Nuova Stagione dello Spazio Teatro 89 di Milano

foto-Roberto_Plano
foto-Roberto_Plano

È tutta nuova, a partire dall’impostazione generale, la rassegna di classica “In
Cooperativa per Amare la Musica” dello Spazio Teatro 89: la XIX stagione, realizzata con il patrocinio del Comune di Milano e con il sostegno di Coop Lombardia e Furcht Pianoforti e in collaborazione con Serate Musicali, si articola ora in due festival tematici, ognuno dei quali composto da cinque appuntamenti.

Il primo ciclo, al via sabato 26 ottobre nell’auditorium di via Fratelli Zoia 89 e intitolato
“La Musica racconta; testi, pretesti e contesti per nuove esperienze sonore”, ospiterà
eventi in cui la parte musicale verrà affiancata da letture e approfondimenti, punto di
partenza per la creazione di originali spettacoli teatrali.

Restano invariate, invece, le linee-guida che da sempre caratterizzano questa rassegna: si punta su concerti solistici e cameristici con programmi e organici vari, rari e interessanti in ambito strumentale e vocale, con ampio spazio per la musica del presente; gli interpreti sono musicisti di chiara fama e giovani emergenti; prima dei concerti ci sarà spazio per le preziose guide all’ascolto, sintetiche ma esaurienti, a cura della direzione artistica e con la partecipazione del pop historian Giorgio Uberti; infine, i prezzi dei biglietti restano accessibili anche per le fasce di reddito più deboli.

Sabato 26 ottobre (ore 20.30; ingresso 7-10 euro), per il primo appuntamento della nuova stagione, intitolato “Birilli, archetti e clarinetti”, è in programma un’inaugurazione sontuosa con due capolavori mozartiani affidati a interpreti di fama internazionale, indiscusso carisma e grande sensibilità quali il pianista Roberto Plano e il clarinettista Alessandro Travaglini, oltre a tre validissimi strumentisti ad arco: Claudia Monti al violino, Iakov Zats alla viola ed Eustasio Cosmo al violoncello.