HRVY: “Can Anybody Hear Me?”

HRVY
HRVY

HRVY è tornato con il nuovo singolo ‘NEVERMIND’, che anticipa l’album di debutto, “ Can Anybody Hear Me?”, in uscita il prossimo 28 agosto.

NEVERMIND” è un brano electro-pop, scritto da J Hart (Bieber) e da Pollack (Lauv), che riecheggia la malinconia da dancefloor del precedente singolo ‘ME BECAUSE OF YOU’.

Del singolo HRVY racconta: “Ho scritto questa canzone la scorsa estate con J Hart e Pollack che già hanno collaborato con me negli ultimi anni; sono molto contento del risultato finale, così i miei fan possono vedere come suonerà il nuovo album”.

L’album di debutto “Can Anybody Hear Me?” include i singoli già pubblicati “Personal”, “Unfamiliar”, “Be Okay (With R3hab)”. I brani rispecchiano i gusti musicali della popstar inglese: la ballata acustica ‘She Isn’t You’ fa cenno alle boy band di vecchia scuola come N-sync, la title track ricorda le melodie accattivanti di ‘Sorry’ di Bieber , mentre ‘ME BECAUSE OF YOU’ mette in mostra un musicista che sta veramente entrando in sintonia con se stesso.

HRVY ha già venduto 20.000 biglietti per il suo prossimo World Tour che è stato riprogrammato e che include le date nel Regno Unito, Europa, Stati Uniti, Asia e Australia. A soli 21 anni, HRVY è già una star globale: ha fan in tutto il mondo e ha collaborato con vari artisti, quali il supergruppo coreano NCT Dream, con il DJ e produttore Matoma, Seeb e i Goodboys e con la cantante spagnola di origine cubana Malú Trevejo.

Can Anybody Hear Me? Standard Tracklist:

1. NEVERMIND
2. Can Anybody Hear Me?
3. Million Ways
4. ME BECAUSE OF YOU
5. I Miss Myself (NOTD & HRVY)
6. Personal
7. She Isn’t You
8. Told You So
9. LND 2 LA
10. I Wish You Were Here
11. Talk To You
12. Don’t Need Your Love – Acoustic
13. Hasta Luego (HRVY & Malu Trevejo)

Can Anybody Hear Me? Deluxe Tracklist:
1. NEVERMIND
2. Can Anybody Hear Me?
3. Million Ways
4. ME BECAUSE OF YOU
5. I Miss Myself
6. Personal
7. She Isn’t You
8. Told You So
9. LND 2 LA
10. I Wish You Were Here
11. That’s How It’s Gonna Be
12. Talk To You
13. Don’t Need Your Love – Acoustic
14. Hasta Luego
15. Somebody
16. Younger
17. Be Okay (With R3hab)
18. Unfamiliar
19. Good Vibes (With Matoma)

Luci Da Labbra: 19mq (Benevento)

Luci da labbra
Luci da labbra

19mq (Benevento) è il nuovo singolo delle LUCI DA LABBRA. Dopo il debut single L’amore è una Hit (feat. Leo Pari), che ha subito attirato l’interesse di pubblico e critica affermandosi tra gli esordi più interessanti della scorsa estate, il misterioso duo torna con un nuovo brano che svela un altro tassello del progetto discografico firmato 3menda Dischi.

In 19mq (Benevento) si fondono le due anime del progetto Luci Da Labbra. Da una parte un’elettronica pulsante, che trascina l’ascoltatore in un dancefloor dai contorni malinconici; dall’altra un inevitabile richiamo alla canzone italiana, quella delle frasi scritte su una panchina e di parole da urlare sotto la pioggia.

Con il brano le Luci Da Labbra si confermano capaci di unire alcuni dei puntini più indelebili della musica italiana, tra ricordi di Festivalbar e racconti persi negli anni ’90.

“Benevento è una delle tante città dove si consumano le sofferenze d’amore. Alcune di queste portano alla ragione, altre alla dissoluzione. Dipende tutto dalle scelte che si fanno e dalle decisioni che si prendono. 19mq è la cubatura di un appartamento mentale al quale quasi tutti, una volta nella vita, si ritrovano a vivere.” (Luci Da Labbra)

Festa della Musica di Brescia 2018

Festa della musica di brescia
Festa della musica di brescia

Si avvicina la data del 23 giugno e con essa comincia a delinearsi in in tutti i suoi aspetti la Festa della Musica di Brescia 2018, l’evento organizzato dalla Associazione Festa della Musica di Brescia.

Sono state 490 le iscrizioni a questa edizione (il 20% circa di tutti gli iscritti a tutte le Feste della Musica italiane), fra musicisti bresciani e da fuori la provincia, per un totale di quasi 3000 musicisti coinvolti, cifra record che conferma come la Festa della Musica di Brescia sia anche quest’anno la Festa della Musica più grande d’Italia.

L’enorme massa sonante di formazioni pop, rock, metal, reggae, elettroniche, da orchestra e chi più ne ha più ne metta animerà l’intera città con un totale di 80 situazioni live (palchi e spazi per concerti) e oltre 750 esibizioni organizzate fra il centro e le periferie, concerti che continueranno per tutto il giorno e anche la sera, trasformando Brescia in un grande strumento musicale vivo e multiforme.

Ecco di seguito un breve riassunto di cosa accadrà nella giornata di sabato 23 giugno, fra conferme e novità.

Per tutti gli amanti del dancefloor l’appuntamento imperdibile è con il “Castello Elettronico”, ovvero la musica elettronica protagonista dello splendido Castello di Brescia a partire dalle 16 del 23 giugno sino alle 3 del mattino seguente. Un mega evento voluto da Redrum, Tekno City e Psybrixia, tre realtà bresciane legate ai party e ai loro artisti con 3 stage (Techno/Minimal – Tekno/Hardtek – Psytrance/Goa), laser show, food & drink.

Pausa Busker. Il busking sarà invece protagonista di una “Pausa buskers” dalle 14 alle 16 dove tutti i palchi si fermeranno e sarà possibile esibirsi liberamente ma solo come artisti di strada. Un modo per evidenziare le possibilità che Brescia offre a tutti i buskers di proporre la propria arte a contatto diretto col pubblico, secondo una concezione della musica aperta e lontana dai divieti.

0-18. Si chiama “0-18” il progetto di contaminazione fra musica, teatro e differenti forme d’arte che coinvolgerà i bambini e i ragazzi degli istituti scolastici e musicali di Brescia negli spazi del MO.CA., che ospitano anche la sede dell’Associazione Festa della Musica di Brescia. L’evento segue a ruota la “Festa della Musica – Scuole al centro” dello scorso 12 maggio.

Contaminazioni fra arti e luoghi. Al NUSIL di San Bartolomeo ci sarà all’interno del museo, alle ore 18,30, una performance di Alamye, progetto sperimentale di musica elettronica e voce, con Claudia Ferretti e Elia Piana (Scabb) con visual di Celeste Eugenia Lombardi (CERDD), mescolando musica, luogo e contaminazioni visive. A seguire concerto degli Zizkov (musica strumentale).

Mappa interattiva. Per poter orientarsi al meglio nella molte di situazioni live dell’edizione 2018, la FdMB ha preparato una mappa interattiva su Google Maps dove saranno indicate le dislocazioni dei palchi. Un modo facile e divertente per scoprire angoli nascosti della città e non perdere nessuno dei propri artisti preferiti.

Video-interviste. Presso il negozio HAND (corso Palestro 21-23) sarà attivo dalle 10 del mattino sino a tarda sera uno spazio video-interviste dedicato agli artisti che si esibiranno durante la Festa della Musica di Brescia. Una chiacchierata con lo staff della Festa con la possibilità di eseguire un pezzo in acustico.

Concerti in carcere. Anche per questa edizione, ed è ormai il terzo anno di fila, vengono confermati i concerti nelle carceri della città, Canton Mombello e Verziano.

Metropolitana. Grazie alla collaborazione con il Gruppo Brescia Mobilità anche quest’anno il biglietto della metropolitana sarà gratuito. Ad ogni progetto musicale verrà inviata una mail che darà la possibilità di accedere gratuitamente alla metropolitana.

Al di là delle novità però la peculiarità della Festa della Musica di Brescia è quella di offrire gratuitamente al pubblico per un giorno una quantità di concerti che coinvolgeranno artisti alle prime armi ma anche nomi del panorama nazionale, grazie alla collaborazione fondamentale di tante realtà musicali di Brescia e provincia.

Il tutto per scattare una fotografia il più possibile compiuta, articolata e vitale della comunità musicale bresciana e dei territori limitrofi, una rete di persone composta dai musicisti, dagli addetti ai lavori e dal pubblico che da cinque anni invade la città facendola letteralmente “suonare”.

La FdMB è una grande festa popolare che celebra TUTTA la musica e diffonde la Bellezza in ogni dove. I palchi della Festa sono pronti a dare visibilità a chiunque abbia voglia di imbracciare uno strumento o di prendere in mano un microfono per fare ascoltare il proprio Suono e la propria Voce.

L’appuntamento è per sabato 23 giugno, ovviamente a Brescia!

dj Damianito campione mondiale di Red Bull 3Style

dj Damianito
dj Damianito

E’ il 27 enne materano DAMIANITO (https://www.facebook.com/djdamianito/ – @djdamianito) che si porta a casa il titolo come migliore dj al mondo vincendo la finale di Red Bull 3Style, la piu’ spettacolare ed importante competizione per dj al mondo.

Dopo aver vinto la finale italiana a Bologna lo scorso settembre, Damianito è volato a Cracovia per rappresentare l’Italia e sfidando ben 24 dj da tutto il mondo ha vinto il titolo.

Negli ultimi 8 anni il Red Bull 3Style si è consolidato come la prima competizione al mondo dell’arte del djing. È una community globale che riunisce i dj più esperti per apprendere, sviluppare e celebrare l’arte del mixing e di far ballare ogni dancefloor in tutto il mondo.

Dopo una settimana di eventi che hanno animato tutta la città, ieri sera al Teatro Slowacki di Cracovia, il pubblico ed i giudici DJ Jazzy Jeff, Skratch Bastid, Dj Craze, Nina Las Vegas and Dj Nu-Mark hanno decretato Damianito come il miglior dj per tecnica, stile, scelta musicale ed attitudine, inoltre è stato l’unico dei finalisti a presentare una routine completamente rinnovata e preparata in pochissime ore, dimostrando cosi il suo talento a tutti i presenti.

Una vittoria che vale ancora di piu’ se consideriamo che durante la settimana Damianito era stato eliminato e successivamente ripescato dalla giuria tecnica solo la domenica mattina.

DJ Damianito ha dichiarato: “Solo ora sto realizzando che questo viaggio mi ha portato a diventare il campione del mondo, non ho parole. È così speciale. Non mi fermerò qui, voglio continuare ad imparare dagli altri dj e leggende. Ho lavorato per tre mesi ai due set, ma ho modificato il 50% del set vincente fino all’ultimo minuto. Quando metto insieme un set, la mia mente è come se fosse in un continuo viaggio. Volevo un viaggio con sorpresa.”

ll giudice DJ Jazzy Jeff ha dichiarato: “La selezione del dj set di Damianito che lo ha fatto vincere questa sera, sarà un grande contributo per i nostri passati Campioni del Mondo. Ogni anno abbiamo trovato nuovi talenti unici provenienti da tutto il mondo e non vedo l’ora che arrivi la Red Bull 3Style World Final a Taiwan nel 2019.”

Marea Festival 2016

modena_city_ramblers
modena_city_ramblers

Modena City Ramblers, Diaframma, Piotta, Federico Scavo, Il Pagante… Solo alcuni ospiti di Marea Festival, sei giorni di concerti, dancefloor, mostre, incontri, laboratori, film, leccornie da gustare, mercatini da scoprire e molto altro, da giovedì 16 a martedì 21 giugno alla Buca del Palio di Fucecchio, tra Firenze e Pisa.

Quasi tutto a ingresso gratuito, come nel dna di questa cittadella delle culture che da 21 anni prende forma grazie all’impegno di decine di associazioni, giovani e realtà del territorio, con il sostegno del Comune di Fucecchio e la supervisione dell’agency Realitybites.

Come tradizione, il festival ha un tema trainante, quest’anno “IL VIAGGIO: DIARIO DI BORDO”: viaggio inteso come ricerca di una meta, simbolo del fuoco che anima i giovani alla ricerca del loro percorso, viaggio come quello intrapreso da migliaia di migranti in fuga dagli orrori della guerra e dalle ingiustizie sociali.

Dal pomeriggio a tarda sera, tutti i giorni, il cartellone è ricchissimo. Si parte nel pomeriggio di giovedì 16 con la parata inaugurale per vie e piazze di Fucecchio. Si accendono le luci della Buca del Palio e a salire sullo Speaker Corner e il mago delle bolle blu Boris Egorov, medico russo che ha lasciato il camice per dedicarsi alle arti della strada, vittima tempo addietro di un brutto episodio di intolleranza. Dalle bolle di sapone alla riforma della Costituzione: le ragioni del sì e quelle del no ce le spiegano i professori universitari Francesco Pardi e Gianni Baldini.

E la musica? Eccola: sul main stage sale per primo Motta, l’indie-cantautore del momento. “La fine dei vent’anni”, recente debutto da solista, ha fatto il pieno di elogi e di click. “La fine dei vent’anni” è la scoperta dell’età adulta, il racconto della crescita umana e musicale di uno dei più talentuosi ed eclettici musicisti in circolazione: alla batteria con i suoi Criminal Jokers e con i Pan Del Diavolo, al basso e alla chitarra con Nada, dietro al mixer con gli Zen Circus. Aprono la serata Finister e Il Pinguino Imperatore (Premio Indie Time).

Venerdì 17 (viva la cabala!) la Buca del Palio si trasforma in un mega dancefloor a cielo aperto e non potrebbe essere altrimenti, visto che a tirare le fila sono re della nightlife Glauco Ghelardoni e Federico Scavo, eminenza della consolle a livello globale, di ritorno, per una sera, nella sua Fucecchio. La line up è pa-zze-sca: oltre a Federico Scavo, dalle 19, arrivano sul palco le stelle del rap Il Pagante, Fred De Palma, Shade, Nerone. E ancora, Emanuele Bassi e Broswave, presenta Mauro Gonzini. Il tutto tra geyser, ledwall, super sound system, pista da 8.000 persone, otto aree bar, sette punti ristoro, piogge di colori… Biglietto 15 euro.

Due milioni e mezzo di visualizzazioni su Youtube, due milioni di ascolti su Spotify, oltre 350 concerti… L’etichetta rivelazione sta stretta a L’Orso, in concerto sabato 18 giugno a Marea Festival. Con sé portano l’album “Un luogo sicuro” che mette a confronto gli estremi in un dualismo musicale e concettuale, unendo sonorità elettroniche e moderne a campionamenti naturalistici e strumenti acustici, melodia a parti rappate. Prima de L’Orso suoneranno Damiano Grazzini & Interno 17 (Black Out Festival).

Il sabato si apre con la cena senegalese a cura dell’associazione Popoli Uniti e uno show di motor bike, mentre l’associazione Canoa Club Turisti per Svago propone il documentario “Alone on the River”.

Dall’indimenticato “Supercafone” a “La Grande Onda”, dalla “Mossa del Giaguaro” alla recente collaborazione con Tonino Carotone sancita a suon di “Vino tabacco e venere”. Piotta, ovviamente, domenica 19 giugno a Marea Festival insieme a Baobab Klan. Per l’occasione la Buca del Palio apre alle 15 con giochi di ruolo, parkour, free run, laboratori per bambini e incontri.

Nella Top 100 dei dischi italiani di tutti i tempi, Rolling Stone Italia lo ha piazzato al settimo posto, prima di tanti big. “Siberia” è l’album dei Diaframma che nei primi ‘80 immortalò magnificamente l’acerba new wave tricolore.

Nel trentennale dell’uscita, Federico Fiumani ha ristampato il disco. E pure il live che lo porta lunedì 20 giugno a Marea Festival è incentrato su “Amsterdam”, “Neogrigio”, “Specchi d’acqua” e altri brani di quello strepitoso debutto. La scaletta promette pepite anche da “Boxe”, “Tre volte lacrime” e “In perfetta solitudine”, le successive produzioni che hanno segnato gli anni ’80 dei Diaframma.

Opening Jacopo Mattii, con i suoi didgeridoo.

Il festival apre alle 19, in programma l’incontro “ La Costruzione Sociale del Richiedente Asilo” e la presentazione del libro “Il disturbo da accumulo”.

25 anni di combat-folk, di lotte e d’impegno. 25 anni che i Modena City Ramblers festeggiano con un live antologico che mette insieme cavalli di battaglia e qualche perla rara. Alla band emiliana l’onore di chiudere questo Marea Festival, martedì 21 giugno (supporter Piqued Jacks), biglietto 12 euro, ben spesi.
That’s all folks, grazie a tutti, sipario!

Ogni sera a Marea…
Mercatini – Mostre di pittura – Mostre Fotografiche – Videoproiezioni – Dibattiti – Marea FreeRun Zone – Marea Casual Corner – Prodotti Tipici della cucina Toscana – Barbecue – Pizzeria – Panineria – Piadineria – Birrerie – Speaker Corner – Sport-Jumping

Come arrivare a Marea
Buca del Palio Via F.lli Rosselli Fucecchio: Superstrada FI-PI-LI Uscita San Miniato proseguire in direzione Fucecchio. AUTOSTRADA A 11 FIRENZE-MARE Uscita Altopascio direzione Fucecchio.

www.mareafucecchio.it

www.facebook.com/MareaFestival