19.3 C
Milano
sabato, Giugno 25, 2022

Alaska, passione per la pesca, rispetto per gli oceani

Una storia di sostenibilità per le risorse del cuore blu del Pianeta e per l’ambiente

Ci sono i mari, i fiumi, i laghi e ci sono loro, gli oceani, una delle fonti più preziose della Terra, una vasta distesa acquea in cui risiede circa l’80% delle specie viventi, quelle specie che non solo regolano il clima ma che forniscono altresì almeno il 50% dell’ossigeno che respiriamo.

Ma come stanno oggi queste fantastiche e indispensabili risorse? Grazie alla noncuranza degli esseri umani sembra proprio che non se la passino proprio bene.

Per questo, come ogni anno, dal 1992, a ricordarci questa meraviglia fondamentale per la nostra vita, l’8 giugno viene celebrata la Giornata Mondiale degli Oceani, organizzata dal The Ocean Project e dal World Ocean Network e riconosciuta dall’ONU dal 2008.

Una giornata importante, in cui tutti noi siamo invitati a una sana e severa riflessione su un ecosistema che si rivela sempre più in sofferenza, sia per l’inquinamento dovuto alle sostanze chimiche, sia all’immenso accumulo della plastica, sia per il problema delle risorse ittiche e del loro indiscriminato sfruttamento.

Sì, perché se l’inquinamento è soprattutto causato dall’incuria, dalla cattiva educazione e dal mancato rispetto per l’ambiente oltre che da un malcelato “menefreghismo” verso le generazioni future, il problema del pescato è l’inequivocabile segno di un latitante senso di responsabilità.

In Alaska, la pesca è la più importante fonte di sostentamento per i suoi abitanti e lo Stato, attraverso leggi e regolamenti rigorosi, fa il massimo perché questa attività fornisca sempre le risorse necessarie per un buon andamento dell’economia e per il rispetto per l’ambiente. Come? Facendo sì che vengano evitati gli sprechi dovuti al pescato eccessivo e garantendo, in questo modo, la continuità e la sopravvivenza delle varie specie.

A controllare che nella stagione della pesca (in Alaska, va da maggio a ottobre) tutto proceda secondo le regole sono non solo gli scienziati e le forze dell’ordine ma anche gli stessi pescatori che, per tradizione, svolgono il loro lavoro con estrema professionalità.

Ogni anno, applicando le informazioni scientifiche, viene infatti calcolata la cattura biologicamente accettabile in riferimento alla biomassa, cioè la quantità totale nell’oceano di una particolare specie di pesce stabilendo il totale ammissibile per mantenere in salute anche l’ecosistema.

E’ facile intuire che il pesce proveniente dall’Alaska, proprio grazie a queste regole, è quanto di meglio si possa mettere nel piatto, in quanto selvaggio, naturale e sostenibile. Un vero alleato della nostra salute ma anche di quella dell’oceano e dell’ambiente.

L’Alaska è un esempio per tutto il mondo, quindi diamo tutti una mano a dare una svolta verso un futuro di benessere. Siamo ancora in tempo per mutare la rotta!

Per saperne di più: www.alaskaseafood.it

Per altre notizie relative al tema Ambiente Dietro la Notizia

Per altre notizie relative al tema Salute Dietro la Notizia

1 Condivisioni

Articoli

Imagine Dragons: esce il nuovo singolo (e videoclip) “Sharks”

La band multiplatino e trionfatrice ai GRAMMY®, Imagine Dragons, sta per pubblicare il suo progetto più esteso e audace: il nuovo doppio album Mercury...

Recensione spettacolo “R.A.M.” al teatro Franco Parenti

Ram é l'acronimo di Random Access Memory, ovvero memoria ad accesso casuale. Ed é questo che caratterizza la protagonista Cruz, interpretata da una coinvolgente Marina...

Recensione spettacolo “Alda, diario di una diversa”

Alda Merini é la protagonista raccontata in scena da una straziante, convincente e grande Milvia Marigliano. Il lavoro sembra ridare vita alla difficile esistenza della...

Resta Connesso

1,478FansLike
396FollowersFollow
141FollowersFollow
- Advertisement -

Ultimi Articoli

Imagine Dragons: esce il nuovo singolo (e videoclip) “Sharks”

La band multiplatino e trionfatrice ai GRAMMY®, Imagine Dragons, sta per pubblicare il suo progetto più esteso e audace: il nuovo doppio album Mercury...

Recensione spettacolo “R.A.M.” al teatro Franco Parenti

Ram é l'acronimo di Random Access Memory, ovvero memoria ad accesso casuale. Ed é questo che caratterizza la protagonista Cruz, interpretata da una coinvolgente Marina...

Recensione spettacolo “Alda, diario di una diversa”

Alda Merini é la protagonista raccontata in scena da una straziante, convincente e grande Milvia Marigliano. Il lavoro sembra ridare vita alla difficile esistenza della...

Giuliana De Sio in “FAVOLOSA Favole del Basile… e tant’altro!”

Con Giuliana De Sio e con Cinzia Gangarella, pianoforte Marco Zurzolo, sax Sasà Flauto, chitarra. Cabiria produzioni Da Nord a Sud, fiabe irriverenti, esplicite, romantiche, divertenti, talvolta persino cattive. Ispirandosi ai racconti di Giambattista...

Mafalda Minnozzi, inizia venerdì 24 giugno da Assisi il tour estivo

Parte da Assisi venerdì 24 giugno il tour estivo di Mafalda Minnozzi, sarà in concerto al Piccolo Teatro degli Instabili per il Two x Two Festival, dedicato al duo,...