Milano Full Electric

presentazione full electric
presentazione full electric

L’energia derivante dal successo di Expo, che ha mostrato al mondo la concreta fattività meneghina, sì è trasformata in una progettualità di medio termine, verso il 2030, orizzonte temporale del nuovo Piano di Governo del Territorio ma anche del piano di ATM Full Electric, la cui attuazione sarà fondamentale per accompagnare Milano nella sua evoluzione.

Il suo esito più dirompente, oltre alla significativa diminuzione delle emissioni, sarà la ricaduta sul suolo urbano, inteso come spazio pubblico che, una volta infrastrutturato e liberato dal traffico veicolare privato, recupererà il suo ruolo centrale nella vita dei cittadini, continuando quel processo virtuoso di valorizzazione degli spazi aperti già intrapreso a Milano dai più recenti progetti di trasformazione.

“AIM – afferma il Presidente Carlo Berizzi – da sempre interessata allo sviluppo urbanistico sociale e economico della città di Milano, dopo aver approfondito con i suoi Report il tema della riapertura del naviglio e del teleriscaldamento come supporto alle strategie ecologiche per l’area metropolitana, continua la fotografia delle politiche ambientali di medio termine, con un numero interamente dedicato alla conversione elettrica di tutti i trasporti pubblici Milanesi. Una delle importanti ricadute sarà la possibilità di rafforzare il sistema delle piste ciclabili e delle aree pedonali
soprattutto negli ambiti più densi di attività collettive e nei nodi di interscambio di mobilità.”

I contributi presenti in questa pubblicazione approfondiscono il grande piano di ATM e mostrano come progetti di questa entità richiedano un avanzamento complessivo del sistema urbano che ricomprende lo sviluppo delle reti tecnologiche, di infrastrutture e di sistemi. Inoltre, gli studi che stanno portando al compimento del Full Electric 2030, consentono di promuovere l’innovazione e di sviluppare attraverso la ricerca un know-how che renderà Milano ancora più competitiva nel campo delle infrastrutture e dei trasporti, settori della produzione in cui la città è sempre stata un punto di riferimento internazionale.

“Siamo molto contenti che Report Milano sia dedicato all’ambizioso pianoFull Electric – dichiara il Presidente di ATM Luca Bianchi. – Il nostro obiettivo di rendere il trasporto pubblico milanese interamente elettrico entro il 2030 – con una riduzione di 75.000 tonnellate all’anno di CO2 – rappresenta una vera e propria rivoluzione per l’Azienda, ma anche per Milano. I traguardi da raggiungere sono due: cambiare la mobilità cittadina promuovendo l’uso dei mezzi pubblici e condivisi e dare un contributo sostanziale al miglioramento della qualità dell’ambiente urbano, tema che è al centro delle politiche dell’Amministrazione.”

Milano già oggi è nella top 10 delle migliori città a livello mondiale in tema di mobilità. A decretare il risultato è stato a giugno 2018 lo studio condotto da McKinsey dal titolo “Elements of success: Urban transportation systems of 24 global cities”. McKinsey analizza la mobilità secondo disponibilità, accessibilità, efficienza, convenienza e sostenibilità in differenti fasi e integra tale analisi con l’opinione dei residenti.

Uno dei fiori all’occhiello del sistema dei trasporti milanesi risulta essere la mobilità condivisa: grazie alla sua efficienza il 12% degli intervistati ha rinunciato all’auto privata e un altro 8% si dice intenzionato a farlo. Altro aspetto che ha portato Milano ai primi posti in classifica è l’attenzione alla sostenibilità, sia presente sia futura, grazie al Piano di mobilità sostenibile della città.

Report Milano Full Electric accoglie interventi di Oliviero Baccelli, Luca Bianchi Marco Granelli, Sylvain Haon, e Ferruccio Resta che affrontano il tema della mobilità urbana in una visione macro, che affronta l’avanzamento tecnologico, i temi ambientali e la qualità dell’abitare.