Mobility Dog Park

mobility dog park,
mobility dog park,

Uno spazio pensato per il divertimento e l’attività fisica dei cani. È nato questa mattina ai Giardini Indro Montanelli (lato via Daniele Manin) il Mobility Dog Park, realizzato grazie all’iniziativa di Amazon Eu Sarl nell’ambito del progetto “Cura e Adotta il Verde Pubblico”.

In una delle due aree cani del parco è stato infatti allestito un percorso gioco-addestramento per gli amici a quattro zampe, in cui è possibile svolgere esercizi di mobility dog.

Il progetto vuole favorire l’attività fisica e il benessere dei cani ma anche l’incontro tra i cittadini che frequentano i Giardini Montanelli. Amazon Eu Sarl, che si è avvalsa della collaborazione dell’Associazione Agiamo, si farà carico dei lavori di manutenzione delle strutture installate per un periodo di tre anni.

L’evento di inaugurazione si è svolto questa mattina alla presenza dell’assessore all’Urbanistica, Verde e Agricoltura Pierfrancesco Maran e di Tommaso Debenedetti, Category Leader Consumables di Amazon.it.
“Da oggi gli amici a quattro zampe della zona hanno un’occasione in più per muoversi e giocare con i loro padroni – ha detto l’assessore Maran -. Una città che funziona offre servizi a tutti, anche agli animali.

Ringrazio quindi Amazon per aver voluto dotare di questa nuova preziosa attrezzatura una delle aree cani più frequentate di Milano, dimostrando come l’impegno civico di cittadini e aziende private possa davvero contribuire a rendere le nostre aree verdi sempre più belle e fruibili”.

“Siamo felici di sposare questo progetto e dare la possibilità a tutti i cittadini di Milano di usufruire di un’area dove poter svolgere delle attività in compagnia dei propri amici a quattro zampe – ha dichiarato Tommaso Debenedetti-. Si tratta di un regalo che facciamo con gioia alla città che ha accolto con entusiasmo i nostri nuovi uffici direzionali e il centro di distribuzione di Prime Now. Amazon ha inoltre un rapporto speciale con i cani. Uno degli edifici dell’HQ di Seattle è stato intitolato a Rufus, il cane di uno dei primi dipendenti dell’azienda e mascotte di Amazon”.

L’area che ospita il Mobility Dog Park è stata dotata di sette strutture per il gioco e l’addestramento dei cani che tracciano un percorso ideato per affinare l’agilità dell’animale e rafforzare la comunicazione e la collaborazione tra il cane e il suo padrone.

Tra gli attrezzi che compongono il percorso sono presenti tunnel, saliscendi a cavalletto, assi di equilibrio, cerchio, bilico, una serie di quattro ostacoli orizzontali e paletti per slalom, per il divertimento dei cani e dei loro padroni. Nel corso dell’evento di inaugurazione un addestratore specializzato è rimasto a disposizione dei presenti per svolgere sessioni dimostrative e fornire consigli sull’educazione del cane.

Analisi epidemiologica Silla2

AMSA termovalorizzatore silla 2
AMSA termovalorizzatore silla 2

In data 27 marzo 2018 l’ Assessore Marco Granelli del Comune di Milano, il Sindaco
di Pero Maria Rosa Belotti, l’Assessore Gianluigi Forloni del Comune di Rho, il
Sindaco di Settimo Milanese Sara Santagostino, il Sindaco di Cornaredo Yuri
Santagostino e il referente CTS Bruno Villavecchia si sono incontrati presso l’ATS
(Agenzia di Tutela della Salute) Città Metropolitana di Milano con il Direttore
Generale Dottor Marco Bosio e il Dottor Antonio Russo per chiedere aggiornamenti
sull’indagine epidemiologica in corso.

La collaborazione tra le Amministrazioni Locali e l’Agenzia Sanitaria, in merito
all’indagine epidemiologica, era stata avviata in occasione del Tavolo Tecnico sulle
questioni ambientali tenutosi a Pero il 12 dicembre 2017.

L’obiettivo dell’indagine epidemiologica è quello di valutare lo stato di salute della
popolazione con particolare riferimento all’esposizione agli inquinanti emessi dal
termovalorizzatore di Silla 2.

Gli esperti di ATS stanno raccogliendo informazioni
relative alle emissioni dell’impianto, incrociandole con i dati a disposizione di ATS
(ricoveri, accessi in pronto soccorso e consumo di specifici farmaci) al fine di
valutare lo stato di salute, con particolare attenzione alle malattie delle vie
respiratorie e cardiovascolari.

L’indagine in corso presso la Zona 8 di Milano e dei Comuni Limitrofi fornirà le
valutazioni entro il mese di giugno 2018. Appena a disposizione i risultati saranno
presentati alle Amministrazioni comunali che li renderanno pubblici e costituiranno
elemento di orientamento importante per le politiche relative al funzionamento
dell’impianto di Silla 2 e più in generale di contenimento delle emissioni nocive
provenienti da diverse fonti che caratterizzano il nostro territorio.

Riconoscimento delle Vie della Transumanza

Tratturo Giulianello
Tratturo Giulianello

Il Comune di Cori ha aderito nei giorni scorsi al protocollo d’intesa che propone al costituendo Forum per la Rete dei Cammini del Lazio di riconoscere ed inserire nel relativo catasto l’antica Via della Transumanza che ogni anno portava i pastori della zona a trasferire il proprio bestiame da Jenne ad Anzio, i due enti capofila del progetto di durata quinquennale elaborato ai sensi della legge regionale n. 2 del 10.03.2017 che punta alla promozione e valorizzazione della RCL.

Tale percorso ha rappresentato una delle più importanti strade del commercio fino all’epoca medievale. Oggi rileva, oltre che per il suo valore storico, perché interessa aree di elevato pregio ambientalistico: attraversando la tenuta di “Torrecchia Vecchia”, il Monumento Naturale “Lago di Giulianello”, la “Selva di Paliano” e il “Parco dei Monti Simbruini”, interseca due tratti della “Via Francigena del Sud” (Velletri−Fossanova e Casilina) e il “Cammino di San Benedetto”.

La convenzione contiene anche un accordo di collaborazione tra i vari comuni delle province di Roma, Latina e Frosinone interessati al fine di realizzare una serie di attività quali: verifica degli itinerari; monitoraggio ed elaborazione dei dati e delle informazioni di interesse turistico; manutenzione dei sentieri e ripristino della segnaletica; organizzazione e comunicazione di un’apposita offerta ricettiva. Anche il reperimento delle risorse dovrà avvenire in maniera sinergica.

Per il Sindaco Mauro De Lillis e l’Ass.re all’Ambiente Luca Zampi – “Alla luce della recente candidatura della transumanza a patrimonio culturale immateriale dell’UNESCO, questo potrebbe essere uno strumento in più per garantire la tutela del territorio e delle sue tradizioni: per secoli il tratturo – o strada Doganale – è stato parte rilevante dell’economia rurale della nostra comunità.

L’obiettivo attuale è farlo ripartire in chiave moderna, collegandolo alle peculiarità paesaggistiche e alle eccellenze eno-gastronomiche locali, in stretta connessione con tutti gli altri”.

Energia Sostenibile

MARCO-GRANELLI-
MARCO-GRANELLI-

È stata approvata dalla Giunta la proposta di Piano d’Azione per l’Energia Sostenibile (Paes) che nelle prossime settimane sarà portata in Consiglio comunale per l’adozione.
Il Piano d’Azione per l’Energia Sostenibile è un documento chiave che indica gli obiettivi di riduzione dei gas serra prefissati per il 2020.

Come le più importanti città del mondo firmatarie del Patto dei Sindaci (Covenant of Mayors), Milano ha per obiettivo la diminuzione delle emissioni di Co2 del 20%. Il riferimento di partenza è il 2005 quando avevamo 7.418 chilo tonnellate di Co2/anno, il punto di arrivo del 2020 è quello di 5.934 chilo tonnellate di Co2 /anno

“La proposta di Piano che abbiamo approvato – dichiara Marco Granelli assessore all’Ambiente – identifica i settori di intervento più idonei e le opportunità più appropriate a ridurre i gas serra a Milano entro il 2020.
Abbiamo così definito misure concrete, alcune già in corso, per il contenimento dei consumi di energia e per tradurre una strategia di lungo termine in azione concreta”.

Il Paes contiene un elenco articolato di azioni finalizzate a migliorare l’efficienza energetica e promuovere l’utilizzo delle fonti energetiche rinnovabili negli edifici residenziali e del terziario, nell’industria, negli impianti di pubblica illuminazione e nei trasporti pubblici e privati.

A Milano il percorso è stato avviato nel 2014 anche con l’attivazione di un costante monitoraggio e le azioni già consolidate e programmate che l’Amministrazione ha messo in campo ci consentirebbero oggi di arrivare nel 2020 a un abbassamento di 11 punti percentuale. paes,energiaCon l’attuazione del Paes lo scenario migliorerà sensibilmente: le medesime azioni implementate con proposte operative più forti, come ad esempio i due “bandi caldaie” e l’erogazione degli incentivi economici per la sostituzione degli impianti di riscaldamento e la coibentazione degli edifici privati e l’attuazione del Piano urbano della mobilità sostenibile (Pums), altro strumento cardine per il contenimento delle emissioni, così come emendato, ci consentono di scendere di un ulteriore 9% e quindi di raggiungere l’obiettivo della diminuzione delle emissioni del 20%.

Dopo l’approvazione della proposta il Paes andrà in Consiglio comunale per l’adozione, si ipotizza entro l’estate. Il Piano avrà lo stesso iter del Pums e una volta adottato sarà reso pubblico per 60 giorni complessivi per consentire di raccogliere le osservazioni e successivamente sarà definitivamente approvato.

Bollate: la messa in sicurezza del verde

Marzo_FVG_prima
Marzo_FVG_prima

Potature per la messa in sicurezza delle piante pericolanti o ammalate nelle aiuole e nei giardini di Bollate. In tutto sono state 21 i tagli di alberi a rischio che il Comune ha eseguito nei giorni scorsi. E intanto gli uffici sono al lavoro per predisporre il Piano di ripiantumazioni.

Ecco le piante tagliate:
4 Robinie in via Vittorio Veneto
2 Aceri, 1 platano e 1 olmo in viale Friuli Venezia Giulia
10 Aceri nel parcheggio del centro sportivo di via Dante
1 Pioppo in via Villoresi e 1 in via Galimberti
1 Tiglio in piazza Indipendenza

In tutti i casi si tratta di alberi ammalorati o pericolanti, autorizzati all’abbattimento da adeguata relazione tecnico agronomica commissionata dal Comune ed effettuata tramite la partecipata Gaia servizi.

In alcuni casi, come per lo spiazzo di via Dante, è prevista la riqualificazione dell’area. Inoltre gli uffici del Comune stanno lavorando per la predisposizione di future piantumazioni che riguarderanno tanti punti verdi della città.

“Prosegue la nostra attività di cura e manutenzione del verde sul territorio – ha detto l’Assessore all’Ecologia Vania Bacherini – finalizzata a mantenere bella Bollate, come è da sempre nei nostri progetti, ma anche ad assicurare la sicurezza alle persone che la frequentano e la vivono”.