“A chi parla l’arte contemporanea?” – Palazzo Isimbardi: mostra collettiva

palazzo isimbardi - mostra collettiva
palazzo isimbardi – mostra collettiva

Palazzo Isimbardi di Milano dall’11 al 20 maggio 2016 ospita la mostra collettiva “A chi parla l’arte contemporanea?”, fulcro del 4° Premio cramum, ideato da Sabino Maria Frassà e Andi Kacziba per sostenere e far conoscere i migliori giovani artisti in Italia.

Diretta da Sabino Maria Frassà come le scorse edizioni, è incentrata sul tema della difficoltà per gli artisti di comunicare ed essere capiti da e in un mondo sempre più fluido e complesso, impresa quasi impossibile per l’Arte contemporanea ed è realizzata grazie alla collaborazione tra l’associazione cramum, la Fondazione Giorgio Pardi e Città Metropolitana di Milano, Comune di Milano, Ludwig Muzeum di Budapest, Edicola Italiana, Veneranda Fabbrica del Duomo di Milano, Studio Museo Francesco Messina e Istituto Confucio dell’Università degli Studi di Milano.

Il Premio cramum cerca di dare voce ai migliori giovani artisti in Italia, a prescindere dalla loro provenienza. Anche quest’anno le opere di 10 giovani talentuosi artisti, finalisti del Premio Cramum,  come Gianluca Brando, Gianni Colangelo, Max Coppeta, Flora Deborah, Donatella De Rosa, Isabella Fabbri, Matteo Fato, Fabrizio Milani, Giuliana Storino, Kwanghoo sono esposte a Palazzo Isimbardi insieme a quelle di 10 “maestri” dell’arte contemporanea come Ulla von Brandenburg, Szilárd Cseke, Emilio Isgrò, Andi Kacziba, Lin Ylin, Urs Luthi, Luigi Presicce, Laura de Santillana, Paolo Peroni, Francesca Piovesan. Durante l’inaugurazione che si terrà il 10 maggio, la Giuria del Premio voterà il vincitore che avrà due anni per preparare la sua “mostra personale” al Museo Francesco Messina di Milano.

IL PREMIO CRAMUM
Cramum è una parola latina che significa “crema”, “la parte migliore del latte”. Il premio cramum è stato ideato nel 2012 da Andi Kacziba e Sabino Maria Frassà proprio per sostenere i migliori giovani in Italia a prescindere dalla provenienza.
Piaga dell’Italia è non solo la fuga di cervelli all’estero, ma anche la difficoltà di attrarre nuovi saperi (cervelli) dall’estero. La Fondazione Giorgio Pardi e l’associazione cramum hanno da subito appoggiato il progetto, comprendendone la rilevanza e apprezzando anche il secondo obiettivo, colmare il gap generazionale. Il premio è stato pensato dall’inizio per mettere in relazione diverse generazioni di artisti.

Vincitori delle scorse edizioni sono stati: Daniele Salvalai, Paolo Peroni e Francesca Piovesan. Il vincitore del Premio si aggiudicherà un cubo realizzato dalla Veneranda Fabbrica del Duomo di Milano con il Marmo di Candoglia e ha facoltà, a due anni dalla sua vittoria, di allestire una mostra site-specific allo Studio Museo Francesco Messina di Via San Sisto 4a. L’11 maggio 2016 Paolo Peroni inaugurerà quindi la sua mostra personale “Orizzonti a parte” a cura di Sabino Maria Frassà allo Studio Museo Francesco Messina che terminerà il 29 maggio 2016).
A CHI PARLA L’ARTE CONTEMPORANEA? 4° premio cramum
A cura di Sabino Maria Frassà
Palazzo Isimbardi Via Vivaio 1 Milano
Dall’11 al 20 maggio 2016
Tutti i giorni dalle 10 alle 18
Inaugurazione 10 maggio dalle 17:30 alle 20

Sito www.cramum.it
Catalogo Skira
La visita è gratuita