25° Festival Musicale del Mediterraneo

Madou Zon Family
Madou Zon Family

Dall’1 all’11 settembre 2016 torna a Genova il Festival Musicale del Mediterraneo, rassegna internazionale dedicata alla scoperta e alla valorizzazione delle musiche rare, giunta quest’anno al traguardo della 25° edizione con un programma dedicato alle “Famiglie Sonore”.

Il legame tra famiglia e musica sarà il fil rouge di una programmazione che prevede esibizioni di artisti nazionali e internazionali nei luoghi più suggestivi della città.

10 giorni, 6 location, 14 concerti, più di 40 artisti provenienti da 10 paesi diversi.

Dai percussionisti del Burkina Faso ai danzatori siriani, dai cantanti polifonici bulgari e sardi ai tarantolati salentini, passando per musiciste irlandesi, suonatori di zarb iraniani e chitarristi flamenco spagnoli. Un programma vario e originale, per raccontare le diverse declinazioni in cui la musica è vissuta e tramandata nelle famiglie di tutto il mondo.

Il ruolo della musica in famiglia è elemento comune di unione e trasmissione del sapere, un momento di allegria e condivisione che coinvolge tutti i componenti, favorendo la curiosità e la socializzazione.

La pratica musicale, tramandata dai genitori ai figli o incoraggiata a vicenda tra i fratelli, richiede creatività e disciplina e spesso si tramuta in attività professionale. Celebrando le “famiglie sonore”, attraverso le esibizioni di ensemble familiari di più generazioni, la 25° edizione del Festival Musicale del Mediterraneo lancia un messaggio di unità e armonia, per favorire una presenza sempre maggiore della musica in tutti gli ambiti della nostra società.

“Nell’anno in cui il Festival festeggia i suoi 25 anni, abbiamo ritenuto naturale concentrarci su un tema intimamente legato alla crescita, alla trasmissione di valori e conoscenza in maniera armonica, come solo la musica sa fare. – racconta Davide Ferrari, direttore artistico e organizzativo – Abbiamo deciso di puntare su artisti di grande qualità, con un’importante prima nazionale dalla Siria e tanti ensemble familiari da tutto il mondo, senza scordare le eccellenze musicali del nostro territorio, con l’obiettivo di raccontare quanto può essere più armoniosa la vita quando la musica è attivamente presente nelle famiglie”.

Il Festival si aprirà giovedì 1 settembre a Palazzo Tursi con lo spettacolo di percussioni e danze acrobatiche del Burkina Faso a cura della Madou Zon Family. Tra gli appuntamenti di maggior rilievo: l’esibizione di Roger Eno, fratello di Brian Eno e affermato compositore di musica ambient, sabato 3 settembre a Palazzo Ducale; la festa pomeridiana per famiglie, domenica 4 settembre a Forte Begato, che culminerà con il concerto delle tre sorelle irlandesi The Henry Girls, a metà tra tradizione folk e melodie pop; il Trio Chemirani dall’Iran, mercoledì 7 settembre a Palazzo Bianco, straordinario ensemble familiare che comprende tre generazioni di polistrumentisti; le melodie, gli strumenti e i costumi tradizionali bulgari della Bisserov Family, giovedì 8 settembre nel Chiostro di Sant’Agostino; il tributo a Paco de Lucia da parte di Juan Carmona Family Group, uno dei maggiori chitarristi flamenco contemporanei, venerdì 9 settembre a Palazzo Ducale; la prima nazionale dei dervisci rotanti Ahmad Alkhatib & Broucar, padre e figlio dalla Siria, accompagnati da un ensemble di musicisti di Damasco, sabato 10 settembre a Palazzo Ducale, e il coro polifonico sardo dei Tenores di Santa Sarbana di Silanus, domenica 11 settembre a Palazzo Tursi.

Per il programma completo e tutte le informazioni www.echoart.org e http://bit.ly/FbFestMed

I biglietti possono essere acquistati direttamente presso la sede dei concerti. Il costo dei singoli spettacoli è di 10 euro ciascuno (8 euro i ridotti), l’abbonamento per l’intero Festival è in vendita a 50 euro.

Biglietti e abbonamenti sono prenotabili scrivendo a info@echoart.org

Completano il programma alcune iniziative collaterali , con concerti gratuiti e attività extra-musicali.

Da giovedì 1 a sabato 3 settembre, dalle 18.00 in poi, la famiglia Giannuzzi porterà la pizzica e la taranta salentina in giro per le vie del centro storico. Sabato 3 settembre il maestro di canto armonico Tran Quang Hai, considerato il maggiore esperto al mondo di questa tecnica di canto, terrà un laboratorio a Castello d’Albertis. Per tutta la durata della rassegna, sarà visitabile a Castello d’Albertis la mostra dedicata ai 25 anni del Festival e un’esposizione di strumenti per la musicoterapia extraeuropea. Infine, un convegno sulla musica come terapia contro la dispersione scolastica si terrà il 10 settembre a Palazzo Ducale.

I concerti, come da tradizione, si svolgeranno in palazzi e piazze storiche, luoghi tra i più suggestivi e affascinanti di Genova: i palazzi seicenteschi di Via Garibaldi, Palazzo Bianco e Palazzo Tursi, patrimonio dell’umanità UNESCO, i saloni affrescati di Palazzo Ducale, cuore culturale della città, il meraviglioso chiostro delle chiesa di Sant’Agostino, la residenza storica di Castello d’Albertis e il Forte Begato, sulle Mura di Genova, dove avrà luogo un evento speciale dedicato a famiglie e bambini.