Dodi Battaglia: “One Sky”

020-dodi-battaglia-foto-domenico-fuggiano
020-dodi-battaglia-foto-domenico-fuggiano

Da oggi, venerdì 30 ottobre, è online il video di “ONE SKY”, il nuovo brano di DODI BATTAGLIA inciso insieme al leggendario chitarrista americano AL DI MEOLA, già in radio e disponibile sulle piattaforme digitali (https://backl.ink/143091120).

Il video, con le riprese di Mimmo Fuggiano (Dodi Battaglia) ed Ehud Lazin (Al Di Meola) e il montaggio di Federico Rettondini, è visibile al seguente link: https://youtu.be/4IST7m492qo.

«La gioia che accompagna l’uscita di questo brano realizzato con Al Di Meola, una vera icona del “chitarrismo” mondiale, mi fa vibrare per l’emozione e mi dà un grande stimolo per continuare nella realizzazione del mio nuovo disco in uscita per i primi mesi del 2021 – racconta Dodi Battaglia in merito a “One Sky” – Al ha colmato con il suo stile jazz-flamenco tutto il mondo chitarristico che io ho tracciato scrivendo questo brano con la chitarra elettrica».

Dall’uscita, il brano “One Sky” ha ricevuto commenti positivi da pubblico e critica, attirando l’attenzione anche all’estero e mostrando così ancora una volta come la musica possa veramente considerarsi un linguaggio universale.

“One Sky” è disponibile anche in una speciale edizione in vinile 45 giri sul sito www.azzurramusic.it. Sul lato B del vinile, si trova in anteprima la versione extended del brano.

Dodi Battaglia e Al Di Meola, due chitarristi che collaborano per la prima volta in un brano dal sound inaspettato e sorprendente, forte dell’unione dei loro diversi background musicali.
Il primo, storico chitarrista dei Pooh e conosciuto a livello internazionale tra i più vitali e produttivi musicisti italiani.

L’altro, jazzista di eccezionale talento, considerato uno dei più grandi interpreti della chitarra, che spazia da sempre dal jazz fusion alla world music.

Insieme, come una sorta di ponte naturale tra le loro diverse cifre stilistiche nell’ambito delle sei corde, hanno realizzato “One Sky”, a distanza di chilometri l’uno dall’altro, ma uniti dallo stesso amore per la musica e per il potere liberatorio che la stessa può esprimere.

Il risultato dell’unione delle loro chitarre è la perfetta rappresentazione dell’esperienza crossover, grazie all’interazione tra l’inconfondibile sound pop rock di Dodi Battaglia e il mondo del jazz con contaminazioni latine di Al Di Meola.

Armodia: “Le Golose” – musica barocca poesia del novecento

le golose
le golose

Sbarca oggi nei webstore il singolo di debutto degli ARMODIA, duo aostano che mescola sapientemente la musica classica, barocca, con testi cantautorali.
Da oggi si può ascoltare il loro singolo “LE GOLOSE”, brano delizioso ed estremamente curioso, il cui testo è tratto da una poesia di Guido Gozzano (1883-1916).

Si tratta dell’opera “LE GOLOSE”, scritta dal poeta torinese nel 1907, un brano che si discosta molto dal suo repertorio malinconico e crepuscolare per raccontare un episodio di quotidianità.

Un episodio buffo, la poesia parla semplicemente di donne che mangiano paste sedute in una pasticceria. Ma le signore e signorine esprimono la loro vera natura ognuna mangiando a suo modo.

“Io sono innamorato di tutte le signore / che mangiano le paste nelle confetterie”

LE GOLOSE fa parte del progetto del duo Armodia, nato nel 2010 dall’incontro dei due musicisti Aostani Luca Casella (voce e pianoforte) e Riccardo Sabbatini (chitarra).

Fondamentale per la nascita di questo progetto molto particolare è stato Francesco Caprini, fondatore di Rock Targato Italia, al quale è venuta l’idea di musicare dei testi poetici di autori vissuti a cavallo tra il 1800 e il 1900.

Emma Nolde: è online il video di “Berlino”

berlino-emma-nolde-santa-croce-
berlino-emma-nolde-santa-croce-

E’ online da ieri 13 ottobre,il video di “Berlino”, singolo di Emma Nolde tratto dall’album d’esordio “Toccaterra”.
Il video, girato in bianco e nero e diretto insieme da Aurora Cesari e Emma stessa, ha per protagonista principale Emma, che con alcuni ragazzi e ragazze, tutti vestiti di bianco, si muovono ritmicamente sulle note della canzone in una strada anonima di periferia. La coreografia è di Marta Maestrelli e Aurora Cesari.

Così lo racconta Emma, parlando del brano:
“Non ho mai visto Berlino e questa lunga strada non ha niente a che fare con la capitale tedesca.
La mia Berlino è piccola, isolata, nascosta, non sa presentarsi bene. È il luogo in cui vorremmo essere, ma rimaniamo qui, è l’illusione che parte proprio dal non poter scappare.
La mia Berlino inizia dalle stesse strade della mia provincia per diventare poi tutt’altro solo nella mia immaginazione. Un po’ come le storie che facevamo da piccoli in cui ci sentivamo un’altra cosa, in un altro posto, con un altro nome, pur rimanendo nella stessa casa. Sono le persone che fanno in modo che io continui a immaginarmi quegli scenari che in realtà non esistono mantenendomi nel sonno, sveglia.
Viaggio non ha niente a che fare con meta, ma etimologicamente con “ciò che è necessario per spostarsi” e le persone vicine sono necessarie per fare viaggi di qualsiasi tipo.Chi né prende aerei né bacia, deve muoversi in altri modi.”

“Toccaterra” è l’album d’esordio di Emma Nolde: otto canzoni scritte dalla giovane cantautrice toscana, insieme ai produttori Renato d’Amico e Andrea Pachetti, che parlano di temi intimi e personali, storie raccontate attraverso la musica “perché la musica” afferma Emma “è la miglior forma d’espressione che conosca”.

Emma suonerà live a Milano il 15 ottobre all’Arci Bellezza, il 16 ottobre a Lugano allo Studio Foce e il 30 ottobre a Pisa al Lumière.

Bruce Springsteen: “Ghosts”

LTY Sleeve Danny Clinch
LTY Sleeve Danny Clinch

Da giovedì 24 settembre, è disponibile in digitale “Ghosts”, il secondo brano di BRUCE SPRINGSTEEN estratto dall’attesissimo nuovo album in studio “LETTER TO YOU”, in uscita il 23 ottobre e realizzato insieme alla E Street Band.

Il nuovo brano è accompagnato anche dal videoclip ufficiale visibile al seguente link: https://brucespringsteen.lnk.to/GhostsPS
Diretto da Thom Zimmy, vede alternarsi filmati della E Street Band che lavora in studio a “Letter To You”, immagini di repertorio di vecchi concerti, e istantanee d’archivio dei primi anni di carriera di Springsteen, quando suonava in band locali come i The Castiles.

“Ghosts è un brano che fa emergere la bellezza e la gioia di essere in una band, e il dolore che scaturisce dalla perdita di qualcuno a causa di una malattia o del tempo”, spiega Springsteen. “Ghosts cerca di parlare direttamente allo spirito della musica, qualcosa che non appartiene a nessuno di noi ma che può solo essere scoperto per poi essere condiviso insieme. Questo spirito risiede nell’anima comune della E Street Band, alimentato dal cuore”.

Il brano segue la pubblicazione della title track “Letter To You” che dà il nome al ventesimo album in studio dell’artista, un disco rock, caratterizzato dall’inconfondibile sound della E Street Band, e registrato nella casa di Bruce Springsteen in New Jersey.
“Letter To You” conterrà 12 tracce: 9 brani scritti recentemente da Springsteen, e 3 leggendarie composizioni degli anni ’70 finora inedite: “Janey Needs a Shooter,” “If I Was the Priest,” e “Song for Orphans”.

“Letter To You” contiene 9 brani scritti recentemente da Springsteen, e 3 leggendarie composizioni degli anni ‘70 finora inedite: “Janey Needs a Shooter,” “If I Was the Priest,” e “Song for Orphans”.

“Letter To You” è la prima performance di Bruce Springsteen insieme alla E Street Band dal tour di “The River” del 2016, nominato tour mondiale dell’anno da Billboard e Pollstar.

Questa la tracklist di “Letter to You”:
1. One Minute You’re Here
2. Letter To You
3. Burnin’ Train
4. Janey Needs A Shooter
5. Last Man Standing
6. The Power Of Prayer
7. House Of A Thousand Guitars
8. Rainmaker
9. If I Was The Priest
10. Ghosts
11. Song For Orphans
12. I’ll See You In My Dreams

“In questa casa” – Carl Anthony Lorenz

CARL
CARL

È onlineil videoclip di“In questa casa, il nuovo singolo- attualmente in rotazione radiofonica e disponibile in digitale – di Carl Anthony Lorenz, pseudonimo del cantautore e polistrumentista vicentino Lorenzo Carlana.

Il cantautore vicentino racconta così la sua nuova canzone (scritta dallo stesso Carl, prodotta artisticamente da Alessandro Alosi- Il Pan del Diavolo, Alosi -e registrataDowntown studio di Pavia: “‘In questa casa’ parte dalla domanda ‘ma cos’è davvero casa?’ Una volta tornato da Tokyo questa domanda mi balenava in testa ed è stata questa l’origine di tutto. Una domanda però che è seguita subito da un’altra: ‘ma questa è ancora casa se lei non c’è?’. Il brano è stato ultimato con Alessandro Alosi alla produzione che ha aggiunto al brano una potenza tipicamente rock con riferimenti sonori ispirati a gruppi come Arctic Monkeys, Black Keys e Stereophonics.”

Carl Anthony Lorenz (voce e chitarra) è stato accompagnato daLuca di Blasi (chitarra solista), Andrea Merlo (basso), Filippo La Marca (tastiere e Synth) eEmanuele Alosi (batteria).