Il Teatro Regio per il Giorno della Memoria: “La favola di Natale”

guareschi-la-favola-di-natale
guareschi-la-favola-di-natale

Il Teatro Regio, che da anni partecipa alle iniziative legate al Giorno della Memoria, propone La favola di Natale, un racconto di Giovannino Guareschi, con musica di Arturo Coppola, trascritta ed elaborata da Giorgio Colombo Taccani, ricerche e ricostruzione storica di Andrea Costamagna.

Claudio Fenoglio dirige i Solisti e il Coro di voci bianche del Teatro Regio e del Conservatorio “G. Verdi”, e gli Allievi delle classi di strumento del Conservatorio “G. Verdi”, narratore Giancarlo Judica Cordiglia, regia e adattamento drammaturgico di Caterina Panti Liberovici, scene di Sergio Mariotti, costumi di Alessandra Garanzini e luci di Patrizio Serra.

La favola di Natale è un racconto di Guareschi datato 1944, mentre era internato in un lager a Sandbostel, in Germania. Lo raccontò per la prima volta ai compagni di baracca, proprio la sera della vigilia di Natale dello stesso anno, nello Stalag XB, dove era recluso.

Lo spettacolo è realizzato in collaborazione con il Conservatorio “G. Verdi” di Torino, con il sostegno degli Amici del Regio sotto il patrocinio della Comunità Ebraica di Torino e in occasione del 50° anniversario della morte di Giovannino Guareschi (1908-1968).
Fascia d’età consigliata: 13-18 anni.

Recite riservate alle scuole il 25 gennaio ore 10.30 e il 26 ore 10.30 e ore 15; recita aperta a tutti il 27 gennaio ore 20. Biglietti a € 10 (under 16: € 8) in vendita diretta alla Biglietteria del Teatro Regio (tel. 011.8815.241/242), presso Infopiemonte-Torinocultura e i punti vendita Vivaticket; on line su www.vivaticket.it; telefonicamente al numero 011.8815.270. 18app: biglietti a € 5, e con 1 euro in più si può acquistare un secondo biglietto. Info – Tel. 011.8815.577 e www.teatroregio.torino.it.

Le attività de La Scuola all’Opera sono realizzate in collaborazione con Amici del Regio e Fondazione Cosso.