Programmazione Teatro Regio 20 – 26 settembre 2019

teatro-regio
teatro-regio

STAGIONE D’OPERA E DI BALLETTO • MARTEDÌ 24 SETTEMBRE INCONTRO DI PRESENTAZIONE DELL’INAUGURAZIONE DELLA NUOVA STAGIONE CON I PESCATORI DI PERLE
Martedì 24 settembre alle ore 10, presso il Foyer del Toro, si terrà l’incontro di presentazione dell’Inaugurazione della Stagione 2019-2020 del Teatro Regio. Partecipano Chiara Appendino,
Sebastian F. Schwarz, Fabrizio Paschina, Ryan McAdams, Julien Lubek, Cécile Roussat e i protagonisti dell’opera. L’ingresso è libero.
L’inaugurazione della nuova Stagione, con I pescatori di perle di Georges Bizet, si terrà giovedì 3 ottobre alle ore 20.

IL REGIO IN PIEMONTE • IL REGIO SEPTET IN CONCERTO A GIAVENO NELLA CHIESA DI BATÙ
Per Il Regio itinerante, rassegna di concerti proposti da Artisti del Teatro Regio Torino, sabato 21 settembre ore 21.15, per la 49ª edizione de “I Concerti della Chiesa dei Batù” di Giaveno, il gruppo Regio Septet esegue musiche di Ludwig van Beethoven e Gioachino Rossini (posti a € 10; info: Circolo Ricreativo Culturale Giavenese – Tel. 011.9365085 e 339.7318135).

LE VISITE – AL REGIO DIETRO LE QUINTE • VISITE GUIDATE ATTRAVERSO ITINERARI SEGRETI E CURIOSI DI UN GRANDE TEATRO D’OPERA
Le visite guidate al Teatro Regio, nel periodo in oggetto, sono previste alle ore 15.30 di venerdì 20, mercoledì 25 e giovedì 26 settembre; l’ingresso costa € 6 per gli adulti; durata: 90 minuti. Sabato 21 settembre sono previste 4 visite, alle ore 11, 11.45, 15 e 15.45; le visite del sabato durano 45 minuti e il prezzo di ingresso è di € 5. Ingresso gratuito per gli under 16 e per i possessori dell’Abbonamento Musei Torino e Piemonte. Le visite del sabato questa settimana non sono previste.

IL BOTTEGHINO DEL REGIO

Abbonarsi al Teatro Regio conviene sempre di più: a seconda dell’abbonamento scelto, si possono ottenere sconti fino al 24%, con picchi del 46% per l’abbonamento Giovani Under 30 e del 65% per l’abbonamento al Turno A Under 30. Quella di quest’anno è una delle Stagioni d’Opera e di Balletto tra le più ricche e articolate di sempre, con ben 17 titoli: dalla tradizione francese al grande repertorio italiano, daI melodramma giocoso alla musica sacra, dal balletto al musical. Scoprila sul nuovo sito del Teatro Regio: www.teatroregio.torino.it.

CAMPAGNA ABBONAMENTI STAGIONE 2019-2020 | 1 • ACQUISTA IL TUO ABBONAMENTO A 11 SPETTACOLI DELLA PROSSIMA STAGIONE
È in corso alla Biglietteria del Regio la vendita dei nuovi abbonamenti a 11 spettacoli (Turni A – B – C – D – F e Turno A Under 16).
Gli abbonamenti si possono acquistare anche sul sito web del Teatro Regio, da quest’anno senza più alcun costo aggiuntivo.

CAMPAGNA ABBONAMENTI STAGIONE 2019-2020 | 2 • ABBONAMENTI SPECIALI A 6. 4 e 3 SPETTACOLI
Alla Biglietteria del Regio sono in vendita gli abbonamenti Speciali a 4 spettacoli (Turni M – P – Q – R – S – Z) gli abbonamenti 6 Matinée a 6 spettacoli e gli abbonamenti Giovani (1 e 2) a 3 spettacoli, riservati agli Under 30.

STAGIONE D’OPERA E DI BALLETTO 2019-2020 • IN VENDITA I BIGLIETTI PER 6 TITOLI DELLA PROSSIMA STAGIONE
È in corso la vendita dei biglietti per tutte le recite de I pescatori di perle, Tosca e Roberto Bolle and Friends e per le seguenti recite: La bisbetica domata (8 novembre ore 14.30 e sabato 9 novembre ore 20), Carmen (13, 19 e 20 dicembre), Il matrimonio segreto (17, 22 e 24 gennaio). I biglietti possono essere acquistati presso la Biglietteria del Teatro Regio, on line su www.teatroregio.torino.it, presso Infopiemonte-Torinocultura (con eccezione delle recite di Roberto Bolle), i punti vendita convenzionati Vivaticket e on line su www.vivaticket.it.
La vendita presso il Teatro Regio (diretta, on line su www.teatroregio.torino.it e telefonicamente con carta di credito) non prevede alcun costo aggiuntivo.
I biglietti per tutte le recite de La bisbetica domata, Fuego, Carmen, Il matrimonio segreto, Violanta, Nabucco, La bohème, La dannazione di Faust, Passione secondo Matteo, Don Pasquale, Il mago di Oz, Simon Boccanegra, Il barbiere di Siviglia e My Fair Lady, saranno in vendita da sabato 5 ottobre.

STAGIONE D’OPERA E DI BALLETTO 2019-2020 • “IL MATRIMONIO SEGRETO” DI DOMENICO CIMAROSA SOSTITUISCE “IL FLAUTO MAGICO”
Cambiamento di programma nella Stagione d’Opera e di Balletto: diversamente da quanto annunciato, a gennaio andrà in scena IL MATRIMONIO SEGRETO di Domenico Cimarosa e non Il flauto magico di Wolfgang Amadeus Mozart. Pier Luigi Pizzi firma la regia, le scene e i costumi del capolavoro assoluto di Cimarosa, nel raffinato e contemporaneo allestimento che ha debuttato quest’estate al Festival della Valle d’Itria, ottenendo un ottimo riscontro di pubblico e critica. Le date delle recite sono invariate: 15, 17, 18, 22 e 24 gennaio 2020.
Nel caso non si voglia approfittare dell’occasione di assistere a Il matrimonio segreto, il Teatro Regio propone il rimborso per coloro i quali hanno acquistato il biglietto, rimborso che potrà avvenire esclusivamente alla Biglietteria del Teatro a partire da martedì 17 settembre e fino alla data dello spettacolo precedentemente acquistato. Tutti coloro i quali vorranno invece assistere al Matrimonio segreto, dovranno solo confermare la propria presenza alla Biglietteria ai numeri 011.8815.241/242 o alla mail biglietteria@teatroregio.torino.it. Non è invece previsto il rimborso per i possessori dell’Abbonamento ai turni M o R. Per ulteriori informazioni: www.teatroregio.torino.it.
LA BIGLIETTERIA DEL REGIO
Orario di apertura
da martedì a venerdì 10.30-18; sabato 10.30-16
Biglietteria – Tel. 011.8815.241/242. Info – Tel. 011.8815.557 – www.teatroregio.torino.it.

Lo Schiaccianoci- balletto classico per i più piccoli

Foto Lo Schiaccianoci
Foto Lo Schiaccianoci

Domenica 2 dicembre, alle ore 16.00, al Teatro Celebrazioni, andrà in scena il balletto Lo Schiaccianoci di Čajkovski, secondo appuntamento di BABY BOFE’, la rassegna di musica classica per bambini giunta alla sua dodicesima edizione.

È una nuova produzione che vede impegnati il Corpo di Ballo della Scuola Studio Danza Ensemble, l’Orchestra Senzaspine diretta da Matteo Parmeggiani e gli attori della Compagnia Fantateatro; Sandra Bertuzzi cura regia e adattamento teatrale della fiaba di E. T. A. Hoffmann Lo Schiaccianoci e il re dei topi cui si ispirano le musiche da balletto composte da Čajkovskij.

Le coreografie ideate da Marika Mazzetti per il Valzer dei fiori, la Danza della Fata Confetto e la serie di danze caratteristiche (russa, araba, cinese, spagnola, francese) portano in palcoscenico l’atmosfera magica e fiabesca della musica di Čajkovskij, le sue sonorità vellutate come il suo dinamismo ritmico.

La vicenda è quella del sogno fatto dalla piccola Clara che si addormenta vicino all’albero di Natale: lo schiaccianoci a forma di soldatino ricevuto in regalo dallo zio si trasforma in un bellissimo principe; nella foresta incantata i fiocchi di neve danzano un valzer; nel Regno dei dolci incontra la Fata Confetto e le sue bambole si muovono a tempo di valzer.

«La proposta del balletto classico – spiega Maddalena da Lisca direttore generale di Bologna Festival e direttore artistico di Baby BoFe’ – è una novità sulla quale riscontriamo una sorprendente risposta del pubblico. Si tratta di uno sforzo produttivo di grande impegno: tra orchestra, compagnia di ballo e compagnia teatrale, gli artisti coinvolti saranno quasi un centinaio!».

Lo spettacolo è realizzato in collaborazione con il Teatro Celebrazioni e con il sostegno di Alfasigma.

Teatro Superga : “Cenerentola” de Il Balletto di Mosca “La Classique”

CENERENTOLA
CENERENTOLA

Il Balletto di Mosca “La Classique” torna per il terzo anno consecutivo al Teatro Superga il 13 gennaio con un titolo onirico del repertorio ballettistico d’eccellenza. “Cenerentola” fu composta da Sergej Prokof’ev durante la Seconda Guerra Mondiale e ha debuttato nel ’45 al Teatro Bolshoi di Mosca con le coreografie di Rostislav Zacharov.

La versione del Balletto di Mosca “La Classique”, dal nome stesso della compagnia, predilige una ricostruzione fedele al balletto originale, con lo scopo di tramandare la tradizione russa, come desiderio del direttore artistico della compagnia Elik Melikov.

Il Balletto di Mosca “La Classique” da oltre 28 anni gira in tournée in tutta Europa, riscuotendo grande successo, ed è riconosciuta dal Moskoncert, il dipartimento della Cultura della Città di Mosca.
Ispirato alla fiaba di Charles Perrault, il balletto racconta di Cenerentola, ragazza dolce e remissiva, costretta – dopo le seconde nozze del padre – a vivere al servizio della matrigna e delle due sorellastre.

Un giorno una fata travestita da vecchietta si presenta alla loro porta, ma le sorellastre e la matrigna non le riservano alcuna attenzione, impegnate a prepararsi per un sontuoso ballo al castello del Principe. Solo Cenerentola si preoccupa di aiutarla e come ricompensa la fata trasforma gli stracci con cui Cenerentola era vestita in un abito meraviglioso, i topolini in cavalli, una zucca in lussuosa carrozza: la ragazza fino a mezzanotte potrà divertirsi al ballo.

La Danza delle Stagioni, il brano eseguito durante l’incantesimo, e la scena del Ballo sono momenti di grande suggestione e virtuosismo: al castello infatti Cenerentola, misteriosa e bellissima, conquista tutti. Il principe Cinese, quello Spagnolo, quello delle Terre del Nord se la contendono, ballando con lei e porgendole dei doni. Ma Cenerentola ha occhi solo per il suo Principe, anch’egli innamorato: li divide lo scoccare della mezzanotte e per ritrovare la sua amata il giovane sarà costretto a provare la scarpetta di cristallo a tutte le ragazze del Regno.
I solisti del Balletto di Mosca “La Classique”, giovani talenti dalle migliori accademie di Mosca e San Pietroburgo, ricalcano esattamente i passi e i virtuosismi del coreografo. I costumi e le scenografie di Evgeny Gurenko sono arricchiti da ornamenti e decorazioni maestosi.

Biglietti: platea 27 € – platea ridotto 24,5 € | galleria 21 € – galleria ridotto 19 €
Informazioni e prevendite biglietti: Teatro Superga, Via Superga 44 – Nichelino (To)
Biglietteria: dal lunedì al venerdì dalle ore 15 alle ore 19 e sabato 13 gennaio dalle ore 18
Prenotazioni: biglietteria@teatrosuperga.it | 011.6279789
Acquisto online su www.teatrosuperga.it e prevendite abituali del Circuito Ticketone

Il balletto dedicato a Virginia Woolf -Woolf Works

Continua su oltre 1500 schermi cinematografici di tutto il mondo la stagione 2016-2017 del cartellone della Royal Opera House di Londra al cinema, con la proiezione degli spettacoli dal prestigioso palcoscenico di Covent Garden.

WOOLFWORKS_POSTER_web
WOOLFWORKS_POSTER_

 Il settimo appuntamento, previsto per mercoledì 8 febbraio in diretta via satellite alle ore 20.15 (elenco sale a breve su www.nexodigital.it), è con Woolf Works, il trittico ballettistico acclamato dalla critica e vincitore del Sir Lawrence Olivier Award.

 Il pioneristico stile letterario di Virginia Woolf fornisce a Wayne McGregor l’ispirazione per il brillante trittico da lui coreografato, considerato dal The Guardian “esilarante ed espressivo in modo estasiante”.

McGregor è da tempo un innovatore del balletto ed è riuscito a stupire il pubblico e la critica con la sua produzione stupefacente in cui combina i temi di tre dei romanzi più importanti della Woolf – Mrs Dalloway, Orlando e Le Onde – con estratti della vita della scrittrice: lettere, saggi e diari.

 Alcune qualità e aspetti pregnanti dell’esistenza di quest’icona della letteratura emergono in modo straordinario e vengono evidenziati dalla colonna sonora di Max Richter. Il noto compositore britannico, infatti, crea per il balletto una partitura ad hoc che incorpora elettronica e musica dal vivo. L’orchestra della Royal Opera House è diretta da Koen Kessels.

 Wayne si confronta con collaboratori provenienti da tutto il mondo artistico e sceglie, per interpretare il ruolo di Virginia Woolf, la ballerina Alessandra Ferri, che torna trionfalmente a danzare col The Royal Ballet.

Assieme a lei danzeranno eccellenti professionisti tra cui Sarah Lamb, Natalia Osipova, Akane Takada, Francesca Hayward, Federico Bonelli, Steven McRae e Edward Watson.

Teatro Duse di Bologna: “In Chopin”

In Chopin
In Chopin

Al Duse una creazione per i sei danzatori del Balletto Teatro di Torino. La coreografia di Marco De Alteriis contrappone alle note di Chopin una tecnica contemporanea graffiante, dove i danzatori lasciano esprimere il loro sentire attraverso l’ampiezza e la fisicità del movimento

Dopo le emozioni del primo appuntamento con protagonista un mito vivente come Carla Fracci, al Teatro Duse di Bologna la stagione della Danza continua con In Chopin, una creazione per i sei danzatori del Balletto Teatro di Torino diretto da Loredana Furno giovedì 1 dicembre alle 21.

Lo spettacolo – il primo del cartellone dedicato dal Teatro al contemporaneo – ha debuttato in Sardegna al Festival La Notte dei Poeti di Nora e arriva a Bologna dopo i consensi raccolti in numerose città in Italia.

Nella creazione, pensata per i danzatori del Balletto Teatro di Torino, il coreografo Marco De Alteriis contrappone alle note dolci o suadenti, brillanti o melanconiche, ma sempre classiche del compositore polacco, una tecnica contemporanea graffiante, dove i danzatori lasciano esprimere il loro sentire attraverso l¹ampiezza e la fisicità del movimento, facendosi trasportare in una dimensione immaginaria.

In un gioco di contrasti si passa dall’eleganza classica al linguaggio moderno e originale che caratterizza i vari quadri, tra duetti e pas de trois, con tutte le contraddizioni, i ripensamenti, i dubbi, la tenerezza e l’ardore, l’indifferenza e il sospetto, e perfino il desiderio di solitudine che affiorano durante una relazione d’amore.

L’idea di contrapporre un musicista classico a passi di danza di estrema contemporaneità non è certamente nuova. Nel caso di Chopin, il coreografo prende lo spunto da una frase rilasciata in un’intervista dal grande pianista e direttore d’orchestra Daniel Barenboim: “La mano che occorre per Chopin è completamente diversa dalla mano che occorre per Liszt. La mano per Beethoven e Brahms è piuttosto piccola, per Chopin occorrono dita lunghe e un’ampia apertura.”.

Nel comporre la coreografia De Alteriis dunque, ha volutamente dimenticato il vocabolario della danza classica e ha contrapposto alle note di Chopin la tecnica contemporanea sostituendo, ai piedi arcuati ed impostati un¹altra estetica dove i corpi dei danzatori con le loro dinamiche diventano il principale mezzo espressivo.

Le incursioni musicali firmate da Concetta Cucchiarelli aggiungono atmosfere sonore che di volta in volta leggono o interpretano l’azione coreografica.

BALLETTO TEATRO DI TORINO
IN CHOPIN
MUSICHE Frederic Chopin
COREOGRAFIA Marco De Alteriis
COSTUMI Maria Teresa Grilli
LUCI Davide Rigodanza
INCURSIONI MUSICALI Concetta Cucchiarelli

DANZATORI del Balletto Teatro di Torino
Marco De Alteriis, Axier Iriarte, Agustin Martinez Leiza, Wilma Puentes Linares,

Julia Rauch, Viola Scaglione

BIGLIETTI
Platea intero € 29 ridotto € 26 mini € 24,5
Prima galleria intero € 24 ridotto € 21,5 mini € 20,5
Seconda galleria intero € 19 ridotto € 17 mini € 16

Incluso negli abbonamenti
DUSEdanza – DUSEgiovani

Informazioni e prenotazioni
Ufficio di biglietteria
Via Cartoleria, 42 Bologna
051 231836 – biglietteria@teatrodusebologna.it

dal lunedì al sabato dalle 15 alle 19
e da un’ora prima dell’inizio degli spettacoli
teatrodusebologna.it