Bollate: Biotestamento

dat-biotestamento
dat-biotestamento

Si chiama DAT ed è la Dichiarazione anticipata di trattamento, più comunemente nota come Biotestamento. In altre parole, grazie alla nuova legge entrata in vigore dal 31 gennaio 2018, ogni cittadino italiano può dichiarare le proprie volontà in tema di trattamenti sanitari, accertamenti diagnostici e scelte terapeutiche che lo riguardano. Ecco le regole.

Che cosa sono le DAT? La legge 22 dicembre 2017, n 219 (entrata in vigore il 31 gennaio 2018) ha previsto che ogni persona maggiorenne e capace di intendere e di volere, in previsione di un’eventuale futura incapacità di autodeterminarsi e dopo aver acquisito adeguate informazioni mediche sulle conseguenze delle sue scelte, può, attraverso le DAT, esprimere le proprie volontà in materia di trattamenti sanitari, nonché il consenso o il rifiuto rispetto ad accertamenti diagnostici o scelte terapeutiche e a singoli trattamenti sanitari. Ha inoltre, il diritto di modificarle o revocarle in qualsiasi momento.

Come possono essere redatte le DAT? Ci sono tre modalità diverse: in forma di atto pubblico, davanti a un notaio; in forma di scrittura privata autenticata dal notaio; in forma di scrittura privata non autenticata, consegnata personalmente presso le strutture sanitarie (solo nel caso in cui le Regioni abbiano adottato modalità telematiche di gestione della cartella clinica o fascicolo sanitario
elettronico); in forma di scrittura privata non autenticata, consegnata personalmente all’Ufficio di Stato Civile del Comune di residenza.

LE REGOLE A BOLLATE
Ecco come consegnare la DAT in Comune. Data la delicatezza del documento e del suo contenuto, l’ufficiale di Stato Civile non può redigere il modulo né dare informazioni in merito al contenuto; deve solo verificare i presupposti (identità e residenza) e ritirare il plico. Ecco la procedura da seguire:
1. Scrivere la propria Dichiarazione Anticipata di Trattamento (DAT), sottoscriverla e inserirla in una busta chiusa.
2. Inserire nella busta copia del proprio documento di identità.
3. Scrivere sulla busta la dicitura “Dichiarazione Anticipata di Trattamento” e i dati anagrafici del disponente (nome, cognome, data e luogo di nascita e residenza).
4. Fissare un appuntamento tramite lo Sportello Polifunzionale e presentarsi personalmente per la consegna della DAT, munito di documento d’identità valido.

QuiBollate,tutto dedicato alla raccolta differenziata dei rifiuti

raccolta-differenziata
raccolta-differenziata

Sarà in distribuzione questa settimana il numero speciale di QUIBOLLATE, giornale cartaceo dell’Amministrazione comunale stampato in 18mila copie. Questo numero è stato realizzato in collaborazione con gaia servizi ed è interamente dedicato alla raccolta differenziata dei rifiuti.

All’interno delle 24 pagine si troverà tutto il calendario con i passaggi della raccolta e tanti focus su ogni tipologia di rifiuto e su come differenziarlo. Inoltre, ben 4 pagine saranno dedicate al “Dove lo butto?”. Tutti i rifiuti che non si sa mai come raccogliere con la loro destinazione finale, per fare una corretta raccolta differenziata.

“Fare una buona raccolta differenziata – dice l’Amministrazione comunale – è importante perchè consente di recuperare i materiali, dando loro una seconda vita anche del tutto diversa dalla prima. Se questo sistema funziona, si fa del bene all’ambiente perchè si riducono le emissioni di gas a effetto serra e si effettua un impiego più efficiente delle materie prime e delle risorse intese come energia e acqua. Con benefici di tipo socio-economico e vantaggi socio-ambientali”.

Sembra difficile ma in realtà le regole da imparare non sono molte: la prima è che la raccolta differenziata, escluso l’umido, si fa per imballaggi, ovvero i contenitori dei prodotti e dei cibi che consumiamo. Se è un imballaggio, si differenzia!

Ma vediamo i numeri della differenziata a Bollate
Nel 2017 Gaia Servizi ha raccolto più di 14mila tonnellate di rifiuti totali di cui 4.500 tonnellate di INDIFFERENZIATI. Indicativamente, al fine del raggiungimento dell’ambizioso obiettivo dell’80% (oggi siamo al 70% circa), sarà necessario ridurre di 1.500 tonnellate annue la quantità di rifiuti indifferenziati.

MA COME SI FA A RIDURRE DI 1.500 Tonnellate? Poche e semplici consigli che i cittadini potranno leggere sul prossimo numero di QUIBOLLATE.
Un esempio? Non immettere nell’indifferenziato gli imballaggi e non mettere l’umido nell’indifferenziat. Sembra facile, ma non tutti lo sanno,
QUIBOLLATE numero speciale Raccolta differenziata, leggilo sul sito e aspettalo a casa.

Bollate: M’illumino di Meno

Bollate
Bollate

Quest’anno il Comune di Bollate aderisce alla XIV edizione dell’iniziativa M’illumino di Meno promossa da Radio2 e Caterpillar in occasione della Giornata del risparmio energetico e degli stili di vita sostenibili. Il tema è la bellezza del camminare e dell’andare a piedi, perché sotto i nostri piedi c’è la Terra e per salvarla bisogna cambiare passo.

Servono 555milioni di passi e anche Bollate vuole dare il suo contributo.
Partecipare, insieme al Comune, all’iniziativa è facile: basta presentarsi davanti alla Biblioteca, in piazza C.A. Dalla Chiesa alle ore 17,45 del 23 febbraio. Da lì incomincia il viaggio bollatese verso il Parco centrale e il calcolo dei passi che, insieme a tutti quelli raccolti in tutta Italia, renderanno possibile a tutti raggiungere simbolicamente la luna a piedi.

L’iniziativa è organizzata dal Settore Sostenibilità ambientale e Arredo urbano del Comune di Bollate con la collaborazione dei bibliotecari, dei Gruppi di cammino, dell’associazione Amici di Castellazzo, del gruppo podistico Avisino Bollate, dell’AVIS sez. di Bollate, Novate, Baranzate, del Gruppo Doppio passo di Ospiate,

Per un impegno in più:
Ecco il decalogo del Comune per risparmiare sui consumi di energia:
 Spegnere le luci quando non servono e non lasciare in stand by gli apparecchi elettronici.
 Sbrinare frequentemente il frigorifero; tenere la serpentina pulita e distanziata dal muro in modo che possa circolare l’aria.
 Mettere il coperchio sulle pentole quando si bolle l’acqua ed evitare sempre che la fiamma sia più ampia del fondo della pentola.
 Se si ha troppo caldo abbassare i termosifoni invece di aprire le finestre.
 Ridurre gli spifferi degli infissi riempiendoli di materiale che non lascia passare aria.
 Utilizzare le tende per creare intercapedini davanti ai vetri, gli infissi, le porte esterne.
 Non lasciare tende chiuse davanti ai termosifoni.
 Inserire apposite pellicole isolanti e riflettenti tra i muri esterni e i termosifoni.
 Utilizzare meno l’automobile e, se possibile, condividerla con chi fa lo stesso tragitto.
 Utilizzare la bicicletta per gli spostamenti in città.

Bollate: nello Sportello Europa Giovani, due corsi di formazione

corso-visual-merchandising-top
corso-visual-merchandising-top

Un corso di Visual Merchandising e un ciclo di incontri dedicati al mondo del Personal Organizer. Sono i primi due percorsi formativi che verranno realizzati dallo Sportello Europa Giovani in collaborazione con il Consorzio Bibliotecario Nord-Ovest. La presentazione, venerdì 13 marzo alle ore 20,45. Cinque posti gratuiti saranno riservati ai disabili.

Il progetto è promosso dallo Sportello Europa Giovani – Assessorato alle Politiche del Lavoro, in collaborazione con il Consorzio Bibliotecario Nord-Ovest e l’assessorato alla Cultura e Tempo Libero.

“Abbiamo accolto con piacere la proposta di Csbno di realizzare alcuni corsi nel nostro Spazio Unico – Sportello Europa Giovani – afferma l’assessore alle Politiche del Lavoro. Questi corsi daranno anche la possibilità ad alcuni disoccupati di poter ampliare la propria professionalità per rientrare nel mondo del lavoro con nuove competenze”.

I corsi, infatti, prevedono una quota di iscritti riservata a disoccupati del territorio, che potranno partecipare ai percorsi formativi in maniera del tutto gratuita, previa dimostrazione della propria condizione.

Con l’obiettivo di sostenere occasioni e opportunità di formazione e di aggiornamento permanente, l’Amministrazione comunale di Bollate, amplia, così, la sua collaborazione con l’area Formazione del CSBNO, settore che propone già da anni un programma di percorsi formativi di ampio spettro destinati alla cittadinanza.

Il corso di Visual Merchandising e il percorso di Personal Organizer saranno presentati al pubblico nel mese di marzo in momento rivolto a chiunque (operatori commerciali, operatori di PMI, cittadini) voglia accrescere e apprendere le competenze sugli aspetti innovativi e qualificativi legati alle attività di merchandising (Visual Merchandising) e per tutti coloro che desiderino apprendere le tecniche legate alla nuova figura professionale del Personal Organizer.

Per saperne di più:
Sportello Europa Giovani Bollate
europa@comune.bollate.mi.it
Tel.: 02 35005576 (tutti i giorni in orari di ufficio)
Piazza A. Moro 1
20021 Bollate (MI)
Sito : https://europagiovani.wordpress.com –
Fb : @europagiovanibollate
Instagram : @europagiovanibollate.

Apertura al pubblico : martedì dalle ore 9.30 alle ore 12.00 e dalle ore 15.00 alle ore 17.30.

Bollate: 8 marzo contest tutto al femminile

Bollate-Stemma
Bollate-Stemma

Sei una donna bollatese e sei disposta a raccontarci la tua storia attraverso la fotografia? Il Comune di Bollate, Assessorato alle Pari Opportunità, cerca donne disponibili a raccontarsi davanti all’obiettivo del fotografo bollatese Jordan Cozzi, in occasione delle celebrazioni per la Festa della Donna dell’8 marzo 2018.

“Con questo contest vogliamo dare voce alle storie delle donne bollatesi attraverso l’immagine evocativa della fotografia del pluripremiato artista bollatese Jordan Cozzi.” – dichiara l’Assessore alle Politiche Giovanili, Progetto Europa, Pari Opportunità e Lavoro. Invitiamo, quindi, tutte le donne a partecipare al contest che darà vita ad una mostra e ad un “percorso” che verrà inaugurato il 10 marzo prossimo”.

Le categorie in cui candidarsi sono :
nonna/nipote
sorelle
madre/figlia
donna/donna
ragazza sportiva o donna single

Per candidarsi al contest basta inviare un’email all’indirizzo: europa@comune.bollate.mi.it, con tutti i propri dati anagrafici, numero di telefono, categoria per la quale ci si candida e due righe sulla propria storia “da raccontare”.
Scadenza per la presentazione della propria candidatura: 22 febbraio 2018.