Locali storici: Lombardia è Mixology

Locali Storici
Locali Storici

Turismo, locali storici: Lombardia è Mixology
Selezionati 34 locali cult nella 44^ Guida ai Locali Storici d’Italia
Caffè letterari, alberghi, ristoranti, pasticcerie e confetterie ma all’occasione anche set cinematografici e luoghi d’incontro di personaggi famosi. Sono i 34 locali storici lombardi presenti nella 44^ Guida ai “Locali storici d’Italia”, il volume – gratuito e disponibile da lunedì 27 luglio, anche in formato app con geolocalizzazione – che individua i luoghi culto dell’ospitalità italiana con almeno 70 anni di attività.
Focus dell’edizione di quest’anno è la mixology, l’arte di miscelare, che proprio a Milano incrocia il fenomeno dell’aperitivo, nato al Caffè Camparino con il Campari Seltz. Drink protagonisti anche al Bar Jamaica, dove ancora oggi si prepara il Rosso Usellini, a base di vodka e Campari dedicato al pittore Gianfilippo Usellini, professore a Brera e assiduo frequentatore del locale. Nasce sempre nel capoluogo meneghino “Cent’anni Negroni”, la rivisitazione per il palato femminile del celebre cocktail, ideata dal bartender Daniele Confalonieri dell’hotel Principe di Savoia. Al Caffè Pasticceria Cavour 1880 di Bergamo, invece, ci si ritrova per sorseggiare il Fifty, speciale miscelato (succo di mela della Valtellina, cardamomo, cannella, rhum Appleton Jamaica e agave nectar) creato per i 50 anni del ristorante stellato Da Vittorio.
Per Enrico Magenes, presidente dell’Associazione Locali storici d’Italia: “La guida è un viaggio nel tempo tra le pietre miliari del turismo culturale nel nostro Paese, un tour tra i pionieri dello stile e del gusto made in Italy che raccontano, concretamente, la nostra storia”.
Nell’edizione 2020 della Guida “Locali storici d’Italia” – patrocinata dal ministero per i Beni e le attività culturali e per il turismo – non solo mixology, ma anche tanti aneddoti su personaggi storici e frequentazioni famose e curiose, nazionali e internazionali. Come all’Antico Ristorante Boeucc di Milano, iconico ritrovo della squadra di calcio Ambrosiana Internazionale, dove erano di casa Meazza, Castellazzi e Serantoni.
Spostandosi sulle sponde del lago di Como, si arriva al Grand Hotel Villa d’Este di Cernobbio, dove il fotoreporter Fedele Toscani (padre di Oliviero) riuscì a fotografare l’idillio tra Bessi Wallis Warfiled, nota come Wallis Simpson, e Edoard VII, che avrebbe in seguito rinunciato al trono d’Inghilterra per poterla sposare. Con i suoi giardini l’hotel è stato inoltre protagonista nel 1925 della scena del viaggio di nozze del primo cortometraggio di Alfred Hitchcock con Virginia Valli e Miles Mander.
Gli alberghi, ristoranti, pasticcerie-confetterie-caffè letterari e fiaschetterie segnalati dalla Guida, oltre alla storicità, devono conservare ambienti e arredi originali (o comunque che testimonino le origini del locale), ma anche presentare cimeli, ricordi e documentazione storica sugli avvenimenti e sugli ospiti illustri.
Nell’edizione 2020 tra le provincie lombarde, Milano detiene il primato di locali storici (14), seguita da Como (7), Bergamo (4), Brescia (4), Cremona (2), Pavia (2) e Varese (1). Nella classifica nazionale primo posto per il Veneto (37 locali storici) e, subito dietro la Lombardia, segue la Toscana (26). Ai piedi del podio Piemonte (22), Liguria (21) e Campania (18).

Localistorici.it – Foto al link: https://bit.ly/foto-Lombardia

La Guida è gratuita e disponibile a partire da lunedì 27 luglio in tutti i Locali Storici d’Italia. Se si desidera che la Guida venga recapitata a domicilio, trattandosi di una piccola Associazione culturale, è richiesto un modesto contributo per le spese di spedizione, pari a 6 euro per ogni Guida richiesta, da inviare con bonifico alle seguenti coordinate IBAN: IT 95 T 02008 09427 000600014351. L’indirizzo di spedizione dovrà poi essere comunicato via email all’indirizzo info@localistorici.it.

Elenco dei Locali storici lombardi recensiti dalla guida:
Milano: Berti (Da), Biffi in Galleria, Boeucc, Camparino, Cova, Cucchi, Gin Rosa, Jamaica, la Rampina (San Giuliano Milanese), Pesa (Della), Principe di Savoia, Santa Lucia (a), Savini, Ristorante Giannino dal 1889
Como: Crotto dei Platani (Brienno), Crotto del Sergente, Grand Hotel Tremezzo (Tremezzina), Osteria Il Governo 1801 (Lezzeno), Trattoria del Vapore (Cernobbio), Villa d’Este (Cernobbio), Villa Serbelloni (Bellagio)
Bergamo: Balzer 1850, Cavour 1880, Tasso (Del), Caffè Milano (Treviglio)
Brescia: Catullo (Sirmione), Grand Hotel (Gardone Riviera), Grande Italia (Sirmione), Osteria della Villetta (Palazzolo sull’Oglio)
Cremona: Lanfranchi, Sperlari
Pavia: Moderno, Vigoni
Varese: Palace Grand Hotel Varese