Trasporto aereo: sicurezza a bordo

Sicurezza a bordo aerei
Sicurezza a bordo aerei

Trasporto aereo, Aicalf: le misure di sicurezza a bordo stanno funzionando, sarebbe incomprensibile modificarle
Seguendo le disposizioni dettate da ENAC – Ente Nazionale Aviazione
Civile – e dall’Agenzia Europea per la Sicurezza Aerea (EASA), i vettori aerei hanno dimostrato
di essere in grado di garantire ai passeggeri e al personale il massimo livello di sicurezza a bordo.
Per questo motivo, AICALF (Associazione Italiana Low Fares Airlines) sta seguendo con grande
attenzione il dibattito sulla possibilità di rivedere le misure decise dal Governo a giugno: tornare
indietro, oggi, da quelle decisioni sarebbe assurdo e incomprensibile, senza alcun fondamento
scientifico.
I membri di AICALF – BlueAir, EasyJet, Norwegian, Ryanair, Volotea e Vueling che rappresentano
oltre il 50% del traffico in Italia – sono preoccupati delle gravose conseguenze qualora fossero
reintrodotti i distanziamenti sociali a bordo degli aerei: migliaia di persone sarebbero costrette
adesso a rinunciare a viaggi pianificati, per non parlare del caos legato alla responsabilità delle
cancellazioni e dell’erogazione di buoni e rimborsi. Il rischio di mettere a repentaglio la già
precaria stagione turistica in Italia è concreto, con migliaia di possibili voli annullati e uno stop
importante alla connettività territoriale che essi garantivano con le isole.
«Come ha ribadito questa mattina anche la ministra Paola De Micheli nel corso di un’intervista
televisiva, in Italia le linee guida per il comparto aereo sono in vigore da mesi, rispettano quanto
disposto a livello europeo, hanno dimostrato di garantire il massimo della sicurezza a bordo per
passeggeri e operatori, motivo per il quale ci auguriamo che possano continuare a essere valide
senza cambiamenti» sottolinea il Presidente di AICALF, Matteo Castioni. «Rispetto agli altri
mezzi di trasporto, infatti, sugli aerei non ci sono posti frontali, il ricambio dell’aria è garantito
ogni tre minuti dai filtri Hepa, che, come ha già dichiarato la stessa ministra e il presidente
dell’Organizzazione Internazionale Aviazione Civile Salvatore Schiacchitano, sono stati certificati
a livello europeo, motivo per cui si può viaggiare in aereo in maniera differente rispetto agli altri
mezzi di trasporto. Inoltre, Il personale a bordo ha il controllo del fatto che tutti indossino sempre
le mascherine. Senza parlare delle misure messe in campo dai gestori aeroportuali prima
dell’imbarco».
I componenti di AICALF hanno sempre seguito le disposizioni del Governo in materia sanitaria e,
allo stesso tempo, hanno fatto ogni sforzo possibile per sostenere la ripresa del Paese, il turismo
e il rilancio del traffico aereo in Italia. L’associazione, in accordo anche con quanto detto dal
direttore aggiunto dell’OMS Ranieri Guerra, per cui non ci sarebbe al momento motivo di
raccomandare alcun distanziamento a bordo degli aerei, auspica quindi che il Comitato Tecnico
Scientifico, il Ministero della Salute, il Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti Paola De
Micheli non prendano decisioni avventate senza un serio confronto con gli operatori: reintrodurre
oggi misure di distanziamento a bordo, senza alcuna evidenza scientifica, vanificherebbe tutti gli
sforzi fatti finora.