Tiromancino: “Finché ti va”

Tiromancino_foto Finché ti va foto di Jessica Gaudioso
Tiromancino_foto Finché ti va foto di Jessica Gaudioso

Sono bastate 4 settimane ai TIROMANCINO per raggiungere la Top10 dei brani più programmati dalle radio italiane con “FINCHÉ TI VA”, l’inedito che apre la strada verso il prossimo progetto discografico della band di Federico Zampaglione.

Federico Zampaglione si conferma essere uno dei più significativi e poliedrici artisti italiani, capace di spaziare tra musica, cinema e scrittura. Dopo una parentesi horror durante il lockdown con i corti Bianca e Bianca – Fase2, ZAMPAGLIONE ha annunciato sui social il ritorno dietro la macchina da presa per un film che si intitolerà MORRISON e le cui riprese inizieranno il prossimo 2 novembre.

Il film è tratto dal libro scritto insieme a Giacomo Gensini nel 2017 “Dove tutto è a metà” (edito da Mondadori). Zampaglione ha scritto sui suoi social: “È una storia di vita, amicizia, sentimenti e sogni che ha come sfondo il mondo della musica. Racconterò il confronto tra due musicisti… Lodo giovane e pieno di grandi sogni da dividere con la sua band e Libero, una ex popstar in cerca del grande rilancio. Sarà una nuova avventura con un team di produzione eccezionale”.

“FINCHÉ TI VA” è un viaggio tra atmosfere malinconiche accompagnato da un testo capace di accogliere, abbracciare l’ascoltatore e portarlo con sé all’interno di una storia d’amore, un brano che pubblico, critica e addetti ai lavori hanno accolto con favore fin dall’inizio, confermando come la vena artistica di Federico Zampaglione sia rimasta solida e florida in tutti questi anni.

Prodotto e arrangiato da Zampaglione e da Jason Rooney, “FINCHÉ TI VA” è accompagnato da un video disponibile su https://youtu.be/adJdH0khLHs per la regia del duo Younut che ha come protagonista maschile Giacomo Ferrara, tra i giovani attori più acclamati dal pubblico televisivo e cinematografico grazie anche alla sua interpretazione di Spadino in Suburra – La Serie. Accanto a lui per dare vita alle inquietudini e alle difficoltà emotive di questa storia d’amore la ballerina Vanessa Guidolin.

Parlando di “FINCHÉ TI VA” Federico ha confidato: “Non è facile per me parlare di questa canzone perché ha una natura così intima e romantica che tende ad entrarmi sottopelle e a parole non riesco a descriverla bene. Va ascoltata, chiudendo gli occhi e lasciandosi andare”.

tha Supreme: “Offline”

0ffline_cover b_tha Sup
0ffline_cover b_tha Sup

Nato da un’idea di tha Supreme e prodotto da Movimenti Production, è da oggi online al link http://www.youtube.com/watch?v=dCdbKK_hyQw, il videoclip di 0ffline, il suo nuovo singolo feat. bbno$, che si è piazzato direttamente in cima alla tracklist dell’album 23 6451, completando così uno dei progetti discografici più amati dell’ultimo anno e lanciando l’artista verso una nuova avventura.

Il brano, uscito per Arista/Sony Music Italy e disponibile in streaming e digitale al link http://thasupreme.lnk.to/0ffline, è nato dalla collaborazione internazionale tra il giovane fenomeno italiano, che con un solo album all’attivo – record su Spotify per essere l’album più ascoltato di sempre in Italia nella prima settimana (con 59.533.687 stream) – e un immaginario completamente nuovo è riuscito a farsi amare da pubblico e critica, e il rapper canadese, che con la sua hit “Lalala” in collaborazione con il producer Y2K, si è fatto conoscere in tutto il mondo, conquistando chart dal Canada agli Usa, fino ad arrivare in Europa.
tha Supreme e bbno$ hanno una cifra in comune: 1 miliardo di stream a testa, conquistati grazie al grande successo dei loro rispettivi progetti.

Nell’ultimo anno tha Supreme ha dato vita a una delle più importanti rivoluzioni musicali dei nostri tempi, facendo parlare ovunque di sé, merito del suo grande talento e del successo del suo album d’esordio.

Le certificazioni ottenute quasi non si contano più, a partire dall’album 23 6451 certificato doppio disco di platino. A questo si aggiungono: blun7 a swishland triplo platino; fuck 3x, m8nstar, scuol4, oh 9od feat. Nayt, m12ano feat. Mara Sattei disco di platino; ch1 5ei te, occh1 purpl3 feat. Marracash, 2ollipop, sw1n6o feat. Salmo, no14 feat. Dani Faiv disco d’oro (certificazioni diffuse da Fimi/GfK Italia).

Ai grandi risultati si unisce, tra gli altri, anche l’oro di Dilemme (Remix) di Lous and the Yakuza, tha Supreme & Mara Sattei, altra collaborazione internazionale che ha visto tha Supreme protagonista insieme alla sorella Mara Sattei.

tha Supreme ha subito dimostrato la forza del progetto, contando già nelle prime 24 ore 7 tracce di 23 6451 nella chart Top 200 Global di Spotify, con tutti i 20 brani nelle prime 21 posizioni della Top 50 Italia (era comunque un brano in collaborazione con tha Supreme a figurare alla numero 15, Supreme di Marracash feat. Sfera Ebbasta), ed entrando direttamente al n°1 della classifica degli album più venduti della settimana alla sua prima settimana d’uscita, con 7 brani al vertice della Top Singoli Fimi e blun7 a swishland al primo posto.

Il progetto discografico, il cui concept grafico è stato curato a sua volta dall’artista, è disponibile al link https://SMI.lnk.to/236451, nei formati digitale, cd, doppio lp standard e doppio lp deluxe colorato con speciale cover lenticolare.

Grande successo al cinema per “Made in Italy

MANIFESTO-MADE IN ITALY
MANIFESTO-MADE IN ITALY

Grande successo al cinema per “MADE IN ITALY”, uscito nelle sale il 25 gennaio. Il film, che ha segnato il ritorno alla regia di LUCIANO LIGABUE, ha conquistato pubblico e critica!

Terzo film di LUCIANO LIGABUE dopo “Radiofreccia” e “Da zero a dieci”, “MADE IN ITALY”, prodotto come gli altri da Domenico Procacci, ha visto il ritorno di Stefano Accorsi nei panni del protagonista, dopo la sua magistrale interpretazione nel film “Radiofreccia”, questa volta in compagnia di Kasia Smutniak e altri attori come Fausto Maria Sciarappa, Walter Leonardi, Filippo Dini, Alessia Giuliani, Gianluca Gobbi e Tobia De Angelis.

“MADE IN ITALY” è una tormentata dichiarazione di amore verso il nostro Paese, raccontata con le parole e la musica di Luciano Ligabue, attraverso lo sguardo di Riko, un uomo onesto alle prese con una vita in cui tutto sembra essere diventato improvvisamente precario: il lavoro, il futuro, i sentimenti. Ma se a volte rialzarsi non è facile, Riko ha scelto di non darla vinta al tempo che corre: c’è un matrimonio da difendere e riconquistare, ci sono amici su cui contare e una casa da non vendere. Riko decide di mettersi in gioco e prendere finalmente in mano il suo destino.

Le riprese del film si sono svolte tra Correggio, Reggio Emilia, Novellara, grazie al sostegno della Regione Emilia – Romagna, Roma, grazie al sostegno della Regione Lazio – Fondo regionale per il cinema e l’audiovisivo, e Francoforte. “MADE IN ITALY” è una produzione FANDANGO, ZOO APERTO, RISERVAROSSA, EVENTIDIGITALI FILMS in collaborazione con MEDUSA FILM ed è distribuito da Medusa Film.

Sanremo: Ron vince il Premio della critica “Mia Martini” sez. Campioni

ron-premio
ron-premio

Con il brano inedito di Lucio Dalla, “ALMENO PENSAMI”, RON si aggiudica il Premio della Critica, intitolato a “MIA MARTINI”, per la Sezione Campioni del 68° Festival di Sanremo.

«Credo che Lucio Dalla abbia messo d’accordo tutti con questa canzone e sia riuscito veramente, come ha fatto tante volte, a entrare nel cuore della gente – dichiara RON – Io mi sono messo al servizio di questa canzone perché era impensabile che una canzone così bella potesse essere dimenticata, visto che era inedita. Ringrazio tutta la critica per questo grande riconoscimento. Davvero GRAZIE!»

Uscirà venerdì 2 marzo “Lucio!”, un omaggio musicale da parte di Ron per celebrare la ricorrenza del 75esimo compleanno di Lucio Dalla e far rivivere la poetica e l’anima musicale del cantautore bolognese, attraverso l’interpretazione del suo storico collega e amico.

“Lucio!” è un progetto discografico in uscita per Sony Music composto da 12 canzoni, tra cui l’inedito sanremese “Almeno Pensami”. Nell’album si troveranno alcuni dei più grandi successi di Dalla e di Ron, che per l’occasione li ha riarrangiati e reinterpretati con il suo stile. Il disco è dedicato a Michele Mondella, grande personaggio del mondo musicale e storico amico e collaboratore di Lucio e Ron.

Questa la tracklist di “Lucio!”: “Almeno pensami”, “4/3/1943”, “Tu non mi basti mai”, “Piazza grande” (in duetto con Lucio Dalla), “Henna”, “Attenti al lupo”, “Quale allegria”, “Chissà se lo sai” (in duetto con Lucio Dalla), “Futura”, “Canzone”, “Cara” e “Come è profondo il mare”.
L’album “Lucio!” è già disponibile in pre-order e inoltre in edizione limitata per Amazon è disponibile anche il pre-order del 45 giri “Almeno Pensami”/“Chissà se lo sai”, autografato da Ron. Mentre è già disponibile in digitale il brano “Almeno Pensami”.

Il brano “ALMENO PENSAMI” gli è stato assegnato personalmente dal Direttore Artistico Claudio Baglioni attraverso Marcello Balestra e gli eredi di Lucio che lo hanno custodito in questi anni e ne hanno autorizzato la pubblicazione al Festival. “Almeno Pensami” è una canzone che risale a inizio 2011 e che Lucio non ha fatto in tempo a pubblicare nell’album di inediti a cui stava lavorando.

Roberta Schira: “La gioia del riordino in cucina”

Roberta-Schira-libro-copertina
Roberta-Schira-libro-copertina

Poiché la cucina è il cuore emozionale della casa e il nutrirsi tocca la parte più profonda e antica di noi, il percorso del riordino deve partire dalle emozioni. Per restituirci il piacere di abitare la cucina e, nello stesso tempo, la nostra anima.

Roberta Schira è una delle firme più autorevoli della critica gastronomica in Italia e in questo libro unisce le sue due grandi passioni: la cucina e la psicologia.

Era l’unica in grado di raccogliere la sfida del riordino in questa stanza, vero e proprio luogo dell’anima e degli affetti, così importante nella nostra cultura e negli eventi che segnano la nostra vita.

“Sono tantissime le persone che ringraziano Marie Kondo e Il magico potere del riordino per aver cambiato loro la vita: tra esse ci sono anch’io. Mi sono accorta, però, che nel libro della Kondo mancava quasi completamente uno spazio: la cucina, la stanza in cui esprimo la mia passione per tutto ciò che ruota intorno al cibo – la convivialità, la condivisione, la cura di sé attraverso la cura degli altri. Il disordine in cucina è la spia e il veicolo di piccoli disagi e di malesseri diffusi, per non parlare dei famigerati disordini alimentari. E invece la cucina, se facciamo pace con lei, ci ama e ci aiuta ad amare meglio”.
(Roberta Schira)

Scrittrice, giornalista e critica gastronomica, Roberta Schira scrive di cibo usando occhi sempre diversi: costume, psicologia, narrativa e condizione femminile. Ha pubblicato una dozzina di libri, dai trattati di antropologia alimentare al romanzo.

Per la sua formazione è considerata ‘psicologa del gusto’; scrive di cultura e critica gastronomica per il Corriere della Sera e altre testate nazionali. È moderatrice di eventi e conduttrice per diverse web TV.

Ha pubblicato per Ponte alle Grazie L’amore goloso, Pasta fresca e ripiena, Piazza Gourmand e Il libro delle frattaglie (con Franco Cazzamali).

Per Salani Cucinoterapia, Il nuovo bon ton a tavola, Le voci di Petronilla (con Alessandra De Vizzi) Mangiato bene? Le 7 regole per riconoscere la buona cucina.