CEM distribuisce ai Comuni i risparmi per i servizi non svolti a causa dell’emergenza

Cem
Cem

Oltre 360mila euro di servizi non goduti a causa delle restrizioni normative in tema di Covid19, tornano ai Comuni sotto forma di rimborsi o di anticipi per nuovi servizi. È questa la decisione presa da CEM Ambiente rispetto ai soldi risparmiati per tutti quei servizi che, a causa del Coronavirus, non si sono potuti svolgere. Si tratta, ad esempio, del servizio di pulizia strade con i soffiatori, vietati dal DPCM per evitare di sollevare le polveri presenti sull’asfalto e accrescere il rischio di diffusione del virus, o come le pulizie post mercati; o ancora i servizi nelle piattaforme ecologiche chiuse per decisione di alcune Amministrazioni comunali.

Un bel pacchetto di servizi che non si sono potuti svolgere e che, tradotti in termini economici, riporteranno nelle tasche dei Comuni la possibilità di godere di nuovi servizi di igiene urbana di cui si ha necessità (la preferenza dei Comuni, dopo un primo sondaggio, va per il servizio di rimozione delle discariche a cielo aperto nei luoghi pubblici).

Ma entriamo nel merito di questi servizi non svolti e del perché si sono fermati?

PULIZIA CON SOFFIATORI

In prima battuta si tratta del servizio di pulizia a piedi con uso di soffiatori che dal 16 marzo, come da DPCM, non si sono più potuti usare a tutela della salute pubblica. Al fine di garantire, oltre alla pulizia, anche la sanificazione, nello stesso periodo CEM ha attivato un’attività costante e continua in tutto il periodo di emergenza Covid di sanificazione delle strade con prodotti ecologici e utili sia ad abbattere le polveri (ugelli delle spazzatrici) sia a pulire approfonditamente i punti  sensibili prima e tutta la città poi.

PULIZIA MERCATI

Altra attività sospesa è stata la pulizia dei mercati, a causa del mancato svolgimento dell’appuntamento settimanale in seguito a ordinanze regionali che ne hanno limitato l’attività per motivi di sicurezza.

CHIUSURA PIATTAFORME

Un ulteriore risparmio è venuto dalle piattaforme che i Comuni hanno deciso di chiudere o ridurre nel servizio di apertura al pubblico. Molta parte delle ore lavoro risparmiate, però, sono state recuperate alla riapertura, con il potenziamento del personale in servizio così da far fronte all’aumento delle richieste da parte dei cittadini.

A completare il quadro di grande attenzione che CEM ha dimostrato nei confronti dei Sindaci soci in questo momento di grande difficoltà, ricordiamo anche che CEM Ambiente ha destinato ai Comuni, con decisione dell’Assemblea dello scorso mese di giugno, 1 milione e mezzo di euro delle riserve patrimoniali a sostegno delle Amministrazioni sul tema emergenza sanitaria Covid-19.

A queste risorse, si aggiungono ora i 360mila euro per i servizi descritti.

Cavenago di Brianza: spazzamento igienizzante

Cem-Ambiente
Cem-Ambiente

“Sin dallo scorso 14 marzo abbiamo sistematicamente introdotto nel serbatoio dell’acqua di tutte le spazzatrici in servizio un prodotto detergente ed igienizzante, lo stesso usato per la pulizia delle piazze dei mercati.
La proprietà sanificante è data dalla componente monometiletere di glicole propilenico. Il prodotto, per descrizione del fornitore, “pur a basse concentrazioni dello 0,3-0,5% (3/5 lt per 1000 lt di acqua, comunque ben al di sotto della concentrazione del 10% dove ancora non riserva pericoli né per l’uomo né per l’ambiente), manifesta comunque un potere biocida consentendo di sanitizzare le superfici con cui viene a contatto”.

Cem Ambiente non ha mai usato, invece, l’ipoclorito di sodio, considerato che in tutti i pareri sinora pubblicati vi è esplicito riferimento ad un possibile inquinamento ambientale.

In merito alla questione dei soffiatori, invece, la società precisa:
Al fine di evitare la dispersione di aerosol, a partire da lunedì 16 marzo scorso è stato sospeso l’utilizzo di tutti i soffiatori.

Lo spazzamento meccanizzato prosegue, secondo il programma già definito con ogni Comune, con il lavaggio delle strade mediante dispersione di acqua e detergente dagli ugelli del sistema di abbattimento delle polveri dell’autospazzatrice.

In aggiunta è stato avviato, a rotazione tra i comuni, un servizio di pulizia con lancia (pure alimentata da acqua e detergente) in punti specifici del territorio concordati con ogni amministrazione comunale.

Cavenago Brianza: sconti sulle tariffe, in arrivo nei Comuni del bacino Cem

cem ambiente

Cavenago Brianza: sconti sulle tariffe, in arrivo nei Comuni del bacino Cem
Sconti in arrivo per i Comuni soci di Cem Ambiente. E’ appena stato approvato dalla società che gestisce il servizio di igiene urbana su un bacino di 51 Comuni, il Budget di previsione 2016, che sarà presentato ai sindaci nell’Assembrlea dei soci del 22 dicembre. Leggendo i numeri  è possibile notare subito come, per il quinto anno consecutivo, Cem Ambiente confermi le tariffe relative ai suoi servizi di smaltimento, attuando addirittura una riduzione dei costi sulle raccolte di umido, ingombranti e terre di spazzamento.
«Un risultato dovuto certamente a congiunture positive ma anche a scelte gestionali oculate e ad  attente politiche di spending review – precisa l’Amministratore unico Virginio Pedrazzi». Grazie a questo la società potrà, quindi, mantenere invariate le tariffe di smaltimento della frazione secca, i rifiuti solidi urbani e il verde, mentre potrà ridurre di 1euro (più Iva) a ton la tariffa della frazione umida e delle terre da spazzamento stradale; ridurrà, invece, di 2 euro (più Iva) la tariffa della frazione ingombranti.
« La visione strategica di Cem – prosegue Pedrazzi – è confermata anche per il prossimo anno. Fermi restando gli obiettivi che da sempre hanno contraddistinto e qualificato l’azione della società, ovvero la massima incentivazione della raccolta differenziata e lo sviluppo di formule innovative per la valorizzazione dei rifiuti, siamo riusciti ancora a conseguire logiche di servizio convenienti e a ridurre ulterormente quanto pagato dai Comuni soci».

Raffronto TARIFFE 2012 – 2016   –   euro / tonn (iva inclusa)
tipologia rifiuto Anno 2012 Anno 2013 Anno 2014 Anno 2015 Anno 2016
Secco da r.d. 139,59 134,2 125,4 119,90 119,90
Umido da r.d. 109,45 106,15 106,15 106,15 105,05
Ingombranti 144,93 141,9 141,9 139,70 137,50
RSU 198 198 198 198,00 198,00
Verde 35,2 35,2 35,2 35,20 35,20
Terre spazzamento 93,50  88 85,8 83,60 82,

Altro dal Budget 2016…
Ecuosacco – Da rilevare nel documento approvato da Cem, l’estensione del progetto Ecuosacco – oggi attivo su 10 Comuni – ad altri 9 Comuni, per un bacino complessivo di quasi 200.000 abitanti, pari a circa il 35% della popolazione servita. «I risultati conseguiti nella prima fase di sperimentazione sono stati incoraggianti – conferma Pedrazzi – e hanno determinato un deciso trend di riduzione della produzione di rifiuto secco, con conseguente incremento della percentuale di raccolta differenziata che prevediamo in aumento fino al 75% medio entro la fine del 2016 ». (oggi siamo al 71,5%, ndr)
Ingresso 8 nuovi Comuni – Altra informazione importante che si evince dal budget è l’allargamento del bacino Cem grazie a otto Comuni, new entry dal 2016. Si tratta di: Cernusco Sul Naviglio, Casalmaiocco, Carpiano, Cerro al Lambro, Colturano, Dresano, San Zenone al Lambro e Vizzolo Predabissi. Per un bacino territoriale di circa 60mila abitanti che si aggiungono agli attuali 465mila.