Il Festival di Villa Arconati parte dal Centro di Bollate

Arconati
Arconati

La trentesima edizione del Festival di Villa Arconati, nel suo ripensare il proprio percorso, inizia eccezionalmente dalla piazza di Bollate, cittadina che, ospitando territorialmente la Villa, nel 1989 ne fece la sede del Festival.

Una grande anteprima gratuita, che ricorderà il grande paroliere e compositore Mario Panzeri, vissuto a Bollate per quasi 30 anni, attraverso alcune delle sue canzoni più popolari e amate, come: “Grazie dei fiori” (vincitrice del primo Festival di Sanremo), “Maramao perché sei morto?”, “Pippo non lo sa”, “Papaveri e papere”, “Casetta in Canadà”, “Lettera a Pinocchio”, “Nessuno mi può giudicare”, “Fin che la barca va” e molte altre.

Intorno a questi brani, non mancarono, per quei tempi storici, tensioni, sospetti e diffide. Mentre nel 1939 la canzone “Maramao perché sei morto?” diventava un grande successo, Panzeri fu convocato nell’ufficio della Censura perché la canzone in questione era considerata una delle cosiddette canzoni di fronda, ossia canzoni in cui, in maniera non esplicita e con varie allusioni, si attaccavano alcune delle figure di primo piano del regime.
Stessa sorte anche in seguito, per “Pippo non lo sa” e poi, di nuovo, per “Il tamburo della Banda d’Affori”.

Anche “Papaveri e papere”, insieme a un altro grande successo del paroliere, “Casetta in Canadà”, portarono Panzeri a essere guardato con sospetto, questa volta dai simpatizzanti del socialismo reale che riscontravano, nelle due canzoni, varie e ironiche allusioni alla situazione politica.

Mario Panzeri non rallentò per questo la sua produzione, anzi ebbe ancora successo nell’ambito perfino dello “Zecchino d’Oro”, con “Lettera a Pinocchio” che si staccò ben presto dal mondo dell’infanzia, cui inizialmente era rivolta, per diventare un trionfo popolare e internazionale grazie a Johnny Dorelli e a Bing Crosby.

Il concerto tributo sarà eseguito dalla MONDAY ORCHESTRA, diretta da Luca Missiti.
Ospite solista: Paolo Tomelleri.

Una produzione originale di Bollate Jazz Meeting per la 30° edizione del Festival di Villa Arconati.
Da un’idea di Paolo Nizzola e Giordano Minora.

DOMENICA 01 LUGLIO – Ore 21 – Bollate, Piazza C. A. Dalla Chiesa – “Cantun Sciatin”

INGRESSO LIBERO

Bollate: nuovo asilo nido nel Centro polivalente.

Comune Bollate
Comune Bollate

Il Centro polivalente di via Ospitaletto 3/5 (primo piano) sarà dato in affitto per la realizzazione di un asilo nido privato. L’avviso per manifestazione di intesse è stato pubblicato dal Comune e tutte le realtà interessate possono presentare la loro candidatura entro il 29 giugno 2018.

A spingere l’Amministrazione a intraprendere questa scelta, due motivi : da un lato il desiderio di soddisfare le lunghe liste d’attesa degli asili nido comunali; dall’altro, secondo la logica che vede l’Amministrazione sempre impegnata a utilizzare il proprio patrimonio, l’opportunità di usare una struttura che oggi è libera e disponibile.

A carico dei locatari, l’Amministrazione ha previsto la gestione di tutte le spese manutenzione ordinaria e straordinaria dell’immobile, così da renderlo adeguato al compito che deve svolgere.

Tra gli interventi previsti: la ristrutturazione dei servizi igienici, la sostituzione degli attuali serramenti/infissi, l’imbiancatura di tutto il piano primo (destinato all’affitto), del vano scala fino al secondo piano e dell’ingresso principale al piano terra, ulteriori controlli specialistici sulla pavimentazione in linoleum e, non ultimo, l’efficientamento energetico dell’edificio e l’adeguamento alle normative vigenti

Le dichiarazioni di interesse degli interessati dovranno arrivare in busta chiusa a: Comune di Bollate piazza A. Moro1, Ufficio Protocollo. Entro le ore 12,00 del giorno 29 GIUGNO 2018

Oggetto : MANIFESTAZIONE PRELIMINARE DI INTERESSE PER LA LOCAZIONE DI IMMOBILE DI PROPRIETA’ COMUNE DI BOLLATE “CENTRO POLIVALENTE” EX SCUOLA MEDIA – VIA OSPITALETTO 5“ ,

Gli interessati possono visionare la documentazione e le planimetrie, fissare eventuali sopralluoghi o avere ulteriori informazioni, telefonando al numero: 02 35005255 o scrivendo una mail a: demanio@comune.bollate.mi.it .
:23; C. 236 ore 20:00.

Bollate: Aggiornamenti viabilità

coda- macchine- viabilità Rho-Monza
coda- macchine- viabilità Rho-Monza

Il problema della viabilità “bloccata” di questi giorni – in particolare sul territorio di Cascina del Sole – è frutto dei lavori di
potenziamento della superstrada Rho/Monza – S.P. 46 – che, al termine dell’esecuzione del progetto previsto per i primi mesi
del 2020, diventerà autostrada A52/Tangenziale Nord.

Il progetto è stato approvato nel 2013 e i lavori, che sono molto complessi da gestire e da realizzare per via delle innumerevoli
interferenze, sono partiti nel 2016, con il tratto dalla fine Tangenziale Nord/Milano Meda/Paderno Dugnano.

Nelle scorse settimane le operazioni di scavo hanno raggiunto la zona di Cascina del Sole (si tratta del secondo lotto, da
Cascina del Sole al cavalcavia ferroviario di Novate). Questo ha comportato che sia gli ingressi in Rho/Monza nelle due
direzioni che via La Cava che collegava Cormano-Paderno-Bollate, sono stati chiusi in via definita per permettere
l’avanzamento dei lavori.

Purtroppo queste azioni non sono rinviabili in quanto connesse con i tratti che li precedono: fermarli, significherebbe fermare
l’opera. Di conseguenza, l’unica strada di collegamento tra i Comuni di Cormano e Bollate, è rimasta via Ospitaletto (lato
Bollate) e via Figini (lato Cormano). Alternative a questi percorsi, purtroppo, non esistono.

Le fasi di lavorazione sono pubblicate sul sito della società Serravalle (http://www.serravalle.it/…/comun…/comunicati-stampa.html), sul sito del comune di Bollate (http://www.quibollate.it/default.asp?idPage=230…), sulla pagina FB del comune
di Bollate (https://www.facebook.com/ComunediBollate/). Sono state pubblicate notizie anche sui giornali locali.

Cosa può fare, in un simile contesto, l’Amministrazione comunale? Poco o nulla, perché il potenziamento della
Rho-Monza è “opera strategica di interesse nazionale”. Il Sindaco non ha alcun potere di IMPEDIRE che queste opere si
compiano (anche perché, a regime, saranno utili a tutti e renderanno più scorrevole l’intera viabilità della zona).

Ma quello che potevamo fare, l’abbiamo fatto.
Cosa? Comunicazione preventiva, modifica dei tempi semaforici di via Pace, via Cesare Battisti e via Monte Grappa, con
allungamento delle fasi semaforiche rosso/verde per permettere al traffico di scorrere più rapidamente nelle ore “di punta”.

Abbiamo anche incontrato il Comune di Cormano per immaginare delle opzioni viabilistiche di “contenimento” e, l’unica
possibilità emersa, è la realizzazione del doppio senso di marcia di via Lombardia/via Zara di Cormano per immissione
/uscita dalla Statale dei Giovi.

La situazione migliorerà con l’apertura – entro fine anno – del peduncolo della rotatoria di via Madonna (tra Cascina del Sole e
Cassina Nuova) che porterà gli automobilisti in direzione Est verso Paderno per poi poter “svincolare” in qualsiasi direzione,
utilizzando il futuro nuovo svincolo all’altezza del Villaggio Ambrosiano.

Lunedì e martedì abbiamo modificato ulteriormente i tempi semaforici dell’impianto di via Ospitaletto/Monte Grappa/ Battisti
come segue:

1. Il verde semaforico via Ospitaletto è stato portato da 15 a 40 secondi
2. Il verde di Monte Grappa da 20 è stato ridotto a 12
3. Il rosso di via Ospitaletto/ via Cavallotti è stato allungato di diversi secondi

Contestualmente abbiamo fatto pressione sulla società Serravalle che, nella giornata di giovedì, ci ha confermato l’apertura
della svincolo Tangenziale Nord/ Milano-Meda direzione Rho il prossimo 20 giugno, in anticipo rispetto alla prevista data del 25
giugno. Tale operazione è stata possibile grazie allo spostamento di uomini e mezzi da una zona di lavorazione allo svincolo
indicato, riducendo i tempi del cantiere.

Comprendo e condivido le tante osservazioni ricevute e il disagio dei cittadini, ma è necessario “stringere i denti” per superare
questo momento di difficoltà estrema.

Bollate: Piano asfalti

Lavori Bollate
Lavori Bollate

Il progetto è il risultato di un grosso lavoro dell’Amministrazione comunale e in particolare del Sindaco Francesco Vassallo, del Vicesindaco Alberto Grassi con delega ai Lavori pubblici e dei dirigenti di Gaia servizi.

Grazie al loro impegno, Bollate si è dotata di tutti i macchinari e le attrezzature necessarie per asfaltare in autonomia, senza dover ricorrere ai privati.

In termini economici, sarà necessario un investimento iniziale importante che però verrà ammortizzato in poco tempo, anche grazie a personale ed economie tutte interne. Senza dimenticare che la nuova gestione consentirà di reinvestire i risparmi su nuovi progetti, ampliando le strade su cui intervenire in città.

Il risparmio previsto si attesta sul 33%, ovvero la percentuale di sconto rispetto al capitolato ufficiale del Comune di Milano, punto di riferimento per i bandi di gara.

Ma oltre al risparmio e agli utili che rimarranno all’interno del Comune, l’altro importante vantaggio di questa novità sarà il coordinamento maggiormente flessibile e agile tra il Comune e Gaia, rispetto al rapporto con una ditta appaltante privata.

Questo significa che il Comune potrà, con maggior elasticità, valutare eventuali nuove esigenze che potrebbero sorgere in fase di realizzazione delle asfaltature, rimodulando o ampliando gli interventi con rapidità e senza le ingessature burocratiche tipiche di un rapporto contrattuale vincolante.

Si ricorda che il tema delle asfaltature stradali era uno dei temi centrali del programma elettorale di Vassallo,che dice: “Siamo convinti di realizzare qualcosa di assolutamente nuovo rispetto a quanto fatto da tutte le Amministrazioni checi hanno preceduto. Vogliamo dare una risposta rapida alle segnalazioni dei cittadini e rendere le strade e i marciapiedi di Bollate migliori e più sicuri rispetto a come li abbiamo trovati al nostro insediamento. L’estate 2018 e l’estate 2019 segneranno un’importante svolta; siamo certi che i cittadini apprezzeranno i risultati”.

“Si tratta di un nuovo servizio sul quale abbiamo investito molto – dice Felice Caccavale,presidente di Gaia Servizi” – che rende la nostra società unica nel panorama delle aziende multiservizi comunali. Oltre a lavorare in sintonia con il Comune di Bollate, ci proponiamo anche ad altri comuni della zona per eseguire piani di asfaltature a prezzi concorrenziali”.

Bollate: Palestra per Associazioni Sportive

palestra
palestra

La palestra di via Varalli sarà a disposizione delle associazioni sportive. Grazie all’Accordo sottoscritto tra la Città metropolitana di Milano e il Comune di Bollate le Associazioni del territorio, infatti, avranno la possibilità di utilizzare, in orario extrascolastico, palestra e spazi esterni finora utilizzati solo dalle scuole.

La convenzione è stata firmata nei giorni scorsi ed è stata fortemente voluta dal Sindaco Francesco Vassallo, dall’Assessore allo Sport Lucia Albrizio e dal Consigliere delegato Franco Gravina che ci spiega: “Uno degli obiettivi istituzionali prioritari del Comune di Bollate è la promozione dell’attività sportiva in spazi pubblici.

Mettere a disposizione dei nostri cittadini e delle associazioni tutte le palestre disponibili è un obiettivo importante che va nella direzione di dare a tutti l’opportunità di praticare e sviluppare le attività sportive preferite”.

L’accordo sottoscritto ha validità fino alla fine dell’anno scolastico 2021/2022 ed è eventualmente rinnovabile per altri 4 anni. Prevede che la Città metropolitana continui a gestire gli interventi di manutenzione ordinaria e straordinaria dell’impianto, ma anche la possibilità per l’ente di intervenire su eventuali criticità, segnalandole (i lavori possono essere fatti, previa approvazione della Città Metropolina che se ne assume l’onere).

Il Comune, da parte sua, avrà il compito di gestire, come fa già per gli spazi comunali, anche il centro sportivo di via Varalli, tenendo i rapporti con le associazione e organizzando il calendario degli spazi e degli orari di disponibilità, rimborsando alla Città metropolitana il costo delle utenze per i tempi di utilizzo.

I canoni di utilizzo di questo nuovo spazio sarà identico a quello previsto per le altre palestre, ossia di 25,54 euro all’ora, più IVA. Anche questo un risultato importante spuntato dal Comune nella contrattazione con Città metropolitana.