Teatro Manzoni: Platone la caverna dell’informazione

ph-angelo-redaelli
ph-angelo-redaelli

Dopo il grande successo della passata stagione, anche quest’anno torna “Platone – la caverna dell’informazione”, con Leonardo Manera, comico dall’esperienza pluriennale, e Alessandro Milan, giornalista in onda tutte le mattine su Radio24, affiancati in questo caso da Oscar Giannino, e come sempre da una nutritissima schiera di comici, opinionisti e musicisti.

Notizie vere e approfondimenti comici, video grotteschi, ospiti veri e ospiti verosimili, ma a volte più credibili di quelli veri, il tutto giocato sul filo dell’ironia. “Platone” si occupa di volta in volta dei temi principali della settimana, dando però spazio al divertimento che l’attualità rivisitata può suscitare. Novità della stagione, poi, è il

“Corso di integrazione per extracomunitari” e, di volta in volta, il lancio di alcune paradossali leggi di iniziativa popolare.
Il 18 febbraio è il quarto di cinque appuntamenti da vivere insieme per sorridere del mondo che ci circonda.

Per chi suona la banana

 

Il suicidio dell’Unione Brancaleone e l’eterno ritorno di Al Tappone

Autore: Marco Travaglio

Edizione: Garzanti, 2011

 21 novembre 2011, di Zini Elisa – E’ diventato un best seller il libro di Marco Travaglio “Per chi suona la banana” (prima edizione dicembre 2008). Un memorandum da conservare con cura: un insieme di eventi raccontati con ironia e accuratezza da uno dei più onesti giornalisti italiani. Marco Travaglio riesce a far riflettere regalando ai suoi lettori sdegno e buon umore in un miscuglio tutto da assaporare.

Raffinato e acuto giornalista Travaglio ricostruisce un pezzo di storia italiana semplicemente raccontando con lealtà disarmante gli intrighi “di corte” a partire dal marzo 2007 quando governava ancora, barcollando, Romano Prodi. Questo libro è una raccolta di articoli che raccontano le peripezie dell’ultimo governo di centro sinistra, capeggiato da Prodi, fino alla nuova presa di potere da parte di Berlusconi. Un percorso, un tuffo nella memoria, per non dimenticare, per non ripetere gli stessi errori: uno sguardo non solo politico ma esistenziale, culturale, in un Italia sempre più arrendevole, scoraggiata, incapace di reagire. Una voglia di regalare agli italiani una sorta di antidoto, capace di risvegliare quelle doti che hanno reso grande il nostro Paese: qualità che ora sembrano celate, incapaci di tornare con forza a farsi sentire e ascoltare.

Marco Travaglio si contraddistingue da sempre per la sua libertà, per la minuziosa e voluta ricerca dei fatti, per l’indipendenza dai poteri e dai partiti, e per la sua intransigente ed estenuante ricerca di verità e giustizia. Nel precedente libro «La scomparsa dei fatti» Marco scrive: «Se in America il giornalismo è il cane da guardia del potere, in Italia è il cane da compagnia. O da riporto». Questo è lo spirito che accompagna Marco nel suo lavoro minuzioso, di ricostruzione della verità e della corretta informazione. Il libro di Marco Travaglio rappresenta un prezioso archivio storico-letterario per non dimenticare una parte del nostro cammino, una parte della nostra storia politica, economica, sociale, una parte di noi.

La penna di Marco dà voce, mettendo nero su bianco, a tutte quelle verità nascoste che i telegiornali spesso non denunciano, che i lettori non sempre trovano ma che rese note permettono riflessioni, critiche, considerazioni, suscitano stupore, consensi o dissensi, tutto quello che è di fondamentale importanza per una sana vita democratica, il tutto mischiato da una poderosa forza satirica sparsa qua e là come zucchero a velo su una torta.

La nostra etica

Dietro la Notizia è nata in internet a metà del 2005.

Un rettangolo bianco con qualche immagine e logo sparsi. Non aveva prestese, ma un’idea. quella di parlare di persone, di fatti, eventi, notizie belle, piacevoli. Un pò un rifiuto verso chi parla solo di notizie di cronaca nera, dei disastri, quel trovare per forza la notizia “bomba”.  E se in una città, dei bambini di sei anni suonano e cantano, costruiscono, pensano…un gruppo di persone che lavorano tutti i giorni a tempo pieno poi vanno la notte a fare i volontari in ambulanza.. , non meritano spazio e visibilità anche loro ? Se qualcuno ha un buon progetto, un’ idea, perchè non dare spazio..oppure intervistare un cantante sconosciuto che canta divinamente ? “Qui c’è spazio” è la mia risposta. Non un mondo “fatato”, ma anche questo. La vita è fatta di cose brutte ma anche di belle. Ognuno di noi ha anche il diritto e il dovere di sorridere

E’ passato qualche anno e siamo ancora qui, nel periodo pieno delle  crisi economiche, depressive, facendo ogni giorno il nostro, credendoci, mettendo entusiasmo e passione. Non siamo milionari ma c’è un progetto realizzato. Non più nella scatola rettengolare a 4 colori ma con un giornale on line che fortunatamente piace a molti, a noi in primis.

Comunicare è fonte di benessere, ogni individuo è prima di tutto una persona e come tale necessita di esprimere le proprie idee, sensazioni, emozioni.

Oltre Dietro la Notizia, l’esperienza di validi collaboratori ci ha consentito di seguire diversi lavori di ufficio stampa. Artisti, scrittori più o meno noti, cantanti, personaggi, attività e aziende.

Un flusso continuo di obiettivi, mete, traguardi che ci hanno motivato sempre di più, arricchendo anche l nostra opportunità lavorativa.

Grazie a chi fino ad ora è stato al nostro fianco.

Il Direttore,

Davide Falco