Symo, nuovo singolo: “Non so se ci sarai”

Symo_1_WEB
Symo_1_WEB

Da ieri martedì 28 aprile, è in radio e disponibile sulle piattaforme digitali “NON SO SE CI SARAI” (distribuzione Artist First), il nuovo singolo della cantautrice SYMO.

È possibile scaricare o ascoltare il brano in streaming al seguente link: https://symo.lnk.to/NSSCS.

Scritto e composto dalla stessa Symo, con beat a cura di SS6 produzioni, il brano è una ballad R&B, genere che da sempre rappresenta la principale fonte di ispirazione per l’artista, che racconta le paure e le insicurezze che si provano quando, anche davanti a un sentimento molto forte, si comprende che il “per sempre” non è destinato a quel momento.

“Non so se ci sarai” è la colonna sonora di una storia che ha come palcoscenico Roma, la città di Symo. Una dichiarazione d’amore anche nei confronti della Capitale, cantata dall’artista facendo sentire il proprio accento e un omaggio ancor più esplicito con l’inserimento nel testo di una citazione tratta dal grande classico “Roma nun fa’ la stupida stasera”.

«Ho scritto questa canzone due anni fa. Ero innamorata, ma dentro di me sapevo che prima o poi dovevo fare i conti con la parola fine – spiega Symo – Difatti il testo è caratterizzato da ma, se e non, da ipotesi e negazioni. Quello che traspare in questo brano è l’autenticità e la verità di un’esperienza che ho vissuto sulla mia pelle».

Questo singolo, che apre un nuovo capitolo nella vita artistica di Symo, arriva dopo il successo dell’#Africachallenge, lanciata dalla cantautrice su TikTok, la piattaforma social del momento. Sulle note del suo brano “Africa”, Symo ha invitato la community a reinterpretare con vari video, il messaggio della canzone, un afrobeat che affronta il tema degli stereotipi con cui convivono le donne che hanno caratteristiche fisiche diverse donate dalle proprie origini, in questo caso in particolare origini africane.

La challenge è stata molto seguita: ha raggiunto più di 170mila visualizzazioni e ha dato vita a un vero e proprio melting pot virtuale tra giovanissimi di diverse etnie.