Modifiche servizi Atm nel week end 18-19 maggio

Atm Point
Atm Point

Sabato 18 maggio si svolgeranno alcune manifestazioni con cortei e, domenica 19 maggio, una gara sportiva per le vie della città che comporteranno modifiche temporanee del servizio di alcune linee tram, bus e filobus.

SABATO 18 MAGGIO – Dalle ore 13 circa fino al termine delle manifestazioni in piazza Duomo, la stazione delle metropolitane M1 e M3 sarà chiusa su disposizione delle autorità di pubblica sicurezza. Per cambiare linea è possibile usare le stazioni di Centrale, Loreto o Cadorna. Per raggiungere piazza del Duomo si consiglia di scendere a Cordusio, San Babila, Montenapoleone o Missori. Dalle ore 13 chiuderanno gli sportelli dell’Atm Point nella stazione di Duomo. Dalle ore 14 circa saranno possibili deviazioni e rallentamenti per le linee 1, 2, 3, 4, 14, 15, 16, 19, 24, 50, 58, 61, 65, 94.

DOMENICA 19 MAGGIO – Dalle 8:30 alle 12 circa, per consentire il passaggio di una gara sportiva, saranno possibili deviazioni e rallentamenti per le linee 1, 2, 4, 5, 7, 10, 19, 33, 39, 42, 43, 60, 62, 70, 81, 87, 89, 90, 91, 92 e 166.

Le novità del Decreto “Sblocca Cantieri”

forum pa2019
forum pa2019

Le novità del Decreto “Sblocca Cantieri”, l’opera di monitoraggio delle infrastrutture mediante le migliori tecnologie, e le azioni per un futuro di mobilità sostenibile del Mit; le azioni di sensibilizzazione e di monitoraggio ambientale del Programma Operativo Nazionale Infrastrutture e Reti 2014-2020 (PON-IR); l’impegno e gli obiettivi dell’operazione “Mare Sicuro 2019” del Corpo delle Capitanerie di Porto – Guardia Costiera.

Sono questi i contenuti che saranno illustrati nello stand del Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti presente al Forum PA 2019, che si terrà al Roma Convention Center “La Nuvola” dell’Eur dal 14 al 16 maggio prossimi. Al Forum è prevista la visita del Ministro Toninelli nella giornata di giovedì 16 maggio.

Il decreto Sblocca Cantieri, recentemente approvato, prevede una serie di azioni di semplificazione per accelerare la realizzazione delle opere pubbliche i cui principali contenuti verranno descritti in grafiche presenti allo stand, così come le più recenti azioni e innovazioni normative per agevolare lo sviluppo di una mobilità finalmente sostenibile e più rispettosa dell’ambiente.

Nello stand verrà anche presentato un video che spiega come il Governo stia agendo per implementare il monitoraggio e la manutenzione delle infrastrutture, per accrescerne la sicurezza. Attraverso l’innovazione tecnologica, una rete sensori, posizionati sulle opere pubbliche, monitoreranno lo stato di manutenzione di ciascuna opera e trasmetteranno i dati raccolti all’Archivio Informatico delle Opere Pubbliche (AINOP), strumento a disposizione della nuova Agenzia Nazionale per la Sicurezza Ferroviaria e delle Infrastrutture Stradali e Autostradali (ANSFISA).

All’interno dello spazio espositivo, il PON-IR presenta due iniziative che hanno raccolto particolare interesse: l’azione di sensibilizzazione dedicata ai ragazzi delle scuole superiori delle regioni oggetto degli interventi (Basilicata, Calabria, Campania, Puglia e Sicilia) e il monitoraggio ambientale del Programma.

“Il Sud #InRete con l’Europa: racconta con i tuoi occhi” è la seconda edizione dell’azione di sensibilizzazione rivolta alle giovani generazioni il cui obiettivo è stimolare gli studenti delle scuole secondarie a ragionare sui benefici che derivano dall’attuazione degli interventi finanziati dal Programma e che ha coinvolto circa 1000 studenti delle regioni oggetto degli interventi. La grafica dello stand presenta, invece, il Report di Monitoraggio Ambientale.

Adottato nel gennaio di quest’anno, avvia un percorso virtuoso per la piena attuazione del monitoraggio della Valutazione Ambientale Strategica, non più concepita come mero adempimento ma interpretandola come parte integrante del Programma.

Nello stand del Mit sarà anche mostrato l’impegno del Corpo delle Capitanerie di Porto – Guardia Costiera con l’operazione “Mare Sicuro”. Durante tutto il periodo estivo, quando l’affluenza in mare e sulle spiagge cresce e aumenta anche il rischio di incidenti, con l’operazione “Mare Sicuro” la Guardia Costiera mette in campo circa 3.000 uomini e donne e 300 mezzi navali e aerei per tutelare la sicurezza degli utenti del mare, per la salvaguardia delle coste marine e dei laghi maggiori.

Con “Mare Sicuro” la Guardia Costiera incrementa la sicurezza della navigazione, garantisce rapidi interventi di soccorso a bagnanti e diportisti e previene, inoltre, i comportamenti potenzialmente dannosi per le persone e per l’ecosistema marino. Per tutta la durata dell’operazione la Guardia costiera svolge anche una attività mirata di contrasto all’occupazione abusiva di spiagge e specchi d’acqua, per garantirne la libera fruizione da parte di tutti i cittadini.

Decreto “salva motociclisti”

barriera salvamotociclistil
barriera salvamotociclistil

È stato registrato alla Corte dei Conti ed entrerà quindi a breve in vigore il decreto cosiddetto “salva motociclisti”, approntato e fortemente voluto dal Mit per tutelare questa tipologia di utenza vulnerabile della strada.

Il decreto rende obbligatoria l’installazione sulla rete stradale italiana di appositi Dispositivi Salva Motociclisti (DSM) che, per le loro specifiche tecniche, puntano a mitigare gli effetti dell’urto di un motociclista sul guardrail.

In particolare il decreto prevede l’obbligo di installare barriere salva-motociclisti su tutte le curve circolari caratterizzate da un raggio minore di 250 metri nei casi di interventi di nuova costruzione, di adeguamento di tratti stradali esistenti che comportano varianti di tracciato e/o rinnovo delle barriere di sicurezza stradali su tratti significativi, oppure su strade esistenti non soggette ad interventi ma dove siano avvenuti nel triennio almeno cinque incidenti con morti e/o feriti, che abbiano visto il coinvolgimento di motoveicoli e/o ciclomotori.

Si tratta di un decreto, approntato già dallo scorso ottobre dal Ministro Danilo Toninelli e dal sottosegretario Michele Dell’Orco, che fa dell’Italia uno dei pochissimi Paesi europei ad adottare specifiche barriere protettive per l’incolumità di scooteristi e motociclisti

Sciopero Nazionale Generale Trasporti

sciopero
sciopero

Per venerdì 17 maggio l’Unione Sindacale di Base (USB Lavoro Privato) ha proclamato uno sciopero Nazionale Generale Trasporti di 4 ore “a tutela e per garantire il reale esercizio del diritto di sciopero, contro le privatizzazioni e per la nazionalizzazione delle imprese di trasporto, per la salute e sicurezza delle operazioni a tutela dei lavoratori e utenti, contro il sistema degli appalti indiscriminati, per la definizione di una reale politica dei trasporti in Italia e per l’avvio dei tavoli sulla riforma dei settori, per ottenere politiche contrattuali realmente nazionali, per la riduzione dell’orario di lavoro a parità di salario e per la piena occupazione e contro la precarietà ”.

A Milano l’agitazione del personale viaggiante e di esercizio sia di superficie sia della metropolitana è prevista dalle 18 alle 22.

Nel rispetto delle disposizioni in materia di informazione all’utenza, le percentuali medie complessive di adesione registrate nel corso delle ultime astensioni proclamate dalle medesime sigle, sono disponibili per ATM S.p.A. sul sito internet dell’Azienda al seguente link: https://www.atm.it/it/IlGruppo/personale/Pagine/Adesionescioperi.aspx.

Sicurezza navi e porti: convocato Cism

danilo-toninelli-ministro-trasporti-
danilo-toninelli-ministro-trasporti-

Preso atto dell’acuirsi della crisi in territorio libico, il Ministro delle Infrastrutture e dei Trasporti, Danilo Toninelli, convocherà a breve il Cism (Comitato interministeriale per la sicurezza dei trasporti marittimi e dei porti) al fine di valutare il possibile innalzamento dei livelli di sicurezza delle navi mercantili di bandiera italiana e delle strutture portuali. E adottare possibili misure addizionali di protezione.

Il Cism, istituito nel 2002, ha tra i suoi compiti quello di studiare le casistiche degli scenari di sicurezza e proporre appunto iniziative in materia di livelli di sicurezza e di efficienza per le attività di competenza. Inoltre può attivare azioni in sinergia con i corrispondenti Comitati per la sicurezza, ove istituiti presso le altre Nazioni ovvero con le analoghe Autorità degli altri Stati, al fine di concordare e adottare possibili, comuni misure di protezione a tutela dei rispettivi settori di competenza.