Intervento della Polizia locale a Bollate

polizia locale
polizia locale

Un uomo originario del Bangladesh è stato accompagnato in Questura dalla Polizia locale di Bollate. É successo lo scorso 8 marzo 2018, con lo scopo di verificare la legittima permanenza della persona sul territorio dello Stato.

L’uomo è stato sorpreso all’ingresso del Cimitero in via Repubblica mentre esercitava il commercio abusivo di fiori. Alla richiesta di documenti da parte dei vigili ha mostrato solo una fotocopia del passaporto, senza nessun documento di identità originale.

Inoltre l’uomo ha dichiarato di non essere in possesso del permesso di soggiorno.
Avvisato il Sostituto Procuratore di turno, i vigili hanno accompagnato il fermato in Questura per le procedure di identificazione che hanno evidenziato come fosse già stato espulso in precedenza, ma senza aver ottemperato al procedimento.

È seguita la denuncia per quel reato e il fermo in Questura per quanto di competenza.
Il plauso alla Polizia locale viene dall’Assessore alla Sicurezza Marco Marchesini che dice: “Ringrazio gli agenti di Polizia locale per il lavoro svolto e per il tempo dedicato, vista l’attività molto impegnativa in termini di tempo peri vari passaggi procedurali che richiede. Proseguiremo su queste e altre iniziative finalizzate a garantire la maggior sicurezza possibile ai nostri cittadini”.