“… Mentre rubavo la vita…!” al Manzoni di Milano

nuti e guerritore teatro
Lunedì 21 marzo: MONICA GUERRITORE e il cantautore GIOVANNI NUTI daranno vita allo spettacolo “Mentre rubavo la vita” al Teatro Manzoni di Milano (Via Manzoni 42 – inizio spettacolo ore 21 – ingresso libero con prenotazione: esauriti in pochi giorni i posti disponibili!). La serata è dedicata alla memoria dell’indimenticabile poetessa milanese ALDA MERINI nella ricorrenza del suo compleanno (“Sono nata il ventuno a primavera…” recita l’incipit di una delle sue liriche più famose) e della Giornata Mondiale della Poesia istituita dall’UNESCO.

L’evento, patrocinato dal Consiglio regionale della Lombardia e dal Comune di Milano, è organizzato dal Circolo culturale “I Navigli”, già promotore di diverse iniziative dedicate ad Alda Merini, dall’Associazione Artisti e Patriottica, una delle più antiche istituzioni culturali cittadine, fondata nel 1776, e promosso da Fondazione Gianmaria Buccellati, a un anno dalla scomparsa del grande orafo milanese, anima della maison di alta gioielleria famosa in tutto il mondo, appassionato di musica e mecenate.

“… Mentre rubavo la vita…!” è stato presentato, in anteprima nazionale, al teatro Trianon di Napoli ed è stato accolto con grande successo in tutta Italia. E’ uno spettacolo con musiche di Giovanni Nuti sui testi delle canzoni di Alda Merini. La parte musicale è arricchita da drammaturgia e testo di Monica Guerritore. Nato da un’idea di Rossella Martini, è prodotto da Sagapò Music, con la regia di Mimma Nocelli e la programmazione video di Lucilla Mininno.

L’attrice Monica Guerritore, nell’inedita veste di cantante, e il cantautore e musicista Giovanni Nuti, per 16 anni legato ad Alda Merini da un sodalizio che la poetessa definiva “matrimonio artistico”, saranno accompagnati sul palco da una band di quattro elementi composta da José Orlando Luciano, (pianoforte e tastiere), Massimo Germini (chitarra), Simone Rossetti Bazzaro (violino e viola), Emiliano Oreste Cava (batteria e percussioni) per uno spettacolo emozionante e coinvolgente.

«Nessuna donna resta indifferente davanti alla forza, all’energia libera, vitale, colorata, sensuale di Alda Merini – dice Monica Guerritore – La musica di Nuti rende travolgenti i suoi testi. Io stessa ne rimango stupita. Al pubblico piacerà enormemente: ballerà, riderà e piangerà insieme a noi!».

«Solo un’artista eclettica e sensibile come Monica può trasmettere appieno l’intensità, il carattere, l’ironia, lo struggimento, la magica follia di una personalità immensa come quella di Alda Merini – afferma Giovanni Nuti – Sentirla per la prima volta cantare i suoi versi sulle mie note è stato emozionante».