Julia Stone: “Sixty Summers”

Photo credit: Brooke Ashley Barone
Photo credit: Brooke Ashley Barone

Julia Stone annuncia oggi che il suo attesissimo terzo album da solista Sixty Summers uscirà il 19 febbraio 2021, via BMG.
Otto anni dopo il suo ultimo disco solista, “Sixty Summers” rappresenta una potente rinascita della Stone, uno degli artisti più prolifici dell’Australia.

Partendo dalle terre selvagge del folk e dell’indie-rock, con “Sixty Summers” Julia Stone si tuffa a capofitto nel mondo cosmopolita ed edonistico del pop notturno.

Lo splendido album è una perfetta testimonianza della grinta e dello scintillio della vita della città, con tutte le sue gioie, pericoli, storie d’amore e rischi. Il disco ci rivela la natura più profonda, vera e brillante della Stone che, finalmente, condivide con noi la sua segreta storia d’amore con questo genere musicale.

Insieme all’annuncio del disco, la poliedrica artista australiana rivela oggi il singolo “Dance”, accompagnato dal video diretto da Jessie Hill e con le straordinarie performance dei pluripremiati attori Susan Sarandon e Danny Glover.

Hill, collaboratore di lunga data nella narrazione visiva della Stone – ha anche diretto la straordinaria grafica del primo singolo “Break” – ha davvero alzato il livello della direzione creativa con “Dance”. Insieme a Sarandon e Glover, Hill ha creato una narrativa sensuale, giocosa e quasi mistica.

Gli attori interpretano un amore, narrato nella sua fase iniziale: si preparano per il loro primo appuntamento con vertiginosa eccitazione, ballando e girando intorno ognuno nelle rispettive case, storditi alla prospettiva di ciò che sta per succedere. Più tardi i due ballano e ondeggiano insieme per le strade di New York, persi l’uno nelle braccia e nella presenza dell’altro.

 

SURFACES & ELTON JOHN: “Learn to Fly”

SURFACES-Elton-John-Learn-to-Fly-radiostartv
SURFACES-Elton-John-Learn-to-Fly-radiostartv

Dopo il successo del singolo “Sunday Best”, che ad oggi ha raggiunto oltre 1 miliardo di stream, i Surfaces presentano il nuovo brano “LEAR TO FLY” in collaborazione con Elton John. Il singolo, prodotto dal duo texano e registrato via Zoom, racchiude un messaggio di speranza e di invito a “ritornare a volare”. In “Learn to Fly” Elton John esorta a “resistere, stare tranquilli perché tutto andrà per il meglio”, è una sorta d’ispirazione di cui tutti abbiamo bisogno per scrollarci di dosso il blues della quarantena.

“Avevo ascoltato ‘Sunday Best’ per la prima volta in Australia e mi era piaciuto così tanto che sono rimasto sorpreso quando i ragazzi mi hanno raggiunto per cantare e suonare con un piccolo pianoforte ‘Learn To Fly'”, dice Elton John. “Mi era piaciuta molto la canzone e la produzione del brano che mi avevano mandato. Abbiamo registrato via Zoom a Los Angeles. Questi ragazzi sono fantastici e ci siamo divertiti un sacco a collaborare”.

“Learn To Fly” è una canzone che abbiamo iniziato a scrivere mesi fa subito dopo il nostro terzo album Horizons. Una volta registrata la demo era in giro ed è finita nelle mani di Elton. Dopo una serie di sessioni in studio via Zoom siamo riusciti a registrare insieme durante il periodo di quarantena” dicono i Surfaces “Lavorare con Elton è stato come vincere un GRAMMY. Era così appassionato e motivato che non avremmo potuto immaginare una collaborazione più semplice. Speriamo che questa canzone diffonda l’amore in un’epoca in cui il mondo ne ha bisogno e aiuti le persone ad aprire i loro cuori”.

All’inizio di quest’anno, i Surfaces hanno fatto il loro debutto televisivo al Late Night con Seth Meyers dopo l’uscita del loro terzo album in studio, Horizons, a febbraio. Il successo di “Sunday Best” ha portato il duo al primo posto nella Billboard’s Emerging Artists Chart. Attualmente la canzone conta più di un miliardo di stream su tutte le piattaforme digitali.

Nick Cave & The Bad Seeds: il concerto al cinema

NC_DISTANT_SKY_POSTER_
NC_DISTANT_SKY_POSTER_

Approda sul grande schermo, per una proiezione in contemporanea mondiale solo il 12 aprile,  il film concerto che racconta una delle tappe più magnetiche e potenti dell’ultimo catartico tour di Nick Cave.

Nel settembre 2016, a un anno dalla tragica scomparsa del figlio, Nick Cave pubblica il suo ultimo album in studio, Skeleton Tree.

Al suo interno si trova Distant Sky, un brano complesso e inusuale, con echi celtici e quasi religiosi, in cui al suono profondo dell’organo si alternano la voce penetrante di Nick Cave e quella pungente del soprano danese Else Torp.

Ora quella canzone insolita dà il titolo al film concerto Distant Sky. Nick Cave & The Bad Seeds. Live in Copenaghen, diretto dal regista David Barnard, che racconta la tappa di Copenaghen di un tour incredibile, iniziato in Australia e proseguito negli Stati Uniti per terminare quindi in Europa, raccogliendo alcune delle migliori recensioni dell’intera carriera della band. In Italia il tour ha fatto tappa a Milano e Roma.

Per rivivere le sensazioni di quelle ore -o per scoprirle per la prima volta se non si è stati tra i fortunati che vi hanno preso parte dal vivo- l’appuntamento al cinema è per il 12 aprile (elenco sale a breve su www.nexodigital.it) per una proiezione in contemporanea mondiale che si svolgerà, solo per una notte, in 500 sale cinematografiche di tutto il mondo.

Distant Sky. Nick Cave & The Bad Seeds è un film evento potente, proprio come i concerti di quell’ultimo tour di Cave, che ha permesso ai fan di partecipare a una sorta di rito religioso caratterizzato dalla forza magnetica dell’artista e dalla sua capacità di entrare in totale sintonia con il suo pubblico, abbattendo ogni distanza umana oltre che artistica e creando un’intimità autentica tra le persone che vi hanno preso parte.

Con la forza catartica e sconvolgente della loro musica, Nick Cave & The Bad Seeds hanno offerto al pubblico europeo un’esperienza artistica totale, proponendo dalla Royal Arena di Copenaghen le composizioni del nuovo album Skeleton Tree accanto al loro catalogo essenziale.

Distant Sky. Nick Cave & The Bad Seeds è distribuito in Italia da Nexo Digital con i media partner Radio DEEJAY, MYmovies.it, Onstage, Rockol.it.

Le avventure di “Billy il koala” arrivano nei cinema

Billyilkoala_locandina
Billyilkoala_locandina

E’ arrivato anche nei cinema di Milano e in Lombardia il cartone animato Billy il Koala – The Adventures of Blinky Bill, un mix di avventura, amicizia e tante risate per tutta la famiglia.

Nato in Australia nel 1933 grazie alla serie di libri The Adventures of Blinky Bill, Billy il koala è diventato popolare in tutto il mondo anche per film e serie televisive di grande successo.

In più di 80 anni ha rappresentato valori che tutti, grandi e piccoli, possono condividere: il coraggio necessario per superare sempre le difficoltà; l’amore per la famiglia e gli amici; ma soprattutto uno straordinario senso dell’avventura, che lo porta sempre a vivere situazioni incredibili.