Eventi al Teatro Giuditta Pasta

la luna triste - luisa reina
la luna triste – luisa reina

Saronno in love: febbraio, il mese dell’amore.

Al Teatro Giuditta Pasta c’è fermento.

Il Foyer del teatro sarà il centro di una serie di attività dedicate a varie forme d’arte per rendere omaggio all’amore: per tutti i romantici lo staff del teatro ha pensato a diverse iniziative che rappresentino l’amore in modo semplice e sorprendente.

Contest fotografico.
All’ingresso del teatro una panchina e un grande cuore di muschio illuminato: un vero e proprio set fotografico per un selfie. Infatti è aperto il contest che permetterà di vincere un cofanetto Boscolo “Fuga d’amore” del valore di € 150 (offerto da Legnone Tours).

Partecipare è semplice: basta scattare un selfie o farsi scattare una foto davanti al cuore e alla panchina, l’importante è che il protagonista sia presente nella foto. Si può essere da soli, in coppia, con amici, con il cane, con un libro, con un panino…

La foto deve raccontarci la passione e quello che fa battere il cuore del protagonista. Poi bisogna postarla su Instagram, taggando @teatrogiudittapasta e utilizzando l’hashtag #saronnoinlove.
Vincerà la foto che otterrà più like entro le ore 12.00 del 14 febbraio.

Mostra di quadri.
Fino a fine mese il Foyer ospiterà una mostra di quadri di varie pittrici saronnesi che hanno declinato in maniera differente il concetto di amore rendendolo unico e originale. Sono storie di abbracci, passione, separazioni e nuove unioni, favole con il lieto fine e parole di seta, incontri di corpi e fusioni di anime. La mostra rimarrà aperta negli orari di apertura del teatro al pubblico.

San Valentino: cena e spettacolo.
Ma soprattutto febbraio è la cena di San Valentino. Lo chef del Bistrò Galli al Teatro ha preparato un menù gourmet “amore e coccole” per la sera del 14 febbraio nella fantastica cornice del Foyer del teatro.
Le sorprese non finiscono qui! Durante la cena andrà in scena “Romeo e Giulietta” in un allestimento curato dalla compagnia Tournée da Bar. “Un vero divertentissimo delirio pirotecnico sempre abilmente guidato e orchestrato dai due narra-attori”, come ci ricorda Michele Sciancalepore dalle pagine di Avvenire, e da un musicista polistrumentista che con brani originali accompagnerà il pubblico durante la serata.
I posti per la cena+spettacolo erano solo 50, sono già esauriti.