Il primo workout di Maddalena Corvaglia

maddalena-corvaglia-live-now-ph-prandoni
maddalena-corvaglia-live-now-ph-prandoni

OGGI ALLE ORE 19.00  IL SUO PRIMO WORKOUT INSIEME AL TRAINER  PAOLO ZOTTA 

TUTTE LE INFO SUI CANALI UFFICIALI DI LIVE NOW

(LIVENow (live-now.com/fitness)

Milano, 17 febbraio – Maddalena Corvaglia entra ufficialmente a far parte della famiglia di LIVENow come ambassador di LIVENow Fitness, la sezione dedicata al benessere fisico della nuova piattaforma online.

Oggi alle ore 19.00, in diretta streaming, Maddalena Corvaglia parteciperà alla sua prima lezione di fitness tenuta dal trainer e influencer Paolo Zotta, che si occupa della preparazione fisica di molti artisti, tra cui Mahmood e Tommaso Paradiso. La lezione di oggi è completamente gratuita e tutte le informazioni sono disponibili su LIVENow.

A partire da oggi, per 3 volte a settimana, direttamente da La Fabbrica del Vapore a Milano, la conduttrice televisiva e showgirl Maddalena Corvaglia si allenerà con i migliori trainer di LIVENow con un suo speciale percorso fitness kombat. Ogni lezione consisterà nella preparazione ad una disciplina sportiva diversa e verranno insegnate le propedeutiche fondamentali per gestire e potenziare le performance fisiche di un determinato sport.

Con la sezione fitness, LIVENow si pone l’obiettivo di diventare una piattaforma “enter-training”, offrendo corsi live realizzati ad hoc da personaggi di spicco del mondo del fitness e dando la possibilità di sperimentare lezioni dal vivo in modo interattivo. La piattaforma fornisce allenamenti di diversi livelli e discipline, tra cui HIIT, yoga, calisthenic, kombat, stretching, pilates e molto altro. LIVENow offre diversi tipi di abbonamento con possibilità di accesso giornaliero (2,90 €), mensile (9,99 €) ed annuale (79,99 € al mese).

***

LIVENow

LIVENow è una nuova rete di distribuzione di contenuti e una piattaforma che fornisce soluzioni pay-per-view flessibili per eventi live, quali sport, concerti, spettacoli teatrali, talks, educational e lifestyle. LIVENow offre ai fan i migliori contenuti LIVE attraverso la propria piattaforma e una rete di distribuzione in crescita di editori digitali, canali di social media e società telefoniche. LIVENow fornisce un facile accesso agli eventi a cui vogliono partecipare gli utenti, sui device a loro disposizione. Lanciato nell’agosto 2020 da Aser Ventures, LIVENow si impegna ad aiutare le persone a vivere l’esperienza e l’emozione degli eventi dal vivo in un modo nuovo ed entusiasmante. La piattaforma si propone inoltre come soluzione di marketing per i brand che vogliono ingaggiare nuovi clienti e/o associare il proprio marchio a contenuti di intrattenimento. LIVENow si è distinta per aver portato in dimensione streaming artisti di fama internazionale del calibro di Dua Lipa, con il suo Studio 2054, e i Gorillaz, con Song Machine Live. Tutte le informazioni sul servizio sono disponibili sul sito di LIVENow.

Nitro: “GarbAge Evilution”

Nitro _GRBG_ Evilution
Nitro _GRBG_ Evilution

Mancano meno di 24 ore all’uscita dell’attesissimo “GarbAge Evilution” (Arista/Sony Music Italy), l’evoluzione di “GarbAge”, ultimo album di NITRO, prodotto da MACHETE – crew di cui Nitro è membro -, con la direzione artistica di Stefano “STABBER” Tartaglini e Ignazio “SLAIT” Pisano. L’album sarà disponibile da mezzanotte su tutte le piattaforme streaming e digitali.

Nel nuovo progetto, alle tracce di “GarbAge” si aggiungono ben sei nuovi brani: la già edita “Ossigeno” feat Vegas Jones (prod. Stabber & Yves the Male), “Animalz” (prod. Strage), “Chica” (prod. Young Miles), “BARSMAGEDDON” (prod. Low Kidd) e due featuring, uno con la vincitrice di X FACTOR 2020, Casadilego, in “Mr & Mrs Smith” (prod. Stabber) e l’altro con Rosa Chemical in “OK BOOMER” (prod. B-dope & Young Miles).

Questa la tracklist completa di “GarbAge Evilution”:

DISC 1
01 Animalz
02 Chica
03 BARSMAGEDDON
04 Mr & Mrs Smith (feat Casadilego)
05 OK BOOMER (feat Rosa Chemical)
06 Ossigeno (feat Vegas Jones)

DISC 2
01 GarbAge
02 Cicatrici
03 OKAY?! (feat. Lazza)
04 No privacy / No caption needed (feat. Joan Thiele)
05 Saturno
06 Avvoltoi (feat. Fabri Fibra)
07 RAP SHIT (feat. tha Supreme, Gemitaiz)
08 Wormhole
09 MURDAMURDAMURDA (feat. Ocean Wisdom, Ward 21, Victor Kwality)
10 Come non detto (feat. Dani Faiv)
11 Gostoso (feat. Giaime)
12 Blood (feat. Doll Kill)
13 Rispetto
14 Libellule

Giovanni Antonini dirige Così fan tutte

Giovanni Antonini ph Brescia e Amisano 662217BADG
Giovanni Antonini ph Brescia e Amisano 662217BADG

Giovanni Antonini dirige Così fan tutte

Il 23 gennaio il capolavoro di Mozart torna in streaming dal Teatro alla Scala
nel classico allestimento di Michael Hampe con scene e costumi di Mauro Pagano e i protagonisti
Eleonora Buratto, Emily d’Angelo, Bogdan Volkov, Alessio Arduini, Federica Guida e Pietro Spagnoli

Sono in corso dal 28 dicembre al Teatro alla Scala le prove di Così fan tutte: il capolavoro mozartiano sarà visibile in streaming sabato 23 gennaio alle ore 19 con la direzione del Maestro Giovanni Antonini e un cast formato da Eleonora Buratto (Fiordiligi), Emily d’Angelo (Dorabella), Bogdan Volkov (Ferrando) Alessio Arduini (Guglielmo), Federica Guida (Despina) e Piero Spagnoli (Don Alfonso). Il classico allestimento scaligero di Michael Hampe con le eleganti scene napoletane di Mauro Pagano è ripreso da Lorenza Cantini.
In attesa di poter riprendere l’attività in presenza di pubblico, la Scala propone quindi un classico del suo repertorio agli spettatori della rete, forte dei buoni risultati ottenuti con i concerti in streaming delle ultime settimane. Il canale di diffusione dello streaming sarà comunicato prossimamente.

L’allestimento ha segnato nell’agosto 1982 il debutto di Michael Hampe, allora Direttore dell’Opera di Colonia, al Festival di Salisburgo con la direzione di Riccardo Muti; alla Scala è giunto per la prima volta nel 1983 ed è stato ripreso nel 1989 sempre con Riccardo Muti; infine è stato riproposto con Ottavio Dantone nel 2007 (il titolo è tornato con la regia di Claus Guth e la direzione di Daniel Barenboim nel 2014). Il successo della produzione fece di Hampe una presenza costante a Salisburgo: nel 1985 mise in scena la prima assoluta della riscrittura del monterverdiano Ritorno d’Ulisse in patria di Hans Werner Henze e nel 1987 Karajan lo volle per la sua nuova produzione di Don Giovanni con Samuel Ramey. Alla Scala la collaborazione tra Michael Hampe e Riccardo Muti è proseguita con Der fliegende Holländer nel 1988.
Lo spettacolo è l’occasione per ricordare il genio figurativo di Mauro Pagano che ha segnato con le sue scenografie una stagione del Teatro alla Scala. Allievo di Ezio Frigerio, Pagano ha firmato l’Egitto monumentale di Aida per Luca Ronconi il 7 dicembre 1985, il delicato bozzettismo della Sonnambula per Ermanno Olmi nell’86, e ancora per Ronconi le utopie architettoniche di Fetonte nel 1988, poco prima della prematura scomparsa.

Il cast schiera come Fiordiligi Eleonora Buratto, che dopo gli inizi guidati da Riccardo Muti si è imposta in un vasto repertorio nei maggiori teatri del mondo (alla Scala Adina in Don Pasquale con Luisi e lo scorso 7 dicembre l’aria “Morrò ma prima in grazia” dal Ballo in maschera nella serata “… a riveder le stelle”): i prossimi debutti saranno Desdemona al Liceu e Cio-Cio-San al Metropolitan. Dorabella è la giovane canadese Emily d’Angelo, vincitrice dell’Emerging Artist Award del Lincoln Center nel 2020 e già ricercata dai maggiori teatri; nel 2021 canterà in Nozze di Figaro e Idomeneo a Monaco e in Cendrillon al Metropolitan. Il tenore ucraino Bogdan Volkov, Ferrando, ha vinto il concorso Operalia nel 2016: tra gli impegni per il 2021 Onegin alla Staatsoper di Vienna. Alessio Arduini, nato a Desenzano, è tra i più affermati giovani baritoni di oggi: con Riccardo Muti è stato Ferrando a Napoli nel 2018 ma anche Figaro a Ravenna nel 2019; tra gli ultimi appuntamenti ricordiamo Don Giovanni al Costanzi nel 2019. Federica Guida non ha 15 anni come Despina ma neppure troppi di più: a 23 anni ha vinto il concorso di Portofino ed è già stata Königin der Nacht alla Staatsoper di Vienna. Tra i più affermati interpreti del repertorio mozartiano e rossiniano, Pietro Spagnoli è atteso nei prossimi mesi in Le comte Ory a Montecarlo, Don Pasquale a Zurigo e La fille du régiment a Liegi.

Sabato 23 gennaio 2021 ~ ore 19
In streaming dal Teatro alla Scala

Wolfgang Amadeus Mozart

Così fan tutte

Direttore Giovanni Antonini

Regia Michael Hampe
ripresa da Lorenza Cantini

Scene e costumi Mauro Pagano

Personaggi e interpreti

Fiordiligi Eleonora Buratto
Dorabella Emily d’Angelo
Despina Federica Guida
Guglielmo Alessio Arduini
Ferrando Bogdan Volkov
Don Alfonso Pietro Spagnoli

Orchestra e Coro del Teatro alla Scala

www.teatroallascala.org

IL CALENDARIO STREAMING DI GENNAIO

Venerdì 1 gennaio ore 11, sito web e pagine Facebook e YouTube del Teatro alla Scala
Concerti per i bambini: Eun Sun Kim, direttrice | Gioele Dix | Orchestra del Teatro alla Scala |
Saint-Saëns, Mozart

Lunedì 4 gennaio ore 20, sito web e pagine Facebook e YouTube del Teatro alla Scala
Recital di canto | Markus Werba, baritono | Michele Gamba, pianoforte | Schumann

Mercoledì 6 gennaio ore 11, sito web e pagine Facebook e YouTube del Teatro alla Scala
Concerti per i bambini: Eun Sun Kim, direttrice | La Pina | Orchestra del Teatro alla Scala |
Poulenc, Mozart

Sabato 9 gennaio ore 20, sito web e pagine Facebook e YouTube del Teatro alla Scala
Stagione Sinfonica: Lorenzo Viotti, direttore | Orchestra del Teatro alla Scala | Brahms, Dvořák

Venerdì 15 gennaio ore 20, sito web e pagine Facebook e YouTube del Teatro alla Scala
Stagione Sinfonica: Carlo Boccadoro, direttore | Orchestra del Teatro alla Scala |
Castiglioni, Glass, Maderna, Montalbetti, Boccadoro, Pärt, Reich

Sabato 23 gennaio ore 19
Stagione d’opera: Così fan tutte | Giovanni Antonini, direttore | Michael Hampe, regia |
Eleonora Buratto | Emily d’Angelo | Bogdan Volkov | Alessio Arduini | Federica Guida |
Pietro Spagnoli | Orchestra e Coro del Teatro alla Scala

Valentina Iannone: “Ad Alta Voce”

Valentina Iannone_ph Alfonso Maria Salsano
Valentina Iannone_ph Alfonso Maria Salsano

Mercoledì 16 dicembre esce sulle piattaforme streaming e in digital download “AD ALTA VOCE” (Digiphonic Records), l’EP di debutto della cantautrice campana VALENTINA IANNONE.

“Ad Alta Voce” nasce dalle esperienze vissute in prima persona dalla stessa cantautrice ed è ricco di contenuti sociali importanti come il rispetto per l’ambiente, la ricerca di una vita senza schemi e in piena libertà e la continua ricerca di quello che siamo. Immancabile anche l’amore, l’unico sentimento capace di combattere ogni avversità e che ci fa vivere le sfumature più belle dell’anima senza vincoli razionali.

Questa la tracklist di “Ad Alta Voce”: “Ad Alta Voce”, “Liberi”, “Fuori”, “E Non Finisce”.

INCONTRI POSSIBILI – quarto appuntamento

ANTONIO_LATELLA_PH_ANDREA_PIZZALIS
ANTONIO_LATELLA_PH_ANDREA_PIZZALIS

12 dicembre – Antonio Latella
Regista, autore, già direttore della Biennale di Venezia Teatro.
Quarto appuntamento di Incontri Possibili.

Corrado d’Elia, regista, attore e direttore di Teatri Possibili, insieme a Sergio Maifredi, regista e direttore artistico del Teatro Pubblico Ligure, avranno il piacere di dialogare in diretta online con Antonio Latella, regista e drammaturgo di fama europea, vincitore di numerosi premi Ubu.

Antonio Latella è figura di spicco del teatro contemporaneo. I Più grand teatri e festival internazionali, da Avignone a Vienna a Salisburgo, producono o si contendono i suoi spettacoli. E’ stato direttore della Biennale di Venezia Teatro.

Durante l’incontro ci si confronterà sulla situazione del teatro, in Italia e in Europa, esplorandone una visione di futuro.

“…in quanto esseri umani, abbiamo il desiderio e il bisogno di raccontare storie, e di ascoltarle. Per questo il teatro ha resistito a tutto, attraverso i millenni: le storie rendono la nostra vita più facile, ci aiutano ad avere meno paura. È un onore avere questo compito. Non so se il teatro del futuro sarà un teatro povero, ecologico, tecnologico, elettronico…

All’Italia auguro un teatro libero, che sappia e voglia parlare a tutti e che non si soffermi sulle distinzioni nominali tra on e off, tra ciò che è o non è “di ricerca”” – afferma Antonio Latella.