Teatro alla Scala-Prima delle Prime: “Madama Butterfly”

manifesto-butterfly
manifesto-butterfly

Primo appuntamento del ciclo “Prima delle prime”
Stagione 2016/2017

Amici della Scala – Teatro alla Scala
Madama Butterfly
di Giacomo Puccini

libretto di Luigi Illica e Giuseppe Giacosa

Teatro alla Scala – Ridotto dei palchi “A. Toscanini”
Venerdì 2 dicembre 2016 ore 18

“Grande dolore in piccole anime”: questo è quanto Puccini cercava per le sue opere. Lo suggerisce una sua lettera a Gabriele D’Annunzio “Ora sai quello che mi ci vuole: amore–dolore. Grande dolore in piccole anime”. Chissà cosa rispose il poeta.

Comunque Puccini aveva già raccontato le dolenti vicende di Mimì e Manon quando in un teatro londinese scopriva nel luglio 1900 un’altra piccola “anima”, assistendo a Madama Butterfly, una tragedia di David Belasco.

Poco dopo nel 1901, con la collaborazione per la stesura del libretto di Giuseppe Giacosa e Luigi Illica, iniziava la composizione che solamente nel dicembre 1903 poteva dirsi completa in ogni sua parte. A dilatare i tempi della realizzazione aveva forse contribuito una ricerca minuziosa di documenti legati all’Oriente: la precisione ambientale era un’esigenza imprescindibile di Puccini.

In questa fase, preziosi furono gli aiuti di una attrice giapponese, Sada Yacco, e dell’ambasciatrice nipponica, profonde conoscitrici di usi e costumi orientali.

Madama Butterfly in due atti andò in scena al Teatro alla Scala il 17 febbraio 1904 e, nonostante gli ottimi interpreti e la grande cura con la quale era stata preparata, cadde clamorosamente.

Si ritiene che attorno all’opera fosse stato costruito ad arte un clima d’ostilità o che forse il pubblico fosse rimasto sorpreso di fronte a un’opera innovativa che guardava agli sviluppi più recenti del teatro musicale europeo.

Puccini così scrisse a un amico: “Con animo triste ma forte ti dico che fu un vero linciaggio… ma la mia Butterfly rimane qual è, l’opera più sentita e suggestiva che io abbia mai concepito”.

L’insuccesso indusse autore ed editore a ritirare lo spartito per sottoporlo a una revisione con il risultato che la nuova versione di Madama Butterfly in tre atti fu accolta con entusiasmo al Teatro Grande di Brescia, appena tre mesi dopo, il 28 maggio.

Tuttavia Puccini tornò continuamente sull’opera, “Non si decise mai per una versione in particolare ed è difficile individuare la sua ultima volontà”.

“La decisione della Scala di portare per l’inaugurazione del 7 dicembre la prima versione di Madama Butterfly vuole essere una possibilità in più di ascolto, confronto e conoscenza”.

Riccardo Chailly ha scelto infatti il primo spartito. Il direttore, che con passione prosegue nel percorso di rilettura critica delle opere pucciniane, ha compiuto con Gabriele Dotto un attento lavoro per ripristinare l’orchestrazione del primo manoscritto, quello che procurò il più grande dolore artistico di Puccini.

Sta al pubblico milanese cancellare nel 2016 dopo più di 100 anni quell’antica ferita.

Nell’incontro “Quale Butterfly” con ascolti e video, parla di Madama Butterfly Enrico Girardi, docente di Storia della musica all’Università Cattolica di Milano e critico musicale del “Corriere della sera”.

Ingresso libero fino a esaurimento dei posti

Supporto tecnico Meeting Project s.r.l. service audio-video Milano