli attori, a volte anche con altre figure coinvolte nella realizzazione delle proposte sceniche, fare domande e scoprire le possibili chiavi di lettura di ogni singolo spettacolo della stagione.

“Il Salotto a Teatro”, incontri tra i protagonisti della scena e il pubblico, nasce con lo scopo di contribuire a superare la barriera tra palcoscenico e platea, mettendo in diretto rapporto registi, attori, autori con gli spettatori e con tutti quanti amino il mondo teatrale.

Conoscendo la trama dello spettacolo, la sua genesi culturale, le caratteristiche della regia, l’interiore approccio interpretativo degli attori, il pubblico potrà ancora meglio apprezzare la rappresentazione e scorgere cosa ci sia sotto la maschera di scena.

Si tratta sicuramente di una bella opportunità artistica e culturale che permette al pubblico di conoscere da vicino gli artisti in scena al Teatro Comunale “Costantino Parravano”.

Teatro Superga : “Il Drago e La Farfalla”

VValenti
VValenti

Domenica 4 febbraio ore 16.00 il terzo appuntamento della rassegna di Teatro Ragazzi al Teatro Superga è con lo spettacolo “Il Drago e La Farfalla” diretto e interpretato da Vincenzo Valenti, liberamente ispirato al racconto di Italo Calvino “Il drago e le farfalle” e accompagnato dalla musiche originali eseguite dal vivo da Bati Bertolio.

“Il Drago e La Farfalla” è uno spettacolo di narrazione dedicata a bambini a partire dai 5 anni, con l’ausilio di ingegnose sagome di carta a fili. Una storia sui sogni e le differenze.

Liberato da tre pirati che volevano impossessarsi del tesoro custodito nella grotta dove vive, un grosso drago può finalmente dedicarsi a realizzare il suo desiderio più grande: trasformarsi in una farfalla.

Un capitano naufragato sull’isola sfrutta il desiderio irrealizzabile del drago di diventare una farfalla per catturarlo, consegnarlo al re e, grazie all’ottima impressione ottenuta su di lui, sposarne la figlia.
Il drago dovrà imparare ad accettare la sua natura e la sua identità, che condizionano e determinano il suo destino e le sue aspettative, in contrasto con ciò che lui vorrebbe essere.

ART.O’ nasce nel 1999 come compagnia teatrale professionale dall’incontro di attori, musicisti, pittori e danzatori che da anni applicano la loro arte anche nel campo dell’istruzione, dell’educazione, dell’inserimento e supporto all’handicap, per la sensibilizzazione alle tematiche sociali e nella formazione tenendo presente il teatro come punto di incontro dei diversi linguaggi artistici.

La compagnia è impegnata nella ricerca rituale, sociologica, e antropologica del teatro; nello specifico di un teatro per e con l’infanzia; oltre a produrre spettacoli: propone progetti rivolti ai cittadini e alla popolazione scolastica di ogni ordine e grado, utilizzando il teatro come linguaggio portante e contenitore di espressività soggettive.

Biglietti: 5 € prezzo unico adulti e bambini
Informazioni e prevendite biglietti: Teatro Superga, Via Superga 44 – Nichelino (To)
Biglietteria: dal lunedì al venerdì dalle ore 15 alle ore 19 e domenica 4 febbraio dalle ore 15.
Prenotazioni: biglietteria@teatrosuperga.it | 011.6279789